Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Dalla “patata bollente romana” Raggi, all’”ipsiota parmigiano” Pizzarotti, all’ex clandestino albanese Alimadhi

Dalla “patata bollente romana”[LINK] all’”ipsiota parmigiano” sono i laboratori politici del M5Stelle per cambiare l’Italia. Che vi aspettavate da un comico? Se non una tragica farsa. E’ la “Politica perduta” raccontata da Marco Revelli.  Sbarca invece con barcone per il PD l’ex  clandestino albanese come candidato Sindaco alle Primarie di Parma che Smargiassi (l’inviato per la storytelling strappalacrime) senza alcun dato, dà come vincente alle primarie. [LINK] e di fatto deride gli altri candidati e il PD, cito Smargiassi: " Data tacitamente per già persa la gara (Pizzarotti ha deciso la sua ricandidatura in veste di sindaco civico, e tutto lascia pensare che ce la farà), la rosa delle altre candidature alle primarie rispecchia più il posizionamento delle alleanze interne che una voglia di vincere". Una vera perla di giornalismo disinformativo by Repubblica! Dopo l'uscita di Renzi a favore di Pizzarotti [LINK], a seguire non poteva mancare quella di Smargiassi il cui cognome è già una poesia epica.

Non c’è pace per i sindaci. Tutti si candidano senza squadra di governo. Poi si vedrà! Intanto prendiamo il posto di comando. E le città, nel frattempo che loro decidano di chi avvalersi in Giunta e conoscere la macchina Amministrativa, vanno a rotoli... abbandonando pure le aree monumentali (vedi Pilotta a Parma). Ci sarà forse la certezza del Sindaco, ma non quella del buon governo e della buona Amministrazione. E con una maggioranza blindata da una legge capestro, sono, di fatto, inamovibili! a meno che non compiano atti da Procura. La vera politica, comunque, ne esce sconfitta. Mirano solo alla poltrona, eletti e loro nominati senza esperienza (a Parma della Ferraris, non si ha ancora notizia per quali meriti o bollenti spiriti sia divenuta assessora. Di certo il Sindaco è di lei appassionatamente dipendente, forse per qualche gastronomia UNESCO?); e se hanno una propria professionalità, resistono poco: vedi Gino Capelli a Parma [LINK], Berdini a Roma [LINK].
Per molti di loro, sindachetti e assessori, da sconosciuti e disoccupati è un bel salto di qualità. E il programma elettorale, scontato o eclatante che sia, è da farne coriandoli a carnevale come disse in Consiglio Comunale Mauro Nuzzo al suo Sindaco Pentastellato Pizzarotti (SPP). Parafrasando la Raggi: "giornalismo spazzatura", direi che siamo di fronte a "sindaci spazzatura"

Poi il PD con Alimadhi, ma chi la candida? Chi l'ha accreditata? Chi la sostiene? Chi sono i suoi sponsor? Chi paga la sua campagna elettorale piena di frasi banali e vuoto cerebrale? Non si sa nulla! E non abbiamo fiducia. Sappiamo che lei è presumibilmente un cavallo di Troia piazzato dalle truppe Pizzarottiane [LINK]. Parma non ha bisogno di improvvisati e arroganti che si inventano Sindaci. Fine laboratorio per apprendisti Sindaco!

Cosa farà per impedire il gasdotto che dalla Puglia arriverà in Emilia con un Hub di stoccaggio vicino a Parma? [LINK] Ne è al corrente? Cosa farà per impedire le nefandezze affaristiche tra Italia e Albania sede spesso di società di gioco online? Cosa farà per stroncare il mare di droga tra Albania e Italia? O di affari poco trasparenti come quelli di Rezard Taci?
Dopo l’intervista perdi tempo di Smargiassi tra il penoso migrante che sbarca in Italia, e una retorica strappalacrime alla Charles Dickens, è forse per questo che la si dovrebbe votare? Per la sua storia di ex clandestino? Pare quasi che lei consideri fare il Sindaco un impegno con le mani in tasca da dopo lavoro. Qual è la sua visione futura di città? Non si fa esperienza da Sindaco con Parma. Abbiamo già dato anche troppo! Qual è il suo progetto sul lavoro e per combattere la disoccupazione? Per la prima casa? Quale proposta per la gestione del debito bancario, e dei derivati? 
Quali sono le idee che sostengono il suo programma? Da Smargiassi non viene fuori niente! Alimadhi, lei è già fuori! Non ha i requisiti né i principi attivi per presentarsi a fare il candidato Sindaco di una città come Parma. Non perdiamo tempo. Lei è un cavallo di troia squattato e soprattutto senza adeguato seguito (pare siano circa nemmeno 200 gli stranieri che si sono preregistrati in via Treves) quindi inutile per chi voleva usarla con questo scopo.
Lei ha usato le elezioni amministrative di Parma solo per farsi pubblicità. E per un suo tornaconto. Chi gliela paga questa campagna fatta non certo al risparmio? Chi l’ha voluta tra i candidati?
Prima intervistato da Magalli, poi da Smargiassi, tutte firme nazionali della propaganda/intrattenimento di Stato spacciata come giornalismo di inchiesta. Queste testate nazionali lo fanno quando dietro ci sono interessi molto forti da sostenere. Lei è usato per i gonzi creduloni. La sua agenzia di pubblicità  Ndoj.it con sede a Tirana e a Taranto, non penso agisca per volontariato… Con tutta questa comunicazione propaganda lei Alimadhi non è più credibile. Non ha niente di autentico. Lei avrebbe potuto avere una opportunità in chiave politica, ma se la è già bruciata... Perché non ha visione.
Vorrei per la mia città il meglio possibile come sindaco, non avventurieri o scelti per telegenia dalla Casaleggio o ex clandestini; e lei Alimadhi non mi convince e non mi dà le necessarie garanzie di competenza, conoscenza ed esperienza. Visto che in questa tornata elettorale lei non potrà diventare sindaco, né tantomeno vincere le Primarie del PD, come, invece, sosterrebbe il disinformato Smargiassi, considerato l'impegno economico che occorre per affrontare una campagna elettorale da candidato Sindaco, con ampio impiego di mezzi e strumenti di comunicazione da lei usati con frasi vuote e banali, qual è il suo vero obiettivo? La retorica del "restituire qualcosa al Paese che l'ha accolta" non tiene!... non è vera, anzi sa molto di ipocrisia. Il suo "braccio destro" Massimo Pinardi, la dice lunga sulla sua missione, è tutto un programma politico. E infine quel che sostiene e racconta attraverso Smargiassi, non è strategico per la città. Lei tace il suo vero obiettivo. Lei non è credibile! La sua storia certamente compassionevole, meritevole di umana considerazione, cosa c'entra con l'amministrare una città? Non mi pare si vada a votare i sentimenti, ma progetti, visioni e persone capaci di gestirne i processi. (Parma, 10/02/2017; aggiornato l'11/02/2017)

Luigi Boschi

articoli correlati


patata bollente

Anche a Parma patata bollente mi pare

Patrizia