Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

OBAMA: LA MAREA NERA E' CATASTROFE DA "STATO DI GUERRA"


Il Presidente BP va messo agli arresti immediati per crimini e danno biologico all'umanità, la compagnia sequestrata...

Provare indignazione per l'uomo, per quello che fa, per come tratta il suo ambiente è ben poca cosa.
E' l'ignoranza, la prepotenza, la cultura dello sfruttamento per il solo profitto che lo ha accecato.
E si lascia che continui in questa spirale dell'ecocidio.

Mi alzo tutti i giorni cercando di sapere che cosa è stato fatto nel Golfo del Messico, è la prima notizia che cerco di sapere. Mi immedesimo che cosa sia abitare là in quelle coste, in quelle terre... inondate dalla marea nera! La pena che vivono giornalmente quegli abitanti a cui viene distrutta la vita. La sciagura per tutti quegli animali muti che vivono nel loro habitat ora infestato da petrolio e solventi. La contaminazione della corrente del golfo che interesserà tutti. Quella marea nera ci inghiottirà inesorabilmente.

Poco è stato detto sul disastro generato e quello che genererà.
Si fa finta quasi di niente! Dovremmo capire le conseguenze di ciò che non possiamo vedere. Invece, tutto è molto silenziato rispetto alla catastrofe ambientale. Una sciagura di portata mondiale trattata nel solito clichè da spettacolo. Tutto continua nella rimozione dei fatti... ma così non sarà! La contaminazione di quell'ecosistema infestato e distrutto dal nostro disastro collettivo... mai più sarà come prima. E a questo si devono aggiungere molti altri disastri ambientali computi dalle compagnie del petrolio nei paesi poveri. John Vidal: "...ci sono vaste aree del Rio delle Amazzoni in Colombia, in Ecuador e in Perù che sono state devastate dalle fuoriuscite, dallo scarico di sostanze tossiche, dalle esplosioni. Fiumi e pozzi in Venezuela, Angola, Chad, Gabon, Guinea Equatoriale, Uganda e Sudan sono state pesantemente inquinate".

Obama, l'America è responsabile verso il mondo!! I vertici della tua burokratia, di quelle compagnie dovrebbero essere messi a processo per crimini e danno biologico verso l'umanità, da subito! Il Presidente BP messo agli arresti immediati... la compagnia sequestrata... La portata di devastazione è da "stato di guerra!" Obama non sono sufficienti le citazioni alla Truman. Questo è paragonabile a un attentato terroristico! Peggio! Il comando gerarchico di una filiera in mano a incompetenti, incapaci di gestire possibili incidenti. Speculatori che mettono a rischio l'ecosistema per una valvola difettosa. Obama, questa marea nera sarà la tua fossa politica... il mondo ti sta guardando. Avrai il coraggio di fare quel che deve essere fatto? O il tuo progetto messianico, di cambiamento politico, finisce qui! Usato come ogni cosa... è d'altra parte nel nostro DNA. Ogni persona rappresenta solo complessi sistemi di potere che dettano l'indirizzo.

Di fronte a questo disastro, tutto si muove come prima. Una indifferenza totale. Una ignoranza vergognosa tipica dell'uomo sapiens! Tutti instupiditi dallo spettacolo quotidiano, da uno Stato privato di senso etico... che depreda i suoi cittadini... manipolati nelle finzioni democratiche. Ha prodotto luoghi abitati da pericolosi zombi feroci e insaziabili... tutti presi solo dal far denaro: le loro coscienze ridotte a pattumiera per residui infetti. Questo è il risultato del vostro PIL!
Una sciagura ambientale causata dall'uomo tra le peggiori, come quella di Chernobyl, di Bhopal, per non parlare di quelle di guerra.
Sono arrivato a non sopportare più l'uomo questo essere ignobile, dannato. Nulla è più pericoloso di questo individuo che ha ridotto tutto solo a merce da acquistare e vendere, un mondo da contaminare, da razziare... E' un dolore unito a rabbia per impotenza. Solo davanti allo schermo della realtà. Vedere tutto e non  poter far nulla... se non dimenticare tutti i consumi generatori di questa feroce deriva. L'unica protesta è l'astinenza, ma quanti hanno la forza di praticarla?

No, questo uomo che delinque sistematicamente non è più sopportabile... è la vergogna... non se ne può più far parte. Stiamo distruggendo con la nostra intelligenza ogni cosa. Ciò che ci differenzia dai nostri simili è divenuta la nostra vergogna.
Dove sono le religioni? Cosa hanno fatto? Quale sensibilità hanno mai mostrato verso l'ambiente? Dove sono gli Stati con le lo loro criminali filiere di burokrati? Dove sono i sindacati? Siamo soli in balia di un manipolo di prepotenti che con il denaro manovra ogni cosa.

Ben venga un alieno che ponga fine a questo essere uomo misero, generatore di questa delinquenziale tortura lenta continuamente perpetrata su altri esseri viventi, su altre forme di vita. Questo agire diabolico può essere solo destinato all'autosterminio!

Ogni empatia è persa nella generazione sconsiderata di consumi. Ognuno di noi è responsabile di tutto, anche di quella devastante marea nera. Ma non c'è né la voglia, né la cultura per un ritorno di coscienza.
Una società drogata che scoppia nella sua ignorante opulenza e nel suo degrado etico... insensibile all'altro. La vita di zombi è irrimediabilmente persa, è senza ritorno. E' un mondo che vive sulla pubblicità! Sull'inganno! Su organizzazioni malavitose! Sul crimine sistematico! Sulle guerre, sulle stragi... Sulla speculazione finanziaria. Essere uomo oggi è essere un delitto. Chi procrea genera mostri disumani... i dinosauri del terzo millennio... pronti per l'estinzione. (Parma, 30/05/2010)

Luigi Boschi

LA PROTESTA DEL PETROLIO: MAI PIU' BP

WEBCAM LIVE

PS: Qualche giorno dopo il mio articolo ho visto che dello stesso pare è il regista James Cameron: «In queste ultime settimane ho visto, come tutti noi, con crescente orrore e angoscia, quel che sta accadendo nel Golfo e ho pensato che questi imbecilli non sanno quello che fanno»  

la verità insabbiata

non posso che essere pienamente d'accordo con te Luigi. Eppure ,  dopo esserci accorti  di essere noi stessi, consumatori di petrolio, la causa "originaria "  del disastro , cerchiamo tutti , ciascuno nel suo piccolo,  di diventare un NON consumatore di petrolio, anzi  riduciamo  al minimo  la qualifica di "consumatore" in generale.

Luisa Madamevegan 

Unica protesta

L'unica, sola, vera forma di protesta e ribellione è l'astensione. Già ho scritto:

"LA RIBELLIONE DOBBIAMO TROVARLA IN NOI. NOI DOBBIAMO RIVEDERE E RIBELLARCI ALLE NOSTRE DEVASTANTI ASSUEFAZIONI E RIBALTARE COMPLETAMENTE I NOSTRI CONSUMI. E' NELLA RIBELLIONE QUOTIDIANA DEI CONSUMI, NELLA RICERCA DEL SE' FUORI DALLE CONVENIENZE ECONOMICHE, DAL TORNACONTO CHE STA LA VERA RIVOLUZIONE...  MA QUESTA RIVOLTA VERSO NOI STESSI E' DURA, ASPRA, COSTA FATICA E SPESSO E' PURE DERISA!"  Luigi Boschi 

Da tempo, decenni, mi chiedo

Da tempo, decenni, mi chiedo perché nelle notizie di informazione QUESTAinformazione, come tutte quelle ambientali siano rimosse e scartate, qualcuno decidendo NON ci riguardi...e perché nella conoscenza singola, e collettiva (ma, dov'è finita?) nessuno ne protesti la profonda mancanza...

Un tempo i verdi, o i radicali, i democratici, se ne facevano portatori, a gara, o quasi, così come d'altri tempi, oggi, non più di moda: "la condizione delle donne", ad esempio di deportate in sistemi di pensiero estranei, annichilenti se stesse, la propria dignità, ma ripeto, passati di moda, anzi passato il passato, nel suo.. rovesciamento.Ora, della disgrazia immane accaduta nel Golfo del messico, poche righe ogni tanto.. si sta lavorando ..(Anche nella pulizia del Pò, si sta lavorando) ma non SI STA SAPENDO POCO O NULLA.

il silenzio: più riposante; intanto: panem(nero), e circenses.. Letture, magari dal vecchio diario del duce, condottiero molto moderno, e da rileggere..

Maria Pia Quintavalla

Webcam live

Certo!! Grazie del tuo contributo. E inserito webcam live nel testo. LB

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">