Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Pilotta

Pilotta: informazioni della città di Parma

Upi: Parma sta reagendo ma la disoccupazione è tanta

Il presidente degli industraili al Regio ha tracciato il bilancio annuale. Critiche alla Regione per il blocco della TirrenoBrennero.Gli accenni su Brexit del ministro Galletti e di Boccia

di RAFFAELE CASTAGNO

"Una città che sta reagendo". Così il presidente dell'Upi Alberto Figna ha definito Parma nella relazione annuale dell'assemblea degli industriali al Teatro Regio, dove sono intervenuti il presidente di Confindustria nazionale Vincenzo Boccia e il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, impegnato in una tavola rotonda insieme al vice direttore del Sole 24 Ore Alessandro Plateroti e al giornalista di Repubblica Andrea Bonnani. 

Figna ha aperto il suo discorso con i risultati economici del 2015, che hanno visto un miglioramento della produzione industriale, soprattutto grazie all'export, arrivato a oltre sei miliardi di euro. Buone le performance in particolare dell'agroalimentare e del chimico farmaceutico. Perdura invece come elemento negativo il dato sulla disoccupazione, soprattutto per quella giovanile, che ha pur registrato un sensibile calo, passando dal 16,7 al 14%.

IL CONTESTO ECONOMICO - Il 2015 ha visto il valore aggiunto chiudere in modo positivo, con un più 1,4%, superiore alla media sia regionale (1,2%) che nazionale (1%). Il risultato della performance è dipeso in buona parte dall’export, che ha registrato una variazione positiva del 9%, confermando il successo dei prodotti “made in Parma”. Complessivamente le esportazioni hanno raggiunto un valore di 6,3 miliardi di euro, con un aumento di oltre 500milioni di euro rispetto al 2014. 

Dall’Olio: “Voglio primarie aperte anche alle liste civiche”

Le primarie per la scelta dei candidati alle cariche amministrative e politiche sono uno degli elementi costitutivi del Partito Democratico che lo distinguono dagli altri partiti, compresi i 5 stelle. Bene ha fatto il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto a ribadire che il candidato sindaco del centro sinistra per le elezioni del 2017 sarà individuato con primarie aperte e fatte per tempo, a differenza di quanto accaduto nell’ultima tornata elettorale in provincia in cui si è fatto di tutto per evitarle anche laddove erano state richieste, nonostante siano espressamente previste dallo statuto del PD.

Primarie che ovviamente non devono ripiegarsi in una partita interna del PD, ma devono essere il più possibile aperte ed inclusive, coinvolgendo forze civiche e politiche che si riconoscono in un progetto comune per la città, ispirato ai valori e ai principi del centro-sinistra. Giusto quindi richiamare il problema delle periferie, sia fisiche che sociali che sono cresciute in questi anni di crisi e di austerity e che le politiche dell’amministrazione Pizzarotti non hanno fatto che accentuare,trascurando completamente i quartieri, incrementando il costo dei servizi alla persona e diminuendone l’offerta, mantenendo ai massimi l’imposizione fiscale.

Le primarie, attraverso il confronto sui temi nell’ambito di una piattaforma comune che si è andata formando in questi anni con iniziative come ParMap, devono essere occasione per fare emergere un progetto organico per la città, quello che è mancato a questa amministrazione, e una candidatura autorevole, legittimata dal voto degli elettori, in tempi utili per costruire insieme ai cittadini il proprio programma. Quindi primarie presto, possibilmente entro la fine dell’anno, non certo a due mesi dalle elezioni. E primarie aperte, ma non omnibus, in cui possano salire anche personaggi in cerca di visibilità e poltrone che nulla hanno a che fare con il centro-sinistra.

NUOVE ATMOSFERE, Undicesima edizione dal 10 novembre 2016 al 14 maggio 2017. Auditorium Paganini di Parma

NUOVE ATMOSFERE

Undicesima edizione

dal 10 novembre 2016 al 14 maggio 2017

Auditorium Paganini di Parma

Nuove Atmosfere, la rassegna concertistica della Filarmonica Arturo Toscanini all’Auditorium Paganini di Parma che avrà luogo dal 10 novembre 2015 al 14 maggio 2016, arriva quest’anno alla sua undicesima edizione, che si preannuncia ricca di novità e di appuntamenti: oltre ad una rinnovata linea grafica, più diretta e vivace, Nuove Atmosfere arricchisce ancora il proprio cartellone arrivando a 28 appuntamenti sinfonici (nella tradizionale ripartizione tripartita fatta di 14 concerti per il Turno Verde, 11 concerti per il Turno Rosso costituito interamente da repliche dei concerti precedenti, 3 concerti per la serie Tutti per uno, che si mantiene come un’opzione sottoscrivibile da tutti gli abbonati), prevede l’introduzione dei matinée della domenica pomeriggio (cinque concerti si terranno infatti alle 17 del giorno festivo), la presenza di due orchestre ospiti (la Regionale Toscana e la Sinfonica Verdi di Milano). Inoltre la stagione è inserita nel programma delle celebrazioni per il 150esimo anniversario della nascita di Arturo Toscanini, che ricorrerà il 25 marzo 2017.

PROPOSTE DI LAVORO

olavoro - Parma, Emilia-Romagna
Parma@obiettivolavoro.it il presente annuncio è rivolto ad entrambi i sessi, ai sensi delle leggi 903/77 e 125/91, e a persone di tutte le eta e tutte le...
Bakeky - 26 giu

IL TANGO ALLA LIBRERIA FELTRINELLI: DALLE ORIGINI A PIAZZOLLA

IL TANGO ALLA LIBRERIA FELTRINELLI:

DALLE ORIGINI A PIAZZOLLA

Giovedì 30 giugno alle ore 18 il nuovo concerto della rassegna. Tra le Pagine insieme al gruppo Kairos Avenida 

La rassegna concertistica Tra le Pagine che Fondazione Toscanini e Libreria Feltrinelli hanno deciso di organizzare presso la sede di quest’ultima, in Strada Farini 17 a Parma, presenta, giovedì prossimo, 30 giugno, un lungo e appassionante viaggio nella storia del tango, il ballo che rapisce e incanta, dalle sue origini ottocentesche sino ai capolavori di Astor Piazzolla, colui che, insieme a Gardel, ha dato rilevanza mondiale alla magnifica musica argentina.

A proporlo è il quartetto composto dall’accordeon di Claudio Ughetti, dal violino di Mario Mauro, dal contrabbasso di Claudio Saguatti e dalla voce di Gabriella Carrozza.

I BERLINER PHILHARMONIKER PER LA PRIMA VOLTA A PARMA, Cortile della Pilotta venerdì 1 luglio 2016, ore 21.30

I BERLINER PHILHARMONIKER

I BERLINER PHILHARMONIKER PER LA PRIMA VOLTA A PARMA

Sul podio Yannick Nézet–Séguin

in un programma dedicato a Smetana e Dvořàk

Parma, Cortile della Pilotta venerdì 1 luglio 2016, ore 21.30 

L’orchestra dei Berliner Philharmoniker, per la prima volta a Parma, sarà protagonista, venerdì 1 luglio 2016 alle ore 21.30, sul palcoscenico del grande teatro all’aperto di ParmaEstate, nel Cortile della Pilotta. A dirigere i musicisti più famosi del mondo, una vera stella tra i Direttori della nuova generazione: il canadese Yannick Nézet–Séguin, appena nominato Direttore Musicale della Metropolitan Opera House di New York. 

Il programma della serata sarà interamente dedicato alla musica boema, con le composizioni dei due musicisti simbolo di questa terra: Bedřich Smetana, con il poema sinfonico “La Moldava” dal ciclo La mia patria e Antonin Dvořàk con la Serenata per archi in Mi maggiore, op. 22 e la Sinfonia n.6 in Re maggiore, op. 60.

 

STELLE VAGANTI 2016: INCONTRO CON FRANCESCO GUCCINI all'Auditorium Paganini giovedì 30 giugno 2016 ore 21.30

Francesco Guccini

STELLE VAGANTI 2016: INCONTRO CON FRANCESCO GUCCINI

Giovedì 30 giugno all’Auditorium Paganini la Filarmonica Toscanini esegue la sue canzoni con Nidi, Biondini e Caronna 

La terza edizione di Stelle Vaganti, la rassegna musicale estiva improntata al crossover che la Filarmonica Toscanini tiene all’Auditorium Paganini, prosegue giovedì 30 giugno, alle ore 21.30, con  l’attesissimo concerto – esaurito già da giorni - che si preannuncia come l’evento più importante della stagione  sia per la grande qualità artistica che per il sicuro impatto emotivo sul pubblico.

Incontrare Francesco Guccini è un’occasione per sentire le sue canzoni cantate da Flaco Biondini (chitarra e voce), arrangiate da Alessandro Nidi, direttore della Filarmonica Arturo Toscanini che le esegue. E’ soprattutto il piacere di avere “Maestrone” sul palco a raccontarsi, con Marco Caronna a fargli da specchio, in una intervista teatrale in cui si attraversano le sue canzoni, mentre lui ce ne racconta la genesi. Cantautore, romanziere, affabulatore, testimone prezioso e acuto del nostro tempo, Francesco Guccini è senza dubbio un “maestro”. Uno di quelli che si lasciano ascoltare, che commentano la storia partendo dalle piccole cose e arrivando a dipingere affreschi in versi e in musica. E così è nato uno spettacolo unico: una grande orchestra per grandi canzoni, un dialogo da commedia dell’arte che percorre le storie del mondo di Guccini.

La carica di 20 giovanissimi (PD): “Primarie per dare voce a Parma”

In riferimento a quanto emerso dal dibattito pubblico dentro e fuori il Partito Democratico sul tema delle primarie a Parma, come iscritti ma soprattutto come giovani elettori di centrosinistra, ci sentiamo di intervenire per chiarire come le nostre idee siano sostanzialmente coerenti con quanto espresso dal segretario cittadino Lorenzo Lavagetto. In estrema sintesi: servono le primarie, servono belle primarie, servono primarie “giovani”, anche in risposta a quanto emerso dalle urne domenica scorsa. 

Uno dei temi forti di queste elezioni amministrative, oltre a quello sociale, è infatti sicuramente quello generazionale: come dimostrano le analisi sul voto, in molti contesti, e soprattutto nei ballottaggi, la maggioranza del consenso dei giovani va al Movimento 5 Stelle e non al Partito Democratico. Noi, che siamo giovani, e che impegniamo il nostro tempo libero nella bella Politica - quella con la “P” maiuscola che ancora nel PD si può fare - non possiamo rimanerne indifferenti. Questo deve rappresentare un campanello d’allarme anche per noi.

Incontro sindaci M5s, Pizzarotti: "Non sono stato invitato"

"Non parteciperò all'incontro perché come sindaco non sono stato neanche invitato". Così il sindaco di Parma Federico Pizzarotti risponde a Repubblica Parma a proposito dell'incontro con i nuovi sindaci del Movimento 5 stelle che, a quanto si apprende da alcune agenzie di stampa, si terrà giovedì 23 giugno alle 9.30 a Montecitorio, Roma.

Ci sarà anche qualche primo cittadino eletto nelle passate tornate elettorali, tra questi il sindaco di Pomezia Fabio Fucci, Antonio Cozzolino di Civitavecchia e, con ogni probabilità, il primo cittadino di Livorno Filippo Nogarin. Ma i sindaci di "vecchia data", appunto, non ci saranno tutti, come inizialmente si era pensato di fare con una mega reunion. Solo alcuni prenderanno parte all'incontro e, con ogni probabilità, la decisione di "sforbiciare" le presenze è stata assunta per evitare polemiche sulla probabile mancata convocazione del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, sospeso dal Movimento e ancora in attesa di verdetto.

Il paradosso è che fu proprio Pizzarotti il primo a chiedere, da tempo e in più riprese (l'ultima dopo la morte di Casaleggio), un incontro nazionale che coinvolgesse tutti gli amministratori 5 stelle, ottenendo sempre risposte negative da parte dei vertici del Movimento.

Lorenzo Lavagetto (PD) sulle Primarie a Parma

Mi interessa moltissimo l’esito delle elezioni amministrative, perché dimostra quanto sia all’ordine del giorno la strada di radicale e drastica innovazione che, come ha scritto qualche giornale, ho proposto, con la segreteria cittadina, alla Direzione provinciale del Pd di Parma.

Il primo risultato è che si è aperta una sana riflessione che sta facendo discutere, ma che deve proseguire speditamente. Molti sono favorevoli, alcuni sono contrari ma ci tengo a precisarlo: non ho visto spaccature, liti o contrapposizioni, ma una discussione pacata e serena come di norma in un partito.

La mia opinione però è che dopo 20 anni di sconfitte, a Parma non dobbiamo arrivare a presentare la nostra candidatura due o tre mesi prima del voto. Del resto, in tutto il Paese gli elettori hanno premiato non generiche spinte antisistema – o almeno non solo quelle – ma hanno dato voce alla necessità di trovare risposte nuove.

Diciamocelo: il Pd si è dimenticato delle periferie – la vera parola chiave di queste amministrative, che sarà uno dei grandi temi di Parma 2017 – che vuol dire soprattutto le famiglie piegate dai conti che non tornano a fine mese.

Il Pd ha dimenticato di dire che le persone hanno bisogno di servizi gestiti a beneficio della collettività, non con la logica delle partecipate – multi utility.

Il Pd ha dimenticato di dire che gli asili nido chiudono perché costano troppo e troppe famiglie non se li possono più permettere.

Il Pd non ha studiato, in sintesi, il cosiddetto #casoparma. Leggo analisi sulla sconfitta di Torino del tutto simili a quanto accaduto da noi quattro anni fa.

Insomma, è suonata la sveglia nel Paese per il centrosinistra e stavolta, con tantissime altre persone fuori e dentro il Pd, vogliamo essere tra coloro che faranno suonare la sveglia a Parma.

La nuova composi­zione del Consiglio Direttivo dell'Associazione Sindacale DIREL Parma triennio 2016/2018

Assemblea generale ordinaria della DIREL-PARMA, struttura territoriale della FEDERAZIONE NAZIONALE DIRIGENTI ENTI LOCALI DIREL-CODIRP ROMA.

OGGETTO: Elezione organi provinciali DIREL triennio 2016/2018.

La nuova composi­zione del Consiglio Direttivo dell'Associazione Sindacale DIREL, a seguito delle votazioni tenutesi il giorno 26 maggio 2016 e nel successivo Consiglio Direttivo:

Pini Aldo                            Segretario Generale

Mazzera Ing. Claudio        Vice Segretario Vicario

Tini Oriano                        Capo delegazione trattante

Piccinini Dott. Alberto             Tesoriere

De Leo Ing. Giovanni               Consigliere           

Bacchi Tanani Ing Maurizio     Consigliere      

Bertolini Ing. Dante                  Consigliere

Parma, 20 giugno 2016                                                

Il Segretario Provinciale

Aldo Pini

Maria Teresa Guarnieri nuovo Direttore Generale di ASP Reggio Emilia

Maria Teresa Guarnieri nuovo direttore generale di ASP Reggio Emilia dal 22/06/2016.
Questa mattina (21/06/2016) ha dato le dimissioni da consigliere comunale. Al suo posto in Consiglio subentrerà Paolo Pizzigoni, primo dei non eletti di Altra Politica. (21/06/2016)

Luigi Boschi

DELIBERA DI NOMINA PDF

IL TEATRO REGIO DI PARMA ALLA CONFERENZA DI PRIMAVERA DI OPERA EUROPA Amsterdam, 16 – 18 giugno 2016

“Theatre of the world” è il titolo della Conferenza di Primavera di Opera Europa, l’associazione professionale che accoglie i maggiori teatri d’opera e festival lirici in Europa, tenutasi dal 16 al 18 giugno 2016 dalla Dutch National Opera di Amsterdam. 

A rappresentare il Teatro Regio di Parma, socio di Opera Europa dal 2015, Anna Maria Meo, Direttore generale, e Barbara Minghetti, Consulente per lo sviluppo e i progetti speciali. Insieme a loro, due protagonisti della prossima edizione del Festival Verdi, Saskia Boddeke e Peter Greenaway, che firmano la regia di Giovanna D’Arco e che per primi hanno raccolto la sfida di allestire un’opera verdiana nel prezioso teatro ligneo per il progetto “Maestri al Farnese”. 

Greenaway, “pittore della celluloide”, Saskia Boddeke e Anna Maria Meo sono stati i relatori, insieme ai rappresentati del Maastricht Het Geluid (Paesi Bassi) e della Royal Opera House di Londra, della sessione “New sounds, new technologies” sull’uso delle nuove tecnologie negli spettacoli d’opera. A una platea di oltre duecento partecipanti hanno raccontato il progetto del nuovo allestimento che debutterà il 2 ottobre e di cui sono in corso proprio in questi giorni le prove, spiegando il fascino di questa sfida, le difficoltà derivanti dalla doverosa tutela del monumento e le soluzioni per superare e valorizzare i limiti che la conservazione di uno spazio museale come il Teatro Farnese impone. 

La Conferenza ha riunito ad Amsterdam oltre 500 professionisti in rappresentanza dei Teatri di 35 Paesi - la cui partecipazione, con la presenza di Stati Uniti e Emirati Arabi e Russia, ha superato i confini europei - che nel corso di 20 sessioni di lavoro hanno discusso dei diversi aspetti che impattano sul futuro dell’Opera e del Teatro. 

Jacobazzi chiama l'ex sindaco di Parma Pietro Vignali sul banco dei testimoni

Processo Green Money, nelle liste dei testi della difesa compaiono nomi noti. Chiesta la ricusazione del presidente del collegio per incompatibilità

C'è anche il nome dell'ex sindaco Pietro Vignali nella lista dei testimoni depositata dalla difesa di Giovanni Maria Jacobazzi nel corso del processo che vede imputato l'ex comandante della municipale di Parma, coinvolto nell'inchiesta Green Money.

Tra i 48 testi della lista della difesa ci sono altri nomi noti: il consigliere di Forza Italia ed ex vicesindaco Paolo Buzzi, l'ex prefetto d Parma Paolo Scarpis, i politici Luigi Giuseppe Villani e Giovanni Paolo Bernini, l'ex comandante dei carabinieri Paolo Cerruti e l'ex questore Gennaro Gallo.

STAGIONE 2016-2017 DEL TEATRO REGIO DI PARMA

STAGIONE 2016-2017 DEL TEATRO REGIO DI PARMA

Gala di CapodannoStagione Lirica (Anna Bolena, La Bohème, Prometeo, I masnadieri), Stagione Concertistica, ParmaDanza, Concerti Aperitivo, Musica in circolo, Parole e musica, RegioYoung, LiveOpera, Tracks, Contrappunti Novembre 2016 - Maggio 2017

Opera, danza, concerti, spettacoli dedicati ai giovani e alle famiglie compongono la Stagione del Teatro Regio di Parma, da novembre 2016 a maggio 2017, realizzata con il sostegno di Comune di Parma, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Emilia Romagna. Major partner Fondazione Cariparma, Main partner Cariparma Crédit Agricole. Il Teatro Regio di Parma è sostenuto anche da Camera di Commercio di Parma, Fondazione Monte Parma, Ascom. Main sponsor Iren, Cedacri group. Sponsor Parmalat. La Stagione è realizzata in collaborazione con Polo Museale dell’Emilia Romagna, Galleria Nazionale di Parma, Fondazione Arturo Toscanini, Società dei concerti di Parma, Rinascimento 2.0, ATER Associazione Teatrale dell’Emilia-Romagna, Arci Caos, Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma, Teatro Carlo Felice di Genova, Teatro Comunale di Bologna, Comune di Busseto, Teatro Giuseppe Verdi di Busseto, Concorso Internazionale Voci Verdiane “Città di Busseto”, Opera Europa, The Opera Platform. 

“La Stagione 2016-2017 del Teatro Regio - spiega il Direttore generale del Teatro Regio di Parma Anna Maria Meo - quest’anno registra un ulteriore incremento di appuntamenti rispetto alla precedente, con 101 alzate di palcoscenico complessive, cui si aggiungono le numerose attività e incontri e di approfondimento”.

Food: “patto” fra Università di Parma e Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari

Siglata oggi nella sede dell’Ateneo una convenzione per attività di didattica e ricerca su temi legati alla scienza e tecnologia degli alimenti

Università di Parma e Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA) insieme per lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca su scienze e tecnologie degli alimenti. Questo il fulcro dellaconvenzione siglata oggi nella sede dell’Ateneo dal Rettore Loris Borghi e dal Presidente della SSICA Andrea Zanlari. All’incontro hanno partecipato anche il Delegato del Rettore al Food Project d’Ateneo Corrado Giacomini e il Dirigente di ricerca della SSICA Giovanni Parolari. Nel corso dell’incontro è intervenuto anche Giancarlo Menta, delegato del Presidente per la costituzione del Comitato di indirizzo della Fondazione di ricerca Stazione sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari.

Ricerca e formazione didattica e professionale dunque l’obiettivo prioritario dell’accordo, che avrà durata triennale. A un Comitato paritetico formato da 3 rappresentanti di ciascuna delle due Istituzioni spetterà il compito di organizzare, mettere in atto e gestire la collaborazione tra Università e Stazione Sperimentale.

Teatro Regio di Parma, ecco la nuova stagione 2016-2017

Il calendario 2016-2017 lirico e sinfonico. Oltre cento alzate di sipario. Si inizia il 12 gennaio con Anna Bolena

di ALESSANDRO TRENTADUE

Anna Bolena, La Bohème, il Prometeo di Luigi Nono. I Masnadieri. Il ritorno della Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Termirkanov. Sono alcuni dei titoli e degli atti di rilievo inseriti nel calendario della stagione lirico-concertistica 2016-2016 del Teatro Regio, presentata mercoledì pomeriggio nel ridotto del Tempio della lirica.

E ora pagate i danni: 400.000 euro! Dopo i due Festival: Parma 360° e Gola Gola

E ora pagate i danni! 400.000 Euro circa. Dopo i due Festival: Parma 360° e Gola Gola.
Se ne facciano carico gli organizzatori e i loro sponsor dei danni inferti a Piazzale della Pace, al cortile della Pilotta e nei luoghi usati per allestire la baraccopoli fieristica in centro città

400.000 euro da aggiungere al ricco budget (600.000 euro ?). 1.000.000 di euro in totale per la realizzazione di una sagra da paese di campagna paragonabile alla "Croce di Collecchio", eticamente indifendibile. Un vero stupro al centro storico della città e in particolare alla Pilotta. Pare che il costo a box, per i distributori di cibo, fosse di 800 euro cadauno.
Alcune fotografie di come questi due Festival hanno ridotto le pietre perimetrali e l'area verde di Piazzale della Pace devastata dallo streetfood, dai loro grassi combusti sversati nei tombini, che colavano sulle pietra dai contenitori di oli delle fritture e delle grigliate, dagli oli, dai fumi e dagli odori puzzolenti che esalavano impregnando aria e suolo. Il monumento a Verdi affiancato dai gonfiabili. Un'area disco assordante. Tendoni e baracchini di ambulanti dello streetfood che incorniciavano la Pilotta tra odori infestanti, pinte di birra e bottiglie di vino. Un baccanale orgiastico diseducativo e inquietante del cibo. Ciò che è dannoso per sé e per l’ambiente.
Si può immaginare cosa rimarrà del prato una volta tolti tutti i bancali sui 2.500 mq occupati dal Terzo Paradiso di Pistoletto.
Quanto costeranno i lavori di rifacimento? Per il manto verde con il sistema di irrigazione e la riattivazione delle canale delle acque perimetrali circa 100.000 euro. Piazzale della Pace è circa 10.000 mq. Il rifacimento di tutte le aree in pietra che costituiscono i marciapiedi e i piazzali la cifra aumenta di parecchio almeno altri 200/300.000 euro. 

Il sindaco pluri indagato di Parma non ritiene di dover dare spiegazione alcuna al Consiglio comunale. Ma confidare nella Magistratura è la resa della politica

Il sindaco pluri indagato non ritiene di dover dare spiegazione alcuna al Consiglio comunale. Questa la sintesi della lunga discussione nata dalla presentazione da parte delle minoranze della mozione con cui si chiedeva innanzitutto di chiarire le ragioni stringenti che hanno a suo tempo portato ad annullare il bando di selezione del direttore del Teatro Regio e i motivi per cui non ha informato la città delle indagini che lo riguardano.

Pizzarotti ha ribadito, anzi ha teorizzato, che non deve alcuna spiegazione al Consiglio Comunale sulla vicenda. Non si trovano le parole per commentare un tale analfabetismo democratico che offende e svilisce non solo il parlamento cittadino ma i parmigiani tutti. È evidente come questa amministrazione, insediatasi quattro anni fa per cambiare la politica e la città, sia ormai ridotta a difendere in modo pervicace la propria stessa esistenza e le piccole posizioni di potere che si trova a gestire.

Non indugeremo oltre su questa vicenda convinti che sarà il lavoro della Magistratura a dirci, speriamo in tempi brevi, quello che il Sindaco si è ostinato a nascondere alla città.

Ma, qualunque sia l'esito del percorso giudiziario, il sindaco durante il consiglio si è già auto-condannato alla mancanza di trasparenza della peggiore politica.

I gruppi consiliari di

Altra Politica, Civiltà Parmigiana, Forza Italia, Parma Unita, Partito Democratico, Possibile, Udc

Musica in Mostra allo CSAC di Parma giovedì 16 giugno alle 21

Abbazia Valserena- Parma

Musica in Mostra inizia allo CSAC con un quintetto di fiati e con le trascrizioni di celebri brani d’opera
Il concerto all’Abbazia Valserena il 16 giugno alle 21

Prosegue con una proposta diversa dal solito, giovedì 16 giugno alle 21, la nuova serie di concerti da camera che fa parte di FuoriPosto: musica in luoghi insoliti, la nuova iniziativa di musica da camera della Fondazione Toscanini che vuole esportare la fruizione della musica verso e in luoghi di Parma dove essa non viene abitualmente suonata. Prestigiosa sede di questa seconda serie il Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma, che li ospiterà all’interno della chiesa - ora sede dell’Archivio-Museo CSAC -  che sorge all’interno del magnifico complesso monumentale dell’Abbazia San Martino dei Bocci, più nota al grande pubblico come Valserena.

Oltre il 13% dei parmigiani sono di origine straniera

Pierluigi Zavaroni

Con il 13,6% a nostra città è tra quelle con la maggiore percentuale di stranieri rispetto alla cittadinanza totale. Lo afferma una ricerca Censit, che mostra come al Centro-Nord molte città di medie dimensioni abbiano tassi di stranieri superiori a quelli delle citta’ metropolitane: ne sono un esemio Prato (16%), Piacenza (14,2%), Modena (13,1%), Brescia (12,9%) e appunto Parma (13,6%). 13/06/2016

Fonte Link parmaquotidiano.info 

Roberto Ghiretti (PU) sul taglio delle corse Tep nella frazione di Gaione (PR)

Gaione proprio è una frazione che evidentemente non riesce ad attirare l'attenzione dell'assessore Folli, visto che è dall'inizio del mandato che si susseguono le proteste senza che nulla cambi. Per riassumere si sono chiesti interventi per il parco, si sono segnalate le criticità della viabilità, si è chiesto il prolungamento della ciclabile in modo da collegare interamente la frazione alla città senza che nulla cambiasse sostanzialmente. Ora si aggiunge il tema del numero di corse programmate dalla Tep nel periodo estivo: solo quattro a fronte delle 13 previste in periodo scolastico.

A colpirmi però sono state le parole di replica dell'assessore, il quale sostanzialmente promette novità per l'anno prossimo grazie ai risparmi che si potranno fare con la gara per il trasporto pubblico, lasciando intendere così che il problema è sostanzialmente economico. Ebbene se questo è il problema mi si lasci dire ancora una volta che aver spartito tre milioni di euro di dividendi tra Comune e Provincia è stata un'operazione più che spregiudicata, visto che Tep dovrebbe svolgere un servizio pubblico e non garantire ai soci entrate milionarie da spendere non si sa come!

Non mi stancherò mai di ripetere che questo dei dividendi è stato il segno più tangibile di una politica fallimentare che penalizza i servizi per alimentare progetti che evidentemente per questa amministrazione sono più appetibili e promettono ritorni d'immagine più appaganti. Un esempio tanto più paradigmatico se si considera che sulle nomine in Tep a suo tempo si è giocata una partita con la collaborazione fattiva del Pd; una collaborazione che, visti i risultati, evidentemente non ha portato nulla di buono per gli utenti.

Roberto Ghiretti
Parma Unita

INIZIA STELLE VAGANTI 2016 la rassegna musicale estiva della Filarmonica Toscanini all’Auditorium Paganini di Parma giovedì 16 giugno alle ore 21.30

Fabrizio BossoFabio Concato

INIZIA STELLE VAGANTI 2016

Giovedì 16 giugno all’Auditorium Paganini debutto con

Fabio Concato, Fabrizio Bosso e Julian Mazzariello.

La Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Stefano Fonzi

La terza edizione di Stelle Vaganti, la rassegna musicale estiva improntata al crossover che la Filarmonica Toscanini tiene all’Auditorium Paganini, inizierà giovedì 16 giugno, alle ore 21.30, con  un concerto che si preannuncia di grande qualità artistica e di sicuro impatto emotivo sul pubblico. Insieme alla Filarmonica diretta da Stefano Fonzi, autore anche degli arrangiamenti sinfonici dei brani in programma, si esibiranno infatti Fabio Concato, uno dei più raffinati cantautori italiani, Fabrizio Bosso, celebre trombettista e interprete jazz, e il pianista italo-inglese Julian Mazzariello. Il concerto, realizzato in collaborazione con Parmaconcerti, costituisce il debutto del tour italiano e prende il titolo dal loro CD recentemente uscito: Non smetto di ascoltarti.

Condividi contenuti