L'oro di Parma


Parco della Musica Luoghi Verdiani

BCFN: Protocollo di Milano


gamma pasta Barilla senza glutine

la Baita dei Formaggi di Parma (P.zza Ghiaia 1/j)

STOP CETA

NO MES Pandora Tv




 

rubrica sul blog di Franco Calzolari

         DOSSIER PARMA CALCIO

Acqua, la stangata: a Parma il rincaro maggiore in Regione

Gli aumenti in bolletta comunicati da Atersir: il costo del servizio è il secondo più caro in Emilia Romagna

In arrivo per i parmigiani una stangata sulle bollette dell’acqua: nel 2017 il costo per metro cubo sale di 21 centesimi, l’8% in più. E’ il rincaro più alto nella Regione Emilia Romagna assieme a quello della provincia di Forlì e Cesena, dove il servizio idrico è gestito da Hera (a Parma è affidato a Iren). In cima alla classifica per il costo assoluto dell’acqua si piazzano Forlì e Cesena, seguite da Parma e da Ferrara.

Un aumento che va ad appesantire bollette già salate: secondo un’indagine di Federconsumatori, il costo dell’acqua a Parma si colloca nella fascia medio-altra a livello nazionale, con una spesa media annua italiana (calcolata su un’utenza di 3 persone con un consumo annuo di 150mc/annui) è di 335 euro su una media italiana di 260.

I rincari sono stati comunicati dall’agenzia regionale Atersir, che li ha giustificati con una ripresa degli investimenti da parte dei gestori.

Quanto al bando di gara per la raccolta dei rifiuti a Parma, al massimo entro due mesi sarà pronto per essere pubblicato. “Siamo molto avanti. Abbiamo fatto tutto il lavoro”, assicura il direttore di Atersir, l’agenzia regionale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti, Vito Belladonna. “Anche a Parma la fascia della montagna, che aveva una societa’ in difficolta’, ha deciso di aggregarsi al bacino metropolitano”, spiega Belladonna. 08 febbraio 2017

Fonte Link parma.repubblica.it 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *