Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

L’HISTOIRE DU SOLDAT AL RIDOTTO DEL REGIO di Parma domenica 12 aprile 2015 alle ore 11

Rosetta Cucchi

I Concerti Aperitivo ospitano il capolavoro di Stravinskij

Un autentico capolavoro costituirà il programma dell’undicesimo Concerto Aperitivo al Ridotto del Teatro Regio, che si terrà domenica 12 aprile, con inizio fissato come sempre alle ore 11. La rassegna cameristica organizzata congiuntamente dalla Fondazione Arturo Toscanini e dalla Fondazione Teatro Regio di Parma ospita infatti il concerto del Gruppo da Camera della Filarmonica Arturo Toscanini (Mihaela Costea violino, Daniele Titti clarinetto, Alessio Genchi voce recitante, Matteo Angeloni pianoforte) che si avvale della regia di Rosetta Cucchi, direttore artistico della Fondazione Toscanini.

L’Histoire du Soldat, creato da Igor Stravinskij su libretto di Charles-Ferdinand Ramuz (qui nella versione italiana di Vincenzo De Vivo) trae ispirazione da alcune fiabe popolari russe. La storia senza speranza del soldato, non solo vittima di una crudele oppressione simboleggiata dal diavolo ma emblema stesso di una tragica condizione umana, è uno dei punti più alti della produzione stravinskiana. L’organico originario comprende due strumenti per ciascuna famiglia: violino e contrabbasso, clarinetto e fagotto, tromba e trombone, percussioni affidate a un solo esecutore.  Due anni dopo la prima rappresentazione -avvenuta a Losanna il 28 settembre 1918- Stravinskij ne realizzò una versione di soli cinque numeri per tre strumenti: il violino,  naturalmente, quindi il clarinetto, duttile e teatrale, mentre le altre parti furono riassunte dal pianoforte.  La versione eseguita nel concerto di domenica, per trio e voce recitante, è la trascrizione completa commissionata dalla Fondazione Toscanini al pianista Matteo Angeloni.

Dalla Svizzera dove si trovava in esilio, Stravinskij creò insieme allo scrittore Ramuz, per fare fronte alla difficile situazione economica e lontano anni luce dalla sontuosità dell’opera lirica che dominava i grandi teatri, un lavoro per un piccolo teatro ambulante che fosse facilmente trasportabile da una località all'altra e che si potesse presentare anche nei villaggi; Ernest Ansermet sarebbe stato il direttore dell'impresa e il pittore locale René Auberjonois l'autore delle scene e dei costumi. Racchiusa da una struttura  suddivisa rigidamente a quadri chiusi, la storia narra di un soldato, al quale il diavolo sottrae il proprio violino, e che, nell’ansia di riaverlo, segue per tre anni lo spirito maligno convinto di farlo per soli tre giorni. Quando egli torna al paese, troverà la sua promessa già sposata ad un altro, madre di due bambini, e sarà obbligato a constatare la definitiva vittoria del diavolo. Sia l’argomento sia lo stile musicale hanno carattere eclettico e cosmopolita: ragtime nordamericano, valzer viennese, tango argentino si affiancano al motivo che simboleggia il soldato, l’unico a conservare una intonazione russa.

Il concerto sarà eccezionalmente preceduto, a partire dalle 10.30, da una breve conferenza della signora Anita Garibaldi che avrà per tema ”La legione garibaldina alla Prima Guerra mondiale (1914-15) e sarà quindi dedicata ai 2200 italiani, di sentimenti garibaldini e mazziniani, inquadrati nella Legione Straniera come unità volontaria, che combatterono in Francia tra il 1914 ed il 1915, prima dell’entrata in guerra dell’Italia, agli ordini di Peppino Garibaldi, nipote dell’Eroe. La manifestazione ha il patrocinio dell'Istituto Mazziniano Italiano, sezione di Parma.

Come di consueto, i locali del Gran Caffè del Teatro ospiteranno, al termine di ogni concerto, l’aperitivo offerto agli spettatori. I biglietti rimasti sono in vendita, dal martedì al sabato (orari di apertura dalle 10.30 alle 13.30 e dalle 17 alle 19), presso la biglietteria del Teatro Regio di Parma, strada Garibaldi 16, tel. 0521-203999, biglietteria@teatroregioparma.org. Il prezzo del posto unico numerato è di 13 euro (5 euro per i minori di 14 anni). I Concerti Aperitivo al Ridotto del Regio sono sostenuti da Cepim, quale partner istituzionale della Filarmonica Toscanini. Hera Comm è partner principale della Fondazione Arturo Toscanini. Domenica mattina la biglietteria del Teatro sarà comunque aperta a partire dalle 10.