Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Pilotta

Pilotta: informazioni della città di Parma

Maria. Ritratto della Callas. Presentazione del libro di Nadia Stancioff. Auditorium del Carmine di Parma sabato 7 marzo 2015, ore 17.00

 

 

Maria Callas

Parole da ascoltare

Maria. Ritratto della Callas

Presentazione del libro di Nadia Stancioff e concerto: sabato 7 marzo 2015, ore 17.00, Auditorium del Carmine DI PARMA. Ingresso libero. 

“Non mi piace essere chiamata ‘La Divina’... Io sono Maria Callas. Semplicemente una donna”. A Maria Callas, donna prima che diva, è dedicato l’incontro-concerto che si terrà sabato 7 marzo, ore 17.00, presso l’Auditorium del Carmine, a ingresso libero. Il terzo appuntamento del ciclo “Parole da ascoltare”, organizzato dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma per presentare le ultime novità editoriali di argomento musicale, celebra la Festa della donna affrontando la personalità di quella che è stata la cantante più discussa e amata della storia. Lo fa attraverso il libro (pubblicato da Giulio Perrone Editore) Maria. Ritratto della Callas di Nadia Stancioff, che conobbe il celebre soprano durante la realizzazione del film Medea e, dopo di allora, ne divenne amica e confidente. Il libro della Stancioff, per sua stessa ammissione, non vuole essere “un’altra biografia, bensì un ritratto inedito dell’artista, per restituire lo sguardo onesto di un’amica”. La Callas viene quindi colta nei momenti quotidiani, quelli felici e quelli di sconforto: la scintilla degli amori e la loro fine, i successi e il declino, l’attesa di un figlio negato, le emozioni e i sogni.

Nel Processo la Corte dei Conti chiede un milione di euro a Antonio Montepara (docente Università di Parma)

Più di un milione di euro: è il 'conto' che la procura regionale della Corte dei conti presenta ad Antonio Montepara, il docente dell'università di Parma finito nei guai per aver svolto una lunga lista di incarichi e consulenze senza aver chiesto l'autorizzazione all'ateneo (e senza versare all'università la percentuale spettante in questi casi all'ente di appartenenza). 

Questa mattina a Bologna- scrive l'agenzia Dire - davanti ai giudici della Corte dei conti dell'Emilia-romagna, si è svolta l'udienza in cui è stato discusso il caso di Montepara, che insegna "Strade, ferrovie e aeroporti" al dipartimento di Ingegneria civile dell'università e in passato è stato anche preside di facoltà. 

Sulla vicenda del docente, nei cui confronti scattò un sequestro da 700mila euro disposto dalla Corte dei Conti ai primi di giugno 2013, è stato poi svolto un ampio lavoro di istruttoria per 'sistemare' le tante, tantissime fatture relative a tutti gli incarichi svolti dal professore, anche per conto di enti pubblici. La difesa di Montepara a sua volta ha lavorato sulle fatture, nel tentativo di ridurre il numero di quelle 'incriminate'.

La discussione del processo, oggi, si è incentrata proprio su questo, con uno 'scontro' tra accusa e difesa sul numero e tipo di fatture da considerare. Le contestazioni dei pm contabili partivano dal gennaio 2007, ma sono destinati ad uscire di scena gli incarichi svolti fino al 23 luglio di quell'anno, perchè prima di quella data Montepara era docente part time, quindi lo svolgimento di incarichi esterni era compatibile. Dal 23 luglio in poi, divenne docente a tempo pieno, ragion per cui non poteva più fare consulenze senza chiedere l'autorizzazione dell'ateneo con cui aveva un rapporto di servizio esclusivo. 

Procura di Parma:Tommaso Ghirardi indagato per bancarotta fraudolenta

L’ex presidente del Parma calcio è indagato per bancarotta fraudolenta. Il suo è il primo e per ora unico nome iscritto nel registro degli indagati. L’indagine e l’ipotesi di reato sono stati formulati dai magistrati ancor prima che la società sia stata dichiarata fallita, a causa del conclamato stato di dissesto nei conti del club.

L’accusa è stata formulata dopo le prime indagini della Finanza. Un’accusa che rende sempre più inevitabile il fallimento del Parma Fc. Ghirardi è considerato dagli inquirenti il responsabile del grave sbilanciamento nei conti, che si è creato a poco a poco negli anni della sua gestione. Formalmente, inoltre, Ghirardi risulta ancora presidente della Eventi Sportivi spa, che pure ha venduto a fine dicembre (LEGGI QUI). È però probabile che altre persone verranno indagate nei prossimi giorni assieme a Ghirardi.

Intanto, Pietro Leonardi si è dimesso dalla carica di direttore generale: “Ho deciso di dimettermi da Direttore Generale del Parma Fc Spa – afferma lo stesso Leonardi in un comunicato –. Le mie condizioni di salute, peggiorate negli ultimi tempi e l’attuale situazione ambientale che si è mio malgrado venuta a creare, non mi consentono più di svolgere il mio lavoro proficuamente, non volendo oltretutto risultare d’impaccio all’attuale proprietà. Ringrazio i miei collaboratori, i dipendenti tutti, lo staff tecnico, i calciatori e la tifoseria, ai quali mi sento e mi sentirò sempre profondamente legato”.

Fonte link: http://www.parmaquotidiano.info/2015/03/05/ghirardi-indagato-bancarotta-fraudolenta/ 

 

ARRIGO ALLEGRI: IL SIGNIFICATO E LA PORTATA DEL PROVVEDIMENTO DELL' ANTI CORRUZIONE IN TEMA RIFIUTI E TERMOVALORIZZATORE

ARRIGO ALLEGRI: CONTENUTO E PORTATA DEL PROVVEDIMENTO DELL'ANTICORRUZIONE IN TEMA RIFIUTI E TERMOVALORIZZATORE 

Il recente provvedimento dell’autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) non si è limitato a “decretare” il pagamento al Comune di Parma  DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Più incisivamente ha “bollato”:

  • la procedura seguita per l’affidamento del servizio di raccolta e trattamento dei rifiuti solidi urbani;
  • la definizione del  Piano Ambientale Integrato (PAI) OPERA PUBBLICA COMUNALE, mentre la sola opera fatta del Piano, “IL TERMOVALORIZZATORE”, sembrerebbe qualificarsi come privata;
  • che tale opera (di recupero e smaltimento) fosse specificatamente esclusa dalla convenzione AMPS SpA/ATO n. 2 del 2004;
  • che l’ ATERSIR non abbia  ancora indetto la gara, pur essendo scaduta da tempo la convenzione, con INCONGRUA proroga della convenzione con IREN;
  • che si sia asserito, in modo non veritiero, che lo smaltimento rifiuti doveva avvenire con strutture proprie di ENIA, ora IREN.

Ma ha riconosciuto CONCRETI BENEFICI alla comunità ed alla cittadinanza utente.

Ciò riconoscendo che la nuova rete di teleriscaldamento, costruita da ENIA ed IREN, HA NATURA PUBBLICA

Per quanto concerne la tariffa.

Rimarcando poi la situazione di privilegio di ENIA  - oggi IREN – che grazie alla sua posizione di gestrice del servizio rifiuti si è assicurata la realizzazione del termovalorizzatore: se Comune ed ATERSIR non adottassero adeguati provvedimenti, posto che le opere necessarie per espletare il servizio rifiuti (leggasi impianto di preselezione meccanica del Cornocchio) sono di proprietà IREN, la gara sarebbe inutile ed improduttiva perché unica partecipante non potrebbe che essere IREN.

Giovedì 12 marzo 2015 all'Università di Parma: convegno su assicurazioni e banche nel finanziamento delle imprese

Giovedì 12 marzo, a partire dalle ore 10.30, nell’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo (via Università 12), si terrà il convegno Compagnie di assicurazione e banche nel finanziamento delle imprese, organizzato dal Dipartimento di Economia dell’Università di Parma.

Gli ultimi provvedimenti normativi e regolamentari in tema di competitività e sviluppo aprono la possibilità alle compagnie di assicurazione di affiancare le banche nel finanziamento diretto delle imprese, fermo restando l’obiettivo di tutelare la stabilità degli intermediari e garantire una loro sana e prudente gestione.

La strategia perseguita è l’ampliamento delle fonti di finanziamento dell’economia, in particolare delle piccole e medie imprese, al fine di rilanciare gli investimenti e sostenere l’attività economica. Questo si inserisce nell’ambito di un rinnovato quadro autorizzativo e di una efficace e stringente verifica dei requisiti imposti dalla disciplina di Solvency II, per le compagnie di assicurazione, e di Basilea 3, per le banche.

Oltre a ciò, anche il rapporto tra imprese e banche e tra queste ultime e le compagnie di assicurazione deve essere correttamente rifondato. Il convegno intende analizzare e discutere le tematiche descritte a livello non solo economico e giuridico, ma anche tecnico e operativo.

Di seguito il programma della giornata:

Ore 10.30-10,40
Luca di Nella - Direttore Dipartimento di Economia, Università di Parma
Indirizzo di saluto

Ore 10.40-10,50
Sonia Ceramicola – Socio amministratore TESEO
Apertura Lavori

Parma calcio, saltano i vertici della Guardia di Finanza di Parma

Finanzieri sono sotto inchiesta per omissione di atti d'ufficio. Tribunale di Bologna nomina curatore speciale dando ragione al socio Energy T.I. Group.

Il crac del Parma Fc investe come un terremoto i vertici del comando provinciale della Guardia di Finanza. La Procura di Parma ha iscritto nel registro degli indagati per il reato di omissione d'atti d'ufficio il colonnello Danilo Petrucelli e il vice tenente colonnello Luca Albanese, capo del Nucleo di polizia tributaria. Entrambi sono stati rimossi dagli incarichi la scorsa settimana.

Come anticipato da gazzettadiparma.it, i due ufficiali sono accusati di aver trasmesso in ritardo l'informativa sulla situazione finanziaria del Parma Calcio, ritardando quindi l'apertura dell'indagine per bancarotta fraudolenta. Sarebbe quindi venuto a mancare il rapporto di fiducia con il pool di magistrati che coordina l'inchiesta.

Gli ufficiali non torneranno più in servizio a Parma, come disposto dal Comando generale delle Fiamme Gialle: Albanese è stato trasferito nella caserma di Prato, mentre ancora non è stato deciso il trasferimento di Petrucelli che per ora è in ferie. 

Assessore Ferretti su crediti del Comune verso Società Parma F.C

Dichiarazione dell’assessore Marco Ferretti a margine della comunicazione in Consiglio Comunale relativa alla mancata riscossione di crediti dal Parma Calcio: 

In primo luogo va precisato che il Comune non poteva conoscere la situazione finanziaria e non conosce tuttora l’ammontare dei debiti della società Parma Calcio, esattamente al pari degli altri fornitori.

In secondo luogo va precisato che i crediti verso il Parma F.C. fanno capo non  direttamente al Comune (che ha riscosso quanto dovuto a tutto l’anno 2010), ma alle società partecipate Parma Infrastrutture, TEP e Parma Gestione Entrate, che vantano complessivamente a tutt’oggi crediti pari a 1.150.000 euro, oggetto più volte di piani di rientro approvati e puntualmente disattesi dalla Società debitrice.

Dalle nostre informazioni, comunque, risulta come tutti i nostri amministratori abbiano messo in atto le idonee azioni per tutelare la società e il socio Comune.

Nulla è stato lasciato al caso. Se alcune azioni non sono state particolarmente aggressive è stato solo per rispetto alla squadra e per quello che rappresenta per la città e i suoi tifosi. 

Marco Ferretti
Assessore al Bilancio e Partecipate del Comune di Parma

Al Ratafià Teatrobar [Via Oradour 14 - Parma] Flaco presenta ATTACCHI DI…MANOUCHE!

 

Giovedì 5 marzo dalle ore 21.30

Ratafià Teatrobar

[Via Oradour 14 – Parma] 

Flaco presenta 

ATTACCHI DI…MANOUCHE!

con

Alessandro Mori (clarinetto e sax)

Corrado Caruana (chitarra)

Max Turone (contrabbasso) 

Giovedì 5 marzo dalle ore 21.30 al Ratafià Teatrobar, di via Oradour, appuntamento con “Attacchi di…Manouche!”

Il duo di musicomica "Attacchi di...Swing!", formato da Alessandro Mori (clarinetto e sax) e Corrado Caruana (chitarra manouche), affronta ora il difficile compito di trasmettere la cultura del jazz zigano affidandosi alla guida del bravissimo contrabbassista Max Turone

Un concerto in pieno stile gypsy jazz o jazz manouche o swing europeo o hot club jazz o gypsy swing... Tanti nomi per un genere unico creato da un solo capostipite Django Reinhardt, la cui esperienza artistica è ancora guida assoluta per un genere che ci appartiene più di quanto pensiamo. 

Info: mob. +39.340.3608218

www.ratafia-teatrobar.it

PD PARMA: Una casa per tutti. Esperienze e proposte per affrontare l'emergenza abitativa

Mercoledì 4 marzo, ore 17.30

Circolo Giovane Italia - Parma
[Piazzale Santa Croce] 

UNA CASA PER TUTTI
Esperienze e proposte per affrontare l'emergenza abitativa 

“Una casa per tutti” è il titolo dell’incontro, promosso dal Partito Democratico di Parma, che si svolgerà mercoledì 4 marzo alle ore 17.30 presso il Circolo Giovane Italia (Piazzale Santa Croce) in cui si discuterà di esperienze e proposte per affrontare l’emergenza abitativa. 

L’incontro, coordinato da Nicola Dall'Olio, capogruppo PD Consiglio comunale, e introdotto da Lorenzo Lavagetto, segretario cittadino PD Parma, prevede interventi di Francesca Maletti, presidente del Consiglio comunale di Modena, Bruno Mambriani, presidente ACER Parma, Luigi Gandolfi, presidente Cooperativa di abitazione Parma80. 

L’ingresso è aperto alla cittadinanza.

9 e 16 marzo 2015 all'Università di Parma due incontri sul fenomeno del terrorismo internazionale

9 e 16 marzo: due incontri sul fenomeno del terrorismo internazionale.
Organizzati dai Corsi di Laurea di Scienze Politiche, sono rivolti agli studenti dell’Ateneo, agli allievi delle scuole secondarie superiori e alla cittadinanza 

Due incontri in cui si discuterà di terrorismo internazionale sono programmati per lunedì 9 marzo e lunedì 16 marzo, dalle ore 15 alle ore 18, nell’Aula dei Filosofi del Palazzo Centrale dell’Ateneo(via Università, 12). 

Nell’ambito delle attività di studio e riflessione sollecitate dal Rettore dell’Università degli Studi di Parmaprof. Loris Borghi, nel suo intervento all’indomani delle stragi terroristiche di Parigi, ilConsiglio dei Corsi di Laurea di Scienze Politiche ha deciso di organizzare un'iniziativa ad hocaperta al pubblico. I due incontri, caratterizzati da un approccio multidisciplinare - proprio di tali Corsi di studio -, sono stati concepiti come specifico contributo a una migliore comprensione del fenomeno del terrorismo. Nelle due giornate di studio saranno coinvolti, in qualità di relatori, numerosi docenti di Scienze Politiche e loro giovani collaboratori che, nell’ambito delle rispettive competenze, illustreranno vari aspetti problematici di questo fenomeno particolarmente complesso. Tra i temi affrontati figurano i progressi e i limiti delle attività di contrasto al terrorismo internazionale sul piano storico, politico, giuridico ed economico; l’importanza delle attività di prevenzione attraverso la promozione del dialogo interculturale e l’integrazione sociale; il difficile equilibrio tra esigenze di sicurezza collettiva e tutela dei diritti fondamentali. 

Manenti agli arresti in via Burla, la quarta ipotesi

Giampietro Manenti

Manenti dice: "noi possiamo fare tre cose: vendere, portare i libri in tribunale o presentare il piano di lavoro e in questa settimana". Ce n'è una quarta: agli arresti in via Burla insieme ai suoi compari! E poi le dovrebbe essere inibito in modo permanente a vita il soggiorno o il semplice transito in tutto il parmense  (Parma, 01/03/2015)

Luigi Boschi

articoli correlati

 

LO STUDIO SULLE TASSE LOCALI, LA SPESA CORRENTE DI REGIONI ED AUTONOMIE LOCALI, LA SPESA PER IL PERSONALE (Studio UIL Emilia)

SINTESI STUDIO SU TASSE E TARIFFE LOCALI

a cura del Servizio Politiche Economiche e Territoriali della UIL 

NEL 2014 PAGATI PER TASSE E TARIFFE LOCALI 58,7 MILIARDI DI EURO

 (+6% NEL TRIENNIO 2012-2014) 

TRA ADDIZIONALI IRPEF, IMU, TASI, TARIFFE RIFIUTI, BOLLO AUTO

IMPOSTA RC AUTO NEL 2014 UN ESBORSO DI 966 EURO MEDI PRO CAPITE 

TRA IMU E TASI UN ESBORSO MEDIO DI 394 EURO,

TRA ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI 271 EURO MEDI

 

AUMENTA LA SPESA CORRENTE DELLE AUTONOMIE TERRITORIALI E SANITA’,

MA CON 57 MILIARDI DI EURO DIMINUISCONO DEL 6,1% LE SPESE PER IL PERSONALE

 

IN PARTICOLARE, NEL COMPARTO DELLE PROVINCE, LA SPESA PER IL PERSONALE, NELL’ULTIMO TRIENNIO, DIMINUISCE DEL 27,1% NEI COMUNI DEL 6,5%, NELLA SANITA’ DEL 4,8% 

LOY: LE LAVORATRICI E LAVORATORI DEGLI ENTI TERRITORIALI PENALIZZATI DUE VOLTE, DAL MANCATO AUMENTO CONTRATTUALE E DAGLI AUMENTI DELLE TASSE LOCALI

 

Nell’ultimo triennio, le imposte e le tasse di Regioni, Province e Comuni, pagate dai cittadini, hanno subito un aumento del 6%.

Splendido spettacolo e grandi applausi di un pubblico divertito al Teatro Due di Parma per Hotel Paradiso con i Familie Floz

Hotel Paradiso con i Familie Floz

Bellissimo, esilarante e sorprendente raffinato spettacolo del gruppo del teatro di figura Familie Floz al Teatro Due di Parma con Hotel Paradiso. Magnifiche maschere e recitazione nella migliore tradizione del mimo. Una saga familiare nella gestione di un piccolo albergo di montagna.
Un giallo sulle Alpi di grande umorismo.

Hotel Paradiso

 

IVANO FERRARINI NOMINATO MEMBRO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL’UNIVERSITÀ DI PARMA

Ivano Ferrarini


Nuovo ingresso in Consiglio d’Amministrazione per l’Università di Parma. 
Il Senato Accademico, nella seduta di martedì 24 febbraio, in base all’art. 11 dello Statuto dell’Ateneo ha nominato Ivano Ferrarini come membro esterno del Consiglio di Amministrazione.

Ivano Ferrarini, Direttore Generale di Conad Centro Nord, resterà in carica fino al 31 dicembre 2016; succede a Simona Caselli, dimessasi dal proprio incarico a seguito della nomina ad Assessore all’Agricoltura, Caccia e Pesca della Regione Emilia-Romagna.

In base allo Statuto di Ateneo, il Consiglio di Amministrazione è composto dal Rettore, da quattro docenti, da un componente del personale tecnico amministrativo, da due rappresentanti degli studenti e da due membri esterni designati dal Senato Accademico.

Roberto Ghiretti e Nicola Dall'Olio sulla Casa della Musica di Parma

Da qualunque lato la si guardi dire che la cultura a Parma sia completamente ferma appare a dir poco un eufemismo. Senza citare i casi eclatanti del Teatro Regio o del sistema delle Biblioteche basta guardare alla gestione di una realtà tutto sommato piccola come la Casa della Musica per capire che davvero qualcosa non va.

Per cominciare il CdA dell'istituzione è da due anni e mezzo in regime di proroga, nonostante più volte si è ventilato un imminente cambiamento. In pratica da quando si è insediata l'assessore Ferraris, non si è riuscito a procedere al rinnovo dei componenti.

Inoltre il sistema Casa del Suono, di cui fanno parte i sofisticati sistemi di diffusione del suono Lampadario sonoro e Sala Bianca, installati nella ex chiesa di Santa Elisabetta, oltre che il laboratorio di elettroacustica Label situato presso la Casa della Musica, sono di fatto inutilizzati.

Il Label, realizzato in modo prevalente con un contributo economico della Regione Emilia-Romagna, ad oggi, e da tantissimi mesi, è totalmente inutilizzato.

Del resto il responsabile tecnico al quale era affidata la gestione delle apparecchiature installate presso la Casa del Suono, l'ingegnere Fons Adriaensen, è a casa da maggio del 2014 e il posto è rimasto vacante.

A questo punto viene spontaneo chiedersi chi gestiste oggi tutta questa infrastruttura tecnologica?

Qual'è l'elenco delle opere che sono state realizzate negli ultimi anni? Che tipo di attività di ricerca è stata portata avanti e da chi?

Easy Money, Onlus benefica Francesca Rava si costituisce parte civile

La Fondazione Francesca Rava si ritiene parte lesa nel caso della presunta appropriazione indebita di fondi per i bimbi di Haiti da parte dell'ex assessore Bernini. Processo al via

Al via la prima udienza del processo a carico dell'ex assessore ai Servizi per l'infanzia Giovanni Paolo Bernini e di Mauro Tarana, amministratore della ditta Copra, entrambi rinviati a giudizio nell'ambito dell'inchiesta Easy Money sulla corruzione negli appalti per le mense scolastiche. Oggi si è aperto il dibattimento davanti al collegio di giudici presieduto da Pasquale Pantalone, ma il processo è stato subito rinviato alla fine di ottobre per un difetto di notifiche a Tarana.

C'è stata però un'ulteriore costituzione di parte civile, esclusivamente nei confronti di Bernini, da parte della Fondazione Francesca Rava - NPH Italia Onlus. L'associazione benefica si ritiene parte lesa nella vicenda della presunta appropriazione indebita di 16mila euro dal conto corrente dell'iniziativa Parma per Haiti, sostenuta all'epoca del catastrofico terremoto dal Comune tramite la Onlus. Oltre all'associazione, si era già costituito parte civile il Comune di Parma, che chiede i danni d'immagine.

Bernini si è sempre dichiarato estraneo dalle accuse: "Non mi stupisce la costituzione di parte civile - dice, contattato da Repubblica Parma - vista la confusione mediatica fatta su questa vicenda. Sono certo che sarà chiarito una volta per tutte a giudizio che tutti i soldi sono stati destinati per l'acquisto della macchina medica che sta curando centinaia di bambine e bambini all'interno dell'ospedale Saint Damien". 

L'attrezzatura sanitaria ha permesso di creare un Centro protesi nell'ospedale pediatrico diretto da padre Richard Frechette ad Haiti. La Fondazione Francesca Rava aveva fatto da tramite tra "Parma per Haiti" e l'ospedale per la causa benefica. 

"La Fondazione si era impegnata

ROBERTO CAPPELLO E ASHER FISCH A NUOVE ATMOSFERE della Filarmonica Toscanini

Ascher Fisch Roberto Cappello

ROBERTO CAPPELLO E ASHER FISCH A NUOVE ATMOSFERE. LA FILARMONICA TOSCANINI ESEGUIRA’ MUSICHE DI GRIEG E DVÔRÁK
giovedì 26 febbraio (Turno Verde) e venerdì 27 febbraio (Turno Rosso), sempre alle ore 20.30 

il programma: 

EDVARD H. GRIEG - Peer Gynt. Suite n. 1 op. 46

EDVARD H. GRIEG - Concerto in la minore per pianoforte e orchestra op.16

ANTONIN DVOŘÁK - Sinfonia n. 9 in mi minore op. 95 Dal nuovo mondo 

Prosegue con un doppio, imperdibile, appuntamento sinfonico Nuove Atmosfere 2014-2015, la stagione concertistica della Filarmonica Arturo Toscanini all’Auditorium Paganini. Imperdibile sia per il fascino del programma proposto, sia per il valore e la notorietà internazionale dei due principali interpreti, il direttore d’orchestra Asher Fisch, nativo di Gerusalemme e più volte ospite a Parma, dove è divenuto popolare presso il pubblico degli appassionati, ed il pianista Roberto Cappello, che ad una carriera solistica internazionale di assoluto rilievo, nella quale spicca la vittoria al Concorso Busoni di Bolzano, unisce l’impegno didattico che lo vide oggi alla guida del Conservatorio Arrigo Boito di Parma.

IL CIBO NELL'ARTE

Il Cibo nell'Arte

a cura di Simona Tosini Pizzetti 

Fin dagli esordi della rappresentazione con la pittura murale risalente a circa trentamila anni fa, il cibo in quel caso figure di prede animali per auspicarne la cattura, ha avuto una forte valenza simbolica. Per non parlare poi della pittura sacra a partire dal medioevo dove nella rappresentazione dell'ultima cena il pane ed il vino divengono prefigurazione dell'Eucarestia.

Nelle nature morte di epoca barocca, fiori ma anche ortaggi, selvaggina e carni di macelleria, come nel caso notissimo di Annibale Carracci, per lo più hanno avuto il significato di “vanitas” cioè il compito di ricordarci che tutto ha un fine: “Et in Arcadia ego”.

La nostra esposizione legata a questo tema inizia in effetti da un dipinto di Felice Boselli (1650-1732) noto pittore di nature morte di Parma che ha creato un centinaio di opere dove dominano stralci di vita quotidiana, cuochi al lavoro, maiali squartati, teste di bue, galline, selvaggina, pesci. A connotare di un pizzico di misteriosità le sue opere fu la firma raffigurata da un gattino a significare “Felix”. La presenza della Natura morta di Felice Boselli come incipit del nostro percorso espositivo indica l'innegabile continuità della storia dell'arte anche se le forme che il percorso artistico ha adottato soprattutto da Marcel Duchamp in poi dimostrerebbero il contrario. Il denominatore comune, anche in totale difformità dei mezzi d'espressione, rimane sempre e comunque la necessità umana della quale gli artisti si fanno carico di esprimersi e identificarsi con qualcosa che superi la dimensione del materialismo e della quotidianità.

ArtParma Fair, dedicata alle gallerie d’arte moderna e contemporanea dal 28 Febbraio al 1 Marzo e dal 6 all’8 Marzo 2015

seconda edizione di ArtParma Fair, manifestazione dedicata alle gallerie d’arte moderna e contemporanea. 

Le date sono due week end consecutivi: dal 28 Febbraio al 1 Marzo e dal 6 all’8 Marzo 2015,
in concomitanza con la nota rassegna 
Mercanteinfiera primavera.

GALLERIA CENTRO STECCATA Stand 69 - Padiglione 7 (PALACASSA)

In allegato
-    biglietto per ingresso omaggio
-    mappa quartiere fieristico
-    Comunicati delle due mostre collaterali organizzate dalla Galleria Centro Steccata

LIGABUE 50 ANNI TRA MITO E FOLLIA sculture e incisioni di Antonio Ligabue

IL CIBO NELL'ARTE
 mostra collettiva da Boselli a Warhol - a cura di Simona Tosini Pizzetti

Roberto Ghiretti: incomprensibile la scelta politica della giunta pentastellata contro il sistema bibliotecario di Parma.

Tra le varie crociate lanciate da questa amministrazione, tutte apparentemente poco sensate, la più incomprensibile è certamente quella contro il sistema bibliotecario di Parma.

Da tempo l'assessore alla Cultura Laura Ferraris sembra impegnata a smantellare con più o meno successo un sistema che solo fino a qualche tempo fa era un punto di riferimento per la cultura a Parma.

Si è cominciato a fine 2013 con la soppressione dell'Istituzione Biblioteche, un'operazione il cui senso non è mai stato del tutto chiarito se non con la necessità di semplificare la gestione amministrativa e di rilanciare il servizio internalizzando le funzioni nuovamente nel Comune.

Poi è stata la volta della rinuncia ai servizi di Auser all'interno delle strutture, con la promessa di sostituire i nonni volontari con altrettanti volontari legati al progetto Mi impegno a Parma. Peccato che a oltre un anno di distanza dall'iniziativa nessuno abbia ritenuto di rendicontarne l'andamento, fatto questo che fa sorgere il sospetto che tanto bene le cose non siano andate...

Arriviamo così al settembre scorso quando esplode la polemica sulla ventilata chiusura del Centro Cinema Lino Ventura, ultimo tassello di un processo di svuotamento di contenuti all'interno del polo dell'Ospedale Vecchio. Anche in questo caso il filo conduttore di tutta la vicenda è l'opacità degli obiettivi che ci si ripropone con un trasferimento che, così come è stato proposto, appare solo il prodromo ad una sostanziale soppressione del servizio.

Più o meno nello stesso periodo l'assessore decide di “occuparsi” dell'emeroteca comunale mettendo a punto un incredibile piano di dismissione di gran parte del suo patrimonio archivistico.

A Teatro Due di Parma il 25, 26 e 27 febbraio 2015 alle ore 21.00 HOTEL PARADISO con i Familie Flöz

HOTEL PARADISO

di Anna Kistel, Sebastian Kautz, Thomas Rascher, Frederik Rohn

Hajo Schuler, Michael Vogel, Nicolas Witte 

con Sebastian Kautz, Anna Kistel, Daniel Matheus, Thomas Rascher 

maschere Hajo Schüler, Thomas Rascher

costumi Eliseu R. Weide

musiche Dirk Schröder

luci Reinhard Hubert

 

regia Michael Vogel

 

produzione Familie Flöz, Theaterhaus Stuttgart, Theater Duisburg

 

Teatro Due – Parma

25, 26 e 27 febbraio 2015 alle ore 21.00 

ALBENZIO, FERRARI, VIANI: le decisioni del CDA del Regio di Parma in data 18/02/2015

Teatro Regio di Parma


Decisioni del CDA del Regio in data 18/02/1015

Come accade ormai spesso, riguardo alle vicende del Teatro Regio, anche oggi il sito online di parma.repubblica.it pubblica notizie piuttosto inesatte.
e in serata è stato aggiunto il pensiero "illuminato" del Senatore Pagliari, a questo punto non poteva mancare nella notte l'intervento dell'altro avvocato parmigiano Paolo Buzzi (FI), noto alle cronache come ex vicesindaco di Pietro Vignali, però su parmaquotidiano.info 
Ecco invece i fatti in dettaglio:

-L’avvocato Giuseppe Albenzio, componente del CdA del Regio di Parma, ha rassegnato le proprie dimissioni, come lui stesso ha comunicato ai colleghi consiglieri, ritenendo esaurito con la nomina del nuovo Direttore generale un impegno accettato contestualmente all'arrivo di Carlo Fontana, ed espressosi prima nella revisione dello Statuto della Fondazione e poi in un'attenta tutela della piena legittimità di tutti gli atti di governo della Fondazione nel difficile biennio di crisi ormai attraversato e quando si profila augurabilmente una possibilità di rilancio dell'attività del Teatro. La sua uscita, quindi, non ha alcun significato polemico nei confronti delle recenti nomine ed anzi lascia la porta aperta a futuri rapporti sul piano istituzionale in quanto si profila per Albenzio un nuovo impegnativo incarico all’interno dell’Avvocatura di Stato proprio con riferimento all'ambito dei Beni e delle Attività culturali.

È un grido di allarme del quartiere San Leonardo di Parma sulla sicurezza e degrado

La Lettera del Sindaco Pizarotti. La replica dei Consiglieri

È un grido di allarme vero e proprio quello che è emerso ieri dall'incontro con i residenti del quartiere San Leonardo per parlare di sicurezza e degrado.

L'iniziativa promossa dai consiglieri di minoranza Maria Teresa Guarnieri, Franco Cattabiani, Roberto Ghiretti e Giuseppe Pellacini aveva come obiettivo quello di ascoltare dalla viva voce di chi abita il quartiere quali fossero i problemi che affliggono la comunità, mettendo a punto una mozione da presentare in Consiglio Comunale che denunci i numerosi problemi e metta in luce quali sono le possibili azioni da intraprendere.

Tema caldo fin dalle prime battute sono state le attività di spaccio stupefacenti che vengono svolte ormai a tutte le ore del giorno senza alcuna remora e la scarsa presenza delle forze dell'ordine.

In questo senso numerosi residenti del San Leonardo hanno chiesto l'attivazione di telecamere come deterrente per la microcriminalità, oltre ad un impiego diverso e più diffuso delle diverse forze di polizia. La risposta dell'ex dirigente delle Volanti Massimo Bax ha chiarito, tra le altre cose, come uno dei modi più efficaci per limitare l'impatto dello spaccio siano i controlli continuativi, frequenti e coordinati da parte delle forze dell'ordine. La proposta è quindi di attivare il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal Prefetto, con cadenza almeno quindicinale in modo da esercitare un effettivo coordinamento tra le forze dell'ordine e le istituzioni in modo da dare risposte immediate a seconda dei problemi che emergono nelle varie zone della città.

Comune di Parma: Fondi dell'Emeroteca una gestione poco chiara

FONDI DELL'EMEROTECA: UNA GESTIONE POCO CHIARA

Da sei mesi un immenso patrimonio documentario giace ammassato nell'umido sottocrociera dell'Ospedale Vecchio di Parma.

Inceneritore di Parma. Stop linea 2: monossido di carbonio 10 volte più alto della linea 1

Della tosse del camino avevamo scritto il 5 febbraio scorso, quando si era sottolineata l’anomalia del monossido di carbonio sulla seconda linea, con emissioni doppie, ma anche triple, rispetto alla linea 1. Così il 7 febbraio, dopo che il 6 il dato del monossido di carbonio della linea 2 era stato di 10 volte superiore alla linea 1, pur mantenendosi nei limiti di legge, il gestore ne aveva deciso il momentaneo stop.

Tre giorni di sospensione che possiamo ipotizzare concentrate su quel problema specifico. Il 10 febbraio la seconda linea dell’inceneritore di Parma ha ripreso la sua regolare attività. Ma era bastato un giorno per riportare il monossido di carbonio a valori tripli, in confronto alla linea 1. I microgrammi erano 7,707 l’11, 8,172 il 12, 6,224 il 13 (i limiti emissivi dell’Aia sono 30 milligrammi giornalieri). I valori eccessivi di monossido di carbonio della linea 2 facevano quindi emergere il problema, irrisolto durante il primo stop.

Il 14 febbraio, sabato scorso, la linea 2 è stata spenta. Lo stop era in atto anche ieri, dato che i valori sono leggibili con un giorno di ritardo. La tosse della linea 2 prosegue, la medicina numero 1 non ha funzionato.

Forse sarebbe più rassicurante comunicare i dati emissivi in tempo reale, e non il giorno dopo e solo come media giornaliera. Sarebbe più rassicurante conoscere come si comporta l’inceneritore ora per ora, anzi mezz’ora per mezz’ora, producendo i dati delle semiorarie, come succede per altri impianti come quello del Gerbido (Torino). Visto che è stato presentato come un gioiello tecnologico, non si capisce quale sia il timore di mostrare al mondo tutti i suoi lucidi muscoli.

Condividi contenuti