Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Pilotta

Pilotta: informazioni della città di Parma

Si parte con Provincia Nuova la lista dei civici per le elezioni provinciali 2014

La lista dei Civici Provincia Nuova
Provincia Nuova si presenta alla stampa. Ralli: “Siamo un raggruppamento civico e moderato che mette al centro il bene comune e il riequilibrio territoriale”.

Presentata questa mattina la lista dei civici moderati che parteciperà alle elezioni per il rinnovo degli organi di governo della Provincia di Parma in programma il 9 ottobre prossimo.

Provincia Nuova – questo il nome della lista – è un raggruppamento di nove consiglieri appartenenti a diversi Comuni del territorio, che si riconoscono in un progetto moderato alternativo a quello messo in campo in questi giorni dal Partito Democratico. Ne fanno parte Laura Cavandoli (Neviano degli Arduini), Luca Pollastri (Fidenza), Gianni Guido Bellini (Traversetolo), Federico Giordani (Soragna), Marco Moreni (Sissa-Trecasali), Carlo Oppici (Fornovo), Gianluigi Matteo Registro (Palanzano), Franco Rolandi (Compiano), e Giuseppe Conti (consigliere provinciale uscente). La lista esprime anche un candidato Presidente, Fausto Ralli, Sindaco di Bore.

Elezioni Provinciali 2014, i civici presentano la loro lista: Provincia Nuova

Lista Provincia Nuova - lista civica per le elezioni provinciali di Parma 2014


Candidato Presidente:

Fausto Ralli - Sindaco di Bore

Candidati consiglieri:

1. Bellini Gianni Guido – consigliere comunale di Traversetolo
2. Cavandoli Laura – consigliere comunale di Neviano degli Arduini
3. Conti Giuseppe – consigliere provinciale uscente
4. Giordani Federico - consigliere comunale di Soragna
5. Moreni Marco  - consigliere comunale di Sissa – Trecasali
6. Oppici Carlo - consigliere comunale di Fornovo Taro
7. Pollastri Luca consigliere comunale di Fidenza
8. Registro Gianluigi Matteo – consigliere comunale di Palanzano
9. Rolandi Franco consigliere comunale di Compiano

Cardinali: "Listone tramontato solo per il no di Pizzarotti"

La lista unitaria istituzionale è tramontata solo per il «no di Pizzarotti, non per le fratture interne al Pd». Lo sostiene il segretario provinciale del Pd Alessandro Cardinali. «Nei giorni scorsi - scrive Cardinali - si sono confrontate due visioni nel Pd su come affrontare le elezioni provinciali. Da una parte una visione più larga di tipo istituzionale che intendeva includere tutte le rappresentanze del territorio, dall’altra una visione più politica. La prima opzione ha retto sino a quando si è svolta una discussione tra tutte le forze in campo compreso il sindaco di Parma, ma quando Pizzarotti, per problemi interni al suo Movimento, ha deciso di tirarsi indietro questa impostazione è venuta meno. Valutata la situazione il Pd ha deciso di scendere in campo direttamente e candidarsi a continuare l’ottimo lavoro svolto sino ad oggi».  

Fonte link: http://www.gazzettadiparma.it/news/politica/217224/Cardinali---Listone-tramontato-solo.html 

Elezioni Regione Emilia Romagna: 5 di Parma in lista per il M5S, la candidata presidente è la modenese Giulia Gibertoni

Giulia Gibertoni è la candidata presidente alle Regionali in Emilia-Romagna per il Movimento 5 Stelle. Fra i candidati al Consiglio ci saranno 5 parmigiani: Francesco Rossi, Andrea D'Alessandro, Renzo Minari, Chiara Maffucci e Patrizia Adorni. Per essere in regola con le norme sulle quote rosa, la Maffucci è stata inserita poiché è stata la prima a rispondere all'appello lanciato dal M5S relativo a Parma, dove scarseggiavano le candidate. La Adorni fa parte del gruppo Amici di Beppe Grillo ed è stata inserita dopo il ritiro Raffaella Iacci: è stata la seconda a rispondere all'appello pubblicato nei giorni scorsi sul blog di Grillo. 

Giulia Gibertoni (modenese, 39enne di professione ricercatrice) ha ottenuto 266 preferenze nel secondo turno delle "regionalie" online del M5S. I dati sono stati diffusi dal blog di Beppe Grillo: in totale al secondo turno della consultazione via web in Emilia-Romagna sono state espresse 2.139 preferenze, ma non viene fornito il numero degli aventi diritto. Dietro la Gibertoni, altre due donne: Elena Cipolletta con 99 voti e Ilsa Orano con 75. Staccata la favorita Silvia Piccinini con 75.

Elezioni provinciali 2014: presentate liste e candidature

I candidati a presidente sono il sindaco di Bore Fausto Ralli e il sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli

Parma,19 settembre 2014 –  Oggi alle 12 sono scaduti i termini per la presentazione delle liste per l’elezione del presidente della Provincia e dei consiglieri provinciali.

Le liste presentate sono due i candidati presidenti: Fausto Ralli sindaco di Bore e Filippo Fritelli sindaco di Salsomaggiore.

Le liste per il Consiglio provinciale sono:

Provincia Nuova”, che vede candidati:
1. Bellini Gianni Guido – consigliere comunale di Traversetolo
2. Cavandoli Laura – consigliere comunale di Neviano degli Arduini
3. Conti Giuseppe – consigliere provinciale uscente
4. Giordani Federico - consigliere comunale di Soragna
5. Moreni Marco  - consigliere comunale di Sissa – Trecasali
6. Oppici Carlo - consigliere comunale di Fornovo Taro
7. Pollastri Luca consigliere comunale di Fidenza
8. Registro Gianluigi Matteo – consigliere comunale di Palanzano
9. Rolandi Franco consigliere comunale di Compiano

Partito Democratico”, che vede candidati:
1. Bianchi Paolo – sindaco di Collecchio
2. Canova Michela – sindaco di Colorno
3. Cantoni Gianpaolo - consigliere comunale di Medesano
4. Censi Andrea – sindaco di Zibello
5. Massari Andrea – sindaco di Fidenza
6. Moretti Claudio – sindaco di Monchio
7. Porcari Marco - consigliere comunale di Fornovo di Taro
8. Serpagli Gianpaolo - consigliere comunale di Bedonia
9. Vescovi Maurizio - consigliere comunale di Parma

Piazza GHIAIA privatizzata alla CONAD

CONTESTATO IL SINDACO FEDERICO PIZZAROTTI ALLA SUA PRESENTAZIONE DEL BILANCIO ALL'ASTRA

Federico Pizzarotti - Sindaco di Parma

Contestato il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti alla sua Presentazione del Bilancio al cinema Astra di Parma il 18/09/2014.
Ora, forse, si renderà conto di cosa pensano di lui tanti suoi concittadini, forse inizierà a farsi un nuovo racconto della sua legislatura e dell' irrimediabile suo declino. Per certi versi molto simile alla contestazione del 2011 contro Vignali sotto i portici del Grano.
Capirà forse, le ragioni argomentate di Mauro Nuzzo (M5S), volutamente espulso da lei per aver dissentito sulla sua attività amministrativa. Era nel giusto e le dava utili suggerimenti e osservazioni inascoltate da lei e Vagnozzi. Il suo senso della visione monolitica, arrogante, senza esperienza, senza quelle sfaccettature indispensabili per capire la realtà da diversi punti di vista. Lei oggi non rappresenta Parma... e non l'ha mai rapprersentata. (Parma, 19/09/2014)

Luigi Boschi 

articoli correlati

immagini (da parma.repubblica.it)

IL PD SI RICOMPATTA E PRESENTERA' UNA UNICA LISTA ALLE ELEZIONI 2014 PER LA PROVINCIA DI PARMA

Filippo Fritelli - Sindaco PD di SalsomaggioreAlessandro Cardinali Segretario Provinciale PD

Come se niente fosse accaduto, il PD di Parma ricompone in extremis la spaccatura nel Partito Democratico sulle elezioni per la Provincia. I Democratici restano nelle redini di Cardinali che agisce indisturbato tra pavidi senza verità, incapaci di chiedere e ottenere le sue dimissioni, e si presenteranno con un'unica lista, dopo il terremoto causato dal "listone" voluto da Pizzarotti e appoggiato dalla triade PD (Cardinali, Pagliari, Ferrari).
La decisione è arrivata in serata al termine di una serie di riunioni e confronti. Il candidato presidente sarà il sindaco di Salsomaggiore Fritelli.  
Dopo questo inciucione interno del PD si capisce chi di loro non si fida più! Sono afflitti da un incurabile e insanabile alzheimer politico: Sono da TSO.
Il partito di Cardinali è contagioso ai sani di mente. L'allontanamento della gente dalla politica e da loro, è dovuto e comprensibile. Scatta una istintiva, comprensibile repulsione. Si spiega il successo alle Amministrative di Parma del M5S, così come il listone di Pizzarotti per la Provincia. La fogna del PD continua. Hanno tappato la falda, aperta da Pizzarotti, ma resta la fogna. A questo punto, il trattamento riservato da Pizzarotti e Villani, si capisce ed è giustificato. La fogna si usa per lo scarico.

STU AUTHORITY, PARTECIPATA DEL COMUNE DI PARMA, IN LIQUIDAZIONE

Stu Authority spa, società partecipata del Comune di Parma, è in liquidazione. La società costituita il 03/02/2006 ha eroso tutto il proprio capitale 3.132.880,00 €.
Era nata per la progettazione e realizzazione dell''intervento di riqualificazione denominato -Comparto Via Piacenza- nell'ambito del quale la progettazione e realizzazione della sede definitiva dell''Autorità Europea della sicurezza Alimentare; ma anche la realizzazione delle opere collegate all'arrivo dell'EFSA: oltre la sede il  Ponte Nord, la Scuola Europea... Una società totalmente finanziata dallo Stato, per la realizzazione di opere, ora in liquidazione perché senza capitale e la Scuola Europea ancora da finire. Authority S.p.A. era stata conferita in STT Holding S.p.A. il 07/10/2009
continua domani

Il centro cinema "Lino Ventura" di Parma chiuderà nel maggio 2015

Lavori per 1,1 milioni fra Biblioteca Civica e Ospedale Vecchio

Il centro cinema "Lino Ventura" sarà chiuso nel maggio 2015. La chiusura rientra in un piano di riorganizzazione più ampio del sistema cinematografico cittadino. E' quanto emerso dalla seduta della commissione Cultura in Comune. 
Giornali, riviste e dvd troveranno spazio nella biblioteca Civica. In primavera, inoltre, saranno effettuati lavori di manutenzione sia nella Civica sia all'Ospedale Vecchio, per un costo di 1,1 milioni di euro circa.
In Commissione si sono presentati anche esponenti del comitato "Leggere fra le ruspe", che hanno consegnato 1.520 firme raccolte in 40 giorni per chiedere che il Centro Cinema "Ventura" resti nell'attuale sede.

Fonte Link: http://www.gazzettadiparma.it/news/parma/217007/Il--Lino-Ventura--chiudera.html 

ROBERTO GHIRETTI: CRITICA PIZZAROTTI. LA LISTA DEI MODERATI DELL'AREA CIVICA E' PRONTA

Ho vissuto con grande disagio tutta la vicenda relativa alle imminenti elezioni provinciali e per questo ho preferito non entrare nella polemica pur avendo avuto di fatto un ruolo nello sviluppo della vicenda e negli esiti a cui ha portato.

Va infatti ascritto alla lista dei moderati, alla quale ho aderito fin da subito insieme ai consiglieri comunali Pellacini e Guarnieri, il merito di aver rotto quel fronte compatto dei sindaci che fino a dieci giorni fa sembrava destinato ad avere il monopolio dell'ente provinciale.

Perché andare a rompere le uova nel paniere a quella che pretendeva di presentarsi come una lista “super partes” interessata soltanto al bene comune?

Perché di lista super partes non si trattava e questo Pizzarotti lo sa bene. Quella lista era frutto di accordi tra segreterie politiche attraverso i quali i sindaci avrebbero ottenuto un controllo totale sul nuovo Ente, Pizzarotti avrebbe avuto accesso al Consiglio provinciale pur non avendo i numeri per farlo e il Pd avrebbe spostato gli equilibri politici interni dalla città capoluogo ad un gruppetto di sindaci arrembanti. È questa la democrazia? È questo il dialogo super partes per il bene comune? È questo ciò di cui ha bisogno la nostra provincia? Non credo proprio.

LA RENDICONTAZIONE A FINE MANDATO DI GABRIELE FERRARI

Gabriele Ferrari
Ricevo oggi (18/09/2014) lettera di Gabriele Ferrari che mi comunica, a fine legislatura, la sua rendicontazione Regionale. Come mai solo ora e mai una sua comunicazione durante la legislatura? Effetto del mio articolo sulla triade che aveva portato al listone di Pizzarotti che lo ha visto coinvolto come gran tessitore insieme a Giorgio Pagliari e Alessandro Cardinali? Vi sarà anche questo nella sua rendicontazione? LB


Carissime, Carissimi,

ritengo doveroso, al termine della legislatura, inviarvi i documenti di rendicontazione del mio lavoro di Consigliere Regionale nella legislatura 2010 - 2014.  

Centro Cinema Lino Ventura, Utenti della Civica: "Un progetto da cestinare"

PETIZIONE CON LE 1500 FIRME PER IL CENTRO CINEMA LINO VENTURA PDF

Il Comitato di utenti ha anticipato la bozza di riorganizzazione, non ancora presentata dal Comune. Timore per lo smembramento del patrimonio del Centro Cinema Lino Ventura: “Chiediamo all’assessore Ferraris un incontro pubblico”

“Un progetto da cestinare”. Il Comitato Utenti Biblioteche “Leggere tra le ruspe” rende pubblica la bozza del piano di riorganizzazione della biblioteca Civica. Il testo, recapitato in forma anonima nella casella di posta del Comitato, non è ancora stato ufficialmente diramato dal Comune.

E’ possibile che approdi nella Commissione cultura prevista giovedì e che venerdì venga presentato all’incontro con l’assessore Ferraris a palazzo del Governatore “Verso un distretto cinematografico diffuso. Opportunità e linee di sviluppo strategico”. Intanto, però, arriva la bocciatura del Comitato civico che in un mese ha raccolto 1.500 firme a favore del mantenimento del Centro cinema Lino Ventura nella sua sede dell’Ospedale Vecchio.

Il progetto di riorganizzazione della Civica prevederebbe infatti il trasferimento di parte della collezione della videoteca al piano terra della biblioteca, negli spazi in fondo a sinistra rispetto all’ingresso. Una scelta che sacrificherebbe la vocazione più specialistica e professionale del Centro Cinema, a favore dell’utenza amatoriale.

Iva sui rifiuti, Federconsumatori avvia causa collettiva

Federconsumatori Parma comunica a tutti i cittadini interessati di avere promosso, con la collaborazione degli Avvocati Simona Carpena e Ferdinando Piccinini, una causa collettiva nei confronti di IREN, per il recupero dell’IVA ingiustamente pagata dagli utenti sul tributo dei rifiuti TIA (Tariffa di Igiene Ambientale) negli anni compresi tra il 2004 e il 2012.

Fu infatti nel 2012 che la Corte di Cassazione dichiarò illegittima e fece cessare la richiesta di pagamento dell’IVA.

Recentemente, due sentenze, a Bologna e Reggio Emilia (sia presso il Giudice di Pace che presso il Tribunale) hanno dato ragione ai ricorsi promossi da Federconsumatori e in passato anche a Parma si registrarono sentenze favorevoli.

Gli importi IVA di cui gli utenti possono chiedere la restituzione variano da alcune decine ad alcune centinaia di euro. Si tratta comunque di un’azione volta a ripristinare, seppure a posteriori, una situazione di legalità.

Potranno aderire alla causa i residenti nei comuni che in quegli anni adottarono la TIA al posto della TRSU, che sono: Parma, Collecchio, Langhirano, Colorno, Felino, Fontanellato, Fontevivo, Mezzani, Medesano, Sala Baganza, Sorbolo, Tornolo e Torrile.

Gli utenti interessati possono rivolgersi, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9,00 alle 13,00 e dalle 14,00 alle 18,00, alla sede provinciale di Federconsumatori a Parma in via La Spezia ,156 (tel. 0521 508949) per avere tutte le informazioni necessarie e per procedere all’adesione formale alla causa collettiva.

Fonte link: http://parma-comunica-stampa-parma.blogautore.repubblica.it/2014/09/16/iva-sui-rifiuti-federconsumatori-avvia-causa-collettiva/ 

Cardinali: Niente inciuci con Pizzarotti. Ma il suo post non c'è più! Perché?

Il post dal titolo: "Cardinali, niente inciuci con Pizzarotti" è apparso il giorno 02/09/2014, alle ore 17:40, sul quotidiano online Gazzetta di Parma. Oggi (18/09/2014) non è più raggiungibile. Perchè? Luigi Boschi

E' ritornato online: link: http://www.gazzettadiparma.it/news/politica/213286/-Cardinali--niente-inciuci-con.html

Questo il testo: 

Rutigliano (Millecolori): "E dica sì alle primarie per i candidati consiglieri regionali, se no è vecchia politica"

"Il 28 settembre si terranno le primarie del PD per la scelta del candidato Presidente della Regione Emilia Romagna.
Purtroppo niente si sente per le primarie per la scelta dei candidati consiglieri. Il timore è che si voglia far passare il tempo per poi dire: non c’è più tempo!". L'allarme arriva da Massimo Rutigliano, tra i fondatori di Millecolori ed ex assessore.
"E’ una tecnica vecchia e logora che se fa tanto comodo all’establishment (vecchio o nuovo che sia) di certo fa male al PD - sottolinea Rutigliano -.Invito quindi il Segretario provinciale del PD ad uscire allo scoperto, ad affrontare immediatamente la questione per organizzare primarie aperte (l’apertura al mondo esterno deve essere una costante caratteristica del nuovo PD) per la scelta dei candidati al Consiglio Regionale e, se così non dovesse essere, a dichiarare apertamente che il Segretario provinciale non sta lavorando per evitare le primarie per poi cercare di imporre anche sé stesso quale candidato alla Regione.
Sarebbe veramente un pessimo esempio di “vecchia”, “vecchissima”, politica".

Il Premio dei premi alla Barilla per il progetto Barilla per i Giovani

Per iniziativa sui giovani nel concorso indetto nel centenario della nascita di Pietro. Riconoscimento della Presidenza del Consiglio

Conferito a Barilla un riconoscimento - durante la Cerimonia di consegna del Premio dei Premi a Roma alla presenza del Ministro Stefania Giannini - per il Progetto "Barilla per i Giovani", concorso indetto dall'azienda di Parma per premiare giovani talenti in occasione del centenario della nascita di Pietro Barilla.

Il Premio dei Premi - ricorda la Barilla - è il più importante e ambito riconoscimento italiano istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su concessione del Presidente della Repubblica Italiana, in cui ogni anno si premia l'eccellenza innovativa del Made in Italy.

Nel caso del premiato "Barilla per i Giovani" http://www.barillaperigiovani.it/, è stato riconosciuto il sostegno concreto dato ai percorsi formativi di dieci giovani talenti, prevalentemente donne (studentesse e ricercatrici tra 18 e 28 anni) che hanno sviluppato idee e progetti su quattro aree tematiche (Qualità e Innovazione, Business Management, Arte - Comunicazione - Design e No Profit) legate dall'obiettivo comune di contribuire in modo concreto a migliorare la qualità della vita delle persone e del pianeta, oltre che del nostro Paese. I vincitori - nove ragazze e un ragazzo - hanno ricevuto ognuno una borsa di studio del valore di 40.000 euro.

"Siamo molto onorati di ricevere questo prestigioso riconoscimento soprattutto perchè va a un progetto nato per celebrare il centenario della nascita di nostro padre che credeva nei giovani e nel loro talento,- ha commentato Paolo Barilla, Vice Presidente del Gruppo Barilla - e che più di tutti hanno il diritto di essere sostenuti e incoraggiati nella costruzione di un futuro migliore".

Elezioni provinciali di Parma: il PD presenta la lista Provincia Democratica

I consiglieri comunali di Parma e altri esponenti dem contrari al listone con M5s e Fi. Dall'Olio: "Pizzarotti poco affidabile"

Come previsto, parte del Pd darà vita a un proprio raggruppamento in vista delle elezioni Provinciali. 
Una lista che nasce in contrapposizione alla scelta di altri primi cittadini democratici (Fidenza e Salso in primis)  - con il via libera del segretario provinciale del partito Alessandro Cardinali - di dare vita a un listone con Fi e M5s, ovvero con il sindaco Federico Pizzarotti.

Una frattura all'interno del Partito Democratico? "Abbiamo cercato la discussione, eravamo disposti al dialogo - ha risposto stamattina il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto - ma le nostre posizioni sono state rigettate. La nostra è una posizione di minoranza nel partito, ma è quella che riteniamo giusta".

Lavagetto ha ripercorso la genesi del listone unitario: "Abbiamo discusso questa ipotesi i primi di settembre, nell'assemblea comunale che ha detto 'nò a un accordo con forze politiche non compatibili col Pd. Il Pd della città ha fatto un documento che ha rigettato un'ipotesi di questo tipo. Personalmente - ha aggiunto il segretario - non vedo nessuna compatibilità tra il mio pensiero e quello rappresentato dal Movimento 5 stelle e dal sindaco Pizzarotti".

Ancora sul listone: "Una lista unitaria di natura istituzionale ha senso se tutti vi partecipano. No ce l'ha se esiste una lista che procede per i fatti suoi", ha considerato sempre Lavagetto. 

Parma, Filippo Greci del Movimento nuovi consumatori lancia la lega anti 5 Stelle

Il gruppo di cittadini ha deciso di creare una confederazione di associazioni per dare "un nuovo indirizzo civico e facendo critica in modo sano e intelligente alla giunta di Federico Pizzarotti". La prima battaglia è contro gli autovelox

Il Movimento Nuovi consumatori scatena la guerra degli autovelox e lancia la sfida all’amministrazione Cinque stelle di Federico Pizzarotti: “A ottobre creeremo una confederazione con altre associazioni per salvaguardare il bene dei cittadini di Parma, diventeremo un organo di critica costruttiva a questa amministrazione” annuncia il presidente Filippo Greci. Le associazioni (culturali, sportive, di volontariato) che hanno aderito fino ad ora sono 23, l’obiettivo è dare alla città laboratorio del civismo un “nuovo indirizzo civico, provare a fare politica per i cittadini, facendo critica in modo sano e intelligente, anche se sappiamo – aggiunge Greci, riferendosi ai Cinque stelle e al sindaco Pizzarotti – che dall’altra parte non avremo una controparte aperta”.

Come punto di partenza ci sono già alcune battaglie che il Movimento Nuovi consumatori ha portato avanti per la tutela dei diritti dei cittadini. Dopo la denuncia sul comportamento del comandante della polizia municipale Patrizia Verrusio, il nuovo traguardo sarà vincere la partita sugli autovelox, che da mesi vedono un braccio di ferro con il Comune di Parma.

Festa dell'Unità Democratica di Parma dal 19 al 21 settembre presso il circolo Colombofili

Festa dell'unità democratica

È stata presentata oggi, mercoledì 17 settembre, presso la sede del PD cittadino di Parma, la "Festa dell'Unità Democratica": una tre giorni di politica, cultura e spettacoli promossa dall'Unione Comunale del PD di Parma con il sostegno del Gruppo Consiliare democratico. 

La festa si svolgerà da venerdì 19 settembre a domenica 21 ed avrà luogo presso il circolo Arci APP Colombofili (strada dei Mercati 15/d). 

Si comincia venerdì 19 alle ore 17.30 con i saluti del segretario cittadino Lorenzo Lavagetto, di quello provinciale Alessandro Cardinali e del capogruppo in Consiglio Comunale Nicola Dall'Olio.

Alle 18.00 è in programma "Torno subito", tavola rotonda sul commercio che vedrà interloquire il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, l'assessore alla Gestione del Comune di Pesaro Antonello delle Noci, il consigliere comunale PD Massimo Iotti, il direttore provinciale di Confesercenti Luca Vedrini ed il direttore Area associativa di ASCOM Claudio Franchini. Modererà l'incontro Luca Molinari della Gazzetta di Parma.

In serata, dalle ore 21.00, spazio alla politica nazionale con "L'Italia cambia verso" dove sarà ancora protagonista Matteo Ricci, questa volta in veste di vice presidente del Partito Democratico che converserà insieme ai parlamentari di Parma: Patrizia Maestri, Giorgio Pagliari e Giuseppe Romanini. Modererà l'incontro Stefania Piras di Radio Bruno.

Primo appuntamento musicale della tre giorni alle ore 22.30 con il concerto dei Divi di Hollywood seguito dal dj set di Dj Frambo.

 

Provincia Democratica presente alle elezioni della Provincia di Parma 2014

Mercoledì 17 settembre 2014, a due giorni dalla presentazione delle liste per le elezioni Provinciali, la situazione a Parma è sottosopra e non mancano i colpi di scena. Dopo la scoperta del listone unico promosso da Pizzarotti, la replica del PD dissenziente con la presentazione di una propria lista. E poco prima della presentazione, verso le 16, Pizzarotti ritira la lista ( quali le vere motivazioni? Per ora solo giustificazioni politicamente poco credibili: "La Provincia non dovrà essere rappresentata da nessun partito, ma dalle sue istituzioni"). Pizzarotti, forse le è sfuggito, che le Istituzioni sono espressione di un voto non di una imposizione determinata attraverso un listone unico. Il partito unico non è granché democratico... ne conviene? Le accuse da lei rivolte al PD è ciò di cui lei perpetua dal 2012. Ma lei pensava veramente che la voluta esclusione di tutti i Consiglieri comunali del PD non avrebbe creato una qualche sentita reazione? Le idee in politica devono essere discusse e argomentate, non imposte, come lei ha fatto, attaverso forme molto discutibili sotto il profilo democratico e etico.
I dissidenti del PD con la linea portata avanti senza alcuna approvazione del Partito, da Cardinali, Pagliari, Ferrari, viene presentata al Circolo Bizzozzero alle 17.  I consiglieri Comunali PD di Parma, insieme ai consiglieri comunali di centrosinistra del territorio hanno presentato la lista "Provincia Democratica" per le prossime elezioni Provinciali 2014. "Vogliamo essere una lista per la trasparenza e la chiarezza, caratteristiche indispendabili alla politica" - sottolinea Maurizio Verscovi.
Non vuole essere una lista contro, ma una lista per, aperta a tutti i consiglieri e Sindaci che condividono questa nostra proposta politica per il governo provinciale.

Pizzarotti: "Non mi candido per le provinciali"

«Non mi candido per le Provinciali. E' stata una riflessione ponderata e doverosa» e «preziosi» sono stati i messaggi arrivati dalla Rete. Lo scrive su Facebook il sindaco Federico Pizzarotti, facendo marcia indietro rispetto all'accordo Pd-M5S trapelato ieri. A quanto si apprende, inoltre, nessun Cinque stelle sarà candidato, né nel "listone" del maxi accordo, né in una lista del solo M5S. 
Subito sulla pagina Facebook ufficiale del primo cittadino si è acceso il dibattito. C'è chi sostiene Pizzarotti, chi fa notare che "la rete ti ha fatto un c... tanto" e chi si limita a chiedere chiarimenti più generali: "Ma le province non erano state abolite?". 

Pizzarotti: "Non mi candido in Provincia". E attacca il Pd di Parma

Il primo cittadino fa retromarcia ma ribadisce: "La Provincia non dovrà essere rappresentata da nessun partito, ma dalle sue istituzioni". Critiche alla scelta erano arrivate sui social e nel gruppo consiliare 5 stelle

Nel pieno delle reazioni alla nascita del listone Pd-M5s-Fi in Provincia, il sindaco di Parma Federico Pizzarotti torna a parlare e innesta la retromarcia: "Non mi candido per le Provinciali. E' stata una riflessione ponderata e doverosa. Preziosi sono stati anche i contributi arrivati dalla rete. Ciò che è stato e che è tuttora un dialogo tra 46 sindaci che rappresentano 400 mila abitanti e una Provincia in emergenza, per i giornali si è trasformato in giochi di alleanze o quant'altro".

Nel gruppo consiliare del M5s e sui social numerose erano state le reazioni negative alla scelta di listone unico. Adesso resta da capire cosa avverrà nel Pd che in parte - con alcuni sindaci del Parmense spinti dalla segreteria provinciale - era pronto alla grande alleanza mentre i democratici di Parma si apprestano a presentare lista propria in contrasto al listone.

Listone per la Provincia di Parma, la rete boccia Pizzarotti

Acque agitate tra gli attivisti pentastellati che su Facebook contestano il sindaco. Dopo il consigliere Nuzzo, anche Savani spiega che non parteciperà al voto. Guardamagna: "Ennesima prova di trasformismo"

La lista unitaria Pd-M5s-forze di centrodestra (Fi in primis)ha avuto l'effetto di uno tsunami sulla politica locale e nazionale. Acque parecchio agitate si registrano tra gli attivisti pentastellati che in rete, questa volta, sembrano bocciare decisamente la linea politica del sindaco Federico Pizzarotti.

Tace per ora il blog di Grillo, che solo 24 ore fa si era espresso nettamente contro la partecipazione alle elezioni provinciali di candidati del M5s. Un monito che non ha fermato l'intesa tra i 5 Stelle locali e le altre forze politiche. Ma che lascia non pochi strascichi. 

RUVIDAMENTE: chi è più fuori dal M5S?
DIVISO ANCHE IL PD: nasce lista alternativa

Simona Tosini Pizzetti: restituiremo le tessere del Partito dopo questa insolenza politica di un manipolo senza scrupoli

Simona Tosini Pizzetta
Il PD CITTADINO DI PARMA con i Consiglieri Comunali PD in prima linea è assolutamente contrario al Listone con Pizzarotti e Forza Italia. Condivido pienamente questa posizione e aggiungo che, nel caso non si riuscisse a bloccare un accordo che sarebbe giustamente incomprensibile per tanti nostri iscritti, militanti ed elettori, io, sono pronta a riconsegnare la mia tessera PD, e non sarò la sola! Purtroppo, a livello locale, il rinnovamento in cui ho tanto creduto, mi appare veramente un sogno svanito, le vecchie umilianti logiche stanno prevalendo su coerenza e serieta'. (17/09/2014)
Simona Tosini Pizzetti
Responsabile cultura PD Parma 

Condividi contenuti