Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Parmamusica

Parmamusica.eu: raccolta di notizie, informazioni sull'attività musicale a Parma

62° Anniversario della morte del Maestro Arturo Toscanini

62° Anniversario della morte del Maestro Arturo Toscanini

Parma, 16 gennaio 2019. In occasione del 62° anniversario della morte di Arturo Toscanini, l’assessorato alla Cultura del Comune di Parma - Casa della Musica ha proposto alla città un momento di ricordo nella casa natale del Maestro, in borgo Rodolfo Tanzi 13: l'appuntamento si rinnova ogni anno con la volontà non solo di ricordare il direttore d’orchestra parmigiano ma, al tempo stesso, offrire spunti di riflessione sulla sua figura.

Era presente per l'Amministrazione Comunale l'assessore alla Cultura Michele Guerra, insieme ad Alberto Triola, sovrintendente della Fondazione Arturo Toscanini, alle Autorità, ai principali rappresentanti delle Istituzioni e Associazioni culturali e musicali della città e a tanti appassionati.

Un ballo in maschera inaugura la Stagione Lirica 2019 del Teatro Regio di Parma

Foto Roberto Ricci: Prove di un ballo in maschera, Teatro Regio di Parma 2019

UN BALLO IN MASCHERA

INAUGURA LA STAGIONE LIRICA 2019

Lo storico allestimento con le scene dipinte su carta di Giuseppe Carmignani del 1913 rivive in scena dopo un lungo e delicato lavoro di ripristino

curato da Rinaldo Rinaldi, con la regia di Marina Bianchi e la direzione di Sebastiano Rolli, sul podio dell’Orchestra Filarmonica Italiana e del Coro del Teatro Regio.

Protagonisti Saimir Pirgu, Leon Kim, Virginia Tola, Silvia Beltrami, Laura Giordano.

L’opera, nel centenario della morte di Cleofonte Campanini, è dedicata a Marcello Conati.

Teatro Regio di Parma

Martino Faggiani a Parma Lirica domenica 6 gennaio 2019 alle ore 15,30 con Un ballo in maschera

Un Ballo in maschera

Martino Faggiani, con Un ballo in maschera, apre la nuova stagione di Parma lirica, presenti tre degli interpreti dell'opera che inaugura la stagione lirica. Nel corso dell'evento sarà presentata la nuova programmazione del circolo culturale.
Domenica 6 gennaio 2019 alle ore 15,30 Martino Faggiani, direttore del Coro del Teatro Regio, terrà a Parma Lirica la conversazione “Una storia d'amore per un genio” durante la quale racconterà ed introdurrà Un ballo in maschera di Giuseppe Verdi, che aprirà la stagione lirica il prossimo 12 gennaio.

L'evento vedrà la partecipazione straordinaria del mezzosporano Agostina Smimmero interprete del ruolo di Ulrica, del baritono Sergio Bologna interprete del ruolo di Renato e del soprano Laura Giordano che, con la produzione parmigiana, darà l'addio al ruolo del paggio Oscar.
Sarà inoltre presente il giovane soprano Chiara Mogini. Pianista d'eccezione sarà lo stesso maestro Faggiani.
Con l'occasione verrà presentata la nuova stagione di Parma Lirica, ricchissima di eventi che soddisferanno tutti i palati: dagli appassionati di musica, a chi si interessa di mostre e di libri. La programmazione si concluderà il 14 giugno a Villa Malenchini di Carignano con una selezione della Traviata, a cura del coro Renata Tebaldi, il cui ricavato andrà a favore dell'Assistenza Pubblica

CONCERTO A VARANO (PR): GLI ARCHI DELLA TOSCANINI ALLA DALLARA ACADEMY

CONCERTO A VARANO: GLI ARCHI DELLA TOSCANINI ALLA DALLARA ACADEMY
Al nuovo Auditorium di Varano de'Melegari la violinista Mihaela Costea interpreta i capolavori di Corelli e Vivaldi con l'Orchestra Toscanini

L'Orchestra Arturo Toscanini sarà a Varano de' Melegari il prossimo venerdì 4 gennaio 2019, ospite del nuovissimo Auditorium realizzato all'interno della Dallara Academy. L'edificio dell'Academy, frutto della lungimiranza e della volontà dell'ing. Giampaolo Dallara, ospita in sé diverse anime, che prendono vita nelle diverse funzioni: il legame con il territorio circostante, l'importanza della formazione, la trasmissione della passione. La struttura, che si sviluppa su due piani, ha al suo interno un'area progettata per poter ospitare conferenze, meeting, presentazioni. Questo Auditorium, uno spazio modulabile con una capienza fino a 350 persone, ospiterà alle ore 19 il concerto offerto alla cittadinanza dalla generosità di Dallara e realizzato dalla Fondazione Toscanini. L'evento, che si svolge con il patrocinio del Comune di Varano de' Melegari e avviene in collaborazione con la Proloco di Varano, è offerto a chi vorrà partecipare nel limite dei posti disponibili. I biglietti che consentono l'ingresso possono essere richiesti e ritirati non solo in Dallara (per chi vi lavora) ma anche presso la sede della Proloco di Varano in Via Martiri Della Libertà, 8 (Tel. 0525 53 487 - info@prolocovarano.it) e la sede della biglietteria della Toscanini a Parma (biglietteria@fondazionetoscanini.it, 0521-391339).

Concerto dell'Epifania: Sala Pizzetti, 5 gennaio - ore 17

CONCERTO DELL’EPIFANIA: L’ORER INAUGURA LA NUOVA SALA PIZZETTI
Una gioiosa Festa per le Famiglie con l’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna, le grandi sinfonie di Rossini e i famosi Valzer di Strauss

Chi entra nel Parco Eridania si sofferma immediatamente sulle grandi strutture dell’Auditorium Paganini e del Centro di Produzione Musicale Arturo Toscanini, nuova sede della Fondazione. Pochi notano invece le scale d’accesso alla Sala Ipogea che porta da quest’anno il nome del celebre compositore parmigiano Ildebrando Pizzetti. La sala sotterranea sorge infatti al di sotto del prato che separa Auditorium e CPM Toscanini, collega funzionalmente i due edifici ed è accessibile da entrambi. Dopo un intenso programma di lavori di risistemazione finanziati dal Comune di Parma, la Sala Pizzetti, che ha caratteristiche spiccatamente polifunzionali, può anche fungere da sala da concerto di medie dimensioni: è stato infatti notevolmente aumentata la dimensione del palcoscenico e la sala è stata dotata di 365 posti, con sedute numerate e di ultima generazione, e arricchita da modernissimi impianti dedicati all’attività congressuale.

Il primo concerto in questa nuova veste sarà anche una gioiosa Festa per bambini e ragazzi e per le loro famiglie: il prossimo sabato 5 gennaio alle ore 17, gli appassionati di musica e non solo potranno assistere al Concerto dell’Epifania, l’evento nel quale l’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna diretta da Jacopo Rivani eseguirà Sinfonie di Gioacchino Rossini e Valzer di Johan Strauss figlio, da La Cenerentola a Sangue viennese, da L’italiana in Algeri alla Pizzicato Polka, da Il barbiere di Siviglia all’ouverture del Pipistrello, da Il signor Bruschino alla immortale Marcia di Radetzky di Johann Strauss padre.

NATALE IN PILOTTA: GLI ARCHI DELL’ORER ALLA GALLERIA NAZIONALE

NATALE IN PILOTTA: GLI ARCHI DELL’ORER ALLA GALLERIA NAZIONALE

L’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna con la violinista Mihaela Costea interpreta Corelli e Vivaldi alla Galleria Nazionale

Un gradito e natalizio ritorno quello che gli archi dell’Orchestra Regionale dell’Emilia-Romagna guidati da Viktoria Borissova, con la partecipazione straordinaria dalla violinista Mihaela Costea, faranno venerdì prossimo, 21 dicembre, ospiti del Complesso Monumentale della Pilotta. Si rinnova così la fortunata collaborazione tra due delle maggiori istituzioni culturali cittadine.

Con inizio alle 18.00, con ingresso gratuito nel limite dei posti disponibili, nella splendida cornice della Galleria Nazionale e più precisamente nella Sala delle Colonne, gli archi di quella che è oggi considerata una delle più importanti orchestre regionali italiane, impegnata dal 1975 in una prestigiosa ed ininterrotta attività sinfonica, eseguiranno “Le quattro stagioni” di Antonio Vivaldi e il Concerto “fatto per la notte di Natale” di Arcangelo Corelli.

Parma, Luigi Ferrari presidente dell'Istituto Studi Verdiani

Luigi Ferrari

Nicola Sani lascia la presidenza dell'Istituto Nazionale Studi Verdiani: dopo quattro anni non si è detto disponibile a portare avanti il suo mandato. Già qualche tempo fa aveva espresso l'intenzione di voler dedicare più tempo alla composizione.
Dovrebbe succedergli il Maestro Luigi Ferrari, fino a qualche mese fa sovrintendente della Fondazione Arturo Toscanini. 15 dicembre 2018

Fonte Link: parma.republica.it

“L’annunzio del Natale” Veglia musicale in Cattedrale con il Gruppo Vocale e Strumentale Par.M.A. – Parma Musica Antica

Gruppo Vocale e Strumentale  Par.M.A. – Parma Musica Antica

L’annunzio del Natale”
Veglia musicale con il Gruppo Vocale e Strumentale

Par.M.A. – Parma Musica Antica
Giovedì 20 Dicembre 2018, ore 21.00, Cattedrale di Parma. Ingresso libero

Prepararsi al Natale attraverso l’ascolto della musica: è la scelta fatta dalla Curia Vescovile di Parma che, giovedì 30 dicembre alle 21.00, nella Cattedrale di Parma, ha organizzato una veglia musicale dal titolo “L’annunzio del Natale”. Protagonista ne sarà il “Gruppo Vocale e Strumentale Par.M.A. – Parma Musica Antica” del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”, preparato dai docenti Francesco Baroni, Gianluca Ferrarini, Alessandro Ciccolini e Gian Luca Lastraioli. In programma una musica rara e antica: la Messa composta nel 1648 da Giovanni Battista Chinelli, sacerdote e compositore parmigiano che in questa cattedrale fu maestro di cappella e organista. L’esecuzione dei brani musicali sarà intervallata dalla lettura di brani scritturistici e patristici sul mistero del Natale.

“La Diocesi di Parma – osserva Lorenzo Montenz, responsabile del progetto culturale diocesano – ha scelto di dare visibilità a questi giovani che, prese le distanze dai luoghi comuni di un’arte commercializzata, s’impegnano in una professionalità faticosa ma preziosa, fatta di passione e di curiosità per la ricerca, di studio accurato di linguaggi musicali ingiustamente dimenticati, di entusiasmo nel riproporre un’atmosfera culturale ricercata e coinvolgente”.

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK

LA FILARMONICA ARTURO TOSCANINI SUONA MAHLER GUIDATA DA STEFAN ANTON RECK
Unico appuntamento con la monumentale Sesta Sinfonia
 venerdì 7 dicembre (ore 20.30) al Paganini

La Sesta Sinfonia in la minore di Gustav Mahler, che il pubblico conosce soprattutto con la denominazione di “Tragica”, è un’opera monumentale: dura più di 80 minuti e la Filarmonica Arturo Toscanini, per eseguirla, raggiungerà un organico di 110 professori d’orchestra. Per bocca dello stesso autore, essa rappresenta la summa delle sue sinfonie precedenti ed anche una riflessione sulla sua opera di compositore (più che sulla sua vita). Sono le testimonianze di Alma Mahler, moglie del grande compositore e direttore d’orchestra morto ad appena 51 anni, ad insistere sulla connotazione autobiografica e sulla premonizione tragica dei colpi del destino che lo attendevano (la morte della primogenita, la rottura con Vienna, la malattia e la morte prematura), simboleggiati dai colpi di martello del finale, che rilasciano comunque la sensazione di una tremenda sconfitta dell’anima.

GIAN PAOLO MINARDI A IMPARIAMO IL CONCERTO: Il musicologo presenterà mercoledì 5 dicembre ore 18 la sesta sinfonia alla Sala Päer del CPM Toscanini

Gian Paolo Minardi, una delle presenze più autorevoli e apprezzate di Impariamo il Concerto, sarà il prossimo relatore della serie di conferenze e prove aperte al pubblico attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere. L’appuntamento di questa settimana è per mercoledì 5 dicembre alle ore 18 nella Sala Conferenze Päer del CPM Toscanini.

L’ingresso avverrà attraverso la reception e biglietteria della Fondazione Toscanini di Viale Barilla 27/A, sempre all’interno del Parco Eridania e a pochi metri dall’Auditorium. Come sempre, la conferenza sarà preceduta dalla possibilità di poter assistere all’anteprima del concerto (apartire dalle 15 all’Auditorium Paganini, ingresso dall’entrata principale) tenuta dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Stefan Anton Reck.

I biglietti – al prezzo simbolico di 1 euro - sono in vendita presso la biglietteria della Fondazione Toscanini, situata presso il CPM Toscanini, Viale Barilla 27/A. informazioni al numero 0521/391339 o scrivendo a biglietteria@fondazionetoscanini.it.

OMAGGIO AD ARRIGO BOITO

OMAGGIO AD ARRIGO BOITO

Una giornata nell’ambito delle celebrazioni promosse dal Comitato Nazionale per il centenario della morte di Arrigo Boito (1918-2018), organizzata dal Conservatorio di Parma con il Comune di Parma - Casa della Musica e l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani. Giovedì 6 dicembre 2018, Auditorium e Sala dei Concerti della Casa della Musica. 

Ingresso libero 

Una conferenza sul carteggio tra Giuseppe Verdi e Arrigo Boito e un concerto che si propone di far conoscere la produzione di Boito come compositore e autore di testi poetici. Giovedì 6 dicembre 2018, nell’Auditorium e nella Sala dei Concerti della Casa della Musica, si terranno due nuovi appuntamenti delle celebrazioni promosse dal Comitato Nazionale per il centenario della morte di Arrigo Boito (1918-2018). La giornata, organizzata dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma in collaborazione con Comune di Parma - Casa della Musica e con l’Istituto Nazionale di Studi Verdiani, propone alle 17.00 “Ripigli la penna e mi scriva presto. Verdi e Boito nei carteggi”, conferenza dedicata ai 90 anni di Marcello Conati (curatore dell’edizione del carteggio Verdi-Boito). Prenderanno la parola Alessandra Carlotta Pellegrini ed Edoardo Buroni.

IMPARIAMO IL CONCERTO: MERCOLEDI’ LA CONFERENZA DI CRISTIAN CARRARA SU MENDELSSOHN E SAINT-SAËNS

Carrara Cristian

PROSEGUE IMPARIAMO IL CONCERTO: MERCOLEDI’ LA CONFERENZA DI CRISTIAN CARRARA SU MENDELSSOHN E SAINT-SAËNS
La conferenza si terrà alla Sala Päer del CPM Toscanini

Impariamo il Concerto, la nota serie di conferenze e prove aperte al pubblico attraverso le quali la Fondazione Toscanini presenta al suo pubblico e agli appassionati i brani che costituiscono la programmazione di Nuove Atmosfere, prosegue mercoledì 21 novembre alle ore 18 nella sua nuova sede della Sala Conferenze Päer del CPM Toscanini.L’ingresso avverrà attraverso la reception e biglietteria della Fondazione Toscanini di Viale Barilla 27/A, sempre all’interno del Parco Eridania e a pochi metri dall’Auditorium.
L’appuntamento inaugurale è affidato al compositore Cristian Carrara che racconterà al pubblico genesi, articolazione, aneddoti dei tre brani che saranno eseguiti, come debutto della serie Tutti per Uno 2018/19, venerdì 23 novembre (ore 20.30) dalla Filarmonica Arturo Toscanini guidata dal suo direttore principale Alpesh Chauhan e con la partecipazione del violoncellista Pietro Nappi. Come sempre, la conferenza sarà preceduta dalla possibilità di poter assistere all’anteprima del concerto (a partire dalle 15 all’Auditorium Paganini, ingresso dall’entrata principale). L’ingresso al doppio appuntamento (anteprima e conferenza) è come sempre fissato ad 1 euro.

ACCADEMIA VERDIANA 2019 Corso di Alto perfezionamento in repertorio verdiano

Accademia Verdiana 2019

ACCADEMIA VERDIANA 2019

Corso di Alto perfezionamento in repertorio verdiano

Al via le iscrizioni al corso riservato a 12 cantanti lirici

che potranno conseguire una preparazione vocale, musicale e teatrale di eccellenza.

La partecipazione è a titolo gratuito e prevede una borsa di studio.

Iscrizioni entro martedì 8 gennaio 2019

Selezioni dal 16 al 18 gennaio 2019

Lezioni dal 4 febbraio al 28 giugno e dal 2 settembre al 21 ottobre 2019 

ALPESH CHAUHAN APRE NUOVE ATMOSFERE 2018/19 CON I CAPOLAVORI DI COPLAND, DVOŘÁK E CIAIKOVSKIJ

 Pablo Ferrández ALPESH CHAUHAN

APRE NUOVE ATMOSFERE CON I CAPOLAVORI DI COPLAND, DVOŘÁK e CIAIKOVSKIJ
Doppio appuntamento al Paganini venerdì 9 e sabato 10 Novembre 2018 (ore 20.30)
Solista il talentuoso violoncellista spagnolo Pablo Ferrández

Alpesh Chauhan, il direttore principale della Filarmonica Arturo Toscanini, apre la stagione 2018-2019 di Nuove Atmosfere con un grande e articolato programma sinfonico, capace di attirare l’attenzione degli appassionati, che appartiene al repertorio delle grandi orchestre mondiali, sia per la grande popolarità dei brani in programma, sia per le qualità esecutive richieste ai suoi interpreti. 

Nel duplice appuntamento in calendario all’Auditorium Paganini venerdì 9 (Turno Verde) e sabato 10 novembre (Turno Rosso), con inizio come di consueto alle 20.30, Chauhan e la Filarmonica Arturo Toscanini affronteranno la Fanfare for the Common Man di Aaron Copland, il Concerto in si minore per violoncello e orchestra op.104 di Antonin Dvořák e la Sinfonia n.6, anch’essa in si minore, op.74 di Pëtr Ilic Ciaikovskij, universalmente nota con il postumo appellativo di “Patetica”. Si tratta di brani imprescindibili per il repertorio delle migliori orchestre mondiali, amatissimi dal pubblico. 

La Sonata in la minore K 310 di Mozart Martedì 30 ottobre 2018, ore 18.00, Auditorium del Carmine di Parma

Mozart

La Sonata in la minore K 310 di Mozart
Una guida all’ascolto a cura di Riccardo Sandiford (pianoforte) per approfondire gli intrecci biografici e i misteri poetici legati
alla trasferta parigina fatta da Mozart nel 1778. Martedì 30 ottobre 2018, ore 18.00, Auditorium del Carmine.
Ingresso libero

Nel 1778 Wolfgang Amadeus Mozart, ventiduenne, era a Parigi in cerca di fortuna. Fu una trasferta amara, non solo perché l'ambiente parigino mostrò una sostanziale indifferenza verso il compositore, che stentò a inserirsi nell’ambiente musicale della capitale, ma soprattutto per la morte della madre di Mozart, sopraggiunta improvvisamente mentre i due erano lontani dal resto della famiglia. Quanto fu influenzata dalle vicende biografiche la Sonata in la minore K 310, scritta dal musicista salisburghese proprio nell’estate di quell’anno? Cerca di rispondere a questa domanda la guida all’ascolto a cura di Riccardo Sandiford, secondo appuntamento de «Il Suono svelato», rassegna a cura del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma. Martedì 30 ottobre 2018 alle 18.00, nell’Auditorium del Carmine, Sandiford smonterà e analizzerà la Sonata di Mozart, aiutandosi con numerosi esempi al pianoforte, per indagarne gli intrecci biografici e i misteri poetici.

Docente di pianoforte del Conservatorio di Parma, Riccardo Sandiford si esibisce in qualità di solista per associazioni musicali italiane quali la Società dei Concerti di Milano, Estate fiesolana, Centro Busoni di Empoli, Orchestra da Camera Fiorentina, Solisti Fiorentini, Orchestra di Grosseto, Orchestra del Conservatorio di Messina, Toscana Classica, Festival Bagni di Lucca, Musica Viva di Roma, Teatro dei Rozzi di Siena. La sua attività si estende anche all’estero (Russia, Giappone, Germania, Svizzera, Spagna e Francia).

CEDACRI IMPRESA “AMICA DELLA SCUOLA”. Confermato l’impegno a sostegno del progetto Educational della Toscanini

Marzocchi Paolo

CEDACRI IMPRESA “AMICA DELLA SCUOLA”
Confermato l’impegno a sostegno del progetto Educational della Toscanini che si apre con il celeberrimo Carnevale degli animali di Saint-Sns

Il progetto Educational della Fondazione Arturo Toscanini utilizza nuove modalità di comunicazione per avvicinare il mondo della scuola alla musica e al teatro avvalendosi di laboratori didattici sonori, culturali ed emozionali. Questo progetto didattico, nato per arrivare al cuore dei più giovani, rappresenta per la Fondazione un investimento primario, che si rinnova con sempre crescente successo e che può contare da diversi anni sull’importante collaborazione tra l’istituzione musicale cittadina e la Cedacri di Collecchio, una delle maggiori realtà della provincia.

MIHAELA COSTEA E DAVIDE PRINA MARTEDI’ 30 ottobre 2018 ore 17 ALLA CASA DEL SUONO

MIHAELA COSTEA Davide Prina

MIHAELA COSTEA E DAVIDE PRINA
MARTEDI’ ALLA CASA DEL SUONO

Il 30 ottobre alle 17 alla Casa del Suono il concerto gratuito del duo composto dalla “spalla” della Filarmonica Toscanini e dal giovane chitarrista 

Sono il nome e le opere di Niccolò Paganini a costituire l’ideale filo di Arianna tra i brani che costituiscono il programma del concerto in programma martedì prossimo, 30 ottobre, alle ore 17, alla Casa del Suono, terzo appuntamento del ciclo 2018 de Il suono e il segno, la rassegna concertistica organizzata congiuntamente da Comune di Parma - Casa della Musica e Fondazione Arturo Toscanini, e costituita da una serie di quattro appuntamenti gratuiti ospitati che ha sede nel suggestivo spazio della ex-chiesa di Santa Elisabetta in Piazzale Salvo D’Acquisto, a pochi passi dalla stessa Casa della Musica.

Niccolò Paganini, nel suo essere virtuoso insuperato e compositore di valore (ma anche infaticabile organizzatore teatrale), ebbe per il violino e per la chitarra un amore di pari grandezza ma di diverso sentimento. Se il primo fu per lui lo strumento della sua fama e della sua leggenda, la chitarra, appresa anch’essa da bambino, fu sempre fonte di serenità e di un’arte non esposta in pubblico.

NOTTURNI PER CARLO MATTIOLI

Carlo Mattioli, Foto Walter Mori

NOTTURNI PER CARLO MATTIOLI

Il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” dedica un incontro e un concerto al pittore parmigiano. Sabato 20 ottobre 2018, dalle ore 17.00, Auditorium del Carmine. Ingresso libero

Presso il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma è conservato un Notturno del 1980 di Carlo Mattioli (1911-1994), dono fatto dal celebre pittore parmigiano all’Istituto Musicale della sua città. Come segno di riconoscenza, il Conservatorio di Parma dedica all’artista un concerto, preceduto da un’introduzione a cura del critico d’arte Marco Vallora. “Notturni per Carlo Mattioli”, è il titolo dell’incontro che si terrà sabato 20 ottobre 2018 alle 17.00, nell’Auditorium del Carmine. Prendendo spunto dal titolo pittorico, si delineerà un percorso musicale incentrato sul tema della notte, attraverso l’interpretazione di notturni pianistici e Lieder ottocenteschi di autori come Chopin, Field, Schubert e Schumann, per arrivare a composizioni strumentali di maestri del Novecento, come Dallapiccola, e a brani scritti appositamente dagli allievi di composizione del Conservatorio. Nell’occasione, saranno esposte nell’Auditorium del Carmine, tre tele di Mattioli: oltre al citato Notturno, si potranno ammirare Cielo di notte (1983) e Notte sulla siepe (1979), gentilmente prestati dalla signora Anna Zaniboni Mattioli, nipote del Maestro e responsabile della Fondazione Carlo Mattioli, che ha collaborato alla realizzazione dell’iniziativa, coordinata dal prof. Luigi Abbate.

Le intimidatorie querele-vendetta di Sergio Pellegrini contro Luigi Boschi

Taci o ti querelo

Le initimidatorie querele-vendetta di Sergio Pellegrini e del suo avvocato Ambrosini

L’udienza del processo intentato da Sergio Pellegrini contro Luigi Boschi è stata rinviata al 31 ottobre 2018.
Ma  qual è lo scopo di Sergio Pellegrini con queste querele (due individuali DOC.PDF e una dell’avvocato Michele Ambrosini Doc.PDF), in cui si chiede addirittura il sequestro del mio socialblog? Non certo a fare chiarezza, né per amor della musica.

CARLA THEY E AZUSA KUBO SABATO 13 OTTOBRE ALLA CASA DEL SUONO DI PARMA

Carla They e Kubo Azusa

CARLA THEY E AZUSA KUBO SABATO ALLA CASA DEL SUONO

Il 13 ottobre alle 17 alla Casa del Suono il concerto gratuito del duo composto dalla famosa arpista parmigiana e dal soprano giapponese 

Un duo di grande valore artistico, quello formato dalla arpista parmigiana Carla They, interprete molto conosciuta e apprezzata a livello nazionale, e dalla soprano giapponese Azusa Kubo. 

Saranno loro, sabato prossimo, 13 ottobre, alle ore 17, a inondare di musica gli spazi della Casa del Suono, in occasione del secondo concerto del ciclo 2018 de Il suono e il segno, la rassegna concertistica organizzata congiuntamente da Comune di Parma - Casa della Musica e Fondazione Arturo Toscanini, e costituita da una serie di quattro appuntamenti gratuiti ospitati che ha sede nel suggestivo spazio della ex-chiesa di Santa Elisabetta in Piazzale Salvo D’Acquisto, a pochi passi dalla stessa Casa della Musica. 

Il concerto di sabato fa parte anche della rassegna I like Parma- Un patrimonio da vivere, la settimana di promozione gratuita della cultura voluta dal Comune di Parma. 

IL PENTA-CLOCKS ENSEMBLE APRE IL SUONO E IL SEGNO

Interno della Casa del Suono di Parma

IL PENTA-CLOCKS ENSEMBLE
APRE IL SUONO E IL SEGNO
Giovedì 11 ottobre alle 17 alla Casa del Suono il concerto gratuito
del quintetto di percussionisti guidato da Roger Catino

Un quintetto di percussionisti aprirà l’edizione 2018 de Il suono e il segno, la rassegna concertistica organizzata congiuntamente da Comune di Parma - Casa della Musica e Fondazione Arturo Toscanini, e costituita da una serie di quattro appuntamenti gratuiti ospitati dalla Casa del Suono, che ha sede nel suggestivo spazio della ex-chiesa di Santa Elisabetta in Piazzale Salvo D’Acquisto, a pochi passi dalla stessa Casa della Musica.

Il Penta-clocks Ensemble, fondato e diretto da Roger Catino, docente al Liceo Musicale Bertolucci e strumentista attivo nelle migliori orchestre italiane, è composto anche dai percussionisti Stefano Barbato, Paolo Grillenzoni, Denise Miraglia, Martino Mora e presenterà un programma quanto mai vario ed interessante.

Parma, Festival Verdi 2018: INAUGURAZIONE VERDI OFF

Festival Verdi 2018 -Verdi Off

INAUGURAZIONE VERDI OFF

Lo spettacolo di danza verticale Full Wall #Verdinaria

e l’installazione multimediale Macbeth Immersive Experience,

commissioni in prima assoluta, animano il cuore della città

e danno il via al mese di spettacoli a ingresso libero in occasione del Festival Verdi

Piazza del Duomo

venerdì 21 settembre 2018, ore 21.00 

Piazza del Duomo si accende dei colori e della musica di Verdi per l’inaugurazione di Verdi Off e l’anteprima del Festival Verdi, sabato 21 settembre a partire dalle ore 21.00, con Full Wall #Verdinaria e Macbeth Immersive Experience, commissioni del Festival Verdi in prima assoluta, che animano il cuore della città con la forza e la poesia della danza verticale e il fascino di una suggestiva installazione multimediale.  

UN GIORNO DI REGNO AL FESTIVAL VERDI 2018

UN GIORNO DI REGNO

AL FESTIVAL VERDI 2018

Nell’allestimento di Massimo Gasparon da un progetto di Pier Luigi Pizzi,

Francesco Pasqualetti, sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Comunale di Bologna,

dirige l’opera nell’edizione critica a cura di Francesco Izzo

affidata all’interpretazione di giovani talenti

Teatro Giuseppe Verdi di Busseto

28 settembre, 3, 5, 6, 9, 10, 11, 13, 18, 21 ottobre 2018 

ATTILA AL FESTIVAL VERDI 2018

ATTILA AL FESTIVAL VERDI 2018

Il capolavoro verdiano diretto da Gianluigi Gelmetti

alla testa della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma,

nel nuovo allestimento di Andrea De Rosa, con protagonisti Riccardo Zanellato,

Michele Pertusi, Maria José Siri, Vladimir Stoyanov, Francesco Demuro

Teatro Regio di Parma

domenica 30 settembre 2018, ore 17.00 turno A
sabato 6 ottobre 2018, ore 17.00 turno B
sabato 13 ottobre 2018, ore 17.00 turno D
domenica 21 ottobre 2018, ore 20.00 turno C 

Condividi contenuti