Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Archive - Ago 1, 2018

Data
  • All
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
  • 23
  • 24
  • 25
  • 26
  • 27
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31

Fabrizio Pezzuto ( Parma Unita- Centristi) sull'accordo per lo smaltimento rifiuti E il futuro del PAIP (progetto ambientale integrato provinciale)

Il nuovo accordo di autolimitazione dello smaltimento rifiuti raggiunto da Iren, Regione Emilia-Romagna e Comune va certamente salutato con favore, considerato che fino a qualche mese fa sembrava difficile impedire che sul nostro territorio venissero smaltite 195mila tonnellate di rifiuti all'anno. Allora, nel mio piccolo, chiesi unità di intenti non solo da parte della politica ma anche dal mondo dell'imprenditoria e oggi mi pare che possiamo dirci soddisfatti dell'esito di questa trattativa. 

Questa vicenda ha dimostrato, se ancora ce ne fosse bisogno, che quando si rema tutti nella stessa direzione i risultati non tardano ad arrivare. Magari potessimo replicare questo modello su questioni altrettanto cruciali come il futuro dell'Aeroporto di Parma o la tutela del livello e della qualità dei servizi della nostra città! 

Vittorio Gassman recita Giovanni Pascoli: 'L'aquilone'

Da 'Primi poemetti' (1897-1907) 

C'è qualcosa di nuovo oggi nel sole,
anzi d'antico: io vivo altrove, e sento
che sono intorno nate le viole.

Son nate nella selva del convento
dei cappuccini, tra le morte foglie
che al ceppo delle quercie agita il vento.

Si respira una dolce aria che scioglie
le dure zolle, e visita le chiese
di campagna, ch'erbose hanno le soglie:

un'aria d'altro luogo e d'altro mese
e d'altra vita: un'aria celestina
che regga molte bianche ali sospese...

sì, gli aquiloni! È questa una mattina
che non c'è scuola. Siamo usciti a schiera
tra le siepi di rovo e d'albaspina.

Le siepi erano brulle, irte; ma c'era
d'autunno ancora qualche mazzo rosso
di bacche, e qualche fior di primavera

bianco; e sui rami nudi il pettirosso
saltava, e la lucertola il capino
mostrava tra le foglie aspre del fosso.

Or siamo fermi: abbiamo in faccia Urbino
ventoso: ognuno manda da una balza
la sua cometa per il ciel turchino.

Clima: nel 2017 livelli record di gas serra nel mondo

Il rapporto, stilato a Tampa negli Stati Uniti, è stato redatto da 450 scienziati di tutto il mondo. Alcuni indicatori mostrano che il riscaldamento globale ha accelerato

DIVERSI gas serra che contribuiscono al riscaldamento globale del pianeta e ai cambiamenti climatici hanno raggiunto nel 2017 livelli record nel mondo. E' quanto emerge da un rapporto Usa a cui hanno contribuito 450 scienziati di tutto il mondo.Secondo questo rapporto annuale pubblicato dalla National Oceanic and Atmospheric Agency (NOAA) e dalla American Society of Meteorologists, una serie di indicatori mostra che il riscaldamento globale si è accelerato a causa della combustione di energie fossili che aumentano la concentrazione di gas nell'atmosfera nel 2017, anno in cui Donald Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo internazionale di Parigi sul clima. 01 agosto 2018

Fonte link: repubblica.it

Termovalorizzatore di Parma, confermato il limite di 130 mila tonnellate

La Regione ufficializza l'accordo con Iren e Comune

Avanti con l’autolimitazione del termovalorizzatore di Parma. Fino al 2020 l’impianto di Ugozzolo continuerà a trattare rifiuti urbani fino a un massimo di 130 mila tonnellate l’anno.

Lo annuncia in una nota la Regione Emilia-Romagna che informa di avere rinnovato l’accordo con Comune di Parma e Iren Ambiente siglato nel 2016 e scaduto lo scorso 1° luglio.

Banche, Capitale, Cosmopolitismo, la povertà, il crescente senso di esclusione di ceti senza speranza sociale

Maurizio Ferraris

Il reddito minimo? Ce lo dia Google

Il populismo coglie con chiarezza la paura, la povertà, il crescente senso di esclusione di ceti che hanno perso la speranza sociale. Ma i suoi obiettivi polemici sono sbagliati, perciò la sua azione politica si riduce alla pura negazione, indirizzandosi contro i troppo poveri (i migranti) e i troppo ricchi, identificati con entità numinose e malvagie: l'Europa, il Capitale, le Banche. In questi mesi abbiamo letto e sentito attacchi contro i "banksters", ossia i banchieri-gangster su cui ha costruito la sua fortuna, negli anni Trenta, Léon Degrelle, che finirà arruolato nelle Waffen SS e decorato da Hitler; contro il Capitalismo apolide e sradicato, di cui sono criticati proprio i caratteri che nei Quaderni Neri Heidegger attribuisce agli Ebrei; contro il cosmopolitismo, condannato in nome della rinascita di una idea di nazione che in Italia sembrava morta, lasciando pochi rimpianti e molti odi e rovine, nel 1945.

Non c'è niente di sorprendente, visto che in entrambi i casi, negli anni Trenta come oggi, i populismi potevano trarre forza dallo shock provocato da una crisi economica. Ma nulla ritorna mai come prima, e oggi la situazione di Banche, Capitale, Cosmopolitismo è molto diversa dagli anni Trenta.

Il cambiamento decisivo ha luogo proprio nell'ambito del capitale finanziario. Ancora nel 2013 Thomas Piketty, nel Capitale del XXI secolo, poteva osservare che il denaro fa guadagnare più di qualunque altra merce.

Parma, nel 2035 popolazione più anziana e meno produttiva.

Ufficio Statistica della Provincia: "Scenario demografico preoccupante". Azzerando i flussi migratori in ingresso la popolazione diminuirà di 90 mila residenti rispetto al 2018

"Gli scenari demografici prospettati ci parlano di un territorio con una popolazione sempre più vecchia e per questo meno produttiva, meno propensa all’innovazione, più costosa in termini di sanità e servizi sociali".

Lo spiega il delegato provinciale alla Statistica Paolo Bianchi nel commentare le proiezioni demografiche da qui al 2035 rese note dall’ufficio Statistica della Provincia.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">