Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Alimentazione

Alimentazione

La fuga dall’olio di palma anche Coop ed Esselunga aderiscono all’appello di eliminare il grasso tropicale. Svolta nel 2015

La fuga dall’olio di palma è iniziata e il prossimo anno dovrebbe esserci una svolta decisiva. La campagna e lapetizione su Change.org portata avanti da Il Fatto Alimentare insieme a Great Italian Food Trade ha raccolto oltre 71 mila firme e già prodotto importanti risultati. La catena di supermercati Coop (che già non utilizza il grasso di palma in 25 prodotti per neonati e bambini oltre agli alimenti biologici della linea “Vivi Verde”), ha annunciato un’ulteriore riduzione dell’impiego e lascia intendere che ci saranno ” importanti novità nel  2015″.  Ikea ha comunicato di  essere impegnata a togliere l’olio di palma dai prodotti alimentari a partire dal dicembre 2015. Anche la catena di supermercati Ld market e Md discount  ha in programma durante il prossimo anno di togliere questo grasso in buona parte dei biscotti e dei prodotti da forno. Pochi giorni fa è arrivata una comunicazione della catena di supermercati Esselunga che ha scelto di  abbandonare l’olio di palma “preoccupata della salute dei clienti“.

 

Antibiotici negli allevamenti: sono necessarie regole severe per evitare la diffusione di batteri resistenti e patogeni per l’uomo

Nelle scorse settimane l’Ufficio europeo delle unioni dei consumatori (Beuc) ha lanciato una campagna per il corretto uso degli antibiotici negli allevamenti. L’iniziativa intende spingere le autorità dell’Unione a stabilire regole più strette sull’impiego di questi farmaci in ambito veterinario, sulla scorta dei dati allarmanti che fotografano la crescente diffusione di batteri resistenti, patogeni anche per l’uomo. Ogni anno in Europa 25.000 persone muoiono a causa di infezioni che non rispondono più agli antibiotici, e fino a qualche anno fa erano guaribili. I test condotti dalle associazioni dei consumatori mostrano che, in diversi paesi, la presenza di superbatteri nella carne è la norma più che l’eccezione.

In Italia la situazione è più critica che altrove: Altroconsumo ha trovato che l’84 per cento dei petti di pollo acquistati a Milano e Roma è contaminato da enterobatteri resistenti (leggi articolo). Mentre un rapporto dell’Agenzia europea del farmaco (Ema), pubblicato a ottobre, ci colloca al secondo posto nella classifica dei Paesi che usano più antibiotici negli allevamenti: ci batte solo Cipro. 


Il Beuc suggerisce di evitare l’uso di antibiotici come profilassi. Meglio usarli sul singolo in caso di necessità.

CIBO ED EVOLUZIONE UMANA

Franco Libero Manco 

L’entità umana sembra costituita fondamentalmente da corpo, mente, coscienza e spirito. Ogni azione è sempre preceduta da un pensiero mai disgiunto dalla coscienza e questa dalla dimensione spirituale. Se ne deduce che la scelta di un determinato modo di comportarsi e di alimentarsi caratterizza il tipo di intelligenza e la sensibilità dell’individuo.

Diceva la nota scrittrice francese, Simone Weil: “La compassione è un miracolo più grande del camminare sulle acque”. E in effetti è la più alta e qualificante espressione del genere umano: è il frutto dell’evoluzione morale, civile e spirituale di un individuo: conquista che si manifesta nella capacità di condividere la condizione dell’altro e quindi di non nuocere.

Di chi è il miele? Perché mangiamo il vomito d'api?

Il miele è un cibo appropriato per i vegan?

E’ una domanda che ci si pone, quando si passa a mangiare vegan, perchè il miele è sempre stato considerato un cibo sano, naturale e sembra davvero una forzatura pensare di eliminarlo dalla propria alimentazione. Inoltre si pensa che le api non vengano uccise o maltrattate per fornircelo, per cui l’aspetto etico sembra non venire toccato.

Tutti gli esseri viventi in qualche modo nuociono ad altri esseri viventi, anche ponendo la più grande attenzione nel non farlo deliberatamente. Pensiamo a quando camminiamo, o si costruiscono palazzi, o si guida la macchina, o… Infliggiamo morte o facciamo del male ad altri esseri viventi solo con la nostra mera esistenza e questo è semplicemente un aspetto dell’essere vivi, fa parte dell’ordine delle cose il fatto che succeda in maniera non deliberata.

La differenza tra vegan e non vegan è proprio nell’elemento dell’intenzionalità. I vegan consapevolmente cercano di non procurare danno ad altri esseri senzienti. Questo non vuol dire che non lo facciano per pura casualità, ma il loro intento è proprio quello di evitare di farlo intenzionalmente.

Perche’ i vegani non mangiano il miele

 
R09.
 Le api (Apis Mellifera) sono insetti con un sistema nervoso molto sviluppato e dunque provano dolore al pari degli altri animali (come dimostrato da molti studi). Per questo chi e’ vegano non consuma i prodotti dell’apicoltura (miele, pappa reale, propoli, cera) dato che essa implica, al pari di ogni altro tipo di allevamento, sofferenza e morte per gli animali. Sebbene spesso sembri una forma di allevamento molto più compatibile con lo stato naturale degli animali, anche il piu’ attento degli apicoltori non potra’ fare a meno di calpestare e uccidere un buon numero di api nel processo di verifica delle condizioni dell’alveare e di estrazione del miele.

Perché i vegani dicono NO al miele!

Alcuni sostengono che le api, a differenza di altri animali, vivono in libertà e non vengono uccise per la produzione del miele. In realtà il miele soprattutto quello industriale (la maggior parte di quello in commercio) viene prodotto in maniera alquanto crudele. E a causa dell'apicoltura muoiono molte api. 
Per questo i vegan non mangiano miele né utilizzano i prodotti degli alveari. Il miele è il "vomito" dell'ape: ingoiato il nettare, essa lo rigetta e vi aggiunge enzimi mescolandolo con le proprie secrezioni digestive. La mistura viene poi rigurgitata, per essere ulteriormente digerita da altre api. Non contiene sostanze nutritive rilevanti per l'alimentazione umana. 

L'Apis mellifera possiede un sistema nervoso sviluppato (Snodgrass, 1956) e quindi la capacità di provare dolore. L'industria sfrutta e uccide le api per sottrargli miele, propoli, cera e le sottopone a manipolazioni continue, regimi alimentari forzati e innaturali, inseminazione artificiale e vivisezione. Gli apicoltori non si limitano a sottrarre alle api il miele prodotto in eccesso; al contrario, spesso si estrae tutto quello immagazzinato nel periodo estivo e si nutrono le colonie con sciroppo di zucchero per tutto l'inverno (Tew, 1996). Non essendo esso l'equivalente adeguato della dieta naturale, espone le api a diverse malattie e quindi abbassa la loro durata di vita. 

Per questo motivo, allo zucchero vengono spesso aggiunti diversi antibiotici (tetraciclina, terramicina) che espongono le colonie selvatiche ad un maggior rischio di epidemie. Per evitare che la colonia consumi il miele immagazzinato prima dell'inverno, che può superare i 25 chilogrammi, gli apicoltori distruggono gli alveari e acquistano una nuova colonia a fine inverno (Shimanuki e Sheppard, 1992). Fra i metodi che vengono usati per intervenire negli alveari possiamo citare scuotimento, getti d'aria, infumicazione, surriscaldamento. 

Cibo e mal di vivere

Laura Vella

Una recentissima ricerca inglese afferma che il “cibo spazzatura” accelera lo stato di depressione nel consumatore. I test sono stati svolti su 3486 uomini e donne la cui età media si aggirava sui 55 anni. I partecipanti hanno completato un questionario sulle loro abitudini alimentari e 5 anni dopo sono stati sottoposti a test psicologici per stabilire la predisposizione alla depressione e la soddisfazione personale. Emergerebbe che coloro i quali prediligono il cibo spazzatura sono più inclini alla depressione. Lo studio afferma che le diete varie, a base di cibi ricchi di antiossidanti come broccoli, cavoli, lenticchie e spinaci siano un toccasana per non essere travolti dal male di vivere (qualcuno avrebbe dovuto dirlo a Montale!). 

Ulteriore monito, quello di questa ricerca, per eliminare i cibi ultimamente sempre più incriminati come gli untissimi fritti, i dolci preconfezionati, le carni, i condimenti. Non bisogna eccedere con gli zuccheri nel sangue, “non bisogna creare sbalzi nei valori del sangue, altrimenti si potrebbero verificare conseguenti sbalzi a livello cerebrale e sul sistema endocrino con effetto yo yo sull'umore”, afferma Eric Brunner, uno dei ricercatori.

Subito mi viene in mente il titolo della celebre opera diFeuerbach “Il mistero del sacrificio o l'uomo è ciò che mangia”. Avrà avuto ragione? 

Ovviamente l'obiettivo del filosofo era sostenere un rigoroso materialismo contrapponendosi all'idealismo. Leggendo con attenzione fin dall'inizio della storia del pensiero il cibo è stato al centro di effettive considerazioni collegate allo stile di vita. Già Aristotele e Platone riconoscono al cibo qualità essenziali e distintive per il pensiero. 

Animali allevati con antibiotici

Nei giorni scorsi le principali associazioni di produttori di carne hanno lanciato una massiccia campagna mediatica per evidenziare quella che considerano l’assoluta sostenibilità di un’alimentazione basata sui prodotti di origine animale. Ne ha parlato anche il Corriere. L’iniziativa è affiancata da un sito web che ospita articoli tutti più o meno caratterizzati dallo stesso leit motiv: mangiare carne fa bene. E in cui la scelta di non consumarne, per motivi etici o di salute (perché se conta l’opinione dei tecnici interpellati dalle associazioni che rappresentano chi con la carne fa business conta anche quella di esperti quali il prof. Umberto Veronesi, il più noto oncologo italiano, vegetariano non in quanto animalista ma in quanto medico che ben conosce l’importanza di una sana alimentazione  e che a questo tema ha dedicato un libro), viene definita “eccentrica moda alimentare”. Ognuno ha le sue opinioni e, come sempre, noi le rispettiamo. Tuttavia le notizie che arrivano dalla cronaca rendono leciti tutti i dubbi che il fronte animalista e veg ha più volte espresso sulla produzione industriale di carne. E’ di venerdì la notizia del sequestro di farmaci di provenienza illecita avvenuto in allevamenti di nove province italiane(farmaci e antibiotici utilizzati per aumentare la produzione di latte).

CRESCE ANCHE IN ITALIA LA SCELTA VEGAN

Sempre più diffusa, la dieta vegana dice no a qualsiasi derivato animale, bocciati anche uova e latticini. Il vegan lifestyle in giro per l'Italia

Non solo non mangiano carne o pesce, ma escludono dalla loro alimentazione anche latte e uova. Sono i vegan, ovvero i ‘vegetariani estremi’.
Chi segue questo stile alimentare ,però, non ama etichettarlo con la parola ‘dieta’ e preferisce definirla come un vero e proprio stile di vita.
Secondo l’Eurispes, in Italia esistono circa mezzo milione di vegani, a cui si affiancano 4,2 milioni di vegetariani dichiarati e nuovi seguaci delle diete da ‘un giorno senza animali’, che sia per motivi di coscienza, salute o bilancia.

Anno dopo anno, l’universo vegano è cresciuto a tal punto che ristoranti, fast food, chef stellati e case editrici si sono avvicinati per sostenerlo e promuoverlo. Oltre alla settimana vegetariana, nella quale si inserisce la Notte Veg, ecco dove è possibile assaporare la cucina vegana in tutte le sue sfumature e curiosità.

Per avere più muscoli si può puntare sulla soia e non sulle bistecche

Studio: la perdita di massa muscolare a livello degli arti è minore in chi ha consumi più elevati di proteine vegetali rispetto a chi ne utilizza meno in cucina

Un adeguato apporto proteico è molto importante per ridurre la perdita la massa muscolare che si verifica con il passare degli anni e quando si parla di proteine in questo contesto viene naturale pensare a quelle di origine animale e quindi soprattutto alla carne. Ma le proteine vegetali possono avere anch’esse un ruolo protettivo? Stando ad uno studio condotto in Cina e recentemente pubblicato su The Journal of Nutrition Health and Aging la risposta sembra affermativa. In questo studio, analizzando i consumi proteici di 2.726 persone, di età pari o superiore a 65 anni, che sono state poi seguite per 4 anni, i ricercatori hanno osservato che la perdita di massa muscolare a livello degli arti era minore in chi aveva consumi più elevati di proteine vegetali rispetto a chi aveva consumi più bassi. Non si è invece rilevata nessuna associazione tra conservazione di massa muscolare e consumo totale di proteine o di proteine di origine animale.

Veronesi: "Attenti all'alimentazione innesca i tumori più del fumo"

La lezione del direttore dell'Ieo agli studenti della Sapienza: "La prevenzione riduce i decessi più della medicina e comincia a tavola". I dati sul cancro al colon dimostrano che è quasi  inesistente nei paesi a dieta priva di carne. I consigli sui cibi "protettivi"

ROMA - La prevenzione fa più delle medicine nella lotta contro il cancro. Ne è convinto Umberto Veronesi, direttore scientifico dell'Istituto europeo di oncologia (Ieo) di Milano, intervenendo a un incontro del ciclo "Vivere in salute promosso dall'università La Sapienza di Roma. Il primo luogo nel quale fare prevenzione, secondo Veronesi, è la tavola, perché l'alimentazione è responsabile del maggior numero di neoplasie nel mondo, superando anche il fumo.

Quando mai pagheranno le aziende alimentari di derivazione animale per i danni causati alla salute pubblica, alla società, all'ambiente?

La carne uccideLatte killer

Perché non si scrive obbligatoriamente sulle confezioni o etichette di salumi, carni, latte, ecc "la carne uccide" o "il latte e la carne nuociono gravemente all'uomo, all'ambiente, alla società"? Perché solo per le sigarette? Eppure è scientificamente provato che i danni prodotti dalle carni e dal latte sono di gran lunga superiori a quelli delle sigarette. Basterebbe una efficace informazione pubblica che coinvolgesse tutti gli apparati burocratici e politici (che sanno ma tacciono colpevolmente!!) per cambiare radicalmente le cose. Quale è l'incidenza di questa economia sui costi sanitari!! su quelli ambientali! sulla fame nel Terzo Mondo. Anche la Chiesa tace!!e pure tutte le religioni. Papa Francesco, perché non interviene? ma non vede cosa accade nel mondo con il consumo di carni e latte? Perché tace?  E' tempo di un risveglio radicale, da questa filiera della morte, della violenza in nome del profitto. Non è più tollerabile! Se l'Italia vuole cambiare e vuole essere di nuovo un pensiero leader nel mondo, deve partire da qui, non dai giri burocratici e di austerity merkeliani. La spesa sanitaria sta crescendo in modo esponenziale, di questo passo sarà difficile, se non impossibile , sostenerla. La gente deve rendersi conto ed essere responsabile e consapevole del cibo che mangia... Del danno procurato a se stessi,  agli altri e a tutto l'ecosistema. E' la cura fondamentale per poter  vivere in salute. Questo è un ecocidio consapevole.

Le proteine di soia sono efficaci come quelle della carne nel controllo di peso e senso di fame

Le proteine di soia sono efficaci come quelle della carne nel controllo di peso e senso di fame

Leggi i dettagli

Le diete ipocaloriche ad alto tenore proteico sembrano caratterizzate da una maggiore efficacia, almeno nel breve periodo, nell’indurre un calo ponderale: probabilmente per l’elevato potere saziante delle proteine (i macronutrienti più efficaci nel controllare l’ormone che per eccellenza induce senso di fame, e cioè la grelina), che facilita l’adesione a una dieta a ridotto contenuto calorico.

Molto spesso, tuttavia, le diete iperproteiche sono di fatto basate sulla carne: il cui eccesso alimentare si associa, com’è noto, a effetti non favorevoli sulla salute nel lungo termine.

In questo piccolo studio di intervento controllato gli autori hanno somministrato, a soggetti obesi, una dieta iperproteica (vale a dire il 30% di calorie da proteine), basata o su proteine della carne o su proteine di soia e hanno poi valutato l’effetto delle due diete su peso corporeo, desiderio di cibo tra un pasto e l’altro e livelli di alcuni ormoni intestinali.

Lo studio mostra chiaramente che le due diete, per quanto concerne gli effetti testati, sono sostanzialmente sovrapponibili.
Sia il calo ponderale (ovviamente modesto, alla luce della breve durata dello studio – due settimane), sia gli indicatori di fame o sazietà si sono infatti mossi in modo analogo, nei due gruppi.

Le proteine vegetali possono quindi sostituire in modo efficiente le proteine animali nelle diete iperproteiche, e sono prive, come riporta l’articolo, degli effetti non favorevoli sulla salute nel lungo termine causati dal consumo di carne.

La Dieta Vegana riduce rischi cardio-vascolari e artrite reumatoide

18/03/08 - Karolinska Institutet di Stoccolma
Testo in italiano (qui)
Fonte originale (Karolinska Institutet -2008 )
Articolo collegato, sempre del Karolinska Institutet (del 2001) (qui)

Titolo dell’articolo del 2001 - A vegan diet free of gluten improves the signs and symptoms of rheumatoid arthritis: the effects on arthritis correlate with a reduction in antibodies to food antigens.
Una dieta vegana priva cioè di glutine, latte e derivati, migliora i segni e i sintomi dell'artrite reumatoide. Con tale dieta si osserva una netta riduzione degli anticorpi contro gli antigeni contenuti in certi tipi di cibo (ovviamente non vegan).

Osservano i ricercatori : l'assunzione di cibo può modificare il decorso dell'artrite reumatoide

Titolo dell’articolo del 2008 - Vegan diet promotes atheroprotective antibodies in patients with rheumatoid arthritis
Dieta vegana promuove anticorpi ateroprotettivi(*) nei pazienti con artrite reumatoide

(*) Il termine ateroma viene dal greco athere, che significa "pappa", ad indicare il materiale grasso, poltaceo, contenuto nelle placche

il 18 -19 Ottobre 2014 a Torino VEGAN KERMESSE, due giorni di incontri con i medici di Associazione Vegani Italiani Onlus

Vegankermesse

Sabato 18 e Domenica 19 ottobre 2014 presso la circoscrizione numero 1 di Torino in via Dego 6, si terranno due giorni di incontri su etica salute ed ambiente.

Interverranno alla VEGAN KERMESSE:
-Rossella Robertazzi, esperta di alimentazione naturale e Ambasciatore per il Piemonte di Associazione Vegani Italiani Onlus
-Dott. Vasco Merciadri, medico chirurgo e membro del Comitato Scientifico di Associazione Vegani Italiani Onlus
-Dott. Lorenzo Ferrante, chinesiologo esperto in educazione posturale e membro del Comitato Scientifico di Associazione Vegani Italiani Onlus
-Silvio Sciurba, fondatore di Fruttalia

Altri relatori stanno chiedendo di unirsi alla VEGAN KERMESSE, cercheremo di dare spazio a tutti...
Ci vediamo a Torino!

Gli incontri di VEGAN KERMESSE sono COMPLETAMENTE GRATUITI liberi e aperti a chiunque voglia approfondire temi quali l’alimentazione, la salute, l’etica e l’ambiente. Tutti i partecipanti avranno la possibilità di interagire con i relatori per approfondire gli argomenti trattati.

INFO:
www.promiseland.it/2014/10/10/torino-si-tinge-di-vegan/

Vi aspettiamo numerosi all’insegna della serenità e della condivisione.

Quando: Sabato 18 e Domenica 19 Ottobre 2014
Dove: Via Dego 6, presso Circoscrizione numero 1 di Torino
A che ora: Sabato 18 dalle 15.00 alle 19.00, Domenica dalle 11,30 alle 17,30.

Per ulteriori informazioni:
www.facebook.com/events/1463020610625056/
info@assovegan.it

Quanto costa mangiare vegano?

QUANTO COSTA MANGIARE VEGANO ?

“Non è il mangiare bene che costa molto.
Sono i prodotti animali che costano stranamente poco”   EVA

1. Perché molti prodotti animali costano poco

2. Chi si accolla il vero costo dei prodotti animali?

3. I costi nascosti che paghiamo tutti senza saperlo

4. Budget familiare: che voce va aggiunta

5. Mangiar bene è un investimento finanziario

6. Quanto costa investire in una dieta vegana tradizionale

7. Quanto costa investire in una dieta crudista- fruttariana

8. Quanto costa mangiare come EVA (dieta vegana/fruttariana)

9. 10 CONSIGLI PRATICI PER SPENDER POCO E MANGIARE BENE

10.   BIBLIOGRAFIA:  2 libri (solo in inglese):

a)  Come mangiare bene per meno di 100 dollari al mese (3.3$ al giorno)
http://www.fredericpatenaude.com/vegan100/

b)  come mangiare vegano con 4 dollari al giorno

http://www.amazon.co.uk/Eat-Vegan-4-00-Day-Conscious/dp/1570672571/ref=sr_1_4?ie=UTF8&qid=1349966832&sr=8-4 ).

********************

E’ una giungla là fuori. Bisogna arrivare a fine mese e certe volte l’idealismo lo si deve mandar giù insieme a qualche boccone amaro e farsi andare bene quel che passa il convento. Giusto?

Sbagliato…

1. Perché molti prodotti animali costano poco

Uno su 8 degli inglesi ha detto addio a carne e pesce

Beatrice Montini

Anche se forse in Europa la patria della scelta vegan (e anche vegetariana) è Berlino, arriva dalla Gran Bretagna la notizia di una svolta “verde” che ha preso piede negli ultimi anni. Secondo un sondaggio di Mintel il 12% dei britannici ha scelto una dieta vegana o vegetariana. Percentuale che sale al 20% tra i giovani di età compresa tra i 16 e i 24 anni. Molti altri milioni di inglesi, ci dicono ancora i ricercatori, sono invece “flexetariani”, ovvero “tendono” ad una dieta “veg” ma continuano saltuariamente a mangiare carne, pesce e latticini.

In fondo non c’è da meravigliarsi: la Vegetarian Society britannica è  l’istituzione vegetariana più antica al mondo, a cui si attribuisce la creazione del termine “vegetarian” attorno al 1850 (prima si parlava di dieta pitagorica), e anche la più attiva nel diffondere la filosofia veg. E anche la Vegan Society  è nata  in Gran Bretagna nel 1944. Senza contare le innumerevoli star anglosassoni che da anni cercano di sensibilizzare fan e non su un’alimentazione più etica: da Paul McCartney a Morrisey.

Successo per la Settimana Vegetariana Mondiale: l’universo veg unito per salvare il pianeta

Si è conclusa la tre giorni dedicata ad appuntamenti, dibattiti e degustazioni,  inserita all’interno della Settimana Vegetariana Mondiale, organizzata dalla Palermo Vegetariana.  Grande successo  non solo tra i vegetariani e vegani. Ecco tutte le curiosità e la ricetta della maionese vegetale

La scelta vegetariana, per chi la compie diviene una missione o una  “religione” e, in quanto tale,  pur rappresentando un impegno costante nella vita dei fedeli , ha i suoi momenti di “picco” dovuti al presentarsi di ricorrenze speciali . E’ questo il caso della  Settimana Vegetariana Mondiale che si conclusa ieri a Palermo, facendo registrare un grande successo di pubblico.

Tutti gli eventi  sono stati organizzati dalla Palermo Vegetariana in sinergia con la Lega Vita e Salute, che, oltre a fornire i locali della Chiesa Cristiana Avventista del settimo giorno, ha collaborato attivamente nella realizzazione di questo progetto. Scopo dell’evento è  stato di informare sempre più persone sulla scelta di escludere ogni ingrediente di origine animale dalla nostra alimentazione e da tutto il resto della nostra vita .

Ci spiega Lucia Russo, fondatrice e  responsabile della Palermo Vegetariana , “Siamo molto soddisfatti dell’interesse dimostrato dai partecipanti non solo per le numerose presenze ma anche per le richieste  ricevute che sono la prova che qualcosa sta veramente cambiando nella coscienza comune. Per questo motivo ci attiveremo presto con corsi di cucina vegetariana  e  attraverso “micro” eventi di sensibilizzazione e approfondimento che tengano vivo l’interesse di quanti si sono avvicinati a noi , in attesa della prossima Settimana Vegetariana Mondiale”.

Le patate si mangiano con la buccia o senza?

Nelle patate molti dei nutrienti si trovano in prossimità della buccia, ma non sempre è bene mangiarla. Abbiamo chiesto a Massimo Angelini, presidente dell’associazione del Consorzio della patata Quarantina di spiegarci il perché. Massimo Angelini si occupa da anni di valorizzazione delle varietà locali, in particolare di patata, e sostiene la ricerca e la divulgazione per una loro corretta coltivazione e uso.

Le patate contengono un alcaloide: la solanina.
La solanina è presente in maggior concentrazione nella buccia ed è una sostanza che, se assunta in grandi quantità, è tossica per l’organismo umano. E’ importante sottolineare che, affinché si manifesti un principio di intossicazione, è necessarioingerire una gran quantità di patate in un solo pasto: circa 2 kg per un uomo di 70 kg.

La solanina è una sostanza che la patata sviluppa per difendersi da insetti, animali e funghi e la sua concentrazione, è direttamente correlata con la sua “salute” e la sua “forza”. Questo vuol dire che le patate non ancora mature, le patate germogliate, quelle vecchie, danneggiate o esposte alla luce del sole (che diventano verdi per effetto della clorofilla), presentano una concentrazione più alta di solanina rispetto alle patate mature e consumate entro 5 mesi dalla raccolta.
Le patate coltivate con metodo biologico presentano una quantità di solanina minore del 30% rispetto a quelle coltivate con metodo convenzionale.

Ricapitolando: conviene mangiare le patate con la buccia quando sono di stagione, entro comunque 5 mesi dalla raccolta, conservate correttamente, lontano da fonti luminose e coltivate con metodo biologico; altrimenti sbucciale!

Ringraziamo Massimo Angelini per aver condiviso con noi queste informazioni

Le novità del VeganFest Indoor 2014

Il VeganFest Indoor, ospitato quest’anno negli spazi del Sana 2014, il Salone internazionale del biologico e del naturale in Fiera a Bologna dal 6 al 9 Settembre, è un appuntamento da non perdere per chi vuole conoscere qualcosa di più in fatto di veg-lifestyle. Tra incontri, assaggi, stand informativi, tutorial, dibattiti e showcooking, non solo vegani e vegetariani di lungo corso, ma anche molti curiosi e tante famiglie, alla ricerca di utili consigli per alimentarsi in modo naturale e sostenibile, più rispettoso dell’ambiente, degli animali e della nostra salute.

Tra le protagoniste troviamo le bacche: se le ormai celebri bacche rosse di Goji - il “superfrutto” originario di Nepal e Mongolia dalle forti proprietà antiossidanti, il cui uso rallenta l’invecchiamento cellulare e aiuta a mantenere sotto controllo la pressione e il colesterolo - sembrano non avere rivali, con i loro numerosi effetti benefici, in fiera ne vengono proposte di tutti i tipi. Come le bacche Inca, preziose per le loro proprietà antiinfiammatorie e – pare – proprio per questo usate già nell’antichità nel trattamento delle forme reumatiche.
Un contributo importante alle diete veg arriva, si sa, dalla frutta esotica. La Pitaya Gialla, un frutto originario dell’America Centrale, sembra sia un ottimo digestivo naturale. In più è ricca di fibre, ferro, fosforo e vitamine essenziali. Si assume principalmente nella versione disidratata, come il ben più noto cocco, ricco di proteine, vitamine e minerali (ma anche di calorie, quindi attenzione alle quantità), che abbandona con l’autunno le spiagge per accompagnare sotto forma di scaglie e fiocchi colazioni e spuntini energetici.

Condividi contenuti