Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Gen 12, 2018

week-end di escursioni in Emilia con Four Seasons Natura e Cultura

Il prossimo fine settimana si apre all’insegna della natura e delle attività all’aperto. Chi lo dice che in inverno si debba stare in casa?

Si parte sabato 20 gennaio con escursione in provincia di Reggio Emilia alla scoperta delle terre di Matilde di Canossa e visita guidata alla Torre di Rossenella. Un percorso facile, adatto anche ai non esperti camminatori, un itinerario ad anello con partenza dal borgo storico di Cerezzola alla volta della Rupe di Campotrera e alla Torre di Rossenella. Una vera camminata all’interno della storia in una Riserva Naturale ricca di antichi affiormanenti di roccia vulcanica. Un vero mix di natura e storia che arricchiranno piacevolmente la giornata.

Evento adatto anche ai bambini dagli 8 anni abituati a camminare.

Info e Prenotazioni: entro le 18 di venerdì 19 gennaio 2018 presso la segreteria FSNC Emilia-Romagna: tel. 338 3745332 o e-mail segreteria.emiliaromagna@fsnc.it.

Per tutti i dettagli è possibile consultare la scheda al link
http://www.viagginaturaecultura.it/scheda.php?id=1645

Domenica 21 gennaio sono previste ben due escursioni, ce n’è per tutti i gusti.
Le antiche foci del Torrente Parma, alla scoperta della Riserva Naturale della Parma Morta.

Parma, intascava tasse dei master: sequestrati 1,7 milioni al professor Guido Fanelli

Confisca della Procura a carico del dirigente medico accusato di concussione e peculato

di FRANCESCO NANI

Si sarebbe intascato anche i soldi pagati dagli studenti per partecipare ai master universitari. Nuovi provvedimenti giudiziari nei confronti di Guido Fanelli, dirigente medico e professore universitario a Parma (attualmente sospeso dall'incarico) ritenuto a capo dell'associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e al riciclaggio e per questo arrestato lo scorso maggio insieme ad altre 18 persone tra medici e imprenditori.

Il Nas di Parma, su richiesta della locale Procura della Repubblica, gli ha confiscato oltre 1,7 milioni di euro che, secondo gli inquirenti, sono provento di corruzione e peculato.

Il sequestro si basa su risultati investigativi che hanno consentito di acclarare, a carico del dirigente medico, la riscossione di grosse somme di denaro quale prezzo di condotte corruttive messe in atto a vantaggio di importati imprese farmaceutiche.

Accertato inoltre come lo stesso Fanelli abbia destinato a fini privati somme derivanti dal pagamento delle quote d’iscrizione a master universitari, delle quali l’indagato aveva la disponibilità in ragione del suo ruolo di direttore della scuola di specializzazione all'università di Parma.


Il sequestro, in fase esecutiva, ha interessato le liquidità, i conti correnti, i beni mobili ed immobili dell’indagato, nonché le 
patrimonialità (autovetture, yacht, appartamenti e conti correnti) riferibili a due società di comodo appositamente allestite per acquisire e quindi disporre del provento dei reati contestati.

Più fibre, meno grassi e zuccheri: l’acquisto diventa “virtuoso”

Allo scaffale il consumatore premia i prodotti salutisti. A rilevarlo è il 2° rapporto dell’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy che ha incrociato i dati di 40 mila preferenze alimentari con quelli di vendita nella Gdo fotografando il profilo nutrizionale della dieta degli italiani

di VITO DE CEGLIA

Più fibre e proteine, meno zuccheri e grassi saturi. Senza però diminuire il contributo calorico. La svolta salutista del consumatore medio italiano si consolida nel 2017, confermando un atteggiamento attento nelle scelte di acquisto allo scaffale. Il dato arriva dall’Osservatorio Immagino Nielsen GS1 Italy che ritorna a fotografare nel suo 2° rapporto i cambiamenti avvenuti negli ultimi 12 mesi nei supermercati e ipermercati italiani.

In particolare, lo studio ha monitorato la variazione della composizione nutrizionale di 40 mila prodotti venduti nei reparti drogheria alimentare, fresco, freddo e bevande. Delineando alla fine un “meta prodotto”, cioè un indicatore statistico che calcola la media dei valori nutrizionali indicati sulle etichette dei prodotti venduti nella Gdo. Secondo i risultati dello studio, c’è stata una crescita della presenza delle fibre negli acquisti degli italiani (+2,3% nell’anno terminante a giugno 2017), elemento nutrizionale che arriva a pesare quasi per il 2% nella composizione del “meta prodotto”, misurato su 184,8 calorie ogni 100 grammi. Per la restante parte si compone del 20,8% di carboidrati di cui 8,5% zuccheri, 8,6% di grassi di cui 3,0% saturi, e 6,2% di proteine.

"L'aragosta è un animale sensibile, vietato immergerla viva nell'acqua bollente"

In Svizzera entrerà in vigore dal 1° marzo la legge che protegge i crostacei e condanna questo metodo di cottura come maltrattamento.

La Svizzera si schiera dalla parte dei crostacei e dice basta alle crudeltà in cucina, vietando che vengano gettate nell'acqua bollente vivi. È questa l'ultima novità che arriva dai legislatori elvetici che hanno deciso di ampliare a propria legislazione in materia di protezione degli animali con vari elementi, dal divieto di utilizzare sistemi elettrici per punire i cani che abbaiano, ai maltrattamenti di più ampio tipo. Compreso quello riguardante il metodo con cui verranno cucinate le aragoste.  Andranno prima "anestetizzate". 

12 gennaio San Bernardo da Corleone

San Bernardo da Corleone
Religioso
 

Il suo vero nome era Filippo. Nacque a Palermo, terzo di sei figli. La sua giovinezza fu turbolenta, vissuta in un ambiente di soldati mercenari agli ordini della Spagna. Un giorno durante una rissa, ferì a morte un compagno un certo Vito Canino e cercò rifugio in un monastero. Fu questo l'inizio di una profonda trasformazione. Nel 1623 chiese di essere ammesso tra i cappuccini di Caltanissetta come fratello laico, e scoprì lo spirito di umiltà, di obbedienza e di penitenza.

Iniziato il processo di canonizzazione nel 1673, venne dichiarato beato solo il secolo successivo, nel 1768 da Clemente XIII e infine proclamato santo nel 2001.

Secondo una leggenda, durante il soggiorno a Bivona molti frati furono colpiti da un'epidemia di influenza. Quando anche Bernardo, che in quel momento rivestiva l'ufficio di infermiere, si ammalò riducendosi in fin di vita, staccò dal tabernacolo della chiesa la statuetta di san Francesco e la infilò nella manica del saio, rivolgendosi al santo con le seguenti parole:
« Serafico padre, tu lo sai che i tuoi frati di Bivona sono ammalati... chi si prenderà cura di essi? Ti avverto che non uscirai di qui se non quando mi avrai guarito »
Il giorno successivo, Bernardò tornò in salute e poté riprendere l'assistenza ai confratelli.
Sempre a Bivona, a Bernardo un crocifisso avrebbe parlato dicendogli: "Non cercare tanti libri, ti bastano le mie piaghe per leggere e meditare". Dopo quest'episodio il frate rinunciò al desiderio di imparare a leggere.

Proposte di lavoro a Parma

IMPIEGATO ADDETTO BENI MOBILIARI
Adecco italia SpA - Filiale di Parma - Parma, Emilia-Romagna
La risorsa si occuperà di:. Adecco Parma ricerca per importante cliente del territorio di riferimento.

Concerti Aperitivo Domenica 14 gennaio 2018 (ore 11) alla Sala Gavazzeni del CPM Toscanini con il Quintetto Derevianko-Costea-Cahanescu-Geller-Condur

Viktor Derevianko

Il Quintetto op.57 di Šostakovic ai Concerti Aperitivo Domenica 14  (ore 11) alla Sala Gavazzeni del CPM Toscanini 
con il Quintetto Derevianko-Costea-Cahanescu-Geller-Condur.


Il primo appuntamento 2018 dei Concerti Aperitivo, organizzati quest’anno dalla Fondazione Toscanini alla Sala Gavazzeni del proprio Centro di Produzione Musicale di viale Barilla 27/a, vedrà in programma uno dei più importanti esiti della produzione cameristica di Dmitri Šostakovic, il suo Quintetto in sol minore per pianoforte e archi op.57 che egli compose nell’estate 1940 per il Quartetto Beethoven e che completò il 13 settembre dello stesso anno. Il Beethoven era il dedicatario della maggior parte dei quartetti per archi del grande compositore e fu questo stesso insieme a presentarlo alla Sala Piccola del Conservatorio di Mosca il 23 novembre, con lo stesso Sostakovic al pianoforte. Non è azzardato indicare proprio in questo Quintetto una delle opere più significative dei nuovi ideali di chiarezza e di semplicità verso cui si rivolse la musica di Sostakovic dopo lo sperimentalismo degli anni giovanili. Riscosse grande successo, tanto da ricevere l’anno seguente il Premio Stalin, confermando il suo autore quale più importante compositore sovietico vivente.