Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Società e cronaca

Società e cronaca: raccolta di notizie, informazioni con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

Mafie, a Parma sotto sequestro 10 società e 185 immobili

Mafie

I dati forniti dall'Agenzia per i beni confiscati

A Parma più di diecimila persone lo hanno ricordato pochi giorni nella giornata organizzata da Libera. La criminalità organizzata in Emilia Romagna è pù viva che mai nonostante lo strenuo lavoro di contrasto della giustizia e della cosiddetta antimafia sociale.

Una piaga che non conosce confini, da sud a nord, come confermano i dati che seguono. Dall'introduzione della legge Rognoni-La Torre nel 1982 e della confisca allargata nel 1992 al 31 dicembre 2017 lo stock dei beni sequestrati o confiscati alla criminalità organizzata in Italia è di 30.360 immobili, di cui 13.140 destinati e 17.220 in gestione all'Agenzia per i beni confiscati, e di 3.874 aziende (di cui 2.894 in gestione e 890 destinate).

Cgia: in 18 milioni a rischio povertà. Al Sud quasi uno su due

CGIA (Confederazione Generale Italiana degli Artigiani): Il risultato delle tasse elevate mentre la spesa per il welfare è in diminuzione. In Sicilia, Campania e Calabria praticamente un cittadino su 2 si trova in una condizione di grave deprivazione

MILANO - Con tasse record e una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti. E' quanto emerge dall'analisi realizzata dall'Ufficio studi della Cgia, secondo la quale il rischio di povertà o di esclusione sociale tra il 2006 e il 2016 è aumentato in Italia di quasi 4 punti percentuali, raggiungendo il 30% della popolazione.

In buona sostanza le persone in difficoltà e deprivazione sono passate da 15 a 18,1 milioni. Il livello medio europeo è invece salito solo di un punto, attestandosi al 23,1%: 6,9 punti in meno rispetto alla nostra media. In Francia e in Germania, invece, in questi 10 anni il rischio povertà è addirittura diminuito e attualmente presentano un livello di oltre 10 punti in meno al dato medio Italia.

Perquisizione alla sede di Cambridge Analytica. Senato Usa convoca Zuckerberg. E Musk cancella pagine Tesla e Space X

Il Ceo della piattaforma social chiamato a testimoniare in commissione. Dopo lo scandalo, l'imprenditore visionario sposa la campagna #deletefacebook. Non più raggiungibili sul social blu i profili delle sue aziende dedicate a motori e spazio

Un giudice ha autorizzato la perquisizione alla sede della Cambridge Analytica. La società ha acquistato i dati raccolti da oltre 50 milioni di utenti Facebook che sarebbero stati utilizzati per influenzare il voto sulla Brexit e a favore della campagna di Donald Trump. Per Mark Zuckerberg intanto arriva invito formale a testimoniare davanti alla commissione Commercio. "Su base bipartisan, riteniamo necessaria la testimonianza del signor Zuckerberg per capire meglio come la società stia pensando di riguadagnare la fiducia persa, mettere al sicuro i dati degli utenti e smetterla con risposte blande ad una gamma di problemi", ha scritto il presidente della commissione, il repubblicano John  Thune, includendo tra i firmatari della lettera il vice presidente, il democratico Bill Nelson. Zuckerberg, durante un'intervista alla Cnn, si è detto disponibile a testimoniare.

Scandalo Facebook, parla Zuckerberg: "Sono responsabile di quanto successo"

Il ceo rompe il silenzio sullo scandalo dei dati personali raccolti dal social in blu. "Abbiamo fatto degli errori, c'è ancora molto da fare", scrive sulla sua pagina personale del social media. "Abbiamo la responsabilità di proteggere le vostre informazioni". Intervistato dalla Cnn  chiede scusa e spiega che i "social media" vanno regolati

MENLO PARK - Dopo il silenzio assordante dei giorni seguiti allo scandalo che ha coinvolto Facebook e Cambridge Analytica, dice la sua Mark Zuckerberg, il Ceo del social in blu accusato di aver condiviso con la società i dati di 50 milioni di utenti americani per poterli influenzare in chiave elettorale. E lo ha fatto con un post sul suo profilo Facebook. "Voglio condividere un aggiornamento sulla situazione di Cambridge analytica - compresi i passi che abbiamo già intrapreso e quello che faremo per affrontare questo importante problema. Abbiamo la responsabilità di proteggere i tuoi dati, e se non ci riusciamo, non meritiamo di servirti. Ho lavorato per capire esattamente cos'è successo e come fare in modo che non succeda di nuovo. Ma abbiamo anche commesso degli errori, c'è altro da fare e dobbiamo farlo".

Scandalo Cambridge Analytica, Londra convoca Zuckerberg: "Venga a testimoniare"

La Commissione parlamentare britannica vuole ascoltare il fondatore di Facebook, invitato a chiarire anche davanti al Parlamento europeo. L'agenzia Usa per la tutela dei consumatori apre un'inchiesta. A Wall Street lo scandalo dei dati carpiti agli utenti del social network provoca un'altra caduta per Fb. Intanto la società coinvolta sospende il Ceo

MILANO - Ore movimentate per Facebook tra accuse internazionali, prese di posizione, dimissioni in arrivo e il calo pesante in Borsa. La Commissione parlamentare britannica sulla Cultura, i Media e il Digitale ha convocato Mark Zuckerberg a testimoniare sul caso dello scandalo dell'abuso di dati dai profili del social da parte di Cambridge Analytica, la società che intanto ha annunciato la sospensione dal ruolo di ceo di Alexander Nix "con effetto immediato, in attesa di una indagine indipendente e completa".

Non è chiaro se il capo di Facebook andrà a parlare con le autorità di Londra. Anche il Parlamento europeo attende chiarimenti, ma usa toni meno perentori: "Abbiamo invitato Mark Zuckerberg al Parlamento europeo - scrive in un tweet il presidente. Antonioo Tajani _ .Facebook chiarisca davanti ai rappresentanti di 500 milioni di europei che i dati personali non vengono utilizzati per manipolare la democrazia". La stessa richiesta è stata avanzata dal parlamento tedesco.

Tumori: 35% patologie da cattiva alimentazione, al via Settimana Lilt

LILT


Visite e consigli negli spazi prevenzione

Roma, 16 mar. (AdnKronos Salute) - Il 35% dei tumori dipende da una errata alimentazione. Per sottolineare l'importanza che la prevenzione primaria riveste nella lotta contro il cancro, parte la XVII edizione della Settimana Nazionale per la Prevenzione Oncologica, la campagna promossa dalla Lilt (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori). Dal 17 al 25 marzo consigli e visite negli spazi prevenzione Lilt in tutta Italia dove sarà possibile acquistare una bottiglia di olio extravergine di oliva a sostegno delle attività della Lega.

Parma, morto l'ex rettore Loris Borghi

Il corpo trovato sotto un ponte a Baganzola. Era coinvolto in due indagini della Procura. Aveva dato le dimissioni lo scorso maggio

Una tragica notizia ha scosso Parma mercoledì pomeriggio: l'ex rettore Loris Borghi si è tolto la vita. Il corpo è stato trovato nel pomeriggio in un'auto sotto un ponte a Baganzola.

Vani i soccorsi dei militi, accorsi sul posto dopo la chiamata allarmata di un conoscente di Borghi che è deceduto nel reparto di Rianimazione dell'ospedale di Parma.

Prima docente e poi preside della facoltà di Medicina, era stato eletto rettore dell'università nel 2013. Era nato a Palanzano, aveva 69 anni.

Aveva lasciato la guida dell'ateneo ducale il 15 maggio scorso a seguito dell'indagine Pasimafi che lo vedeva coinvolto in quanto accusato di abuso d'ufficio. Secondo l'ipotesi di accusa avrebbe agevolato la vittoria nei concorsi interni di alcuni protetti dell'accusato numero uno Guido Fanelli.

Lo scorso ottobre era stato rinviato a giudizio, con la medesima accusa, in un'altra vicenda giudiziaria, ovvero la nomina della sua ex allieva Tiziana Meschi a capo del reparto di Medicina interna e lungodegenza dell’ospedale Maggiore di Parma.

“Cioccolato vero”: i maestri cioccolatieri a Parma città della Gastronomia

Cioccolato vero a Parma

Parma, 11 marzo 2018-  Al via il week end dedicato al cioccolato. Questa mattina è stato ufficialmente dato inizio all’evento che da ormai dieci anni delizia il palato di tanti golosi: “Cioocolato Vero”.

Gli stand di “Cioccolato Vero”, evento organizzato da CNA Parma, con il patrocinio del Comune di Parma e in collaborazione con ACAI, rimarranno fino al 10 marzo in Piazza Garibaldi.

“Ringrazio CNA e ACAI che hanno portato ancora una volta un evento di qualità nella nostra piazza; ci fa onore come Città della Gastronomia, ospitare l’arte dei maestri cioccolatieri” ha salutato l’assessore al Turismo Cristiano Casa.

Paolo Giuffredi, Presidente Provinciale di CNA, ha sottolineato quanto CNA creda nell’arte dell’artigiano, nella ricerca qualitativa che porta avanti per ottenere risultati sempre migliori:  “Ospitiamo i migliori maestri cioccolatieri da tutto il nord Italia che sono sempre felici di tornare per questa iniziativa attirati dalla storia che Parma ha nel campo del food” .

“Parma è stata ed è ancora una città in cui il cioccolato è protagonista. Oggi abbiamo la possibilità di vedere e gustare l’arte di lavorare questa materia prima” ha sottolineato Andrea Zanlari, presidente della Camera di Commercio.

Giorgio Zanlari ha dato il benvenuto a tuti i golosi ed ha tagliato la torta a base di cioccolato realizzata per celebrare il decimo compleanno della manifestazione

Italiaonline chiude la sede di Torino: 400 esuberi tra gli ex di Pagine Gialle

I sindacati dichiarano lo stato di agitazione permanente e otto ore di ciopero per domani. La sindaca Appendino: decisione inaccettabile, ci sentiamo presi in giro

Chiusura della sede Seat di Torino e 400 esuberi in tutta Italia. Di questi 248 solo dalla sede di Torino tutti gli altri saranno trasferiti ad Assago. L’incontro in Assolombarda convocato per questa mattina dei manager di Italiaonline svela il peggior scenario della vigilia. I rappresentanti sindacali ricevuti alla presenza di avvocati annunciano che immediatamente partirà la mobilitazione. “Da un anno chiediamo di conoscere il piano industriale - dice Lara Calvani della Slc-Cgil - si sono sempre guardati dal metterci al corrente di cosa intendevano fare per poter sfruttare fino all’ultimo centesimo la cassa integrazione a zero ore. Così hanno fatto cassa e si sono distribuiti i dividendi, ma questi sono soldi dei contribuenti”. Il tanto atteso piano industriale, tenuto nascosto anche ai politici che chiedevano notizie, non prevede nessun futuro per quel che resta a Torino della storica azienda delle Pagine Gialle. L’approvazione ufficiale della riorganizzazione è prevista per il 15 marzo in consiglio di amministrazione ma questa mattina nella sede milanese di Assolombarda ne è stata data un’anticipazione. Le organizzazioni sindacali dichiarano lo stato di agitazione permanente e immediate 8 ore di sciopero con assemblee locali per l’intero gruppo per la giornata di domani 7 Marzo.

Terremoto magnitudo 7,2 in Messico: epicentro nel sudovest

Colpita la regione di Oaxaca, ma un forte boato si è avvertito fino nella capitale dove i palazzi hanno oscillato. A distanza di un'ora seconda scossa di magnitudo 5,9.

Terrore in Messico, dove alle  17:39 di ieri ora locale (00:39 odierne in Italia) si è registrata una fortissima scossa di terremoto. La magnitudo, inizialmente indicata pari a 7,5, è stata misurata a quota 7,2 dallo U.S. Geological Survey, l'ente americano di rilevamento sismico, mentre l'epicentro è stato localizzato nella regione di Oaxaca, nel sudovest del Paese. L'ipocentro è 25 km di profondità, in una località rurale a circa 8 km da Pinotepa Nacional, cittadina nei pressi della costa del Pacifico. Un forte boato però si è avvertito anche nella capitale, Mexico City, che si trova a 500 km di distanza e dove gli edifici hanno oscillato pericolosamente, facendo registrare alcuni danni.

LA MAPPA L'epicentro del sisma

A distanza di un'ora (le 18 e 36 locali), nella stessa area si è poi registrata una seconda scossa di magnitudo 5,9. L'epicentro stavolta è stato a circa 10 km da Santiago Jamiltepec, sempre nello stato di Oaxaca. E due ore dopo il fenomeno sismico più rilevante, secondo l'istituto sismico messicano si erano registrate 150 repliche di minore entità.

Il ministro degli Interni messicano e le autorità di Oaxaca riferiscono che nella zona dell'epicentro ci sono edifici danneggiati - tra i quali anche ospedali - ma al momento non si hanno segnalazioni di vittime della scossa. Le verifiche, però, sono tuttora in corso. Nessun avviso di imminente tsunami è stato diramato per la costa del Pacifico. La scossa sarebbe durata oltre un minuto ed è stata avvertita anche in Guatemala, secondo i media internazionali.

“Niente news ma propaganda” Il Corecom boccia la Raggi

L'Esposto

Giovanna Vitale

Denuncia all’Agcom per violazione della par condicio sulla comunicazione del Campidoglio

In barba alle regole sulla comunicazione politica imposte in campagna elettorale, Virginia Raggi continua a utilizzare il portale istituzionale del Campidoglio e la newsletter “ la sindaca informa” per fare propaganda a se stessa e al suo partito. Perciò va sanzionata per violazione della legge 28/2000 che prescrive, nel mese precedente il voto, di « garantire la parità di trattamento e l’imparzialità rispetto a tutti i soggetti politici».

Istat, Italia sempre più vecchia: popolazione in calo e nascite al minimo storico

La popolazione residente in Italia al 1 gennaio 2018 scende a 60 milioni 494mila, segnando una diminuzione dell'1,6 per mille rispetto all'anno precedente.

Nel 2017 si stima un sostanziale pareggio di bilancio tra il saldo naturale (nascite-decessi) (-183mila unità) e il saldo migratorio con l'estero (+184mila). Le ordinarie operazioni di assestamento e revisione delle anagrafi (saldo migratorio interno e per altri motivi) comportano, inoltre, un saldo negativo per 96mila unità.

Nel complesso, pertanto, la popolazione diminuisce di 95mila unità.

E' quanto si legge nel Rapporto Istat sugli indicatori demografici.

Il calo della popolazione non riguarda tutte le aree del Paese. Regioni demograficamente importanti - spiega l'Istat -, come Lombardia (+2,1 per mille), Emilia-Romagna (+0,8) e Lazio (+0,4), registrano variazioni di segno positivo.

L'incremento relativo più consistente è quello ottenuto nella Provincia autonoma di Bolzano (+7,1) mentre nella vicina Trento si arriva al +2 per mille. Sopra la media nazionale (-1,6 per mille) si collocano, seppur contraddistinte da variazioni di segno negativo, anche Toscana (-0,5) e Veneto (-0,8). Nelle restanti regioni, dove la riduzione di popolazione è più intensa rispetto al dato nazionale, si è in presenza di un quadro progressivamente caratterizzato dalla decrescita che va dalla Campania (-2,1 per mille) al Molise (-6,6). 08 febbraio 2018

Fonte Link repubblica.it

Arriva il decreto per le 15 categorie di lavoratori "salvati" dall'aumento dell'età pensionabile

Gentiloni: "Il sistema pensionistico non va scardinato. Vanno protette le fasce più esposte della società"

Arriva il decreto attuativo che esenta quindici categorie di lavoratori, che svolgono compiti particolarmente gravosi, dall'aumento dell'età pensionabile a 67 anni nel 2019. Per loro resterà il limite di età di 66 anni e sette mesi e anche in caso di ulteriori aumenti dell'età per andare a riposo potranno godere di un "vantaggio" di cinque mesi sugli altri lavoratori. "Firmato da Giuliano Poletti il decreto che esenta 15 professioni gravose da adeguamento età pensionabile a speranza di vita. Il sistema pensionistico non va scardinato. Vanno protette le fasce più esposte della società", ha annunciato su Twitter il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

La Sala Ipogea del Centro di Produzione Musicale “Arturo Toscanini” sarà intitolata al maestro Ildebrando Pizzetti

DOCUMENTO PDF
Ildebrando Pizzetti

La cerimonia di intitolazione della Sala Ipogea del Centro di Produzione Musicale “Arturo Toscanini” al maestro Ildebrando Pizzetti, illustre compositore nato a Parma il 20 settembre 1880 e morto a Roma il 13 febbraio 1968 si terrà martedì 13 febbraio 2018 alle ore 18.
Ingresso da Viale Barilla 27/A. Il parcheggio dell’Auditorium Paganini (ingresso da via Toscana 5/A)

Fondi alla tav, tagli ai locali l’Italia divisa delle rotaie

I soldi alle Regioni diminuiti del 22% in 8 anni. E all’alta velocità riconosciuti 32 miliardi Allarme cattiva manutenzione: causa un incidente su 4. Ma la tendenza si sta invertendo

Ettore Livini

Milano - I pompieri, dopo l’incidente di ieri, hanno già provato a buttare acqua sul fuoco. « Gli investimenti di Rete Ferroviaria italiana ( Rfi) in manutenzione ordinaria — dicono alle Fs — sono saliti del 70% dal 2012, passando da 982 milioni a 1,7 miliardi » . Il Governo — assicura il ministro dei Trasporti Graziano Del Rio — ha fatto la sua parte, ritoccando all’insù del 340% i fondi per la sicurezza su rotaie. Qualcosa però sui treni di casa nostra non torna ancora. E i 23 centimetri d’acciaio saltati ieri sui binari di Pioltello non sono l’unica prova.

Taranto, Lenzuola nere e bimbi senza scuola Noi come reclusi

Michela, moglie di un operaio Ilva: “Non possiamo nemmeno fare la spesa”

VITTORIO RICAPITO

TARANTO -Le lenzuola si mettono ad asciugare in casa perché sul balcone diventano nere. E si porta in tavola solo quello che c’è in frigo perché il vento, quel vento, porta cenere nera e rossa, una specie di morte silenziosa e quasi invisibile se non fosse così vera per gli annunci funebri che costellano il rione. Siamo al Tamburi di Taranto, di fronte alle ciminiere dell’Ilva e Michela Mignogna, 34 anni, casalinga, sposata con Marco, operaio del siderurgico, sta pulendo per l’ennesima volta il pavimento.

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro di Parma

Sulla stampa nazionale si parla di baby gang. Ma nelle nostre strade ci sono piuttosto gruppi di giovanissimi spesso sotto l'effetto dell'alcol e della droga che si lasciano andare ad episodi violenti. Tra vandalismo e rapine.

Sono giovani, spesso giovanissimi, hanno di frequente famiglie distratte alle spalle e, in qualche caso, sanno già che effetto fa finire in caserma o in questura. Ma a differenza dei loro coetanei delle smisurate periferie delle metropoli, o dei figli dei vicoli del sud in guerra perenne, non portano addosso i segni distintivi delle gang, non formano «paranze« o «batterie». E soprattutto, per fortuna, non nascondono il ferro, ovvero la pistola, in tasca. «No, sono per lo più compagnie di ragazzi smarriti, convinti da troppi telefilm e da un eccesso di lassismo che si possa fare quello che si vuole. Che credono che se vogliono un cellulare nuovo non devono fare altro che allungare la mano e prenderlo. E, cosa ancora più grave, che il fatto di essere giovani li renda intoccabili». 

E' morto Paul Bocuse, il più grande chef internazionale della Nouvelle Cuisine

Maestro indiscusso della cucina internazionale, ha formato generazioni di grandi cuochi. Chef e imprenditore, aveva 91 anni.

LIONE - È morto Paul Bocuse. Maestro indiscusso della cucina internazionale, stella tra le più brillanti della gastronomia internazionale, si è spento oggi a 91 anni esattamente dov'era nato, a Collonges-au-Mont-d'Or, nei pressi di Lione. L'alta cucina perde così, a poche settimane dalla scomparsa di Gualtiero Marchesi, un altro dei suoi più grandi esponenti.   

Il "papà della cucina", "l'imperatore della gastronomia", oppure semplicemente "Monsieur Paul". Lo chef con alle spalle oltre cinquant'anni di tre stelle Michelin - ha ricevuto il terzo "macarons" nel 1965 e non l'ha più perso -, è in queste ore ricordato in numerosi modi. Legato profondamente al suo territorio - alla regione dell'Alvernia-Rodano -, in cui ha sempre vissuto, è stato per proprio il ministro degli interni francese Gérard Collomb, ex sindaco di Lione, ad annunciare la sua morte con parole sentite e profonde. "Monsieur Paul - ha detto il ministro - era la Francia. Semplicità e generosità, eccellenza e arte nel vivere. Possano i nostri chef, a Lione come in ogni angolo del mondo, coltivare a lungo i frutti della sua passione". 

La Repubblica è il quotidiano del 'rincoglionito e vanitoso' Scalfari e del direttore Calabresi,' don Abbondio'. Parola di Carlo De Benedetti

Pietro Acquafredda

Forse la Direzione ed il CDR di Repubblica-L'Espresso  nelle prossime ore, se non l'hnno fatto già questa mattina (non abbiamo ancora letto i giornali), dovranno intervenire per la terza volta nel giro di  poche settimane per smarcarsi dall'imprenditore Carlo De Benedetti, fino a poco fa proprietario del gruppo editoriale, ora passato, brevi manu e senza pagamenti di sorta, nelle mani di Marco, suo figlio.

Programma sabato 13 gennaio 2018 per Sant'Ilario patrono di Parma

Programma nella giornata del 13 gennaio 2018 per Sant'Ilario Patrono di Parma:

Alle ore 9.15 - Santa Messa nell’Oratorio Sant’Ilario, alle 9.15, in via Massimo D’Azeglio.

Alle ore 11 – Solenne Cerimonia di conferimento delle Civiche Benemerenze, presso Auditorium Paganini. 
La cerimonia sarà trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del Comune (Città di Parma). https://www.facebook.com/officialparma/

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti