Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Skenet

Skenet: news, opinioni, su teatro, lirica, musica classica, musicisti, programmi artistici,teatrali, gestione dei teatri, Giuseppe Verdi, Arturo Toscanini, 2013 bicentenario verdiano, festival verdi (vedi anche tra le rubriche quella di Enrico Votio Del Refettiero e Parmamusica in Dossier)

62° Anniversario della morte del Maestro Arturo Toscanini

62° Anniversario della morte del Maestro Arturo Toscanini

Parma, 16 gennaio 2019. In occasione del 62° anniversario della morte di Arturo Toscanini, l’assessorato alla Cultura del Comune di Parma - Casa della Musica ha proposto alla città un momento di ricordo nella casa natale del Maestro, in borgo Rodolfo Tanzi 13: l'appuntamento si rinnova ogni anno con la volontà non solo di ricordare il direttore d’orchestra parmigiano ma, al tempo stesso, offrire spunti di riflessione sulla sua figura.

Era presente per l'Amministrazione Comunale l'assessore alla Cultura Michele Guerra, insieme ad Alberto Triola, sovrintendente della Fondazione Arturo Toscanini, alle Autorità, ai principali rappresentanti delle Istituzioni e Associazioni culturali e musicali della città e a tanti appassionati.

Al Regio di Parma lo strepitoso Ballo in Maschera di Sebastiano Rolli

Sebastiano Rolli Direttore d'orchestra

Rolli è una realtà da diversi anni, che i vertici della musica di Parma in tempi diversi (da Meli a Fontana),  non hanno mai voluto valorizzare. Qualcuno è arrivato pure a offrirgli soldi (da lui rifiutati), perché non eseguisse un Rigoletto per "Parma nel cuore" già in cartellone. Gli chiesero di dare forfait e se ne andasse per un periodo all'estero. Sono arrivati pure a questo per non permettergli di prodursi nel suo talento, dimostrato ogniqualvolta veniva ingaggiato in Italia e all'estero. Vogliamo ricordare il Falstaff a Busseto (F.V.2013), in cui ha ricevuto tantissima critica a favore tra cui quella di Elvio Giudici [LINK]; la Traviata a Busseto (stagione 2017/18). Vorrei inoltre ricordare il "progetto musicale Rolli-Pertusi [LINK
Fuori Parma, apprezzato direttore a
Bergamo al Festival Donizettiano, a Lima in Perù, a Città del in Messico (Messico); a Dublino (Irlanda); Bratislava (Slovacchia); Muscat (Oman); Jaromerice (Repubblica Ceca); Dijon (Francia); Telaviv (Israele) ; Tenerife (Spagna). LB   

Un ballo in maschera inaugura la Stagione Lirica 2019 del Teatro Regio di Parma

Foto Roberto Ricci: Prove di un ballo in maschera, Teatro Regio di Parma 2019

UN BALLO IN MASCHERA

INAUGURA LA STAGIONE LIRICA 2019

Lo storico allestimento con le scene dipinte su carta di Giuseppe Carmignani del 1913 rivive in scena dopo un lungo e delicato lavoro di ripristino

curato da Rinaldo Rinaldi, con la regia di Marina Bianchi e la direzione di Sebastiano Rolli, sul podio dell’Orchestra Filarmonica Italiana e del Coro del Teatro Regio.

Protagonisti Saimir Pirgu, Leon Kim, Virginia Tola, Silvia Beltrami, Laura Giordano.

L’opera, nel centenario della morte di Cleofonte Campanini, è dedicata a Marcello Conati.

Teatro Regio di Parma

La morte di Valentin Proczynski: il diavolo e l’acqua santa

Valentin Proczynski

di Enrico Votio del Refettiero

La morte di Valentin Proczynski: il diavolo e l’acqua santa

Si è spento a Montecarlo uno dei personaggi più controversi del panorama musicale degli ultimi 30 anni, da quando nel 1989 il Giornale della Musica, a quel tempo uno degli strumenti di informazione più letti dagli addetti ai lavori, dedicò un articolo molto pesante al suo “intervento” nell’ultima apparizione di Leonard Bernstein in Italia con la Schleswig-Holstein Festival Orchestra al Teatro alla Scala: soprattutto perché, quel 19 Luglio 1989, Lenny alla fine aveva diretto solo una breve suite dal Roméo et Juliette di Berlioz, lasciando ai suoi giovani allievi Carl St. Clair, Eiji Oue e Mark Stringer il podio per la maggior parte del concerto.

E' morto il Maestro Valentin Proczynski

Valentin Proczynski Valentin Proczynski

Luigi Boschi

Il comunicato ufficiale della Old e New Montecarlo

Dear Colleagues, Partners and Friends,

It is with the deepest regret and sorrow that we announce the demise of Maestro Valentin Proczynski, who fought until the end against his illness for the sake of Art and Music.


A ceremony will take place at Chapel of the Monaco Cemetery on 4th January 2019 at 14h30.

He was a benefactor of "Médecins du Monde" and the "Ligue contre le Cancer". Should you want to express your condolences, instead of buying flowers you can make a donation to one of these organisations.

We are sure the Light of his work will continue to shine in the years to come.

All Partners, Artists and Promoters, with ongoing projects will shortly be reached separately to finalise the events.

The team of Old and New Montecarlo

Martino Faggiani a Parma Lirica domenica 6 gennaio 2019 alle ore 15,30 con Un ballo in maschera

Un Ballo in maschera

Martino Faggiani, con Un ballo in maschera, apre la nuova stagione di Parma lirica, presenti tre degli interpreti dell'opera che inaugura la stagione lirica. Nel corso dell'evento sarà presentata la nuova programmazione del circolo culturale.
Domenica 6 gennaio 2019 alle ore 15,30 Martino Faggiani, direttore del Coro del Teatro Regio, terrà a Parma Lirica la conversazione “Una storia d'amore per un genio” durante la quale racconterà ed introdurrà Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, che aprirà la stagione lirica il prossimo 12 gennaio.

L'evento vedrà la partecipazione straordinaria del mezzosporano Agostina Smimmero interprete del ruolo di Ulrica, del baritono Sergio Bologna interprete del ruolo di Renato e del soprano Laura Giordano che, con la produzione parmigiana, darà l'addio al ruolo del paggio Oscar.
Sarà inoltre presente il giovane soprano Chiara Mogini. Pianista d'eccezione sarà lo stesso maestro Faggiani.
Con l'occasione verrà presentata la nuova stagione di Parma Lirica, ricchissima di eventi che soddisferanno tutti i palati: dagli appassionati di musica, a chi si interessa di mostre e di libri. La programmazione si concluderà il 14 giugno a Villa Malenchini di Carignano con una selezione della Traviata, a cura del coro Renata Tebaldi, il cui ricavato andrà a favore dell'Assistenza Pubblica

CONCERTO A VARANO (PR): GLI ARCHI DELLA TOSCANINI ALLA DALLARA ACADEMY

CONCERTO A VARANO: GLI ARCHI DELLA TOSCANINI ALLA DALLARA ACADEMY
Al nuovo Auditorium di Varano de'Melegari la violinista Mihaela Costea interpreta i capolavori di Corelli e Vivaldi con l'Orchestra Toscanini

L'Orchestra Arturo Toscanini sarà a Varano de' Melegari il prossimo venerdì 4 gennaio 2019, ospite del nuovissimo Auditorium realizzato all'interno della Dallara Academy. L'edificio dell'Academy, frutto della lungimiranza e della volontà dell'ing. Giampaolo Dallara, ospita in sé diverse anime, che prendono vita nelle diverse funzioni: il legame con il territorio circostante, l'importanza della formazione, la trasmissione della passione. La struttura, che si sviluppa su due piani, ha al suo interno un'area progettata per poter ospitare conferenze, meeting, presentazioni. Questo Auditorium, uno spazio modulabile con una capienza fino a 350 persone, ospiterà alle ore 19 il concerto offerto alla cittadinanza dalla generosità di Dallara e realizzato dalla Fondazione Toscanini. L'evento, che si svolge con il patrocinio del Comune di Varano de' Melegari e avviene in collaborazione con la Proloco di Varano, è offerto a chi vorrà partecipare nel limite dei posti disponibili. I biglietti che consentono l'ingresso possono essere richiesti e ritirati non solo in Dallara (per chi vi lavora) ma anche presso la sede della Proloco di Varano in Via Martiri Della Libertà, 8 (Tel. 0525 53 487 - info@prolocovarano.it) e la sede della biglietteria della Toscanini a Parma (biglietteria@fondazionetoscanini.it, 0521-391339).

Concerto dell'Epifania: Sala Pizzetti, 5 gennaio - ore 17

CONCERTO DELL’EPIFANIA: L’ORER INAUGURA LA NUOVA SALA PIZZETTI
Una gioiosa Festa per le Famiglie con l’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna, le grandi sinfonie di Rossini e i famosi Valzer di Strauss

Chi entra nel Parco Eridania si sofferma immediatamente sulle grandi strutture dell’Auditorium Paganini e del Centro di Produzione Musicale Arturo Toscanini, nuova sede della Fondazione. Pochi notano invece le scale d’accesso alla Sala Ipogea che porta da quest’anno il nome del celebre compositore parmigiano Ildebrando Pizzetti. La sala sotterranea sorge infatti al di sotto del prato che separa Auditorium e CPM Toscanini, collega funzionalmente i due edifici ed è accessibile da entrambi. Dopo un intenso programma di lavori di risistemazione finanziati dal Comune di Parma, la Sala Pizzetti, che ha caratteristiche spiccatamente polifunzionali, può anche fungere da sala da concerto di medie dimensioni: è stato infatti notevolmente aumentata la dimensione del palcoscenico e la sala è stata dotata di 365 posti, con sedute numerate e di ultima generazione, e arricchita da modernissimi impianti dedicati all’attività congressuale.

Il primo concerto in questa nuova veste sarà anche una gioiosa Festa per bambini e ragazzi e per le loro famiglie: il prossimo sabato 5 gennaio alle ore 17, gli appassionati di musica e non solo potranno assistere al Concerto dell’Epifania, l’evento nel quale l’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna diretta da Jacopo Rivani eseguirà Sinfonie di Gioacchino Rossini e Valzer di Johan Strauss figlio, da La Cenerentola a Sangue viennese, da L’italiana in Algeri alla Pizzicato Polka, da Il barbiere di Siviglia all’ouverture del Pipistrello, da Il signor Bruschino alla immortale Marcia di Radetzky di Johann Strauss padre.

La protesta al Teatro Lirico di Cagliari del 14 dicembre 2018 ha avuto una ampia partecipazione dei dipendenti di tutti i settori

Cagliari, 19-12-2018 Venerdì 14 dicembre 2018 [LINK], l'astensione proclamata dalla RSU del Teatro Lirico su mandato assembleare ha avuto una grande partecipazione, oltre 120 dipendenti di tutti i settori, anche non coinvolti direttamente nello spettacolo di Rigoletto. 

La particolare formadi protesta scelta in assemblea aveva lo scopo di salvaguardare l'intero spettacolo, ritardandone solo l'inizio e dandone evidenza pubblica per diminuire il più possibile il disagio agli spettatori. 

Data voce e circoscritti i confini del reale disagio vissuto dai lavoratori con tutte le preoccupazioni e le paure legate all'incertezza del prossimo futuro, è arrivato il momento con atto di responsabilità di tutti i soggetti coinvolti di riavviare la trattativa per la definizione di tutte le criticità. 

L'interesse comuneè quello di, valorizzando l'impegno di ambo le partie i risultati finora ottenuti, riconoscere ed affrontare la reale situazione del teatro confidando nel buon senso delle delegazioni. 

(Per la RSU
SimoneGuarneri )

DOCUMENTO PDF

NATALE IN PILOTTA: GLI ARCHI DELL’ORER ALLA GALLERIA NAZIONALE

NATALE IN PILOTTA: GLI ARCHI DELL’ORER ALLA GALLERIA NAZIONALE

L’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna con la violinista Mihaela Costea interpreta Corelli e Vivaldi alla Galleria Nazionale

Un gradito e natalizio ritorno quello che gli archi dell’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna guidati da Viktoria Borissova, con la partecipazione straordinaria dalla violinista Mihaela Costea, faranno venerdì prossimo, 21 dicembre, ospiti del Complesso Monumentale della Pilotta. Si rinnova così la fortunata collaborazione tra due delle maggiori istituzioni culturali cittadine.

Con inizio alle 18.00, con ingresso gratuito nel limite dei posti disponibili, nella splendida cornice della Galleria Nazionale e più precisamente nella Sala delle Colonne, gli archi di quella che è oggi considerata una delle più importanti orchestre regionali italiane, impegnata dal 1975 in una prestigiosa ed ininterrotta attività sinfonica, eseguiranno “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi e il Concerto “fatto per la notte di Natale” di Arcangelo Corelli.

Protesta dei lavoratori della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari

La RSU del Teatro Lirico di Cagliari ha tenuto un'assemblea generale dei lavoratori in data 11 dicembre c.a. in cui si è discusso di numerose problematiche e preoccupazioni che non trovano soluzione. In particolare si riporta:
- Grave disorganizzazione del lavoro;
- Strategia fallimentare sulle cause di lavoro/conciliazioni che ha prodotto oltre 1 milione di euro di risarcimenti;
- Livelli inadeguati dei requisiti di internazionalizzazione e capacità di reperire risorse private per soddisfare la legge 160;
- Assenza o totale inconcludenza delle relazioni sindacali;
- Informazioni parziali sulle gravi irregolarità riscontrate dagli ispettori del MEF;
- Mancanza di dialogo con l'organo di indirizzo.
Per questi problemi, esperiti vanamente numerosi tentativi per il superamento degli stessi, l'assemblea ha deciso come forma di protesta uno sciopero di 30 minuti, dalle 20.30 alle 21.00, col conseguente ritardo dell'inizio della prima recita del Rigoletto prevista per venerdì 14. Infine, è stata ribadita la volontà di fare fronte comune contro la legge 160/2016, i cui decreti attuativi potrebbero essere decisi entro la fine dell'anno, ed espressa piena solidarietà ai colleghi dell'Arena di Verona per le gravi difficoltà del momento. I contenuti della presente saranno comunicati alla stampae all'opinione pubblica nel modo dovuto.
Distinti saluti.

Per la RSU
Annalisa Pittiu

DOCUMENTO PDF

Luigi Ferrari. Il musicologo che piaceva tanto a Stockhausen

Pietro Acquafredda

Luigi Ferrari. Il musicologo che piaceva tanto a Stockhausen

Music@, il bimestrale da noi fondato e diretto, edito dal Conservatorio aquilano, dal 2006 al 2013, pubblicò sul numero 31 (gennaio-febbraio 2013) alcune lettere inedite di Stockhausen a noi inviate all'epoca della direzione di Piano Time, riguardanti prevalentemente la musica pianistica, ma anche l'opera, in risposta a giudizi non lusinghieri espressi  da alcuni giovani compositori italiani, da noi interpellati,  e pubblicati sulla rivista, riguardanti il ciclo 'LICHT'.

Parma, Luigi Ferrari presidente dell'Istituto Studi Verdiani

Luigi Ferrari

Nicola Sani lascia la presidenza dell'Istituto Nazionale Studi Verdiani: dopo quattro anni non si è detto disponibile a portare avanti il suo mandato. Già qualche tempo fa aveva espresso l'intenzione di voler dedicare più tempo alla composizione.
Dovrebbe succedergli il Maestro Luigi Ferrari, fino a qualche mese fa sovrintendente della Fondazione Arturo Toscanini. 15 dicembre 2018

Fonte Link: parma.republica.it

“L’annunzio del Natale” Veglia musicale in Cattedrale con il Gruppo Vocale e Strumentale Par.M.A. – Parma Musica Antica

Gruppo Vocale e Strumentale  Par.M.A. – Parma Musica Antica

L’annunzio del Natale”
Veglia musicale con il Gruppo Vocale e Strumentale

Par.M.A. – Parma Musica Antica
Giovedì 20 Dicembre 2018, ore 21.00, Cattedrale di Parma. Ingresso libero

Prepararsi al Natale attraverso l’ascolto della musica: è la scelta fatta dalla Curia Vescovile di Parma che, giovedì 30 dicembre alle 21.00, nella Cattedrale di Parma, ha organizzato una veglia musicale dal titolo “L’annunzio del Natale”. Protagonista ne sarà il “Gruppo Vocale e Strumentale Par.M.A. – Parma Musica Antica” del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”, preparato dai docenti Francesco Baroni, Gianluca Ferrarini, Alessandro Ciccolini e Gian Luca Lastraioli. In programma una musica rara e antica: la Messa composta nel 1648 da Giovanni Battista Chinelli, sacerdote e compositore parmigiano che in questa cattedrale fu maestro di cappella e organista. L’esecuzione dei brani musicali sarà intervallata dalla lettura di brani scritturistici e patristici sul mistero del Natale.

“La Diocesi di Parma – osserva Lorenzo Montenz, responsabile del progetto culturale diocesano – ha scelto di dare visibilità a questi giovani che, prese le distanze dai luoghi comuni di un’arte commercializzata, s’impegnano in una professionalità faticosa ma preziosa, fatta di passione e di curiosità per la ricerca, di studio accurato di linguaggi musicali ingiustamente dimenticati, di entusiasmo nel riproporre un’atmosfera culturale ricercata e coinvolgente”.

GIUSEPPE MARTINI A IMPARIAMO IL CONCERTO: giovedì13/12 ore 18.00 Sala Prove dell'Auditorium Paganini

Giuseppe Martini

GIUSEPPE MARTINI A IMPARIAMO IL CONCERTOIl musicologo presenterà giovedì la Petite Messe di Rossini

La conferenza si terrà alla Sala Prove dell’Auditorium
Si terrà alla Sala Prove dell’Auditorium Paganini il prossimo incontro di
Impariamo il Concerto, la serie di conferenze e prove aperte al pubblico
attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli
appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere.
L’appuntamento di questa settimana è per giovedì 13 dicembre alle ore 18
nella Sala Conferenze Päer del CPM Toscanini. L’ingresso avverrà attraverso
la reception artisti situata sul lato parcheggio accanto alla ciminiera
simbolo dell’edificio. Come sempre, la conferenza sarà preceduta dalla
possibilità di poter assistere all’anteprima del concerto (a partire dalle
15 all’Auditorium Paganini, ingresso dall’entrata principale) tenuta dalla
Filarmonica Arturo Toscanini e dal Coro del Teatro Regio di Parma diretti da
Gianluigi Gelmetti. Oltre al maggiore coro cittadino preparato da Martino
Faggiani, d’eccezione i quattro solisti impegnati nel programma, la Petite
Messe Solennelle di Gioacchino Rossini: il soprano Angela Nisi, il
mezzosoprano Daniela Pini, il tenore Celso Albelo, il basso Mirco Palazzi.

"VENEZIA MI PIACE ASSAI": Come Bianchini e Trombetta intorbidano i canali

"VENEZIA MI PIACE ASSAI"
Come Bianchini e Trombetta intorbidano i canali

di Carlo Vitali, Giovanni Tribuzio, Mario Tedeschi Turco e Michele Girardi

Sui meriti di Johann Georg Keyssler quale autore odeporico i giudizi divergono. Alcuni lo ritengono un precursore dell'Illuminismo sociale, inviso ai poteri costituiti perché incline a denunciare i problemi del pauperismo; altri scorgono nelle sue Neueste Reisen durch Teutschland, Böhmen, Ungarn, die Schweiz, Italien und Lothringen (Hannover, 1740-1741 e 1752) un contrasto fra la verbosa erudizione barocca e l'osservazione della realtà, invero attenta e ricca di dettagli ma non disgiunta da un atteggiamento di superiorità tipico del filisteo Herr Professor tedesco quando parla di paesi e popoli stranieri. Se ne tratta in questa sede perché B&T, ampliando le speculazioni di precedenti autori quali Rudolph Angermüller e Alberto Basso, denunciano un'influenza negativa dei suoi due ponderosi tomi, considerati alla stregua di una guida di viaggio portatile, sull'approccio di Mozart padre e figlio alle incomparabili bellezze di Venezia. Una più attenta lettura del carteggio mozartiano prova invece che Leopold non possedeva tali tomi, che prima di partire se li era fatti prestare da un amico della famiglia von Helmreichen, e che poi li aveva lasciati a Salisburgo (lettera da Mantova, 11 gennaio 1770). 

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK
Unico appuntamento con la monumentale Sesta Sinfonia
 venerdì 7 dicembre (ore 20.30) al Paganini

La Sesta Sinfonia in la minore di Gustav Mahler, che il pubblico conosce soprattutto con la denominazione di “Tragica”, è un’opera monumentale: dura più di 80 minuti e la Filarmonica Arturo Toscanini, per eseguirla, raggiungerà un organico di 110 professori d’orchestra. Per bocca dello stesso autore, essa rappresenta la summa delle sue sinfonie precedenti ed anche una riflessione sulla sua opera di compositore (più che sulla sua vita). Sono le testimonianze di Alma Mahler, moglie del grande compositore e direttore d’orchestra morto ad appena 51 anni, ad insistere sulla connotazione autobiografica e sulla premonizione tragica dei colpi del destino che lo attendevano (la morte della primogenita, la rottura con Vienna, la malattia e la morte prematura), simboleggiati dai colpi di martello del finale, che rilasciano comunque la sensazione di una tremenda sconfitta dell’anima.

GIAN PAOLO MINARDI A IMPARIAMO IL CONCERTO: Il musicologo presenterà mercoledì 5 dicembre ore 18 la sesta sinfonia alla Sala Päer del CPM Toscanini

Gian Paolo Minardi, una delle presenze più autorevoli e apprezzate di Impariamo il Concerto, sarà il prossimo relatore della serie di conferenze e prove aperte al pubblico attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere. L’appuntamento di questa settimana è per mercoledì 5 dicembre alle ore 18 nella Sala Conferenze Päer del CPM Toscanini.

L’ingresso avverrà attraverso la reception e biglietteria della Fondazione Toscanini di Viale Barilla 27/A, sempre all’interno del Parco Eridania e a pochi metri dall’Auditorium. Come sempre, la conferenza sarà preceduta dalla possibilità di poter assistere all’anteprima del concerto (apartire dalle 15 all’Auditorium Paganini, ingresso dall’entrata principale) tenuta dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Stefan Anton Reck.

I biglietti – al prezzo simbolico di 1 euro - sono in vendita presso la biglietteria della Fondazione Toscanini, situata presso il CPM Toscanini, Viale Barilla 27/A. informazioni al numero 0521/391339 o scrivendo a biglietteria@fondazionetoscanini.it.

OMAGGIO AD ARRIGO BOITO

OMAGGIO AD ARRIGO BOITO

Una giornata nell’ambito delle celebrazioni promosse dal Comitato Nazionale per il centenario della morte di Arrigo Boito (1918-2018), organizzata dal Conservatorio di Parma con il Comune di Parma - Casa della Musica e l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani. Giovedì 6 dicembre 2018, Auditorium e Sala dei Concerti della Casa della Musica. 

Ingresso libero 

Una conferenza sul carteggio tra Giuseppe Verdi e Arrigo Boito e un concerto che si propone di far conoscere la produzione di Boito come compositore e autore di testi poetici. Giovedì 6 dicembre 2018, nell’Auditorium e nella Sala dei Concerti della Casa della Musica, si terranno due nuovi appuntamenti delle celebrazioni promosse dal Comitato Nazionale per il centenario della morte di Arrigo Boito (1918-2018). La giornata, organizzata dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma in collaborazione con Comune di Parma - Casa della Musica e con l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, propone alle 17.00 “Ripigli la penna e mi scriva presto. Verdi e Boito nei carteggi”, conferenza dedicata ai 90 anni di Marcello Conati (curatore dell’edizione del carteggio Verdi-Boito). Prenderanno la parola Alessandra Carlotta Pellegrini ed Edoardo Buroni.

Teatro Festival Parma GEORGE GERSHWIN MY TIME IS TODAY di Luigi Ferrari a Teatro Due di Parma

My Time is today

Teatro Festival Parma

GEORGE GERSHWIN

MY TIME IS TODAY

di Luigi Ferrari 

con Fiorella Ceccacci Rubino e Massimiliano Sbarsi

Francesco Melani pianoforte 

regia Rosetta Cucchi 

produzione Fondazione Teatro Due, Fondazione Arturo Toscanini 

PRIMA NAZIONALE

Teatro Due

1 e 4 dicembre 2018, ore 20.30

2 dicembre 2018, ore 16.00 

9 luglio 1937, George Gershwin seduto in poltrona, in vestaglia da casa elegante, legge una copia del Variety. D’improvviso si alza in piedi e, in quelle che poi sapremo essere state le ultime ore della sua breve vita, inizia a parlare a briglia sciolta, tessendo il bilancio di una carriera folgorante.

Parte da questo momento il racconto di George Gershwin, My time is today, nuova produzione di Fondazione Teatro Due e Fondazione Arturo Toscanini che debutterà in prima nazionale a Teatro Due sabato 1 dicembre alle ore 20.30 (con repliche il 2 alle ore 16.00 e il 4 dicembre alle ore 20.30) con la regia di Rosetta Cucchi.

IMPARIAMO IL CONCERTO: MERCOLEDI’ LA CONFERENZA DI CRISTIAN CARRARA SU MENDELSSOHN E SAINT-SAËNS

Carrara Cristian

PROSEGUE IMPARIAMO IL CONCERTO: MERCOLEDI’ LA CONFERENZA DI CRISTIAN CARRARA SU MENDELSSOHN E SAINT-SAËNS
La conferenza si terrà alla Sala Päer del CPM Toscanini

Impariamo il Concerto, la nota serie di conferenze e prove aperte al pubblico attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere, prosegue mercoledì 21 novembre alle ore 18 nella sua nuova sede della Sala Conferenze Päer del CPM Toscanini.L’ingresso avverrà attraverso la reception e biglietteria della Fondazione Toscanini di Viale Barilla 27/A, sempre all’interno del Parco Eridania e a pochi metri dall’Auditorium.
L’appuntamento inaugurale è affidato al compositore Cristian Carrara che racconterà al pubblico genesi, articolazione, aneddoti dei tre brani che saranno eseguiti, come debutto della serie Tutti per Uno 2018/19, venerdì 23 novembre (ore 20.30) dalla Filarmonica Arturo Toscanini guidata dal suo direttore principale Alpesh Chauhan e con la partecipazione del violoncellista Pietro Nappi. Come sempre, la conferenza sarà preceduta dalla possibilità di poter assistere all’anteprima del concerto (a partire dalle 15 all’Auditorium Paganini, ingresso dall’entrata principale). L’ingresso al doppio appuntamento (anteprima e conferenza) è come sempre fissato ad 1 euro.

BLACK FRIDAY PER LA FONDAZIONE TOSCANINI Solo venerdì 23 novembre forti sconti su tutti i biglietti

CPM (Centro di Produzione Musicale) Toscanini a Parma

BLACK FRIDAY PER LA FONDAZIONE TOSCANINI 
Solo venerdì 23 novembre forti sconti su tutti i biglietti

La consuetudine del Black Friday, la giornata dell’anno nella quale si è ormai diffusa la consuetudine di vendere a prezzi fortemente scontati ogni genere di prodotti, sia attraverso i giganti dell’e-commerce sia nei più tradizionali negozi, arriva anche alla Fondazione Arturo Toscanini. 

Solo nella giornata di venerdì 23 novembre infatti, i biglietti per ogni concerto disponibile alla vendita potranno essere acquistati da chiunque alla tariffa Giovani Under30, con uno sconto che va in genere dal 25-30 al 40% a seconda del settore e del prezzo prescelti. E’ possibile acquistare un massimo di quattro biglietti per ogni singolo concerto. Le medesime condizioni sono offerte sulla piattaforma Internet della Fondazione www.biglietteriatoscanini.it, a condizione che l’operazione avvenga tra le 00.00 e le 23.59 dello stesso giorno.

Per gli studenti universitari e chi ha meno di 30 anni, ovvero chi gode già di una tariffa agevolata, il prezzo del singolo biglietto scende a 10 euro, a condizione che venga mostrata la carta d’identità o il tesserino universitario. 

Teatro Due Parma, THE CONDUCTOR sabato 10 novembre alle ore 20.30 e domenica 11 alle ore 16.00

the Conductor

THE CONDUCTOR

basato sul romanzo The Conductor di Sarah Quigley

adattamento di Mark Wallington e Jared McNeill

con Joe Skelton e Deborah Wastell

musica Sinfonia n.7 in Do maggiore, op. 60

composta da Dmitri Shostakovich

arrangiata e suonata da Daniel Wallington

regia Jared McNeill

produzione Fondazione Teatro Due

spettacolo in lingua inglese con sopratitoli in italiano

Teatro Due

sabato 10 novembre ore 20.30

domenica 11 alle ore 16.00

ACCADEMIA VERDIANA 2019 Corso di Alto perfezionamento in repertorio verdiano

Accademia Verdiana 2019

ACCADEMIA VERDIANA 2019

Corso di Alto perfezionamento in repertorio verdiano

Al via le iscrizioni al corso riservato a 12 cantanti lirici

che potranno conseguire una preparazione vocale, musicale e teatrale di eccellenza.

La partecipazione è a titolo gratuito e prevede una borsa di studio.

Iscrizioni entro martedì 8 gennaio 2019

Selezioni dal 16 al 18 gennaio 2019

Lezioni dal 4 febbraio al 28 giugno e dal 2 settembre al 21 ottobre 2019 

Condividi contenuti