Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

AIDAA E LA CROCE MIRACOLOSA!

Caro Luigi,
rispondo per dovere di cronaca alla datata lettera di Lorenzo Croce. Una semplice considerazione: evidentemente il Presidente dell'AIDAA per sciorinare dati che lui afferma documentati, dovrebbe avere un vero e proprio esercito di collaboratori e/o  di dipendenti pagati che, stacanovisti, lavorassero 24 ore al giorno. Basta seguire l' attività di una qualsiasi associazione veramente impegnata nella difesa degli animali, per rendersi conto quale sia la mole di lavoro incombente, anche solo per catalogare semplici dati.

Evidentemente AIDAA sa operare quei miracoli di menagerismo che a nessun altro sono possibili.  Ma i miracoli veri sono ben altri! Sono quelli di tante persone, legate o non ad associazioni animaliste, che operano in silenzio e in silenzio riescono a cambiare il mondo. Senza gran cassa ed autocelebrazione. Senza dati sciorinati per un bel vedere, senza proporre inutili allarmismi, senza la ricerca di scoop sensazionali, senza il rimbombo delle parole che tanto ricordano le aiutocelebrazioni di un certo ventennio.

A Parma ben si conoscono  le associazioni che con i loro rappresentanti e i volontari silenziosi e attivi hanno saputo compiere il vero miracolo:
creare una sensibilità nuova, un rispetto e un' attenzione verso le
creature animali che vent' anni fa certamente non esistevano.  Senza
squilli di tromba, nè apocalittici comunicati. Ma con una testimonianza
che cade sotto gli occhi di tutti. Per questo Parma crede in loro ed è
loro sempre vicino, sostenendoli con affetto e stima.
La loro testimonianza parla da sola. Forse imparando la dote dei grandi uomini, ossia l' umiltà, il signor Croce dovrebbe imparare da queste persone. E  riguardo  l' ex presidente nazionale dell' ENPA, solo in primo

giudizio condannato, si può anche pensare  che sia  stato troppo ingenuo nel giudicare certe persone, sbagliando per errata fiducia in loro.. . Ma sarà la giustizia a  esprimere, a conclusione dell' iter giudiziario,  un giudizio, non certo il signor Croce.

Lella Gialdi
Ente Nazionale Protezione Animali sezione di PARMA