Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Manovra, Napolitano: no catastrofismi, risaliamo china

Il capo dello Stato: 'P3, che squallore. La magistratura vada a fondo'

(ansa.it) 23 luglio - ROMA - "Ci indigna e allarma l'emergere di fatti di corruzione e trame inquinanti da parte di squallide consorterie, ma la nostra democrazia dispone di anticorpi : la reazione morale dei cittadini, i principi costituzionali, le leggi per applicare tali principi". Lo dice il presidente della repubblica Giorgio Napolitano durante la cerimonia del ventaglio al Quirinale.

'MANOVRA, NO A CATASTROFISMI' - "Occorre guardare avanti e misurarsi con le sfide del futuro. Nessun catastrofismo sulla situazione dell'Italia ma consapevole realismo nel valutare la situazione. Si sta risalendo la china da una crisi pesante". La manovra, spiega il presidente della Repubblica, si colloca negli orientamenti definiti in sede europea ''e quindi di fronte alle esigenze di stabilizzazione finanziaria di consolidamento dei bilanci dei nostri Stati e insieme di crescita delle nostre economie''. Il capo dello Stato invita dunque a guardare avanti, alle sfide del futuro, ''al di la' delle divergenze e delle tensioni manifestatesi sui contenuti del decreto che sta per essere convertito in legge e anche al fine di tenere aperta la ricerca di risposte a problemi e domande che non hanno trovato sbocco nel confronto finora svoltosi''. Napolitano invita però a evitare catastrofismi e evidenzia che "si sta manifestando una significativa ripresa della produzione industriale in particolar modo delle esportazioni e si sta confermando la vitalita' del nostro sistema imprenditoriale''.

'INTERCETTAZIONI, BILANCIARE VALORI E DIRITTI' - ''Occorre definire il miglior bilanciamento possibile tra i valori e diritti, tutti ugualmente riconosciuti in Costituzione. Questo è stato lo sforzo compiuto e ancora in atto a proposito della legge in materia di intercettazioni e non si puo' che apprezzarlo dandone merito alla dialettica parlamentare''. E' il riconoscimento che il Presidente della Repbblica, Giorgio Napolitano, fa durante la cerimonia del Ventaglio all'iter sul ddl intercettazioni

'NON CEDERE AL GIOCO AL MASSACRO DELLE ISTITUZIONI' - ''Si deve intervenire senza alcuna incertezza o reticenza su ogni inquinamento o deviazione della vita pubblica o nei comportamenti di organi dello Stato ma senza cedere a nessun gioco al massacro tra le istituzioni e nelle istituzioni'' ha detto Napoliano.

'SI NOMINI IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - ''L'istituzione Governo non puo' ormai sottrarsi a decisioni dovute, come quello della nomina del titolare del ministero dello Sviluppo economico o del presidente di un importante organo di sorveglianza come la Consob'' ha detto il presidente della Repubblica alla cerimonia del Ventaglio.

'CERTO SU VOTO MEMBRI LAICI ENTRO LUGLIO' - Nell'incontro che avro' con ''gli uscenti e gli entranti'' del Consiglio Superiore della Magistratura entro la fine del mese'' sono ''certo'' che il Parlamento stia per ''procedere alla dovuta elezione dei componenti laici''. Lo ha detto il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, nel corso della cerimonia del Ventaglio.

'GIOVANI SENZA LAVORO PROBLEMA NUMERO UNO' - ''I problema dei giovani non impegnati'' nel mondo del lavoro o in quello dello studio ''è il problema numero uno dell'Italia'' ha detto ancora il capo dello Stato.

'NON MI INTERESSANO SCENARI POLITICI IPOTETICI' - "Non mi interessano scenari politici ipotetici di qualsiasi genere" ha aggiunto il presidente della Repubblica. Napolitano auspica che il confronto sul futuro del paese si fondi "su un'ampia condivisione degli obiettivi e delle linee di intervento". "Non c'è spazio per l'autosufficienza né per la contrapposizione totale", ha detto Napolitano.

'L'OPPOSIZIONE NON RIFUGGA DAL CONFRONTO - "Auspico che nel confronto emergano anche visioni diverse rappresentative sul piano politico delle attuali forze di maggioranza e delle attuali forze di opposizione non sottraendosi queste ultime alla prova e alle responsabilità cui sono chiamate in un quadre di feconda competizione come quello che dovrebbe caratterizzare la democrazia del'alternanza". Lo ha detto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano durante la cerimonia del ventaglio al Quirinale. Più volte nel suo intervento il capo dello Stato ha richiamato la necessità di una "ampia condivisione sui grandi obiettivi".

'P3: CHE SQUALLORE, MAGISTRATURA VADA A FONDO' - "Per ora sicuramente vedo tanto squallore. Poi vedremo cos'altro emergerà ". Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a margine della cerimonia del Ventaglio con la stampa parlamentare, risponde ad alcune domande sull'inchiesta 'Eolico-P3'. "Lo squallore è certo - aggiunge - l'importante è che si riesca a far fare alla magistratura il proprio lavoro fino in fondo per accertare fatti e responsabilità ".