Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Scienzitalia

Scienzitalia: video a carattere scientifico/tecnologico

Indovina chi viene a cena? La dr.ssa Maria Rosa Di Fazio - Cosa evitare

La dottoressa Maria Rosa Di Fazio medico specializzato in Oncologia, è responsabile del servizio di Oncologia Medica (Day Hospital e Ambulatorio) del centro SH, Health Service di San Marino.

Intervista a Don Antonio Moroni

Tratto dall'intervista realizzata nel novembre 2009 per la realizzazione del film su Don Camillo Mellini.

Nasce ET, batterio che si nutre di arsenico

Vive nel Mono Lake, uno degli ambienti piu' inospitali della Terra

(ansa.it) 02 dicembre - ROMA - ET è un batterio. Non viene dallo spazio, ma da uno degli ambienti più inospitali della Terra, il californiano Mono Lake. E' stato modificato in un laboratorio dell'Istituto di Astrobiologia della Nasa e ora la sua vita dipende completamente da un veleno come l'arsenico. La scoperta, pubblicata su Science, sarà annunciata questa sera alle 20,00 dalla Nasa in una conferenza stampa. L'esistenza di un simile microrganismo, per gli esperti, è la dimostrazione che la vita può esistere in forme molto diverse da quelle che conosciamo: un dato del quale non potranno non tenere conto tutti i programmi spaziali impegnati nella ricerca di "abitanti" di altri mondi.

fisica e matematica - I primi atomi stabili di antiidrogeno

di Massimiliano Razzano | Pubblicato il 18 Novembre 2010

(galileonet.it) Ben 38 atomi, tutti interi, di anti-materia. Per l'esattezza di antiidrogeno (H, il più semplice della tabella periodica), formati da un anti-protone e da un positrone. Li hanno ottenuti e soprattutto tenuti "in cattività" per la prima volta i ricercatori dell'esperimento Alpha, operativo al Cern di Ginevra, che danno notizia del nuovo successo in un articolo apparso su Nature

Continua dunque la corsa per svelare i misteri dell'antimateria e le differenze rispetto alla materia. La scoperta dell'antimateria avvenne nel 1932, quando Carl Anderson rivelò l'antiparticella dell'elettrone, denominata positrone. Come tutte le antiparticelle, il positrone è una copia identica dell'elettrone, ma con carica elettrica opposta.

Che cosa è la nanotecnologia

CHE COSA E' LA NANOTECHNOLOGIA BIONICA

(masternanotech.jimdo.com) Dalla natura l'uomo ha appreso queste possibilità tecnologiche, studiando la superficie delle foglie delle piante, la corazza dei coleotteri o degli scarafaggi, sempre lucidi e puliti. Perchè i gechi riescono a correre sul soffitto? Tutto questo fa parte della Nanotecnologia.

L'esempio della natura più noto è la pianta del fiore di loto, il cosiddetto "EFFETTO LOTUS" L'acqua si raccoglie in gocce sulle foglie, perchè non può aderire alla superfice delle stesse, e scivola via mantenendole sempre pulite e lucide.

Un botanico tedesco all'inizio degli anni novanta ha scoperto perché il Lotus, in Asia pianta sacra e venerata, respinge acqua e sporcizia. Sotto il microscopio elettronico ha scoperto che la superficie delle foglie di questa pianta non era liscia, come supposto, bensí ruvida. Gli invisibili e minuscoli rilievi della struttura delle foglie non permettono ai liquidi e alla sporcizia di aderire sulla superficie della foglia.

Le foglie della pianta di loto sono autopulenti! Le gocce d'acqua portano via ogni impurità. La chimica nanotecnologica ha permesso di produrre dei prodotti adeguati anche per l'uso domestico, che si avvicinano molto a ciò che ci insegna madre natura.

Questa scienza innovativa offre un ampio spettro di possibilità nel campo della produzione di nuovi materiali e prodotti applicativi.

Costruito un reattore nucleare in casa: il 38esimo...

pubblicato: giovedì 24 giugno 2010 da Alberto 

(ecoblog.it) I cugini di Gadgetblog hanno dato la notizia che in America, un ragazzo 38enne, Mark Suppes, si è costruito in casa un reattore nucleare, per creare energia pulita. La notizia ha destato clamore ma l'uomo non può essere accusato di nulla, poichè ha utilizzato solo materiali acquistabili legalmente. I vicini di casa hanno manifestato la propria preoccupazione, nonostante la rassicurazione degli esperti: non è pericoloso.

Ma Mark non è il primo, bensì la 38 persona nel mondo in grado di portare a termine il suo progetto. E tutto senza alcuna conseguenza: costruire nel proprio garage un reattore nucleare può quasi essere visto come un hobby. E a questo punto si legittima chiunque a seguire il loro esempio.

Ciò non è dannoso e non provocherebbe incidenti a chi ci circonda. Ma questa cosa, che fino a pochi anni fa sembrava impossibile, non dovrebbe farci riflettere su quanti altri congegni e strutture potranno, nel tempo, diventare "selfmade"? Come potranno le organizzazioni tradizionali monitorare un fenomeno che, come la tecnologia informatica, diventa sempre più potente e alla portata di chiunque?

MONTE MARSILI VULCANO SOMMERSO

PERICOLO TSUNAMI SULLE COSTE DELL'ITALIA MERIDIONALE? MONTE MARSILI VULCANO SOMMERSO DEL TIRRENO

In 3,24 minuti vi faccio conoscere un vulcano sconosciuto alla gente comune: il monte Marsili grande quasi quanto l'Etna e che è posto sulla piana abissale del Tirreno a 150 km da Napoli. Il rivale più duro per l'Etna è il Monte Marsili, nel Tirreno sudorientale. I lati del mare Tirrenio pullulano letteralmente di vulcani attivi o che sono stati attivi fino a pochi milioni di anni fa. Fra Sardegna, Toscana, Lazio, Campania e le acque davanti a Calabria e Sicilia si estende una fascia di vulcani che circonda il bacino (le Eolie, di cui solo poche isole raggiungono la superfice, sono in realtà una catena di vulcani che si estende parallelamente alla costa dalla Calabria Settentrionale fino alla Sicilia nordoccidentale). Non tutti i vulcani sono conosciuti: addirittura una colata lavica sottomarina sarebbe la causa del danneggiamento di un cavo telefonico a nord di Palermo nel 2002 in una zona in cui non si conosceva l'esistenza di strutture del genere.

Scuola, istituizoni e arte: ecco il patto per la Settimana della Scienza

Gallarate - I Licei di Gallarate presentano un ricco calendario di scienza "spettacolare", collaborando con gli altri istituti della città, con la GAM e con il Comune.
di Simone Gambirasio

(varesenews.it) Una rete cittadina di divulgazione scientifica: così potremmo chiamare il team di esperienze e competenze messo in campo per la nuova edizione della Settimana della Scienza, in programma a Gallarate dal 14 al 24 marzo. Il fitto calendario di eventi, nato dalla passione per la scienza dei docenti dei Licei di viale dei Tigli, quest'anno è stato arricchito dalla partecipazione dell'ISIS "Andrea Ponti", delle scuole secondarie di primo grado "Ponti - Padre Lega" e "Majno - Cardano", oltre che della GAM, la Galleria d'Arte Moderna di Gallarate.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti