GIANLUIGI MATTIETTI A IMPARIAMO IL CONCERTO: la musica francese del Novecento nella conferenza di giovedì 18 aprile ore 18.00 alla Sala Päer del CPM Toscanini

Spread the love
Mattietti Gianluigi

GIANLUIGI MATTIETTI A IMPARIAMO IL CONCERTO

La musica francese del Novecento nella conferenza di giovedì

alla Sala Päer del Centro Toscanini

I compositori francesi del Novecento ed i loro lavori hanno rappresentato un contributo fondamentale alla storia della musica del Secolo breve. Ai lavori di quattro dei più grandi autori d’Oltralpe è dedicato il prossimo appuntamento di Impariamo il Concerto, la serie di conferenze e prove aperte al pubblico attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere. La conferenza è in programma giovedì 18 aprile ore 18.00 (Sala Päer del CPM Toscanini) mentre la prova aperta della Filarmonica Toscanini diretta da Marco Angius inizierà alle ore 15 all’Auditorium Paganini.

Relatore dell’incontro sarà Gianluigi Mattietti, docente di Storia della musica all’Università di Cagliari, autore di saggi e studi sulla musica del Novecento e contemporanea, critico musicale delle riviste Amadeus, The Classic Voice, Musica, Il Giornale della Musica, Golem informazione, Il Corriere Musicale. Nato a Roma nel 1962, si è laureato in Storia della Musica all’Università La Sapienza, con una tesi analitica su Jeux di Claude Debussy. Parallelamente ha compiuto i suoi studi musicali al Conservatorio di Santa Cecilia, diplomandosi in Musica elettronica e in Composizione. Ha conseguito il titolo di dottore di ricerca in Storia e Analisi delle Culture Musicali con una tesi dal titolo Geometrie di musica: il periodo diatonico di Aldo Clementi, che ha vinto il premio Latina ed è stata pubblicata dalla LIM. Ha ottenuto borse di studio dall’Università di Cracovia, dall’Istituto Goffredo Petrassi e dalla Paul Sacher Stiftung di Basilea, per ricerche sulla musica contemporanea. Ha pubblicato monografie e saggi su alcuni aspetti teorici della musica d’oggi e su compositori come Aldo Clementi, Ivan Fedele, Toshio Hosokawa, Domenico Guaccero, Fausto Romitelli. È membro del consiglio direttivo dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali.

Il programma inizierà con la Pastorale d’été di Arthur Honegger che il grande compositore svizzero scrisse nel 1920 e che costituisce uno dei suoi brani più celebri. A seguire Le livre de Baudelaire di Claude Debussy nell’arrangiamento di John Adams realizzato nel 1993: quattro canzoni dell’originale ciclo trascritte per soprano e orchestra. Seguiranno la celeberrima e dolente Pavane pour une infante défunte di Maurice Ravel, realizzata nel 1908 trascrivendo una sua pagina pianistica giovanile, e la Sinfonietta di Francis Poulenc, realizzata nel 1947: leggera, ricca di ritmi di danza, la Sinfonietta esprime con il suo titolo in forma diminutiva non solo il carattere scanzonato che la contraddistingue, ma anche l’avversione di Poulenc verso le forme imponenti della sinfonia romantica.

L’ingresso avverrà attraverso l’atrio del Centro di Produzione Musicale in corrispondenza della biglietteria della Fondazione. I biglietti – al prezzo simbolico di 1 euro – sono in vendita presso la biglietteria della Fondazione Toscanini, situata presso il CPM Toscanini, Viale Barilla 27/A, o direttamente sui luoghi delle iniziative a partire da 30 minuti prima. Informazioni al numero 0521/391339 o scrivendo a biglietteria@fondazionetoscanini.it.

Lascia una recensione

Please Login to comment
  Subscribe  
Notificami