Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Saperi

Saperi: informazioni, opinioni su scuola,università, corsi di formazione. Con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

Università di Parma: 5 APRILE 2017, SEMINARIO SUI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI. DALL’ACCOGLIENZA ALLA CITTADINANZA

Nell’Aula Magna del Polo Universitario di via Del Prato, a partire dalle 14. Rose Anne Papavero, di Unicef Italia, terrà una Lectio Magistralis 

Nel pomeriggio di mercoledì 5 aprile 2017, a partire dalle ore 14, nell’Aula Magna del Polo di via Del Prato dell’Università di Parma, si terrà il seminario “Minori stranieri non accompagnati (MSNA) - dall’urgenza dell’accoglienza alla costruzione di cittadinanza”, organizzato dal corso di laurea in Psicologia dell’intervento clinico e sociale (PICS) e dal Centro Universitario per la Cooperazione Internazionale (CUCI) dell’Università di Parma. 

Dopo i saluti della Pro Rettrice dell’Ateneo Maria Cristina Ossiprandi, interverrà il Direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche, Sociali e delle Imprese Culturali Diego Saglia, seguito da Paola Corsano, Presidente del corso di laurea in Psicologia dell’intervento clinico e sociale. Sono quindi previsti gli interventi di Luisa Molinari, docente presso lo stesso corso di laurea, Laura Rossi, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Parma, eGiuseppe Forlani, Prefetto di Parma. 

A seguire la Lectio magistralis di Rose Anne Papavero (Unicef Italia) dal titolo “MSNA nel mondo e le specificità italiane”

Verrà quindi proiettato il documentario Time to look at girls: Migrants in Bangladesh and Ethiopia 2015, basato su una ricerca finanziata da Swiss Network of International Studies, Girl Effect Ethiopia, Terre des Hommes, University of Sussex, UK e Feminist Review Trust, alla presenza di Nicoletta Del Franco, antropologa, ricercatrice e co-autrice del documentario. 

27 marzo 2017: lezione dell'eurodeputata Elly Schlein all'Università di Parma

Nell’Aula K9 di via Kennedy alle ore 9, organizzata dal Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali

Lunedì 27 marzo alle ore 9, nell’aula K9 del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma (Via Kennedy), Elly Schlein, Eurodeputata e membro del Committee on Development (DEVE) del Parlamento Europeo, terrà la lezione “The European Union policy on immigration and asylum. Walls or solidarity?”    

L’Unione Europea sta attraversando una delle fasi più difficili nella sua storia. Le sfide chiave per una politica comune riguardano i flussi di immigrazione e i richiedenti asilo. L’eurodeputata Elly Schein è da sempre sostenitrice dell’apertura e della solidarietà: il suo seminario sarà un importante contributo al dibattito in corso, su temi che sono centrali per i corsi di studio del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali,

Parma, avanza l'hub internazionale su alimenti e nutrizione

Al via nell'arco di due anni la scuola di alta formazione voluta da università, Parma Io cisto e sostenuta dai principali gruppi industriali locali. I privati hanno sborsato 3.845 milioni di euro che si sono aggiunti ai 4.750 milioni già stanziati dall’ateneo

Dopo il Tecnopolo e il Polo dell’Innovazione, il Campus universitario di Parma si doterà nel giro di due anni di una nuova struttura di prestigio: la Scuola internazionale di Alta formazione sugli alimenti e la nutrizione.

Si tratta di un vero e proprio hub che permetterà all’ateneo emiliano di posizionarsi tra i principali protagonisti a livello mondiale per qualità dell’offerta formativa. A sposare da subito il progetto — nato grazie alle sinergie tra l’associazione “Parma, io ci sto!” e l’Università di Parma — sono state alcune tra le aziende più rappresentative del territorio.

Tra cui Barilla, Chiesi Farmaceutici, Fondazione Cariparma e Unione Parmense degli Industriali. A cascata, dopo 2 mesi dal lancio del progetto, altre imprese hanno dato il loro contributo: Consorzio del Parmigiano Reggiano, Mutti, Parmalat, Consorzio del Prosciutto di Parma, CFT, Morris Profumi e IPQ Istituto Parma Qualità. Complessivamente, il mondo privato ha messo sul piatto 3.845 milioni di euro che si sono aggiunti ai 4.750 milioni già stanziati dall’Università.

Le funzioni del CSM e la sfida per l'efficienza del sistema giustizia il vicepresidente del CSM Legnini lunedì 13 marzo 2017 ore 15,30 in Aula Magna Università di Parma

Il vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini sarà l'ospite d'onore della lezione-dibattito aperta al pubblico organizzato dalla Cattedra di Diritto Costituzionale dell'Università di Parma previsto per domani, lunedì 13 marzo 2017 alle 15e30. L'evento si svolgerà all'interno dell'Aula Magna dell'Università di Parma, in Strada Università 12. Al centro del convegno sarà il tema “Le funzioni del CSM e la sfida per l'efficienza del sistema giustizia”.

L'evento sarà introdotto dai saluti del Magnifico Rettore dell'Università di Parma Loris Borghi, del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Studi Politici e Internazionali Giovanni Bonilini, del Senatore Giorgio Pagliari e del Prof. Antonio D'Aloia, Ordinario di Diritto Costituzionale.

Già Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio nel Governo Letta e Sottosegretario all'Economia nel Governo Renzi, Legnini è consigliere del CSM dal 10 settembre 2014 e il 30 settembre 2014 è stato eletto vicepresidente dello stesso Consiglio Superiore della Magistratura. E' stato il primo esponente di un Governo in carica eletto come consigliere del CSM.

WAC (Web Activists Community): C O N V E G N O - A S S E M B L E A a Roma il 19 aprile ore11:00 Palazzo Falletti

A tutti i Soci , a coloro i quali hanno partecipato alle riunioni preliminari

della sua Costituzione e a coloro i quali sono interessati ad associarsi .

I N V I T O  AL  C O N V E G N O - A S S E M B L E A

Mercoledì¬ 19 aprile, a Palazzo Falletti - via Panisperna 207, Roma (h. 11:00) 

La situazione generale del Libero Pensiero e della Libera Espressione nel web

sta andando incontro a stagioni molto difficili. L'episodio dell'interruzione

della "monetizzazione" da parte di Google - Ad Sense nei confronti di centinaia

di web attivisti, l'adozione degli algoritmi "selezionatori" da parte di

Facebook, il DDL Gambaro e il Truth Act dell'On. Boldrini, sono solo le punte

Visibili di un iceberg contro il quale gli utenti di internet potrebbero

scontarsi a breve.

L'alleanza tra i Boss della Rete e le Autorità nazionali e internazionali sta Muovendo le truppe occulte di una guerra silenziosa i cui obiettivi sono chiari: la riduzione drastica, se non l'eliminazione, del dissenso non conformista che si esprime nel web. Nel magico triangolo costituito da Contenuti, Accesso alla rete e Modello di business, anche se si riuscirà  a salvaguardare i

Contenuti, in quanto il Potere Globale è costretto a difendere formalmente la Libera Espressione ... anche se si riuscirà a salvaguardare l'accesso alla Rete, in quanto difeso dalla Net neutrality sostenuta dagli interessi delle Società telefoniche ( fin quando si paga il transito si ha visibilità) ... ciò che è drammaticamente in discussione è il Modello di Business, cioè l'accesso alle

risorse indispensabili alla sopravvivenza dei singoli e all'economia della Comunità.

I rivoli monetari "classici" che alimentavano il web: denaro pubblico, pubblicità  e sponsorizzazioni, si stanno prosciugando o sono sotto il controllo

ferreo di soggetti che vogliono sopprimere i web attivisti antagonisti dei media

Enzo Minarelli, il Polipoeta all'Università di Bologna con Renato Barilli e Pasquale Fameli

Enzo Minarelli, il Polipoeta

Enzo Minarelli dialoga con Renato Barilli
e Pasquale Fameli

coordina Silvia Grandi
quando: mercoledì 15 marzo, ore 17.00
dove: Aula Magna di S. Cristina
 
Dipartimernto di Arti Università di Bologna
piazzetta Morandi 2 - 40125 Bologna

LOCANDINA PDF

Presentazione della monografia che riunisce in un munico volume tutti gli scritti che Renato Barilli ha dedicato nella sua lunga fedeltà all’autore, più il recente ed inedito Minarelli in Toto. Completano la ricerca, due ulteriori saggi realizzati per l’occasione da Pasquale Fameli e Frederico Fernandes sul concetto di Polipoesia e del suo omonimo manifesto pubblicato da Minarelli nel 1987, consolidato punto di riferimento nell’ambito delle teorie performative. L’uscita di questa pubblicazione (Campanotto Editore) coincide felicemente con la ricorrenza del suo trentennale. Vengono altresì riprodotte testimonianze relative alla polipoetica attività dell’autore a firma di Guido Guglielmi, Henri Chopin, Paul Zumthor, Dick Higgins, Filiberto Menna, Vittorio Fagone e Roberto Daolio.

GUIDO BARILLA APRE LE LETTURE MAGISTRALI DEL CENTRO UNIVERSITARIO DI BIOETICA Aula dei Filosofi 7 MARZO 2017

Il Presidente della Barilla e della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition parlerà di “Healthier Communities”
nell’ambito del ciclo “Bioetica/Scenari”. Cinque incontri dal 7 marzo al 14 giugno nell’Aula d
ei Filosofi dell’Università di Parma

Sarà Guido Barilla ad aprire il primo ciclo di letture magistrali del Centro Universitario di Bioetica dell’Ateneo di Parma, “Bioetica/Scenari”,in programma dal 7 marzo al 14 giugno 2017 nell’Aula dei Filosofi del Palazzo Centrale dell’Università (via Università 12).  Healthier Communities” il titolo della lecture del Presidente della Barilla S.p.A. e della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, in programma per martedì 7 marzo alle ore 15.30. Guido Barilla sarà introdotto dai saluti del Rettore Loris Borghi e del Direttore del Centro Universitario di Bioetica Antonio D’Aloia.
Il ciclo di letture magistrali è dedicato ad alcune tematiche di frontiera nell’ambito dell’attuale riflessione bioetica. In alcuni casi si tratta di scenari ancora incompiuti, ma per i quali, tuttavia, non è nemmeno più corretto parlare solo di futuro.

BANDI DELL’UNIVERSITÀ DI PARMA PER PROGETTI DI MOBILITÀ INTERNAZIONALE

SCADENZE BANDI DELL’UNIVERSITÀ DI PARMA PER PROGETTI DI MOBILITÀ INTERNAZIONALE 

L’Università di Parma ricorda le prossime scadenze dei Bandi di Ateneo per i progetti di mobilità internazionale: 

  • ·         5 marzo 2017: ERASMUS PLUS SMS - mobilità a fini di studio a.a. 2017-2018
  • ·         28 aprile 2017: ERASMUS PLUS SMT - mobilità a fini di tirocinio a.a. 2017-2018
  • ·         28 aprile 2018: OVERWORLD 2017/2018 - Azione 2 "Mobilità individuale presso uno degli Atenei non europei aventi un accordo di collaborazione culturale e scientifica con l’Università degli Studi di Parma”. 

Tutte le informazioni relative ai progetti e i relativi bandi sono reperibili ai seguenti link sul Portale di Ateneo: 

Universita' di Parma, MATEMATICA: A GIUSEPPE MINGIONE IL PREMIO AMERIO 2016

Giuseppe Mingione

MATEMATICA: A GIUSEPPE MINGIONE IL PREMIO AMERIO 2016

Ulteriore prestigioso riconoscimento per il docente di Analisi matematica dell’Università di Parma, tra i ricercatori più citati al mondo

Giuseppe Mingione, Professore Ordinario di Analisi matematica all’Università di Parma, è il vincitore dell’edizione 2016 del prestigioso Premio Amerio, assegnato dall'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere, storica accademia lombarda. Il premio viene attribuito ogni anno a un matematico italiano che si è particolarmente distinto a livello internazionale per i suoi contributi all'Analisi matematica. 

Il prof. Mingione è uno dei ricercatori più citati al mondo secondo la graduatoria stilata da Thomson-Reuters, che al momento lo classifica come dodicesimo matematico al mondo per numero di pubblicazioni ad alto impattoSi tratta della posizione più alta di sempre raggiunta da un matematico italiano. 

Giuseppe Mingione è tra i più giovani premiati nella storia del Premio Amerio, in cui compaiono esclusivamente professori di grandi atenei e istituzioni universitarie maggiori come la Scuola Normale di Pisa, la Scuola internazionale superiore di studi avanzati (Sissa), le Università di Napoli, Pisa, Zurigo, la Sapienza di Roma e la Penn State University.

Classifica Università dell'Emilia Romagna

Bologna conferma il podio, Ferrara rimane stabile nella parte alta della classifica, Modena-Reggio scala ben sei posizioni rispetto all'anno scorso. Peggiora, invece, Parma che perde due piazze. E' un risultato con qualche ombra, ma tutto sommato positivo, quello che esce per le università emiliano-romagnole dalla classifica del Sole 24 Ore, che vede al primo posto Verona, dopo aver analizzato indicatori che tengono conto della qualità della didattica, del successo occupazionale, dai collegamenti internazionale e della capacità di fare ricerca e attrarre finanziamenti. L'Università di Bologna conferma il terzo posto dell'anno scorso, mentre Ferrara rimane stabile al 14/o posto. L'exploit più significativo è quello dell'Università di Modena e Reggio Emilia che arriva appena alle spalle dell'ateneo ferrarese, scalando ben sei posizioni rispetto al 2015. Parma è invece al 39/o posto (su 60 università prese in considerazione), scivolando di due posti.

Fonte Link  http://universita-parma.blogautore.repubblica.it/2017/01/02/universita-bologna-sempre-sul-podio-more-scala-6-posti-parma-ne-perde-due/

7 dicembre 2016 Università di Parma: convegno “Agricoltura Sostenibile di Precisione: visioni e pratiche del futuro”

Mercoledì 7 dicembre, con inizio alle ore 15 nell’Auditorium del Centro Congressi Sant’Elisabetta dell’Ateneo (Padiglione 13 del Campus Scienze e Tecnologie dell’Università di Parma - via Langhirano), si terrà il convegno “Agricoltura Sostenibile di Precisione: visioni e pratiche del futuro”.

Tra i relatori figurano, tra gli altri, Nelson Marmiroli ed Elena Maestri(Dipartimento di Bioscienze dell’Università di Parma) e Stefano Caselli (Centro Interdipartimentale per l’Energia e l’Ambiente - CIDEA Università di Parma).

L’evento si propone di fare il punto sull’agricoltura del futuro partendo dalla sperimentazione e innovazione in corso nei territori padano-emiliani.

Il convegno è organizzato dal Centro Acque - eu.watercenter dell’Università di Parma in collaborazione con il CIDEA dell’Ateneo, unitamente ad altre realtà del settore operanti in Emilia-Romagna.

Segreteria
Centro Acque - eu.watercenter, Università di Parma
Campus Scienze e Tecnologie 93a, 43124 Parma
Tel. 0521 906550, e-mail euwatercenter@euwatercenter.eu

Lettera di Italo Comelli e risposta di Luigi Boschi

Egregio Direttore,

In riferimento all’articolo pubblicato sul settimanale La Voce di Parma n. 42 del 08.11.16 avente per titolo “Università Popolare: quel corso non s’ha da fare” [LINK], mi consenta di fornirle le seguenti informazioni.

Il programma dei corsi della Università Popolare di Parma viene predisposto annualmente dal Consiglio Direttivo utilizzando le proposte di una apposita commissione tecnica formulate nel periodo giugno- inizio luglio dopo una attenta analisi dei numerosi nuovi corsi proposti sia da nuovi docenti, sia da docenti che in precedenza hanno collaborato con l’Istituzione. Il programma dei corsi è stampato e diffuso attorno alla metà di settembre e contiene sia la proposta di nuovi corsi, sia la riproposizione dei corsi già svolti in precedenza. 

L’Università Popolare tiene anche conto delle valutazioni dei propri docenti ed il rapporto con i docenti è ovviamente considerato fondamentale, perché è grazie al loro impegno, alla loro professionalità, alla loro capacità di trasmettere le conoscenze, che l’Università Popolare è in crescita e continua a crescere.

“Università e imprese per il Food”: conferenze con Paolo Barilla e Francesco Mutti all'Ateneo di Parma. Prima conferenza il 16 novembre con Paolo Barilla. L’iniziativa si svolge nell’ambito del Food Project d’Ateneo

Continua il ciclo di conferenze “Università e imprese per il Food”, promosso nell’ambito del “Food Project d’Ateneo”, voluto dalla governance universitaria per rafforzare l’immagine e la reputazione dell’Ateneo nel campo della formazione e della ricerca per l’alimentare, eccellenza del territorio di Parma.

Dopo gli incontri della scorsa primavera con Francesco Pugliese, Amministratore Delegato e Direttore Generale di CONAD e Antonio Maselli, Presidente di Maselli Misure, questa è la volta di Paolo Barilla e Francesco Mutti.

Gli incontri destinati a studenti e docenti, si terranno alla presenza del RettoreLoris Borghi. I relatori, dopo aver presentato le problematiche gestionali della propria azienda e del comparto, esporranno le aspettative che si attendono, in termini di formazione universitaria, dai giovani che si propongono di entrare in azienda.

La prima conferenza si terrà mercoledì 16 novembre 2016, alle ore 10.30, presso il Plesso Didattico Congressuale Q02 del Campus, Parco Area delle Scienze, sul tema “Università e imprese per l’alimentare: caratteri e aspettative della grande industria”. Interverrà Paolo Barilla, Vicepresidente di Barilla SpA.

Perché il Presidente dell’Università Popolare di Parma, dottor Italo Comelli, non vuole il Corso di Psicologia Dinamica, tenuto dal professor Marco Vettori?

Università Popolare di Parma Italo Comelli riceve il premio Sannt'Ilario 2015 da Federico Pizzarotti

Corso in Psicologia Dinamica presso l’Università popolare di Parma del dottor Vettori “CRONACA DI UNA SENTENZA DI ESCLUSIONE GIA’ PRONUNCIATA”. Quali le motivazioni vere? Perché quel corso non s'ha da fare?

Il corso in Psicologia Dinamica presso l’Università popolare di Parma, per l’anno accademico 2016/17 non è più in calendario. Perché? Cerchiamo di far luce sui fatti che hanno portato a questa estrema, forse ingiusta decisione. Priva di qualsiasi forma di risonanza, ossia di stare all’ascolto e dare una adeguata risposta.

L'Università degli studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo ha conferito a Enzo Bianchi la Laurea Honoris Causa

Enzo Bianchi

Giovedì 6 ottobre 2016 l'Università degli studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo ha conferito a Enzo Bianchi la Laurea Honoris Causa.
Pubblichiamo il testo integrale della sua Lectio Magistralis

Magnifico rettore Piercarlo Grimaldi,
carissimo Carlin Petrini,
amici tutti qui presenti,

ricevere un riconoscimento non è una situazione passiva, ma è per me un atto che significa un grazie e un impegno. Quando mi è giunta la proposta di questa laurea honoris causa, mi sono interrogato, non ho accettato subito come accecato dall’onore, perché sempre risuonano nel mio cuore le parole, per me determinanti, di Gesù: «Guai quando tutti diranno bene di voi!» (Lc 6,26). E non è solo il vangelo a ricordarmele, ma le ripete anche la sapienza della nostra gente, la gente delle nostre colline che sussurra: Esageruma nenta!. Ho anche considerato se l’attribuzione di questa laurea potesse offuscare la figura di un monaco, idealmente e romanticamente pensato come persona solitaria, come asceta che disprezza questa terra perché rapito dal desiderio di lassù. Ad alcuni ciò che accade ora potrà sembrare una celebrazione intellettuale della gourmandise, ma io credo alla conoscenza che è generata dalla concreta relazione con me, non dal sentito dire o dal brusio curioso.

14 ottobre 2016: scadenza bando Corso di perfezionamento "E-care. L'incontro con l'altro nella Web society"

Scade venerdì 14 ottobre 2016 il bando per l'iscrizione alla seconda edizione delCorso di perfezionamento in E-care. L'incontro con l'altro nella Web society, organizzato dall'Università di Parma.

Il corso è rivolto a laureati che rivestono ruoli e compiti di responsabilità educativa e formativa nonché di cura e di tutela della persona: in particolare il corso E-care si rivolge a dirigenti scolastici, insegnanti, educatori, assistenti sociali, psicologi, medici, avvocati, forze dell'ordine.

Obiettivo è quello di fornire le conoscenze e le competenze, sia teoriche sia pratiche, in merito alle maggiori problematiche che emergono nell'uso delle nuove tecnologie digitali dell'informazione e della comunicazione, con particolare riguardo alla relazione educativa con gli adolescenti e i giovani

Il corso si sviluppa su 5 moduli, per 25 ore, fra novembre e dicembre 2016 e si tiene nel Palazzo centrale dell'Università (aula E). I posti disponibili sono 50.

I docenti sono professionisti e ricercatori di varie discipline (psichiatri, psicologi, sociologi, giuristi), nonché insegnanti, educatori, forze dell'ordine impegnati sul campo nel prevenire, affrontare e contrastare le maggiori problematiche generate da un uso scorretto del  Web (ad esempio, cyberbullismo e sexting), che proporranno strategie educative e relazionali mirate ad un utilizzo positivo e consapevole della Rete. 

Il corso E-care è patrocinato dal Comune di Parma e dall'Ordine degli Assistenti Sociali dell'Emilia Romagna (OASER) che ha riconosciuto 25 crediti formativi, e si giova del sostegno della Cappella Universitaria dell'Università di Parma.

L'Università di Parma, Cisco e Italtel insieme per l'Agrifood

Cisco e Italtel collaborano con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Parma per la realizzazione di un importante progetto di digitalizzazione in ambito agro-industriale.

Obiettivo del progetto è l’ottimizzazione dei processi attraverso la virtualizzazione dei sistemi produttivi e l’impiego delle tecnologie IoT. Il tutto volto a minimizzare i costi, incrementare la qualità del prodotto, migliorare i processi di manutenzione e aumentare l’efficienza.

L’Italia è leader nella produzione di macchine e il territorio emiliano ha eccellenze assolute, soprattutto nel settore agro-alimentare. L’attività congiunta del Dipartimento di Ingegneria Industriale di Parma con Cisco e Italtel è importante per sostenere il percorso di digitalizzazione dell’industria italiana e migliorare così il livello di competitività internazionale del settore.

Per guidare un cambiamento profondo come la trasformazione digitale nel settore industriale è fondamentale favorire l’incontro tra le università e le aziende, creando modelli di innovazione che valorizzino le specificità delle imprese italiane ed allo stesso tempo consentano di allinearsi agli scenari globali. La collaborazione dell’Università di Parma con due prestigiose realtà come Cisco e Italtel, da alcuni anni attive in ambito IoT, vuole offrire un supporto continuativo e dinamico alle imprese per attivare progetti di “co-innovation”.

Il Conservatorio di Parma entra nell'European Opera Academy

Conservatorio Arrigo Boito di Parma

Il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” entra a far parte dell’European Opera Academy
Inaugurato il 27 settembre a Maastricht un network internazionale di tredici Accademie Superiori di Musica europee per la formazione dei migliori talenti a livello internazionale nel campo dell’opera lirica.

Il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma entra a far parte di un network internazionale di Accademie Superiori di Musica europee per la formazione dei migliori talenti a livello internazionale nel campo dell’opera e del teatro musicale. Martedì 27 settembre 2016, a Maastricht, ha avuto luogo l’apertura ufficiale dell’European Opera Academy (EOA), una collaborazione tra 13 accademie musicali di 12 paesi europei, ognuna con una o più specializzazioni. L’obiettivo è usare le specializzazioni delle singole accademie musicali per dare la possibilità ai migliori studenti di canto di sviluppare ulteriormente il loro talento, aiutandoli a entrare nel mondo del lavoro. Al momento il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma e quello di Firenze sono gli unici due Istituti AFAM italiani a far parte del progetto.

"Centro internazionale della conoscenza": nella food valley nasce scuola dell'alimentare

FINALMENTE UN INTERVENTO PER PROGETTO SPECIFICO E NON PER AREE. LB

Un progetto di rilancio del dipartimento di Scienza degli Alimenti voluto dall'associazione Parma io ci sto e dall'università. Investimento iniziale di nove milioni di euro. Guido Barilla: "Come mio padre Pietro ha sostenuto Ingegneria, così noi vogliamo creare un legame ancora più stretto con l'ateneo e i suoi talenti"

L’associazione Parma io ci sto e università di Parma danno vita a Parma alla prima Scuola internazionale di alta formazione sugli Alimenti e la nutrizione. Via al cantiere nei primi mesi del 2017 e inaugurazione prevista per ottobre 2018.

Il progetto è stato presentato oggi dal rettore Loris Borghi, dal presidente di Parma io ci sto, Alessandro Chiesi, e da Guido Barilla, coordinatore del settore agroalimentare dell'associazione di imprenditori e cittadini impegnati nel rilancio del territorio.

L'obiettivo dei promotori è portare Parma e la food valley al "centro mondiale della conoscenza e dell’innovazione nel settore agroalimentare"; un comparto che in Italia vale 132 miliardi di fatturato e ha nell'export un grande motore.

Parma, città creativa Unesco per la gastronomia e ambasciatrice della food valley nel mondo, intende così "confermare le sue eccellenze anche nell’offerta culturale e formativa dei suoi giovani".

La scuola - inserita all’interno del progetto Food Project dell'ateneo, sarà una "struttura didattica di prestigio unica al mondo, specializzata nell’offerta formativa post-laurea a forte grado di internazionalizzazione".

Andrea Chiesi è il nuovo presidente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma

Andrea Chiesi nuovo Presidente Conservatorio di Parma Arrigo Boito

Il dott. Andrea Chiesi è il nuovo presidente del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma: la carica sarà effettiva dal 18 luglio 2016, per la durata di un triennio. Direttore R&D Portfolio Management di Chiesi Farmaceutici, è stato designato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, su una terna di nomi proposta dal Consiglio Accademico del Conservatorio di Parma. Il MIUR lo ha individuato, come scritto nel decreto di nomina, tenendo conto dei “requisiti di alta qualificazione professionale, manageriale e dell’esperienza maturata”. Chiesi prende il posto del presidente uscente, Prof. Avv. Andrea Mora, rimasto in carica per sei anni.

L'Università di Torino cambia le regole sulle tasse, si allarga la fascia degli esentati

Il Senato accademico dà il via libera: niente tasse per chi è sotto i 15 mila euro di reddito Isee e borse di studio per chi è in difficoltà. Protestano i rappresentanti degli studenti: "E' una mancia, bisognava estendere la no tax area a 26 mila euro"

di STEFANO PAROLA

Niente tasse per chi dimostra di avere un reddito Isee inferiore ai 15 mila euro e borse di studio agli studenti in difficoltà. L'Università di Torino cambia il regolamento che riguarda i contributi dei suoi iscritti con una mossa che agevola le fasce più deboli. Il Senato accademico ha dato il via libera all'operazione proposta dal Rettore Gianmaria Ajani, con il voto contrario dei rappresentanti degli stessi studenti, che hanno apertamente criticato la decisione.

La mossa deriva dal fatto che quest'anno le tasse degli immatricolati hanno garantito un gettito extra di 1,1 milioni, dovuta al fatto che i nuovi criteri per definire il reddito Isee hanno ridotto il numero dei beneficiati. Di questa cifra, 500 mila euro andranno a migliorare i servizi per gli studenti e a garantire borse di tutorato per gli studenti del primo anno che hanno bisogno di aiuto per superare gli esami più difficili. Gli altri 600 mila euro serviranno invece a innalzare l'area in cui non si paga le tasse da 12.100 a 15 mila euro, a distribuire alcune borse di studio agli allievi con redditi bassi che non riescono a ottenere il sussidio dell'Edisu e ad aiutare gli iscritti diversamente abili. In più, è stato introdotto "l'Isee rettificato", ossia la possibilità di presentare la domanda di riduzione anche in occasione del pagamento della seconda rata, nel caso in cui un componente della famiglia perdesse il lavoro durante quel periodo.

AL PROF GIACOMO RIZZOLATTI IL PREMIO ALLA CONOSCENZA 2016

Domenica 3 luglio a Udine la consegna, nell’ambito di “Conoscenza in festa” 

Giacomo Rizzolatti, professore emerito dell’Università di Parma, leader del gruppo che ha scoperto i neuroni specchio, riceverà domenica 3 luglio a Udine il “Premio alla conoscenza 2016”. Il riconoscimento sarà consegnato all’illustre neuroscienziato nella giornata conclusiva di “Conoscenza in festa”, meeting sul trasferimento dei saperi organizzato dall’Università di Udine in collaborazione con la CRUI e con il sostegno e la partecipazione progettuale del Miur e della Fondazione Crup.

In occasione del conferimento il prof. Rizzolatti terrà la lectio magistralis “Il meccanismo specchio: un meccanismo per capire gli altri. Nuovi sviluppi”.

Giacomo Rizzolatti si è laureato in Medicina e Chirurgia all'Università di Padova, dove ha anche conseguito la specializzazione in Neurologia. Ha trascorso tre anni presso l'Istituto di Fisiologia dell'Università di Pisa, diretto dal Prof. Giuseppe Moruzzi. La sua carriera accademica è poi proseguita prevalentemente presso l'Università di Parma, prima come Assistente alla Cattedra di Fisiologia Umana e quindi come Professore Ordinario di Fisiologia Umana. Attualmente dirige il Centro dell’IIT “Brain Center for Social and Motor Cognition”, con sede a Parma.

Food: “patto” fra Università di Parma e Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari

Siglata oggi nella sede dell’Ateneo una convenzione per attività di didattica e ricerca su temi legati alla scienza e tecnologia degli alimenti

Università di Parma e Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA) insieme per lo svolgimento di attività didattiche e di ricerca su scienze e tecnologie degli alimenti. Questo il fulcro dellaconvenzione siglata oggi nella sede dell’Ateneo dal Rettore Loris Borghi e dal Presidente della SSICA Andrea Zanlari. All’incontro hanno partecipato anche il Delegato del Rettore al Food Project d’Ateneo Corrado Giacomini e il Dirigente di ricerca della SSICA Giovanni Parolari. Nel corso dell’incontro è intervenuto anche Giancarlo Menta, delegato del Presidente per la costituzione del Comitato di indirizzo della Fondazione di ricerca Stazione sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari.

Ricerca e formazione didattica e professionale dunque l’obiettivo prioritario dell’accordo, che avrà durata triennale. A un Comitato paritetico formato da 3 rappresentanti di ciascuna delle due Istituzioni spetterà il compito di organizzare, mettere in atto e gestire la collaborazione tra Università e Stazione Sperimentale.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti