Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Alessandro Cardinali, Giorgio Pagliari, Gabriele Ferrari, la triade PD al soldo del patto con Pizzarotti

Alessandro Cardinali Segretario Provinciale PDSenatore PD Giorgio PagliariFerrari Gabriele Consigliere Regionale (PD)

Non c'è fine alla fogna del PD Provinciale di Parma! Alessandro Cardinali, Giorgio Pagliari, Gabriele Ferrari stringono il patto con Pizzarotti (raggiunto da avviso di garanzia) per le Provinciali di Parma, insieme ai sindaci Pd di Fidenza Andrea Massari e di Salsomaggiore Filippo Fritelli. Dominus dell'operazione Luigi Giuseppe Villani, mentre Gabriele Ferrari (con scopi solo personali legati alle prossime elezioni Regionali), da mestierante politico di grande profilo etico, si è adoperato a tessere insieme i sindaci.
Il PD di Parma, la segreteria cittadina di Lorenzo Lavagetto e i Consiglieri Comunali non condividono questa scelta del PD provinciale di Parma.
Molti amici sono indignati, tantissimi invece gli iscritti al partito che hanno già minacciato di riconsegnare la tessera, se questa operazione andrà in porto.
Il PD di Parma farà comunque una scelta diversa, dice Massimo Iotti: "noi ci saremo in altro modo, mai con Pizzarotti né con il centrodestra di Villani" .

Provincia Parma: Pizzarotti sfida Grillo e fa la lista con il Pd e il Centrodestra

Nonostante l’espresso divieto di Beppe Grillo, il M5S di Parma ha raggiunto un accordo con Pd e centrodestra per eleggere un esponente Pd (o il sindaco di Fidenza o quello di Salsomaggiore) alla presidenza della Provincia di Parma. Federico Pizzarotti sarà candidato come consigliere provinciale nella lista unitaria.

Il listone trasversale raggrupperà tutti i sindaci del territorio dei vari schieramenti politici: Pd, M5S, centrodestra e liste civiche nelle elezioni nelle quali voteranno solo consiglieri comunali e sindaci. 

DON ANTONIO MORONI DA FELINO AL MONDO DELLO SCAUTISMO

Una splendida avventura da non archiviare nell’oblio

Dalle pagine della Valbaganza il ricordo di Don Antonio Moroni (DOCUMENTO PDF)

CONCERTO PER SANDRO, giovedì 18 settembre alla Fattoria di Vigheffio (PR) a partire dalle ore 20.

giovedì 18 settembre

Fattoria di Vigheffio

In concerto

 

La Storia dei New Trolls – Vox in Progress con Aldo Tagliapietra (Le Orme) – Lino Vairetti (Osanna) – Bernardo Lanzetti (PFM)

Una ventata di buon vecchio rock made in Italy andrà in scena giovedì 18 settembre alla Fattoria di Vigheffio a partire dalle ore 20. Sul palco si alterneranno infatti I Profani, Vox In Progress e La Storia dei New Trolls.

Aprirà la serata il gruppo rock de I Profani, Band Parmigiana capitanata da Maurizio Dodi e Gian Fabrizio Poli che si è costruita una solida reputazione proponendo cover dei maggiori successi che dominarono le classifiche nazionali ed internazionali a cavallo tra gli anni '60 e '70.

Alle 21 sarà il turno di Vox in progress, un progetto musicale in cui la Alex Carpani Band, una delle band più attive e conosciute nel panorama internazionale del rock progressivo contemporaneo, presenta alcuni successi che hanno fatto la storia del "prog" italiano degli anni '70, ospitando tre artisti di grandissimo livello come Bernardo Lanzetti (ex PFM), Aldo Tagliapietra (ex Le Orme) e Lino Vairetti (Osanna). Tre voci che, appunto, hanno fatto la storia del rock italiano. La Alex Carpani Band durante il programma del concerto alterna alla musica di PFM, Le Orme, Osanna e Acqua Fragile la musica di Alex Carpani, ovvero dell'ultimo album "4 Destinies", pubblicato dall'etichetta britannica F2 music ltd. ed attualmente al 2° posto nelle charts di progrock.co.uk.

Trigesimo in ricordo del prof. Don Antonio Moroni. Domenica 21 settembre nella Chiesa di San Tommaso in Strada Farini

Foto Luigi Boschi: Prof. Don Antonio Moroni

Domenica 21 settembre alle ore 11, nella Chiesa di San Tommaso in strada Farini - Parma - sarà ricordato il trigesimo della scomparsa del prof. Don Antonio Moroni. LB

Per ricordare nel trigesimo della sua scomparsa Mons. Antonio Moroni, (don Tonino) dal 1954 al 1970 Assistente provinciale del Movimento scout di Parma, per iniziativa del gruppo dei vecchi scout domenica 21 settembre alle ore 11 verrà celebrata una S. Messa nella chiesa di San Tomaso (Via Farini).

Luigi Vignoli 


 

Il Castello di Bardi ospiterà per due giorni la scuola di magia di Harry Potter

Aspiranti maghi e maghetti preparatevi a prendere il treno per il Castello di Bardi, come Hogwarts, infatti, il grande castello nel mezzo di un anello di montagne, ospiterà per due giorni la scuola di magia di Harry Potter.

Sabato 27 e Domenica 28 Settembre una grande avventura animerà la Fortezza di Bardi: tutti i bambini potranno vestire i panni dei famosi maghetti ed essere catapultati per due giorni nella fantastica Scuola di stregoneria di Hogwarts.

L’avventura in costume è un modo di imparare giocando: i partecipanti si possono immedesimare totalmente nei personaggi della storia vivere un’avventura unica in un luogo incantato.

La Giornata Fantastica prenderà il via alle 10.30, quando i bambini saranno accolti dal Cappello Parlante e suddivisi nelle Quattro famose Casate: Grifondoro, Serpe Verde, Tasso Rosso e Corvo Nero. Saranno tutti vestiti da maghi e forniti di bacchette magiche e a questo punto arriveranno i figuranti nei panni degli insegnanti più conosciuti: Minerva McGranitt, Severus Piton, Albus Silente, Remus John Lupin e molti altri ancora. Le 4 Case si cimenteranno nelle lezioni di magia lungo tutta la giornata con Laboratori di Bacchette Magiche, Pozioni, Incantesimi e nello studio teorico del mitico gioco del Quidditch. Ci saranno momenti di esplorazione e protezione dei confini del Regno di Hogwarts.

Durante le giornate ci saranno Tornei di Maghi e di Quidditch, il più famoso e divertente gioco di tutta la Saga. E dopo i concetti teorici i maghetti metteranno in pratica tutte le nozioni apprese, andando alla ricerca del Mago Remus John Lupin, per imparare i potenti incantesimi di Difesa contro le Arti Oscure, e affrontare i terribili Mangiamorte e i Dissennatori, che minacciano i confini del regno di Hogwarts.

Il cervello si rigenera nuovi neuroni anche da adulti

La scoperta grazie ai test nucleari degli anni ’60

Grazie al carbonio 14, prodotto dai test nucleari degli anni ’60, è stato possibile datare le cellule nervose del cervello e scoprire che i neuroni continuano a formarsi nell’età adulta.  

Lo fanno al ritmo di 1400 al giorno, rinnovandosi costantemente nella regione chiamata ippocampo. La scoperta, pubblicata sulla rivista Cell, si deve a un gruppo coordinato da Jonas Frisen del Karolinska Institute a Stoccolma.  

Si è pensato a lungo che nell’uomo non si formino nuovi neuroni dopo la nascita. Questa è la prima prova, sottolinea Frisen, che c’è una rigenerazione di neuroni nel cervello umano durante tutta la vita. Ciò suggerisce che il processo contribuisca al funzionamento del cervello e svolga un ruolo importante nelle funzioni cognitive nell’età adulta. La ricerca ha infatti mostrato che la rigenerazione dei neuroni avviene nell’ippocampo, una regione del cervello fondamentale per la memoria e l’apprendimento. Inoltre, è noto che la nascita di nuovi neuroni nel cervello adulto acuisce la memoria nei roditori e lo stesso potrebbe accadere negli esser umani.   

Ma la scoperta ha anche un’altra implicazione: «si sospettata da tempo - ha osservato Frisén - che la depressione sia legata alla riduzione della rigenerazione dei neuroni nell’ippocampo e alla luce della nuova scoperta potrebbero essere messe a punto terapie più efficaci per la cura di questa malattia».  

Liliana Cavani sul Libro di Albertina Soliani: Tutto si muove, tutto si tiene

Liliana Cavani 

Un romanzo di formazione questo bel libro di Albertina Soliani. La storia di una vita, di un viaggio dove ad ogni passo c’è un incontro positivo per il quale è grata. Ci sono 403 nomi di incontri .Li ha numerati una sua amica della Birmania leggendo questo libro che precisa: “credo che il senso di ogni viaggio anche quello che tu hai descritto stia nel fermarsi ad ascoltare chiunque abbia una storia da raccontare..”. Io sono una delle 403 persone e dall’incontro con Albertina fin dalla prima volta è venuta fuori un’amicizia bella importante che avevamo in comune con una persona straordinaria, Margherita Marmiroli,di Campagnola, insegnante eccezionale di liceo,una creatura di spirito profondissimo. Dopo questo incontro anche io sono nella “rete” di Albertina… “tutto si muove e si tiene”….come dice il titolo.

Primarie del centrosinistra: ammessi Balzani e Bonaccini

Il Comitato organizzatore delle Primarie del centrosinistra dell’Emilia-Romagna, si è riunito nel pomeriggio di giovedì 11 settembre, alla presenza di tutti rappresentanti delle forze politiche che partecipano alla competizione del 28 settembre (Centro Democratico, Federazione Verdi, Italia dei Valori, Partito Democratico, Partito Socialista, Scelta Civica).

E’ stata esaminata la documentazione presentata entro le ore 12 di ieri a supporto delle candidature di Roberto Balzani e Stefano Bonaccini.

La candidatura di Roberto Balzani è stata sottoscritta da 4.937 elettori, quella di Stefano Bonaccinida 5.000.

Pertanto avendo soddisfatto il requisito richiesto dall’Articolo 4, Comma 2 del regolamento delle Primarie entrambi i candidati sono stati ammessi alle Primarie.

Abbonamenti Prosa e Musica stagione teatrale 2014 -15 Teatro di Ragazzola

TEATRO DI RAGAZZOLA

ARENA DEL SOLE ROCCABIANCA

stagione teatrale 2014_15 

 

abbonamento PROSA E MUSICA

(10 spettacoli - 130 euro) 

ANTONIO REZZA

EUGENIO BENNATO

FRANCA VALERI e PINO STRABIOLI

NATALINO BALASSO

MARIO PERROTTA

Roberto Balzani, candidato alla Presidenza Emilia Romagna, il rottamatore contro la "scelta" del leader

Marco Imarisio

BOLOGNA - L'unico avversario del candidato di Matteo Renzi è un renziano vero. Anzi, "puro e involontario". Gli ultimi due aggettivi sono tra virgolette in quanto forniti dal diretto interessato, Roberto Balzani, l'ex sindaco di Forlì che solo con la sua presenza riesce ad essere al tempo stesso paradosso e variabile impazzita di questo surreale pastrocchio emiliano.
"Mi sento piuttosto una variabile coerente con l'impianto e lo spirito originale delle primarie. Io le ho interpretate per quel che dovrebbero essere, il posto dove si discute della trasformazione della Regione. Che ingenuo. Gli eventi recenti dimostrano invece che al Pd locale non interessa il dibattito, ma solo la creazione di una filiera ereditaria che garantisca la manutenzione di un modello originale di potere sempre più in affanno".
Nel dicembre 2008, convertito sulla via delle primarie fiorentine appena vinte a sorpresa da tale Matteo Renzi, uno stimato professore universitario decide di riproporre lo schema nella sua Forlì contro il sindaco uscente Nadia Masini, cara a Vasco Errani, a torto o ragione considerata esponente dell'apparato. Bingo, anche in Romagna. Balzani vince le primarie, pochi mesi dopo diventa sindaco, viene subito citato come adepto del nascente culto renziano, all'epoca ancora allo stato catacombale. "Non fu una adesione di corrente e neppure di opportunismo. In questo sta l'involontarietà della mia scelta personale. Matteo rappresenta il compimento di un percorso ispirato a una idea di politica che condividevo da sempre".

VeganOK - Network News domenica 14 settembre 2014

Promiseland.it - Notizie e aggiornamenti dal mondo Etico
VeganFest 2014: ancora record!
Record di presenze al VeganFest, oltre 43.500 visitatori, e grande partecipazione......
Settimana per l'Abolizione della Carne
Dal 20 al 28 settembre torna la Settimana mondiale per l'Abolizione della Carne......
Osimo: corso di cucina Vegan
Domenica 28 Settembre 2014 presso l'Agriturismo Le Chichine a Osimo (AN) si......
Uccisa mamma orsa
L'orsa Daniza è morta durante la cattura, letale la somministrazione dell'anestesia......

INTERVISTA AL BARITONO PAOLO BORDOGNA AL PAGANINI DI PARMA CON LA TOSCANINI IMPEGNATO PER IL PROGETTO DISCOGRAFICO CON UNIVERSAL DECCA

Foto Luigi Boschi: Paolo Bordogna, Rosetta Cucchi, Francesco Lanzillotta al Paganini di Parma durante la registrazione

Ricevo nella notte le risposte alle mie domande scritte  dal baritono Paolo Bordogna che qui di seguito quindi pubblico.

-Nel programma del CD

  •  Cimarosa, Il matrimonio segreto: Udite, tutti, udite!
  • W. A. Mozart, Don Giovanni: Madamina, il catalogo è questo
  • G. Rossini, Il barbiere di Siviglia: A un dottor della mia sorte
  • G. Rossini, Il Turco in Italia: Se ho da dirla
  • G. Rossini, La Cenerentola: Sia qualunque delle figlie
  • G. Donizetti, L'elisir d'amore: Udite, o rustici
  • G. Donizetti, Don Pasquale: Son nov'ore
  • G. Verdi, Falstaff: Ehi, paggio!
  • G. Puccini, Gianni Schicchi: Ah! Vittoria, vittoria!
  • P. Mascagni, Le maschere: Questa è una piazza
  • N. Rota, Il cappello di paglia di Firenze: È una cosa incredibile

viene evidenziato un percorso evolutivo del carattere del buffo nel melodramma italiano. Potrebbe descriverci per grandi linee come si trasforma questo carattere nei quasi duecento anni di produzione?

DON UMBERTO COCCONI, RIFLESSIONE DOMENICALE DAL VANGELO: DIO E' L' AMANTE ETERNO DEL MONDO

Don Umberto Cocconi

Gesù disse a Nicodèmo: «Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui». (Vangelo secondo Giovanni) 

I LUOGHI DI BERTOLUCCI NEL FILM LA TRAGEDIA DI UN UOMO RIDICOLO

Foto Luigi Boschi: Casa a Langhirano (PR)

Nel film la casa padronale di Primo Spaggiari (interpretato da Ugo Tognazzi) - Langhirano - PR, il ponte sul Parma a Capoponte (Tizzano -PR), e la casa del prete operaio

LA RAI, I VEGAN E IL PROFESSOR CALABRESE

Franco Libero Manco

Martedì 10 settembre verso le ore 10 nella trasmissione televisiva “Uno mattina” su Rai 1, si parlava dei vegan in aumento in Italia e nel mondo. Oltre ad una bella ospite vegan (ma poco informata sull’argomento:una sorta di estemporanea tra uno sparviero e una colomba) il solito prof. Calabrese incaricato di difendere la popolazione carnivora avvisando dei rischi che corrono coloro che adottano un’alimentazione vegan. Tra le altre inesattezze, in contrasto con le più aggiornate ricerche in campo alimentare, facendo riferimento alle proteine della carne (considerate nobili secondo una visione medioevale) affermava che non è possibile utilizzare dell’acqua come carburante per una Ferrari lasciando, intendere che l’alimentazione di noi vegani nella sostanza è paragonabile all’acqua.

Poi ribadisce il solito avvilente concetto che i vegetariani in qualche modo si salvano ma i vegani avranno carenze di proteine complete, di ferro eme (quello di derivazione animale) e della famigerata vitamina B12.

Ora la mia domanda è: come spiega il prof. Calabrese il fatto che i vegani godano di una salute eccellente, migliore di coloro che mangiano la carne? Come spiega che gli animali erbivori, mangiando solo erba, riescano a costruire le loro possenti masse muscolari? Da dove traggono le cosiddette proteine nobili dotate di tutti gli aminoacidi essenziali? Come fa la mucca, mangiando solo erba, a produrre enormi quantità di latte?

MASSARI E PIZZAROTTI UNITI NELL'AFFOSSAMENTO DELLE LORO ASP

La vergogna sta oggi accomunando Massari e Pizzarotti sullo spezzatino delle reciproche ASP che, dopo essere rimasti storditi insieme a Legacoop e agli altri amici di Costantino dall'articolo 4 della legge n. 89/2014 che ha definitivamente stabilito che le aziende speciali e le istituzioni che gestiscono servizi socio-assistenziali, educativi, scolastici, per l’infanzia, culturali e alla persona (incluse le ASP ex IPAB) e le farmacie sono escluse dai divieti o dai limiti alle assunzioni di personale riguardanti gli Enti Locali, sono stati poi mazziati dalla delibera della Corte dei Conti regionale n. 170/2014 che ha ricordato loro come la medesima legge escluda pure le ASP dal rispetto del principio di riduzione dei costi del personale assoggettandole soltanto “all’obbligo del mantenimento di un livello dei costi del personale coerente rispetto alla quantità dei servizi erogati” e non già, come gli tutti altri organismi, al contenimento di oneri contrattuali e assunzionali.

Condividi contenuti