Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Pilotta

Pilotta: informazioni della città di Parma

MUSICA E POESIA ALLA CASA DELLA MUSICA DI PARMA

MUSICA E POESIA ALLA CASA DELLA MUSICA

Domenica 23 alle 21.00  il duo Burani – Narcisi e la voce di Engelbrecht
interpreteranno
Amelia Rosselli e la musica francese

Il duo composto da Davide Burani (arpa) e Lello Narcisi (flauto) e la voce recitante di Adriano Engelbrecht saranno i protagonisti, domenica 23 luglio alle 21 nel Cortile d’Onore della Casa della Musica, di una serata dedicata alle poesie di Amelia Rosselli e alla musica francese per flauto e arpa. 

Il concerto è l’appuntamento finale della Rassegna "Superba è la Notte. La Poesia italiana del '900 incontra la Musica" promossa dal Comune di Parma - Assessorato alla Cultura - Casa della Musica e Biblioteca "Ugo Guanda", in collaborazione con la Fondazione Arturo Toscanini e la Società dei Concerti di Parma.

Difficile accostarsi alle poesie di Amelia Rosselli, la grande poetessa italiana morta tragicamente nel 1996, figlia di Carlo Rosselli, senza ammutolire per le sue improvvise precipitazioni, una parola che esplode o implode in una essenzialità pulsante; giochi fonetici, monosillabi, suoni che precipitano; una problematica della forma poetica sempre connessa a quella più strettamente musicale, in cui le due discipline non si scindono, considerando la sillaba non solo come nesso ortografico, ma anche come suono. Le poesie della Rosselli verranno lette da Adriano Engelbrecht..

Gli Archi della Filarmonica Toscanini al Palazzo delle Poste di Parma venerdì 21 luglio 2017 ore 21

Gli Archi della Filarmonica Toscanini al Palazzo delle Poste di Parma
Nell’ambito della rassegna Fuori Posto
eseguiranno venerdì 21 musiche di Bach, Britten, Jenkins e Mozart 

Fuori Posto, la rassegna della Fondazione Toscanini che vuole presentare, a Parma e in provincia, la musica nei luoghi ove essa risuona raramente, troverà venerdì prossimo, 21 luglio, una tappa assolutamente straordinaria nel Salone degli Sportelli del Palazzo delle Poste di via Pisacane. Alle 21 infatti, grazie alla generosa disponibilità della Direzione Provinciale di Parma di Poste Italiane – che aprirà eccezionalmente la sua sede centrale in orario serale - ed al sostegno di Dallara Automobili - che offrirà l’ingresso al concerto a chi vorrà partecipare (i posti sono limitati) - gli Archi della Filarmonica Arturo Toscanini guidati da Mihaela Costea, violino concertatore, si esibiranno in un popolarissimo concerto classico.

Il programma vedrà l’esecuzione del Divertimento per archi in re maggiore K. 136 e della  Serenata per archi “Eine kleine Nachtmusik” di Wolfgang A. Mozart, della celeberrima Aria sulla Quarta Corda dalla Suite n.3 BWV 1068 di Johann S. Bach, dell’Allegretto dal Concerto Grosso Palladio di Karl Jenkins e dalla Simple Symphony op.4 di Benjamin Britten. Si tratta di brani che non hanno bisogno di presentazioni e con i quali si festeggerà l’eccezionalità dell’evento, che vede Poste Italiane rendere ancora più fruibile, seppure in modo diverso, la propria sede, che essa stessa un’opera d’arte.

VOX EARLY MUSIC AL Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma

VOX EARLY MUSIC

Pagine del Seicento Italiano

Giovedì 20 Luglio 2017, alle 20,30, nella Chiesa di San Rocco, il concerto conclusivo del progetto internazionale “VoxEarlyMus”. 

Approda in Italia, nel Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, il progetto triennale “VoxEarlyMus”, sviluppatosi all'interno del contenitore Erasmus per creare un nuovo consorzio tra Conservatori internazionali, promuovendo la produzione, la ricerca e l’inserimento nel mondo del lavoro degli studenti con un focus sullo studio della vocalità antica. Dopo la prima tranche tenutasi nel 2016 a Bucarest, dal 15 al 25 luglio 2017 il Conservatorio “Arrigo Boito” ospita una nuova sessione di studio, per la quale giungeranno a Parma circa quaranta studenti e docenti europei, ai quali se ne uniranno circa dieci dell’Istituto AFAM parmigiano. A coronamento del lavoro svolto, giovedì 20 luglio alle 20.30 nella Chiesa di San Rocco a Parma gli studenti e i docenti terranno in anteprima il concerto “Vox Early Music. Pagine del Seicento italiano”, che si svolgerà con il patrocinio del Comune di Parma, inserito in “Parma 2200”, programma di celebrazioni per i duemiladuecento anni dalla fondazione della città. Nell’occasione verranno eseguite pagine tratte dalla letteratura musicale del Seicento italiano di autori quali Andrea Gabrieli, Alessandro Grandi, Tarquinio Merula, Giovanni Rovetta, Girolamo Frescobaldi, Giovanni Battista Chinelli, Hans Leo Hassler, Francesco Cavalli. Il concerto, diretto dal Maestro Isaac Alonso de Molina, sarà poi replicato al Festival di Musica Antica di Urbino, nel Salone del Trono del Palazzo Ducale, il 23 luglio 2017. 

VINICIO CAPOSSELA INCONTRA LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI

Vinicio Capossela

L’atteso concerto giovedì 20 luglio all’Auditorium Paganini

Si conclude con il concerto più atteso dell’estate parmigiana la quarta edizione di Stelle Vaganti, la rassegna estiva della Fondazione Toscanini che si tiene all’Auditorium Paganini. Giovedì 20 luglio 2017, con inizio fissato alle 21:30, la musica originale, unica di Vinicio Capossela si confronta con le armonie della Filarmonica Arturo Toscanini che aggiunge colori inediti alle sue festosi canzoni del famoso cantautore, una delle voci più originali e sensibili della musica italiana degli ultimi anni.

Anche se Vinicio ha già utilizzato piccole formazioni strumentali proprie della Musica Classica, in questo caso una intera orchestra di cinquanta elementi dialoga e interagisce creando armonie inedite. Il pubblico potrà così confrontarsi e farsi rapire da un affascinante percorso musicale in cui alcune fra le più significative composizioni del geniale cantautore e polistrumentista sono rivisitate in modo davvero originale. E’ infatti la prima volta che esse saranno eseguite in versione sinfonica, grazie al lavoro di Stefano Nanni, che, al lavoro di arrangiatore, unirà quello di direttore d’orchestra alla guida della Filarmonica Arturo Toscanini.

Quattro volte Targa Tenco, musicista, scrittore, polistrumentista, organizzatore musicale (è direttore artistico del Calitri Sponz Festival, da lui “inventato”) Vinicio Capossela è sin dal debutto nel 1990, uno degli artisti più interessanti ed eclettici del panorama musicale italiano.

VOX EARLY MUSIC Pagine del Seicento Italiano

Giovedì 20 Luglio 2017, alle 20,30, nella Chiesa di San Rocco, il concerto conclusivo del progetto internazionale “VoxEarlyMus”. 

Approda in Italia, nel Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, il progetto triennale “VoxEarlyMus”, sviluppatosi all'interno del contenitore Erasmus per creare un nuovo consorzio tra Conservatori internazionali, promuovendo la produzione, la ricerca e l’inserimento nel mondo del lavoro degli studenti con un focus sullo studio della vocalità antica. Dopo la prima tranche tenutasi nel 2016 a Bucarest, dal 15 al 25 luglio 2017 il Conservatorio “Arrigo Boito” ospita una nuova sessione di studio, per la quale giungeranno a Parma circa quaranta studenti e docenti europei, ai quali se ne uniranno circa dieci dell’Istituto AFAM parmigiano. A coronamento del lavoro svolto, giovedì 20 luglio alle 20.30 nella Chiesa di San Rocco a Parma gli studenti e i docenti terranno in anteprima il concerto “Vox Early Music. Pagine del Seicento italiano”, che si svolgerà con il patrocinio del Comune di Parma, inserito in “Parma 2200”, programma di celebrazioni per i duemiladuecento anni dalla fondazione della città. Nell’occasione verranno eseguite pagine tratte dalla letteratura musicale del Seicento italiano di autori quali Andrea Gabrieli, Alessandro Grandi, Tarquinio Merula, Giovanni Rovetta, Girolamo Frescobaldi, Giovanni Battista Chinelli, Hans Leo Hassler, Francesco Cavalli. Il concerto, diretto dal Maestro Isaac Alonso de Molina, sarà poi replicato al Festival di Musica Antica di Urbino, nel Salone del Trono del Palazzo Ducale, il 23 luglio 2017. 

IL CINEMA DI BUSTER KEATON ALL’AUDITORIUM PAGANINI DI PARMA venerdì 14 luglio 2017 ore 21.30

Timothy Brock Buster keaton

Proiezione con le nuove musiche dal vivo di Timothy Brock suonate dalla Filarmonica Arturo Toscanini

Due delle opere cinematografiche di Buster Keaton, SHERLOCK JR. e ONE WEEK, restaurate dalla Cineteca di Bologna, orchestrate e dirette da Timothy Brock e suonate dalla Filarmonica Arturo Toscanini. Una serata dove poter rivivere le scorribande “a rotta di collo” di uno dei maggiori protagonisti dell’epoca d’oro del cinema muto. E’ questo il terzo appuntamento con Stelle Vaganti, la rassegna estiva della Fondazione Toscanini che si tiene all’Auditorium Paganini. In programma per venerdì 14 luglio 2017, con inizio fissato alle 21:30, l’evento prevede la proiezione su grande schermo di due delle opere più note di Buster Keaton, colui che “Per stile e natura era il più profondamente muto dei comici muti, tanto che anche un sorriso era in lui assordante e stonato quanto un grido.”  Il primo è  Sherlock jr.., film che in italia è stato distribuito con il titolo La palla nº 13, e che è stato restaurato nel 2015 da Cineteca di Bologna e Cohen Film Colletion presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata. Girato nel 1925 in un susseguirsi di gag surreali e irresistibili, è un’opera che è alla base di molti film successivi, basti pensare alla trovata di Keaton che, in sogno, entra ed esce dallo schermo. L’altra opera in programma, One Week, cortometraggio del 1920 è stato scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.

Scioglimento dell'Associazione Culturale "Università Popolare dell'Opera di Parma" "UPDOP".

VERBALE DELL'ASSEMBLEA STRAODINARIA DEI SOCI UPDOP DI VENERDI' 7 LUGLIO, IN SECONDA CONVOCAZIONE, PRESSO LA SEDE LEGALE DELL'ASSOCIAZIONE.
 
Oggetto: scioglimento dell'Associazione Culturale "Università Popolare dell'Opera di Parma" "UPDOP".
 
Rilevato il numero legale dei partecipanti soci, il Presidente elenca le attività svolte tra il 2012 ed il 2015 con 123 lezioni/incontri, seminari e dibattiti, in particolar modo "Parma Opera Camp" del settembre 2015. Attività tutte volte a promuovere la cultura musicale, ed in particolare operistica, in una concezione libera, aperta a tutti e gratuita, con docenti non retribuiti. Ribadisce lo scopo di diffondere la cultura musicale al di fuori degli schemi convenzionali.
Rileva quindi  le difficoltà che si sono verificate durante l'anno 2016, di fatto di inattività dell'Associazione, a causa in particolare del mancato minimo sostegno dell'Amministrazione Comunale, promesso da tre anni; ed a causa dell'insensibilità del mondo culturale della città di Parma.
 
Si apre la discussione: l'assemblea ribadisce le difficoltà e si discute oltre che di Updop, non considerata nella sua spinta progressista, anche sul fatto se esiste oggi in città realmente un mondo culturale, al di fuori dei grandi eventi, fondamentalmente estranei ad una visione della cultura volta al progresso spirituale e culturale del cittadino ed ad un legame effettivo con il territorio.
 
Conclusa la ricca discussione viene votato riguardo allo scioglimento dell'Associazione.
Lo scioglimento viene votato a maggioranza quasi assoluta.

12-14 luglio: terzo “Parma” Nano-Day, tutto sulle nanotecnologie e i nanomateriali

12-14 luglio: terzo “Parma” Nano-Day, tutto sulle nanotecnologie e i nanomateriali

L’evento è organizzato dal Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale dell’Università di Parma. Prevista anche una sessione “Job Day” nella giornata del 12 luglio, a partire dalle ore 14.30 

Da mercoledì 12 a venerdì 14 luglio si terrà, al Centro Congressi delle Aule delle Scienze del Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma (via Langhirano), il terzo “Parma” Nano-Day: per tre giorni Parma sarà al centro dell’innovazione scientifica e tecnologica. 

Il "Parma" Nano-Day sarà aperto dal saluto delle Autorità, a cui farà seguito la Tavola Rotonda “Sviluppo tecnologico e Sviluppo sostenibile”. Alla Tavola Rotonda parteciperanno, oltre agli organizzatori, il Rettore Vicario dell’Università di Parma Giovanni Franceschini, gli Assessori Regionali all’Agricoltura e all’Industria, Dirigenti di ENEA, Ministero dell’Agricoltura MIPAAF, CNR, ISPRA, ASTER Regione Emilia-Romagna, Istituto Superiore di Sanità oltre a rappresentanti del mondo accademico e industriale. 

Il "Parma" Nano Day accoglierà anche la voce delle imprese e del lavoro con il Job Day che si terrà il 12 luglio a partire dalle ore 14.30. Un gruppo di aziende selezionate per la loro forte impronta innovativa avrà la possibilità di esporre ai presenti, studenti e giovani ricercatori, la missione dell’azienda e l’opportunità di ricercare nuove competenze. 

Comune Parma, sospeso il provvedimento del dg Giorgi sulle progressioni economiche

La polemica era emersa durante la campagna elettorale e il caso non è ancora chiuso. Interviene la Cisl: avevamo avvisato che la procedura non era corretta

Il caso era emerso in piena campagna elettorale quando la Cisl aveva attaccato il direttore generale del Comune Marco Giorgi per la sostituzione del dirigente al Personale (Donatella Signifredi, ndr) nella procedura delle progressioni economiche orizzontali (Peo) per non aver concluso l’iter amministrativo necessario alla pubblicazione delle graduatorie.

Si trattava di stilare una graduatoria basata su anzianità di servizio e mansioni svolte dai dipendenti comunali a cui fa riferimento un fondo economico di 400 mila euro per il biennio 2017-2018 come stabilito nel contratto decentrato integrativo per i dipendenti del Comune di Parma sottoscritto nel dicembre 2016 dai sindacati di categoria. 

Tuttavia, il provvedimento con il quale Giorgi si faceva carico della composizione graduatoria è stato sospeso con una determina dirigenziale emessa dal settore delle Risorse umane e organizzazione.

Parma cinese, si attende il via libera governativo: l'annuncio è a un passo

Marco Ferrari

L'ottimo lavoro di Marco Ferrari (l'anima creatrice di questo Parma 1913) che è riuscito a tessere e costituire il progetto societario, trovare le risorse, prendere decisioni difficili, in assenza di risultati da obiettivo individuato, cambiando in corso d'opera, in questo campionato, uomini chiave; riportare in soli due anni il Parma calcio dal fallimento alla serie B. I giocatori che hanno voluto e ottenuto insieme a tutto lo staff questo importante e meritato risultato. L'individuazione con Crespo dei nuovi soci cinesi per dare alla società un assetto societario adeguato alle esigenze del calcio professionistico. Complimenti e un sentito bravo a questo, ancor giovane parmigiano che sa trasformare progetti in realtà vincenti. Un altro importante successo. LB    

NOMINATI I PRO RETTORI E I DELEGATI DELL’UNIVERSITÀ DI PARMA

NOMINATI I PRO RETTORI E I DELEGATI DELL’UNIVERSITÀ DI PARMA
Resteranno in carica fino al 31 ottobre 2017
 
 
Il Rettore vicario dell’Università di Parma Giovanni Franceschini ha nominato gli 8 Pro Rettori e i 51 Delegati che lo affiancheranno nel governo dell’Ateneo fino al 31 ottobre 2017, confermando la squadra che era stata nominata dal Rettore Loris Borghi nel corso del suo mandato.
 
Gli 8 Pro Rettori sono:
  • Furio Brighenti - Pro Rettore con delega alla Ricerca e Internazionalizzazione Biblioteche e Musei;
  • Ovidio Bussolati - Pro Rettore con delega al Personale e Organizzazione
  • Gino Gandolfi - Pro Rettore con delega allo Sviluppo delle relazioni d'impresa e con il territorio;
  • Maria Cristina Ossiprandi - Pro Rettrice con delega alla Didattica e Servizi agli Studenti;
  • Carlo Quintelli - Pro Rettore con delega all'Edilizia e Infrastrutture
  • Vincenzo Vincenti - Pro Rettore con delega alla Sanità;
  • Francesca Zanella - Pro Rettrice con delega agli Affari Generali e Legali e al coordinamento delle attività di internazionalizzazione dell’Ateneo;
  • Antonello Zangrandi - Pro Rettore con delega all'Area Economico Finanziaria e potere di firma su tutti gli atti inerenti tale area nonché gli atti inerenti:
  • Area Affari Generali e Legale;
  • Area Didattica e Servizi agli Studenti
  • Area Personale e Organizzazione
  • Area Ricerca, Internazionalizzazione, Biblioteche e Musei   

DA BARILLA SEI PREMI DI STUDIO PER STUDENTI ERASMUS

DA BARILLA SEI PREMI DI STUDIO PER STUDENTI ERASMUS

Questa mattina la consegna nell’Auditorium dell’Academia Barilla

Sono andati a Nicola Armillotta, Francesco Cornetti, Francesca Ferrari, Ilda Ristani, Danilo Santoro e Annalisa Verrillo, studenti dei corsi di laurea magistrale in Ingegneria Elettronica, Ingegneria Gestionale e Ingegneria Meccanica dell’Università di Parma, premi di studio finanziati da Barilla per studenti in mobilità internazionale nell’ambito del Progetto Erasmus per l’anno accademico 2017-2018, consegnati questa mattina nell’Auditorium dell’Academia Barilla. 

Sono intervenuti alla Cerimonia Ruggero Rabaglia, Hr Director Supply Chain Job Family Barilla, Sara Rainieri, Delegata del Rettore per l’Orientamento in uscita e Politiche di raccordo con il mondo del lavoro/job placement, Antonio Copercini, Chief Supply Chain Officer di Barilla, e Maria Cristina Ossiprandi, Pro Rettrice con delega per l'Area Didattica e Servizi agli studenti. Particolarmente coinvolgenti le testimonianze di tre degli studenti premiati dell’a.a. 2016-2017, Ilaria Bolsi, Daniela Matalone e Alberto Raffi, sull’esperienza Erasmus appena conclusa. Subito dopo hanno preso la parola Nicola Armillotta e Ilda Ristani, due dei sei vincitori di questa seconda edizione. 

Presentata la Stagione 2017/18 di NUOVE ATMOSFERE della Toscanini

Foto Luigi Boschi: il Sovrintendente della Toscanini Maestro Luigi Ferrari Foto Luigi Boschi: il Sindaco Federico Pizzarotti con il Presidente della Toscanini Luciano Pasquini Foto Luigi Boschi: Mihaela Costea Alpesh Chauhan

NUOVE ATMOSFERE
Dodicesima edizione 

Dal 3 novembre 2017 al 19 maggio 2018
25 concerti all’Auditorium Paganini di Parma 

UIL Emilia di Parma sui comportamenti riservati alla ragazza disabile

Sul caso  dei comportamento riservato alla ragazza disabile vogliamo fornire  il nostro contributo come organizzazione sindacale.

Da lungo tempo il sindacato ha messo fra le sue priorità la prevenzione, la cura e l’assistenza delle persone con disabilità, sia civile che da lavoro, attraverso gli strumenti normativi e contrattuali.

Ma  il sindacato ha recepito che ciò non bastava, che occorreva alzare il  livello di intervento, al  fine di favorire anche il reinserimento a  pieno titolo nella società e nel mondo del lavoro della persona disabile.

Ciò risponde a principi costituzionali, etici e morali a cui tutti dovremmo richiamarci.

Fa doppiamente riflettere il fatto avvenuto nella nostra città.

Fa riflettere che questo avvenga (e non sarà un caso isolato!) a Parma, dove l’accoglienza e l’altruismo sono atteggiamenti diffusi e fa riflettere che si rendano responsabili delle giovani donne, fra le quali dovrebbero essere  avvertiti con maggiore sensibilità i valori dell’amicizia, del rispetto e dell’educazione. 30/6/17

UIL Emilia di Parma

Inchiesta Pasimafi: professor Fanelli condannato dalla Corte Conti

Dovrà risarcire l'università di Parma di 259.926 euro per un'indebita attività libero-professionale, incompatibile con le sue funzioni istituzionali

Il professor Guido Fanelli, docente e medico dirigente della seconda Rianimazione dell'azienda ospedaliero-universitaria di Parma, coinvolto nell'inchiesta Pasimafi, è stato condannato dalla Corte dei Conti dell'Emilia-Romagna a risarcire l'università di Parma di 259.926 euro per un'indebita attività libero-professionale, incompatibile con le sue funzioni istituzionali.

Considerato un luminare delle cure palliative, Fanelli, 62 anni, è finito ai domiciliari a inizio maggio con l'accusa della Procura ordinaria di essere la 'mente' di un'organizzazione che agevolava le aziende del farmaco nella sperimentazione illegale emersa dalle indagini, che hanno portato a 19 arresti tra medici e imprenditori farmaceutici.

Al medico, nel frattempo sospeso dall'ateneo, i Pm contabili contestavano invece per altre vicende compensi indebitamente percepiti per oltre 650mila euro, tra il 2007 e il 2012; somma ridotta dai giudici a quasi 260mila per la prescrizione.

Gli accertamenti della Guardia di Finanza avevano individuato vari incarichi, di consulenza scientifica, di prestazione d'opera intellettuale, legati alla partecipazione a congressi, seminari, convegni, corsi, incontri scientifici e alla realizzazione di materiale per corsi di formazione, e cessioni di diritti d'autore.

LE PIU’ BELLE CANZONI DEL FESTIVAL DI SANREMO ALL’AUDITORIUM PAGANINI DI PARMA SABATO 8 luglio 2017 ore 21,30

LE PIU’BELLE CANZONI DEL FESTIVAL DI SANREMO ALL’AUDITORIUM PAGANINI

L’Orchestra Sinfonica di Sanremo sabato 8 luglio a Stelle Vaganti

Sono i più celebri successi del Festival di Sanremo, il più seguito, amato e popolare vento della musica leggere italiana, il trascinante programma offerto dal prossimo appuntamento con Stelle Vaganti, sabato 8 luglio alle ore 21.30 all’Auditorium Paganini. Ospite d’eccezione l’Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta dal m.o Roberto Molinelli. La compagine sanremese, oltre ad essere un’orchestra “classica” di tutto rilievo (fa parte, come la Toscanini, delle ICO, le orchestre regionali italiane, ed è una delle più antiche e prestigiose realtà musicali nazionali con i suoi cento anni di vita festeggiati nel 2005), è da quattordici anni l’orchestra che accompagna i cantanti che si presentano sul palco del Teatro Ariston per l’annuale edizione del Festival.

Il programma comprende infatti tutte le canzoni che hanno fatto la storia del Festival, a partire da Nel blu dipinto di blu di Modugno fino a Stasera sono qui, Ti sento, Ancora, Ti lascerò, Un amore così grande, Almeno tu nell’universo, Perdere l’amore, Vivo per lei, Mondo senza parole, Quello che le donne non dicono, Zingara, Cuore matto, Fatti mandare dalla mamma, Quando quando quando, Il ragazzo della via Gluck, Gianna, Che sarà. Rese celebri da Tenco, Modugno, Lauzi, Celentano, Zanicchi, Ranieri, Gaetano, Morandi e molti altri, queste famose canzoni, arrangiate in veste sinfonica dallo stesso Molinelli,  saranno interpretate da Monia Russo e Carmen Alessandrello, quest’ultima vincitrice del Concorso Area Sanremo 2016, e costituiscono l’occasione per assistere ad un concerto che unisce l’atmosfera tipicamente estiva ad un livello qualitativo inusuale.

Pd di Parma, resa dei conti finale e dimissioni di massa

Il partito esce politicamente distrutto dalle elezioni

Prosegue la resa dei conti nel Pd. Dopo la serie di analisi sulla sconfitta che si sono susseguite dopo il ballottaggio, nel corso dell'assemblea comunale provinciale, come annunciato, il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto e quelo provnciale Gianpaolo Serpagli hanno rimesso il mandato. Lasciano l'incarico anche cinque segretari di circolo. La lunga battaglia interna iniziata con le primarie arriva all'epilogo. Scatta il commissariamento. Un partito, in sostanza, da rifondare.

All'assemblea era presente anche il segretario regionale Paolo Calvano che ha ribadito come dopo le primarie sia mancata l'unità e ha bocciato la linea del candidato Paolo Scapa di tenere a distanza il partito ("ha pensato di vincere da solo le elezioni") nonostante il buon risultato del primo turno.

Lasciano anche cinque segretari di circolo in polemica con la scelta di imbarcare esponenti della Giunta Vignali. "Avere imbarcato questi uomini della Giunta Vignali ha dato un grande vantaggio a Pizzarotti e creato confusione e fastidio tra gli elettori di centrosinistra. Abbiamo perso voti nell’ambito del centrosinistra per di più senza prenderne altri in altre aree politiche. La campagna

 elettorale è stata condotta in modo autoreferenziale dal candidato sindaco e dalla sua squadra. Chiediamo l’azzeramento degli organismi dirigenti del partito. Il giorno dopo il ballottaggio siamo rimasti sbalorditi nel leggere le dure parole di Paolo Scarpa contro il Pd che ha liquidato come un fardello che lo ha danneggiato. La realtà è che Scarpa è andato al ballottaggio grazie al Pd, non nonostante il Pd. Porti rispetto al Pd". 03 luglio 2017

Fonte Link parma.repubblica.it

Scarpa scarsa o troppo stretta per i parmigiani

Federico Pizzarotti rieletto Sindaco di Parma

Scarpa perde senza attenuanti, senza storia e Pizzarotti vince distaccando il candidato (camuffato civico) del PD di oltre 10.000 voti.

Questa volta Federico Pizzarotti non è stato eletto per interposta persona come nel 2012, dove fu Grillo, da mattatore, a dirigere le danze elettorali con un voto di protesta e di pancia, determinato dal suo copione che recitava in tutte le piazze italiane non solo a Parma.

Nel 2017 la rielezione è dovuta, a mio avviso, per l’inesistenza credibile dell’alternativa, fin dal primo turno.

Elezioni 2017 a Parma, l'analisi del voto secondo l'Istituto Cattaneo

Lo studio dei flussi dell'Istituto Cattaneo: sindaco uscente raccoglie voti tra Pd e M5s. Le reazioni al voto, Salvini critica gli alleati. Curiosità: solo 70 voti per ex capo della Procura Laguardia

A Parma Federico Pizzarotti piace anche agli elettori di Pd e M5s. E' quanto conclude l'analisi dell'istituto Cattaneo di Bologna sui flussi elettorali del primo turno delle amministrative che ha decretato il ballottaggio tra il sindaco uscente e il candidato del centrosinistra sostenuto dal Pd Paolo Scarpa.

In particolare rispetto a cinque anni fa, quando fu eletto sindaco di Parma con il Movimento 5 stelle, Pizzarotti ( ricandidato con la lista civica Effetto Parma) è riuscito in queste elezioni a espandere il proprio bacino di voti "pescando" in modo trasversale da quelli degli altri schieramenti.

Dal raffronto con i flussi elettorali del 2012 emerge infatti che l'ex primo cittadino avrebbe fagocitato una fetta rilevante di voti (8,3% dell'elettorato) al bacino dell'allora candidato di centrosinistra Vincenzo Bernazzoli, ma anche da quello del candidato di centrodestra dell'epoca Elvio Ubaldi (3,1%). Ottenendo oggi persino un discreto consenso (4,8%) dai votanti che lo avevano fatto eleggere del Movimento 5 stelle, da cui Pizzarotti è uscito. Il sindaco è così passato dal 19,5% dei voti validi del 2012 al 34,8% del 2017.

Paolo Scarpa, invece, avrebbe tratto i suoi voti quasi interamente dall'elettorato dei candidati di centrosinistra e di sinistra del 2012. L'Istituto Cattaneo sottolinea inoltre un certo "grado di infedeltà" nell'elettorato del Pd: "Si nota infatti che non solo una parte rilevante di questo bacino si riversa su Pizzarotti, ma quote non trascurabili premiano la candidata del centrodestra Laura Cavandoli e candidati minori".

TEP, INDECENZA DELL’AUTOBUS n 2394 sulla linea 11 di Parma città

Foto LB da cellulare: autobus TEP 2394 Foto LB da cellulare: Sedili Autobus TEP Foto LB da cellulare: Sedili Autobus TEP Foto LB da cellulare: Sedili Autobus TEP

TEP, INDECENZA DELL’AUTOBUS n 2394 sulla linea 11 di Parma città

All’attenzione del rieletto Sindaco Federico Pizzarotti e del Presidente di TEP Antonio Rizzi.
Sabato sera 01/07/2017 verso le 19,30 sono salito nelle vicinanze del Tardini sull’autobus n 2394 della linea 11.
L’interno era indecente con sedili rotti e sporchi a tal punto che ho preferito fare il percorso in piedi.  
Un mezzo pubblico in quelle condizioni non dovrebbe neppure uscire! Molto più simile a un carro bestiame che per il trasporto pubblico di persone. Usufruendo, per mia scelta, dell’abbonamento annuale, preferibile a farsi rubare le biciclette, mi sono rivolto all’autista facendogli rilevare lo stato interno dell’automezzo. Condivideva la mia opinione dell’indecenza dei sedili a sedere, ma questo aspetto non rientrava nella sua competenza. Mi indicava invece di far presente la cosa al servizio reclami telefonando
al n° 840 22 22 22. 

Amministrative 2017 a Parma, Paolo Scarpa: "E’ una mia sconfitta personale"

Tautologico e spocchioso: E di chi altro dovrebbe essere? LB

E’ una mia sconfitta personale. Non cerco giustificazioni di sorta, non mi barrico dietro rivendicazioni politiche che non avrebbero senso. Ho perso io, la città ha deciso che Federico Pizzarotti è ancora il suo sindaco e lo ha detto plebiscitariamente con una percentuale che parla da sola. Ne prendo atto. In democrazia i cittadini hanno sempre ragione. Lo insegnavamo ai ragazzi del BorgoLab, non potrei smentirmi adesso. E ieri sera ho fatto i miei complimenti a colui che si conferma, di nuovo, anche il mio sindaco.
Ho certamente commesso degli errori in questa campagna, che non sono stato capace di portare sul mio campo, che è il ragionamento, la visione di lungo respiro, trascinato in una lotta non “per” un progetto di città, ma alla fine soprattutto “contro” un sindaco uscente che si è confermato amatissimo dai suoi concittadini. Errore mio, di cui mi assumo piena responsabilità. Pizzarotti è abilissimo comunicatore, si è difeso con le unghie e con scaltrezza, usando provocazioni che mi hanno costretto a un ruolo da fighter che non mi appartiene. Lo scontro in piazza Garibaldi di giovedì sera è l’antitesi del modello di confronto politico che io amo. Si è concluso in uno scambio di accuse che ricorda i peggiori talk show televisivi che io detesto. Non è politica, quello è intrattenimento da stadio, da ludi gladiatori. E anche di questo mi assumo la responsabilità per averlo promosso. 

Ma non ho perso per questo, ho perso perché Parma si indentifica in Pizzarotti. Parma “è” Pizzarotti, non è Paolo Scarpa. E’ identificazione etica, culturale, addirittura antropologica, non solo politica. Forse questo lo potevo sapere prima. Eppure non mi pento di essermi candidato. Resto convinto che questa città avrebbe bisogno di guardare alto. Ma io non sono stato credibile.

Cristina Quintavalla sui risultati elettorali 2017 di Parma

L'astensione è il primo partito a Parma e nelle altre città che sono andate al ballottaggio. E' ormai un dato che non può essere ignorato.
Esso dice che la fiducia della gente nei confronti della politica istituzionale è crollata, che il cosiddetto patto di rappresentanza tra eletti ed elettori è stato smascherato, travolto dalla ridda di menzogne, false rappresentazioni, costruite da agenzie pubblicitarie, per raccogliere consenso sull'immagine costruita.
Dice che la gente non vede più rappresentati i bisogni fondamentali da cui è afflitta: lavoro, casa, sanità, pensione, istruzione, servizi sociali. Ha  ormai chiaro quanto è stata aggirata, ingannata, ed espropriata dei suoi diritti, così come ha chiaro che è stata spremuta all'inverosimile da tasse e  tagli alla spesa sociale, senza contropartita alcuna, ma che le risorse ci sono-eccome-per le banche, per detassare le imprese, per costruire opere inutili e dannose.

Elezioni 2017 a Parma, Dall'Olio: "Sbagliata campagna elettorale di Scarpa al ballottaggio"

La riflessione di Nicola Dall'Olio, ex capogruppo Pd in Consiglio comunale, sull'esito delle elezioni Comunali di Parma.

E’ dura dovere commentare il risultato del voto delle amministrative 2017. Dopo il primo turno ero convinto che le elezioni si sarebbero giocate per una manciata di voti. Purtroppo non è stato così, il distacco tra Scarpa e Pizzarotti è stato netto, più di 10.000 voti. Su questo esito hanno influito sia fattori politici nazionali che locali. A cominciare da una campagna per il ballottaggio sbagliata che ha compromesso quanto di buono era stato fatto nel primo turno. Ma partiamo prima dai dati.

Affluenza e risultati voto

L’affluenza già bassa al primo turno è calata ulteriormente al ballottaggio raggiungendo il minimo storico per le amministrative del 45,18%. Pizzarotti ha vinto con 37.157 voti, anche questo il dato elettorale più basso per un sindaco eletto. Nel 2012 ne aveva presi 51.235. Non un grande risultato per un sindaco uscente che i media nazionali indicavano ai primi posti in Italia per gradimento. Scarpa si è fermato a 27.047, 6.800 voti in meno rispetto al risultato di Bernazzoli nel 2012 (33.837). Risultato che non sarebbe comunque bastato a superare Pizzarotti anche questa volta.

Entrambi i candidati hanno incrementato il loro numero di voti tra primo e secondo turno, ma mentre Scarpa è cresciuto di soli 2000 voti, Pizzarotti, che era già in vantaggio al primo turno, ne ha aggiunti altri 10.000. L’analisi dei flussi condotta dall’Istituto Cattaneo indica che Scarpa al ballottaggio ha acquisito 6.000 nuovi voti dalle altre liste, ma ne ha persi 4.000, di cui 2.000 finiti nell’astensione e 2.000 andati a Pizzarotti. Un dato su cui riflettere e che non può essere ascritto alle tendenze nazionali.

Tendenze nazionali

Parma da impazzire sale in Serie B

Parma calcio ritorna in serie B

30 giugno 2017, mio ritorno a Parma. E Ritorno a pubblicare, dopo questa necessaria, programmata, forzata pausa, per motivi personali di necessarie cure, con la pagina di " Stadio Corriere dello Sport" di domenica 18 giugno 2017 pag 31 sulla promozione del Parma 1913 in serie B dal Titolo: " PARMA DA IMPAZZIRE".
Oltre ad essere contento per la riuscita vittoria della squadra e della città, mi voglio complimentare con mio nipote (Ghito) dott. Giulio Pasta (responsabile dello staff medico, nella foto tra i giocatori a sinistra con giacca e cravatta) e con l'entusiasta amico Marco Ferrari (vicepresidente), promotore del nuovo progetto societario. Due giovani parmigiani, seri, competenti e di successo, dimostrato sul campo e fuori, che meritano fiducia. (30/06/2017)
Luigi Boschi

Video dallo spogliatoio inviato da un amico A.B. (il discorso di Lucarelli)

Fischio finale: Parma è in serie B

PAOLO SCARPA: A PARMA UN COMUNE AL FIANCO DEI CITTADINI DA 0 a 100 ANNI

Progetto "Parma 0-100 Anni" presentato questa mattina da Paolo Scarpa

Un progetto per consentire alla pubblica amministrazione di accompagnare i cittadini di Parma nelle fasi di vita più impegnative. Lo ha presentato questa mattina Paolo Scarpa, candidato sindaco di Parma, nella sede del suo comitato elettorale di via Imbriani, 58. "Questo è un progetto che nasce dalle azioni contenute nel programma della mia coalizione nei diversi ambiti del welfare di città. Oggi i comuni italiani, compreso quello di Parma, non hanno un quadro chiaro di come evolvono le vite dei cittadini. E i cittadini non hanno ben chiaro come il Comune potrà essere al loro fianco nelle fasi di vita più impegnative".

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti