Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Nov 28, 2018

Teatro Festival Parma GEORGE GERSHWIN MY TIME IS TODAY di Luigi Ferrari a Teatro Due di Parma

My Time is today

Teatro Festival Parma

GEORGE GERSHWIN

MY TIME IS TODAY

di Luigi Ferrari 

con Fiorella Ceccacci Rubino e Massimiliano Sbarsi

Francesco Melani pianoforte 

regia Rosetta Cucchi 

produzione Fondazione Teatro Due, Fondazione Arturo Toscanini 

PRIMA NAZIONALE

Teatro Due

1 e 4 dicembre 2018, ore 20.30

2 dicembre 2018, ore 16.00 

9 luglio 1937, George Gershwin seduto in poltrona, in vestaglia da casa elegante, legge una copia del Variety. D’improvviso si alza in piedi e, in quelle che poi sapremo essere state le ultime ore della sua breve vita, inizia a parlare a briglia sciolta, tessendo il bilancio di una carriera folgorante.

Parte da questo momento il racconto di George Gershwin, My time is today, nuova produzione di Fondazione Teatro Due e Fondazione Arturo Toscanini che debutterà in prima nazionale a Teatro Due sabato 1 dicembre alle ore 20.30 (con repliche il 2 alle ore 16.00 e il 4 dicembre alle ore 20.30) con la regia di Rosetta Cucchi.

Povertà a Parma, Caritas: "Assistite nel 2017 più di 3.000 persone"

Fila di poveri alla mensa della Caritas di Parma

Il rapporto dell'associazione di assistenza

In provincia di Parma le famiglie in condizioni di povertà sono circa 9.400 con 29 mila persone. Il dato è emerso nel corso della presentazione del rapporto 2017 della Caritas sulla povertà. 

Intervista a Luigi Ferrari autore di "Triade Minore"

Triade Minore romanzo di Luigi Ferrari

Francesca Avanzini

D Mi ha colpito, nella sua biografia, la “polivalenza”.  Lei è musicista, architetto, direttore artistico, manager e ora, col suo recentissimo “Triade minore” uscito per Ponte alle Grazie,  anche scrittore. Mi sembra che il tutto possa essere unificato all’insegna della composizione. E’ corretto?

R Sicuramente la composizione, l’arte del mettere insieme, ha guidato la mia scrittura. Benché la mia prosa sia sobria, è frutto di labor limae, mi viene molto da curare la disposizione delle parole. Anche come direttore artistico, mi interessa curare programmi dove ci siano riverberi, echi tra le proposte che si fanno, vuoi che sia un festival o una stagione. Cose che interagiscano, così che il fruitore abbia suggestioni, rifrazioni.

D Vuole parlarci un altro po’ della sua scrittura?