Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - 1995

Data
  • All
  • Gen
  • Feb
  • Mar
  • Apr
  • Maggio
  • Giu
  • Lug
  • Ago
  • Set
  • Ott
  • Nov
  • Dic

June 2nd

SINERGIE ALL'OPERA

Nuovo progetto per la comunicazione agroalimentare

Testo consegnato al dottor Romeo Medici in occasione dell'annuale incontro alla Camera di Commercio di Parma

Inventiva e creatività si rivelano sempre più importanti per agire nei sistemi complessi per cooperare con le molteplici culture. Un programma coordinato di idee finalizzato all'innovazione delle culture alimentari, nel tempo della comunicazione digitale personale.

Sapori e Saperi: il saper mangiare è anche un saper vivere
Banca del Sapere
Parlamento dello stato agroalimentare
Museo del design alimentare
Parma on line: rete di comunicazione interattiva
Editoria multimediale agroalimentare
Vivere bene: testata di culture alimentari
Scuola Europea del cinema e del multimedia

-Sapori e Saperi: il saper mangiare è anche un saper vivere

I circuiti comunicazionali sembra non appartengano a Parma che non ha certo espresso le sue potenzialità ed ha alimentato saperi fuori dal territorio cosicchè oggi abbiamo una incapacità di interazione tra industria e menti locali. Una città ingessata sul fare e non sul sapere pur avendo una importante Università e industrie internazionali. Questo nella attuale prevalenza di economia immateriale, in una mutazione antropologica, in un mondo che si sta digitalizzando e che vedrà uno scambio di bit (che non sono i figli dei fiori) alla velocità della luce prima ancora degli atomi ancorati alle logiche materiali. Le tecnologie digitali introducono infatti un elemento di trasformazione radicale nelle forme della vita e delle conoscenze  contemporanee.
La mia argomentazione parte dal fatto che siamo di fronte a tre grandi culture alimentari mondiali:
- quella del nord, americana, anglosassone, tedesca, finlandese con grandi razionalizzazioni e semplificazioni, prive si potrebbe dire di personalizzazione;
- quella mediterranea ispanica, francese, greca, italiana caratterizzata da forte personalizzazione e da culture locali;
- quella orientale cinese, giapponese, indiana, caratterizzata da alimenti vegetariani e crudità.