Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Valori identitari di Parma, Pilotta e Piazzale della Pace, Battistero, lasciati nell'incuria e nell'abbandono dell'inciviltà

L’area verde del progetto Botta nel complesso monumentale della Pilotta di Parma, area verde anch’essa parte integrante monumentale, dopo il Terzo Paradiso di Pistoletto [LINK], è divenuta un campo di patate, in gran parte cementificato e lastricato. Ma non resterà nulla di questi improvvidi e disabitati interventi:Il tempo ne sarà galantuomo. E restituirà solo l'originale del complesso monumentale.
Alcuni pioppi della chiesa di San Pietro lasciati rinsecchire e ora pericolanti.  Il cortile interno storico in ciottolato ormai tutto sconnesso, per uso improprio, adibito, infatti, a logistica di automezzi per carico e scarico attrezzi e impalcature, o usato per banali e volgari baccanali (streetfood), senza alcun collegamento con la sua vera identità culturale.
Un’area Monumentale abbandonata che dovrebbe essere, invece, un tutt’uno con il Parco Ducale, come era storicamente (collegato con il ponte Verde),Ponte Verde
anch’esso lasciato nella polvere e all’arsura in estate, nella fanghiglia in autunno -inverno; e il verde dell’area golenale del torrente Parma.
Un trittico storico e verde che è parte fondamentale degli aspetti urbanistici, identitari e culturali di Parma.
Il battistero dell'Antelami usato come rotonda da automezzi e incostudito dai vandali frequentatori. Solo recentemente a seguito di un esposto di Monumenta (avv. Arrigo Allegri), è stato posto il divieto di transito [LINK(Parma, 09/09/2018)

Luigi Boschi         

Foto Luigi Boschi: piazzale della Pace nel complesso munumentale della Pilotta di Parma

foto Luigi Boschi: i pioppi rinsecchiti in piazzale della Pace

Foto Luigi Boschi: i pioppi rinsecchiti nel piazzale della Pace

Gallery pioppi essiccati


Gallery Piazzale della Pace

Gallery Cortile della Pilotta

Foto Luigi Boschi: Cortile della Pilotta

Battistero dell'Antelami

Gallery Battistero

Articoli correlati:

La Lettera di Giuseppe De Filippo