Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sorgenti

  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52162 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52158 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52157 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52156 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52155 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52153 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52152 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52151 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52150 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52149 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52148 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52144 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52142 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52139 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52138 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52130 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52129 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52121 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52111 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52110 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52109 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52108 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52106 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52105 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52091 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 39250 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
Sorgenti: news e opinioni di politica. Con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

Convocata l'assemblea nazionale dei comitati del no al referendum entro la metà di gennaio 2017

Comitati del No al Referendum costituzionale

Comitati per il No nel referendum costituzionale 2016

Straordinario risultato nel referendum del 4 dicembre che ha bocciato la deformazione della Costituzione proposta dalla Renzi- Boschi e insieme ha reso inservibile la legge elettorale ipermaggioritaria per la Camera (Italicum), che per di più è in attesa del giudizio della Corte costituzionale.
Il primo grande risultato è l'affluenza al voto. Hanno votato i 2/3 degli aventi diritto, in controtendenza con le recenti consultazioni, confermando che gli elettori quando sanno di poter contribuire a decidere partecipano e votano.
Grazie alle elettrici e agli elettori italiani per questa prova di maturità e di impegno.

Roberto Ghiretti (PU): anziana invalida multata per errata esposizione dei rifiuti

Nella città del poco invidiabile primato di oltre 95 euro pro capite di multe si colpisce un'anziana signora di 78 anni, oltretutto invalida, per errata esposizione dei rifiuti. In questa “piccola” notizia di cronaca c'è tutta la mancanza di empatia e il furore giustizialista di questa amministrazione debole coi forti e forte coi deboli.

Da anni sostengo che questa raccolta differenziata non funziona e mette in difficoltà soprattutto chi vive solo, gli anziani, i portatori di disabilità ma a fronte del proliferare di discariche abusive e di sacchetti abbandonati in ogni dove a rimetterci in prima persona sono proprio le persone più fragili, e non è la prima volta.

Il paradosso di questa situazione assurda lo si può apprezzare pienamente se si considera che il Comune che oggi multa una persona chiaramente in difficoltà nel gestire la raccolta differenziata è lo stesso che ha consentito il prosperare di una maxi discarica abusiva su una superficie di 60mila metri quadri in zona Moletolo. Una discarica che, vale la pena di ricordarlo, è stata chiusa solo grazie all'intervento della magistratura nonostante questa amministrazione avesse ricevuto segnalazioni da diversi mesi. Che multa si dovrebbe dare in questo caso? Che credibilità si ha nel far rispettare le regole in modo così inflessibile quando poi si rimane inermi rispetto a situazioni come quella di Moletolo?

In tutto questo l'unica buona notizia è che questa amministrazione è ormai giunta al capolinea; a chi verrà dopo il compito di ripensare questo sistema di raccolta dei rifiuti e ristabilire la credibilità complessiva di un Comune che ha sicuramente il compito di far rispettare le regole, ma anche quello di essere coerente, empatico e, in una parola, giusto. 

Roberto Ghiretti
Parma Unita

Referendum, le reazioni della politica a Parma

Soddisfatto il sindaco Pizzarotti: "No per l’Italia". Il senatore Pagliari: "Sconfitta netta, ma riflettere sul consenso per il Sì". Il comitato per il No festeggia in piazza. Gli interventi dalla Cgil a Forza Italia

Le prime reazioni alla vittoria del No, con le relative dimissioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi alle dimissioni, arrivano da due dei possibili protagonisti delle elezioni Amministrative 2017:  il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il senatore del Pd Giorgio Pagliari.

Nei Comuni della provincia di Parma gli elettori hanno votato in maggioranza No, mentre a Parma ha vinto il Sì, seppur per pochissimi voti. Questo lo scenario politico consegnato dalle votazioni per il Referendum costituzionale.

Il primo cittadino, ex M5s, schierato contro la riforma della Costituzione, ha espresso il suo pensiero con un post telegrafico su facebook: "L'Italia si cambia con responsabilità, serietà e soprattutto con unità. Ieri ha vinto la democrazia e la partecipazione, ed è una grande soddisfazione l'esito del voto. Il no è per l'Italia e per la Costituzione".

Più articolato il commento del parlamentare favorevole alla riforma, che già nei giorni scorsi, in un’intervista a Repubblica, aveva manifestato le sue preoccupazioni in caso di vittoria del No. Da valutare, inoltre, come il risultato potrebbe impattare sul Pd locale che ha appena lanciato il percorso delle primarie per individuare il prossimo candidato sindaco.

Renzi sale al Quirinale. Mattarella: “Dimissioni dopo l’ok della legge di Bilancio”

CRONACA ORA PER ORA - Il presidente del Consiglio per un'ora da Mattarella, oggi cdm. Ma secondo le indiscrezioni il capo dello Stato ha chiesto di aspettare a lasciare per approvare prima la Finanziaria. Boccia: "Si dimetta da segretario del Pd e congresso a gennaio". L'Ue: "Nessun rischio, rispetto per il voto degli italiani"

L’unica certezza è che Matteo Renzi lascerà il governo. Quando? Venerdì, dopo l’approvazione della Legge di Bilancio. L’ufficialità non c’è ancora, ma l’ipotesi è arrivata al termine di una giornata piena di incontri, telefonate e salite al Colle da parte del premier dimissionario. I dubbi sui tempi dell’uscita di scena del premier sconfitto nel referendum costituzionale del 4 dicembre sono nati in mattinata dopo l’ora di colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Che nel primo pomeriggio ha diramato una nota dai contenuti molto chiari: ci sono “impegni e scadenze di cui le istituzioni dovranno assicurare in ogni caso il rispetto, garantendo risposte all’altezza dei problemi del momento”, ha scritto il capo dello Stato.

Martin Wolf: “Dagli Usa all’Europa, élite sempre più isolate”

L'editorialista del Financial Times: "Il crescente distacco tra classi dirigenti e popolo rende le società meno floride e benestanti. Il rischio è che il mondo degli affari appoggi i populisti di destra per difendere i propri interessi"

dal nostro corrispondente ENRICO FRANCESCHINI

LONDRA -Il popolo non si sente più rappresentato dalle élite: perciò abbandona i partiti tradizionali e sostiene movimenti o candidati populisti, di destra e di sinistra. A lanciare questa pietra nello stagno è Martin Wolf, paradossalmente il più autorevole columnist del Financial Times, il quotidiano della City che tra le élite di tutto il mondo ha buona parte dei suoi lettori. "La crescente distanza tra la gente e le classi dirigenti è dannosa non solo da un punto di vista morale e politico, ma pure per stabilità, salute e produttività dell'economia", spiega a Repubblica il giornalista. "In ultima analisi è come se le élite facessero del male a se stesse. Il problema è farglielo comprendere prima che sia troppo tardi".

MARTIN WOLF: “DOBBIAMO TOGLIERE ALLE BANCHE PRIVATE IL POTERE DI CREARE DENARO”

Nicoletta Forcheri

Da mesi anzi di anni si discute, soprattutto in Italia, sull’opportunità o meno di avere una Banca Centrale così lontana dai propri interessi. Di discorsi sulla sovranità monetaria e sul signoraggio né è piena la rete, soprattutto da quando, il d.lgs n° 43 del 10 marzo 1998 sottrasse definitivamente la Banca d’Italia dalla gestione del governo italiano, sancendo l’appartenenza della stessa al sistema europeo delle banche centrali. Di li in poi, la quantità di moneta circolante dovrebbe essere decisa dalla Banca Centrale Europea. Dico dovrebbe perché, proprio qualche giorno fa Martin Wolf nel suo articolo apparso sulle pagine del Financial Times, ci fornisce tutta un’altra spiegazione che assume connotati sarcasticamente anarchici, vista la presunta controllabilità dello strumento monetario millantata dai più alti funzionari delle Banche Centrali di tutto il Mondo.

Referendum 4 dicembre: vince largo il NO! Riforma costituzionale Bocciata. Finisce Governo Renzi

NON BASTA UN SI'

Popolo Sovrano

Dati alle ore 23,40 di Domenica 05 Dicembre 2016
Affluenza oltre il 68%. Sembra vinca largo il no!
60% il NO! pari a 20 milioni di voti
40% SI' pari a circa 12 milioni di voti.

Dati finali:
Affluenza 68,44%
No 59%; 
Sì  41%.
Renzi annuncia le dimissioni.
dichiarazioni di Renzi:
"Ho perso, e me ne vado. Il mio governo finisce qui. Domani rimetterò le mie dimissioni al Presidente della Repubblica"
(Parma, 05/12/2016)
Luigi Boschi

Africa, quel "tesoretto" dei dittatori da 60 miliardi custodito in Svizzera

Evasione fiscale, creazione di fondi illeciti, corruzione e riciclaggio di denaro. Denaro sistematicamente sottratto a progetti di sviluppo per la popolazione, aumentando le diseguaglianze. Il sistema è ingovernabile perché senza regole né trasparenza, ma c’è chi sta provando a mettere dittatori e politici corrotti sotto pressione

di MARCO SIMONCELLI *

ROMA - «Vedere un dittatore atterrare a Ginevra potrebbe essere una buona cosa - si legge nell'articolo pubblicato da Nigrizia.it -  potrebbe (per esempio) significare che si tratti di un viaggio diplomatico per partecipare a dei colloqui di pace (la città ospita istituti delle Nazioni Unite e altre organizzazioni internazionali). Ma la Svizzera è anche un paradiso sicuro per uomini potenti che arrivano dal terzo mondo e che vogliono mettere da parte i soldi che hanno rubato al proprio popolo».

D' Alema a Catania sul Referendum

CATANIA – E’ un Massimo D’Alema in grande spolvero quello che gioca le ultime ore della partita referendaria. L’ex premier sbarca in Sicilia dove ad attenderlo ci sono i deputati Pippo Zappulla e Angelo Capodicasa, dioscuri dell’ortodossia della vecchia guardia nei rispettivi feudi di Siracusa e Agrigento. Il tour di D’Alema, però, parte da Catania. L’occasione è un’iniziativa sull’Europa, organizzata dall’associazione universitaria Koinè, ma a tenere banco è il referendum. Il Lìder Maximo, assiepato dai cronisti, risponde all’ultima invettiva di Matteo Renzi. “Il premier dice che se vince il No, vince la casta? E’ lui il capo della casta”. “Io non faccio parte di una casta da diverso tempo, presiedo solo una fondazione culturale; voglio fare una campagna da cittadino contro una riforma che ritengo dannosa per l’Italia”, dice D’Alema. Affilate le armi, l’ex premier è pronto a dare battaglia sul referendum. Accanto a sé c’è il fidato Capodicasa che ci tiene a sottolineare di non avere votato la proposta di riforma nemmeno in parlamento. La sfida di “baffino” va ben oltre il 4 dicembre. Dalle ragioni del No al modus operandi del governo, passando per l’idea di partito, D’Alema traccia una rotta chiara. In direzione ostinata e contraria rispetto a quella dell’antagonista fiorentino.

REFERENDUM, ON. BRAMBILLA: "PERCHE', DA ANIMALISTA, VOTO NO E INVITO A VOTARE NO"

“Perché, da animalista, voto NO al referendum ed invito a fare altrettanto”. Lo spiega l’on. Michela Vittoria Brambilla, presidente della Lega Italiana per la Difesa degli Animali e dell’Ambiente, in una lettera aperta pubblicata sui social media, che segue di poche ore il durissimo giudizio dell’Ente nazionale Protezione animali sui “mille giorni” del governo Renzi, definito, senza mezzi termini, “il peggiore di tutti”.

“Innanzitutto – spiega l’ex ministro - la riforma costituzionale che andrà al referendum va rigettata, perché non si è voluto cambiare lo status giuridico degli animali, continuando  a considerarli "oggetti", semplici "cose”, mentre poteva essere questa l’occasione per adeguare la Carta fondamentale al sentimento della maggioranza degli italiani, riconoscendo gli animali come "esseri senzienti", come "soggetti portatori di diritti, bisognosi di maggiori tutele". Ma il governo e la maggioranza si sono opposti. In particolare -aggiunge – alla mia richiesta di approvare il testo che avevo predisposto insieme alle associazioni e che avrebbe finalmente cambiato le cose: “Gli animali sono esseri senzienti e la Repubblica ne promuove e garantisce la vita, la salute e un'esistenza compatibile con le loro caratteristiche etologiche”.

Rainieri (Ln): "Perchè non vengono resi noti gli esiti sulla legionella a Parma?"

La mancata scoperta di fonte e causa dell'epidemia genera "preoccupazione" per la possibilità che si ripeta nella medesima area

A due mesi di distanza non sono stati resi ancora noti gli esiti delle ricerche e degli esami su fonte e causa dell’epidemia di legionella che ha colpito Parma nell’area tra le vie Montebello, Traversetolo e piazzale Maestri a Parma.
Fabio Rainieri (Ln) si è rivolto alla giunta con un’interrogazione per chiedere chiarimenti sul grave fatto che, nel settembre scorso, ha portato anche al decesso di due persone.
L’ultima comunicazione dell'assessore regionale alle Politiche per la salute risale all’11 novembre quando aveva annunciato che “entro la settimana successiva sarebbero stati comunicati ufficialmente gli esiti delle ricerche”. I cittadini dell’area interessata, secondo quanto rilevato da Rainieri, hanno dichiarato di essere “perplessi sull’efficacia dell’attività attuata anche a livello di prevenzione degli enti preposti alla salute pubblica”, nonostante nel periodo di manifestazione fosse stata “tempestiva ed esauriente”.
La mancata scoperta di fonte e causa dell’epidemia, come sottolinea il consigliere, provoca anche “preoccupazione" per la possibilità che si ripeta nella medesima area, tenuto anche conto del fatto che inchieste giornalistiche e dichiarazioni risalenti alla fine di agosto 2016 hanno rilevato che “altre persone che frequentano il mercato settimanale di piazzale Maestri hanno accusato sintomi tipici dell’infezione”.
Come ricorda Rainieri, la Procura della Repubblica di Parma ha già aperto un'inchiesta per verificare eventuali responsabilità penali e almeno un'associazione di consumatori sta procedendo a tutela di alcuni cittadini danneggiati dall'epidemia.

Elezioni 2017 Parma, Dall'Olio: "Alle primarie ci sarò"

Il capogruppo Pd ufficializza la sua partecipazione: "Ma prima ci sono importanti scadenze in Consiglio comunale"

A una settimana dall'assemblea comunale del Pd che ha varato tempi e modalità per le primarie in programma il 19 febbario 2017, Nicola Dall'Olio ufficializza che sarà della partita.

Come lui, ha già deciso che ci sarà Paolo Scarpa.

Nelle ultime ore, dopo l'intervista del senatore Giorgio Pagliari, è risalita la tensione nel Pd con le repliche al parlamentare e alle sue parole sul candidato unitario da parte del segretario citatdino Lorenzo Lavagetto e dello stesso Scarpa che ha già definito la sua posizione.

Dunque il campo si allarga, prima già prima del referndum in programma domenica 4 dicembre.

"Non sono fra quelli che pensano che sia fondamentale candidarsi alle primarie prima del referendum costituzionale. C'è tempo fino al 22 dicembre e non credo che ai nostri elettori importi molto se uno lo fa prima o dopo. Come ho già detto altre volte, io sarò in campo. Ma il mio impegno adesso è concentrato sull’attività in Consiglio comunale" afferma Dall'Olio.

Voto all’estero, il mio diritto costituzionale negato

di Eleonora Bonaldi

Mi trovo in New Jersey da circa 7 mesi, non sono dunque iscritta all’Aire. Ho contattato il consolato di New York richiedendo mi inviassero il plico elettorale. Ho dettagliato la richiesta con le mie generalità e ho specificato il mio status d’immigrazione. Mi giunge una risposta automatica dal consolato in cui mi informano di aver preso in carico la mia richiesta e mi indicano un indirizzo internet quale riferimento informativo.

Successivamente, una funzionaria del consolato mi invia due moduli da compilare. Uno dei due moduli, tra parentesi, specifica che è da compilare solo se si è regolarmente iscritti alla lista elettorale del consolato di New York. Chiaramente non sono iscritta (essendo io solo temporaneamente in Usa). Inoltre, mi richiede di inviare prova di residenza nel dato indirizzo del New Jersey. Nello specifico, mi richiede di fornire bollette, contratti assicurativi o dichiarazioni bancarie. Ma quale residenza? Domicilio, semmai! Mi trovo in New Jersey per motivi di studio. Sono attualmente domiciliata presso una hostfamily locale individuata dalla scuola. Non ho ovviamente accesso ad alcuna bolletta, dichiarazione bancaria, ecc. Ne deriva che la prova del mio domicilio attuale, temporaneo, è insita nella documentazione prodotta per il rilascio del visto F1. E un consolato si presuppone abbia accesso a tali informazioni.

I comitati per Ospedale Vecchio di Parma: “Dalla Pizzarotti spa ci aspettavamo un grazie”

I comitati: “Dalla Pizzarotti ci aspettavamo un grazie”
Siamo un po' sorpresi dalle dichiarazioni successive alla sentenza che ha visto assolti tutti gli imputati. Siamo stati dipinti, in pratica, come isolati nemici del progresso! Ma le cose sono andate davvero così?

Parma, tre liste e 26 candidati per il Consiglio provinciale

A votare saranno il 21 dicembre i sindaci e consiglieri comunali dei Comuni del Parmense.I nomi , c'è anche Vagnozzi

Rinnovo del Consiglio provinciale di Parma. Sono tre le liste presentate - una in più delle scorse elezioni del 2014 - che raccolgono 26 candidati consiglieri in tutto.

È quanto si apprende alle 12 di oggi, giovedì 1 dicembre, appena scattato il limite temporale per la presentazione delle liste all'ufficio elettorale nella sede della Provincia in piazzale della Pace, nel 20esimo giorno antecedente quello delle elezioni, che si terranno il 21 dicembre.

L’ufficio elettorale sta vagliando tutte le posizioni; il provvedimento di accettazione o ricusazione delle liste sarà comunicato entro martedì 6 dicembre ai delegati di lista ed entro il 13 dicembre le liste accolte saranno pubblicate sul sito web della Provincia

L'elezione del Consiglio Provinciale avviene sulla base di liste concorrenti composte da un numero di candidati non inferiore a sei e non superiore a 12, che devono essere sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto.

Per le elezioni del 21 dicembre - come stabilito dal presidente della Provincia Filippo Fritelli - le urne saranno aperte dalle 8 alle 20 sempre in piazzale della Pace. Si tratterà di elezioni di secondo grado: a votare saranno i sindaci e consiglieri comunali dei Comuni del Parmense.

Presidente e Consiglio sono stati eletti il 9 ottobre 2014: il presidente dura in carica quattro anni, i consiglieri durano solo due anni, pertanto è stato necessario indire nuove elezioni.

Il Consiglio provinciale di Parma è stato eletto il 9 ottobre 2014 ed è composto da 13 componenti, compreso il Presidente che lo convoca e lo presiede. È l'organo di indirizzo e controllo, e dura in carica due anni.

Italiani, fate come britannici e americani: votate NO

Marcello Foa

Perchè votare no il 4 dicembre? Ormai le argomentazioni le conoscete ed è superfluo ripetersi. Ve ne propongo un’altra, da una diversa prospettiva: bisogna votare NO perché questo referendum è nato vecchio, è diventato improvvisamente antistorico, se si considera quel che sta succedendo in Europa e in Occidente dal giugno scorso.

Io lo definisco un miracolo. Improvvisamente i popoli si stanno risvegliando e iniziano a opporsi a un processo di continua sottrazione della sovranità nazionale, che viene condotto dal crollo dell’Unione sovietica con molta abilità e sempre dissimulando le intenzioni finali.

In economia ha preso le forme di una globalizzazione che, avviata in ossequio ai principi virtuosi di un’economia di mercato e di libero scambio, ha incentivato la creazione di oligopoli di grandi multinazionali, i cui effetti sono negativi oltre che pericolosi.

In politica si manifesta nella continua delega di poteri alle istituzioni sovranazionali, attraverso meccanismo opachi, ma presentati dalla stampa mainstream e dalla maggior parte dei politici come ineluttabili e, naturalmente. fonte di progresso.

Consumo di suolo: Parma ai vertici in Italia

"A livello comunale, i maggiori valori di superficie consumata si riscontrano a Roma (oltre 31.000 ettari), con una crescita di ulteriori 160 ettari tra il 2012 e il 2015 (lo 0,5% in più) e in molti comuni capoluoghi di provincia: Milano (oltre 10.000 ettari), Torino (8.200), Napoli (7.300), Venezia, Ravenna, Palermo, Parma, Genova, Verona, Ferrara, Taranto, Perugia e Catania (tra i 5.000 e i 7.000 ettari di suolo
consumato)".Nello specifico Parma è ottava in Italia per i dati sul consumo di suolo. Sono 6.104 gli ettari cementificati. È quanto emerge nell’edizione 2016 di “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici”, il rapporto a cura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra): un quadro aggiornato sulle conseguenze della cementificazione in Italia.

Il report 2016 di Ispra

In ettari il suolo consumato a Parma nel 2015 è di 32.060 ettari, il 9,3 del totale con un incremento dello 0,2% rispetto al 2012. 

Psc Parma, Alinovi: "Adozione entro la fine del mandato"

Il ricorso al TAR della Segalini sbarca nel CONSIGLIO COMUNALE di Parma: risposte inadeguate e scaricabarile del Sindaco

Grillo e Pizzarotti Marta Segalini Scaricabarile

Il ricorso al TAR della Segalini sbarca nel CONSIGLIO COMUNALE di Parma

Pizzarotti scaricabarile, ha la tendenza questo arrogante e insipiente Sindaco per caso[LINK], a non essere mai responsabile di ciò che avviene nella sua Amministrazione (vedi anche: Legionella, esondazione Baganza). In Consiglio Comunale di Parma il 29/11/2016 il Sindaco Federico Pizzarotti ha risposto, fuori tempo massimo, alla comunicazione del consigliere  Dall’Olio che ha ripreso l’interrogazione del 25/03/2016 [LINK] firmata dallo stesso Nicola Dall’Olio (PD), Roberto Ghiretti (PU), Giuseppe Pallacini (Unione di Centro), Maria Teresa Guarnieri (Altra Politica), sul caso Segalini che in questo socialblog e su “la Voce di Parma” è stato ampiamente sviscerato nei fatti e nel merito. Mai smentiti.
Ovviamente sia il Sindaco che il Consigliere si sono ben guardati dal citare le uniche fonti giornalistiche che in città hanno trattato la vergognosa, evitabile, vicenda che coinvolge 4 dirigenti comunali: Marta Segalini, Flora Raffa, Roberto Barani, Donatella Signifredi.

Roberto Ghiretti (PU) sulla sicurezza a Parma con primati in furti, scippi, aggressioni

Nonostante questa amministrazione continui a parlarne in termini di “percezione”, il tema della sicurezza è oggi più centrale che mai. La lettura dei quotidiani alla mattina offre ormai invariabilmente sempre lo stesso spettacolo: furti, scippi, aggressioni. Uno spettacolo fotografato impietosamente anche dalla classifica di Italia Oggi che ci ha posto sì al 6° posto per qualità complessiva della vita, ma ci ha affidato anche la maglia nera in riferimento a diversi parametri relativi appunto alla sicurezza; un risultato raggiunto per altro utilizzando dati ufficiali che sappiamo essere parziali, considerato che la sfiducia che serpeggia tra i parmigiani porta molti a non denunciare neanche più i reati di cui sono vittime.

La questione va affrontata e va affrontata con l'energia di chi intenda risolverla. Il sindaco dispone di una serie di leve fondamentali, ciascuna delle quali consente di dar vita ad azioni che, seppur non eclatanti, possono dare risultati decisivi. Penso ad esempio al commercio: impedire che intere vie centrali siano costellate di vetrine chiuse e spazi abbandonati rappresenta un obiettivo importante. Penso anche all'illuminazione: troppe zone della città vivono nella penombra in modo sistematico. Come non parlare poi dei rifiuti e del degrado in generale; avere cura della propria città è il primo fondamentale passo per trasmettere un messaggio forte, positivo e in grado di portare gente in strade che oggi sono veri e propri deserti.

Vi sono poi leve più dirette come quella della Polizia municipale. Non mi stancherò mai di ripetere che i vigili di quartiere ci vogliono sul serio, almeno una coppia per zona della città che faccia base lì e cominci ad inserirsi nel tessuto cittadino. Nessuno chiede loro di fare azioni per le quali non sono addestrati, ma esserci e sapere chi, cosa, dove, quando, rappresenta già un bel passo in avanti.

Elezioni a Parma 2017, primarie del centrosinistra il 19 febbraio 2016

Il Carnevale è proprio il periodo migliore per la scelta della maschera della politica. Quindi, non solo dopo il referendum, e dopo Natale. Ma si va oltre. Più che primarie, sembrano le ultimarie! Ormai potevate aspettare Pasqua... per una fantomatica resurrezione civica! Visto che le elezioni sono a data fissa e non variabile, ma in questi mesi che avete fatto? LB

La data del voto decisa dall'assemblea comunale del Pd. Dall'1 al 22 dicembre la presentazione delle candidature. La discussione: "Tempi troppo lunghi". Lavagetto: "Parma dev'essere la protagonista". Candidati, Rutigliano si sfila

di ALESSANDRO TRENTADUE

Si voterà domenica 19 febbraio 2017 per le primarie. Dall'1 al 22 dicembre 2016, invece, la finestra temporale decisa per raccogliere le candidature. È quanto stabilito dal documento che regolamenta le primarie di coalizione del centrosinistra parmigiano in vista delle amministrative del 2017. L'Assemblea comunale del Pd, svoltasi domenica all'Arci Zerbini, ha approvato i tempi delle consultazioni che porteranno alla scelta del candidato sindaco alle prossime comunali.

Queste le date definitive decise dall'assemblea comunale del Pd. Dall'1 al 22 dicembre la finestra per raccogliere le candidature: la disponibilità, quindi, dei candidati che vogliono partecipare alle primarie. Poi, entro un paio di giorni, i loro rappresentanti dovranno predisporre i moduli per le firme. Fino al 10 gennaio, la raccolta delle firme. Il 13 gennaio, la comunicazione ufficiale dei nomi dei candidati, per cominciare - a Sant'Ilario appunto - la campagna delle primarie che si conclude con il voto di domenica 19 febbraio.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti