La ditta ha immediatamente disposto il ritiro del prodotto in commercio e sono in corso gli accertamenti delle ASL per valutare l'estensione dell'allerta sul territorio regionale ed extra regionale ma, al momento, non si può escludere la possibilità che alcuni vasetti possano già aver raggiunto il frigorifero di qualche ignaro consumatore.

A lanciare l'allarme, questa notte, è stata la stessa ditta dopo un'operazione di autocontrollo e che sta provvedendo, insieme all' Asl e ai distributori, al ritiro del prodotto dal commercio. In particolare, sotto la lente, sono le confezioni con scadenza 9 agosto 2013 e appartenenti al lotto 13G03.

In Piemonte, dopo esser stato rintracciato in alcuni supermercati dell'Alessandrino, Regione Piemonte e Asl hanno lanciato l'allerta ai cittadini per verificare se ne hanno fatto acquisto. Il pesto in questione potrebbe anche avere marchi diversi per cui i responsabili dell'Ufficio Prevenzione e Veterinaria della Regione Piemonte invitano gli acquirenti a controllare in particolare il lotto, la scadenza ed il nome del produttore sul retro del vasetto.