Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Sorgenti

Sorgenti: news e opinioni di politica. Con il contributo di redattori volontari che possono inviare i loro scritti a luigiboschi@gmail.com

Il patto politico tra proci del PD di Parma: Cardinali, Ferrari, Pagliari

Gabriele Ferrari non parteciperà alle primarie per le Regionali, ma accederà direttamente. Alessandro Cardinali alle regionali si assicura i voti di Ferrari e Pagliari, Giorgio Pagliari candidato alle prossime Amministrative di Parma. Ecco gli interessi dei tre ex margheritini che hanno sostenuto l’inciucio con Pizzarotti, spartirsi i poteri a loro convenienza. Quando la politica serve solo a loro stessi. (Parma, 23/09/2014)
Luigi Boschi

Parma, Differenziata, i costi. Dall'Olio (PD): “Bidoni coi microchip”

I dati diffusi dal consigliere Dall’Olio: lievitate le spese per la raccolta porta a porta. Rispetto al 2012, spesi complessivamente un milione e mezzo di euro in più. Le proposte: riattivare l’impianto di compostaggio di Mezzani e reintrodurre cassonetti con microchip

La mazzata dalla Tari sta per abbattersi sulle famiglie parmigiane, ma ben pochi sanno quali siano le voci di costo che vanno a incidere sulla tariffa. Il consigliere comunale del Pd Nicola Dall’Olio ha diffuso i dati su raccolta e smaltimento dei rifiuti nel Comune di Parma nel corso di un incontro alla festa del partito al circolo Colombofili, presentando anche due proposte concrete per la riduzione di costi e disagi, che approderanno martedì prossimo in consiglio comunale con due ordini del giorno.

Dal 2012 a oggi, infatti, i costi annuali per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani sono complessivamente aumentati di un milione e mezzo di euro. Nonostante alcune spese siano state abbattute (l’incenerimento dell’indifferenziato, ad esempio), i costi di raccolta del residuo e il trattamento dell’organico sono lievitati in modo consistente dopo l’introduzione della differenziata porta a porta.

“Noi condividiamo gli obiettivi ambientali della raccolta indifferenziata, ma il sistema si può migliorare sotto l’aspetto dei costi, dell’efficienza e della flessibilità- dice Dall’Olio – i cittadini stanno incontrando molti disagi, soprattutto per la differenziata dei rifiuti residui. Noi chiediamo l’introduzione di cassonetti intelligenti in via sperimentale. Vi si potrebbe conferire l’indifferenziato tramite un sistema a bussola e attivabile con una card o un microchip, in modo da consentire la tariffazione puntuale”.

Roberto Ghiretti sulla raccolta differenziata nel Comune di Parma

Differenziata al 70% è frutto di un'interpretazione ottimistica. La verità è che il modello di raccolta non funziona 

Questo fine settimana ha visto riaccendersi la polemica sulle cifre reali di raccolta differenziata raggiunte nel nostro Comune. Una guerra alla quale non ho mai preso parte, pur avendo cercato, senza riuscirci, di ottenere qualche dato certo dall'assessore Folli.

Giusto per amor di chiarezza, pur senza avere accesso agli strumenti di cui dispone l'assessore, andando a guardare il rapporto Orsa sulla Produzione e gestione dei rifiuti urbani in Emilia-Romagna citato anche da Folli apprendiamo con certezza che nel 2013 la differenziata si è attestata al 55,1%. È un punto fermo grazie al quale possiamo dire che il comunicato stampa del Comune di Parma datato 18 gennaio 2014 nel quale si annunciava che la differenziata era al 58,5% risulta a dir poco una forzatura. Lo è perché il dato viene presentato come un successo, mentre invece ad una più attenta analisi si può concludere che se il dato si riferisce all'intero anno questo non corrisponde al vero, mentre se si riferisce ai soli sei mesi durante i quali è entrata in funzione la raccolta differenziata spinta si tratta di un risultato alquanto misero, considerata la progressiva scomparsa dei cassonetti dalle strade che ci si sarebbe potuti aspettare alzasse la quantità di rifiuti raccolti in maniera più sensibile.

Maria Elena Boschi e la carne di cavallo. Indifferenti e carnivori: i politici cambiano?

Mentre al cittadino non interessa affatto essere aggiornato su celluliti e flirt dei rappresentanti del Governo, e spererebbe anzi di svegliarsi un giorno  scoprendo che la sostituzione dello star-system con un deprimente surrogato popolato da politici e giornalisti è stata solo un incubo, la superficialità con cui la compagine istituzionale si esprime in merito agli animali preoccupa e dispiace.

A motivare oggi un comunicato colmo di sconcerto dell’Enpa-Ente nazionale protezione animali, sono le dichiarazioni di Maria Elena Boschi, giovane ministro per le Riforme Costituzionali e per i Rapporti con il Parlamento, che in visita a Zagarolo (Roma) avrebbe indugiato in degustazioni alimentari, dichiarando a un quotidiano il proprio rammarico per la scarsa reperibilità di carne di cavallo.

Non si può certo impedire alle persone, in politica o no, di coltivare in privato i gusti più primitivi. Tuttavia, quello stesso Pd che a lungo si è indignato per le ostentazioni sessuali dell’avversario Berlusconi invocando pudore e rispetto della pubblica sensibilità, farebbe bene a considerare che l’amore per gli animali, l’urgenza di una rivoluzionaria armonia con la natura,  percorre con forza sempre maggiore l’Italia. Da noi, vegani e vegetariani sono ormai alcuni milioni e rappresentano fra il sette e il dieci per cento della popolazione (i cacciatori, che grazie agli emendamenti del Pd inaugurano la stagione venatoria con più colpi in canna e potranno sparare ad animali imprigionati dalla neve, sono appena seicentomila).

LA MINISTRA BOSCHI "FA FATICA A TROVARE CARNE DI CAVALLO". L'ENPA: PERSA UNA STRAORDINARIA OCCASIONE PER TACERE

Roma, 20 settembre 2014 – «In piena settimana contro il consumo di carne la ministra Boschi, in visita a Zagarolo (Roma), non solo assaggia la locale specialità a base di carne di cavallo, ma esprime il proprio rammarico perché "a Roma - sono parole sue - si fa fatica a trovare il cavallo". Tanta insensibilità la dice lunga sulla sconnessione tra chi ci governa e i cittadini cosi' infelicemente amministrati.» Questo il commento dell'Enpa sulle inaccettabili parole pronunciate dalla ministra.

Sull'ipocrisia del PD parmigiano

Caro Rutigliano, 
ho letto e pubblicato la vostra riflessione MILLECOLORI E L'INCIUCIO DI PIZZAROTTI CONTRO I CONSIGLIERI COMUNALI, che mi trova completamente d'accordo. 
Quel che sorprende, però, sull'inciucio Pizzarotti contro i Consiglieri Comunali, non è tanto la posizione dell'ipsiota parmigiano, ma quella di Cardinali del PD, a capo della triade dei maledetti (cardianali, pagliari, ferrari). Appositamente scritti senza maiuscole.

A questo farabutto e ai suoi colleghi di tresca, non sono state chieste le dimissioni per il patto stipulato e continua a gestire il partito. Questa sì, è una vergogna. Il vertice locale del Partito e rappresentativo in organi nazionali (Senato e Regione) si è dimostrato incline al Pizzarotti pensiero, e Cardinali scrive pure che se Pizzarotti non si fosse ritirato ci sarebbe il listone. CARDINALI: "LISTONE TRAMONTATO SOLO PER IL NO DI PIZZAROTTI"

Millecolori e l'inciucio di Pizzarotti contro i Consiglieri Comunali

Associazione Millecolori

"Sig. Sindaco un po’ più di bon ton istituzionale non guasterebbe e, ci permetta, non guasterebbe anche un po’ più di considerazione degli altri e, forse, un po’ meno di sé stesso!". L'attacco del weekend arriva dall'associazione Millecolori. Il tema sono le elezioni per la nuova Provincia e quello che viene definito "l'inciucio" a cui avrebbe partecipato Federico Pizzarotti. Un inciucio che, secondo Millecolori, denigrerebbe il ruolo dei consiglieri comunali, compresi quella della maggioranza 5 Stelle a Parma.

"Siamo rimasti colpiti dalle dichiarazioni del Sindaco Pizzarotti che, per cercare di giustificare l’inciucio da lui perseguito per le elezioni provinciali, ha sostanzialmente affermato che per lui i rappresentanti in consiglio provinciale avrebbero dovuto essere solo i Sindaci (e quindi non i consiglieri comunali) per motivi di rappresentatività territoriale - scrivo i soci di Millecolori - .Tale affermazione è grave sotto 2 profili:

1) la legge già prevede che quale organo della Provincia l’Assemblea dei Sindaci e, pertanto , la presenza dei Sindaci, nessuno escluso, è già assicurata dalla legge.

Scontro tra Mauro Nuzzo e la maggioranza M5S

Il finale è particolarmente duro: "Dispiace, ma riconosciamo la libertà individuale - scrive in una nota il gruppo di maggioranza 5 Stelle -. Anche di prendere gettoni di presenza per poi fermarsi alle commissioni giusto per il proprio monologo e di sedere nei banchi di una maggioranza che disconosce senza cedere la poltrona. Molto vecchia politica. 
Dica consigliere: con i suoi 151 voti, presentandosi con qualunque altro schieramento dove si collocherebbe?
Ricordi che sotto i portici del Grano vige il divieto di bivacco". Ovviamente il bersaglio è Mauro Nuzzo, il dissidente che - continuando a riconoscersi nel Movimento 5 Stelle ma non nell'operato della Giunta Pizzarotti - oggi siede nel gruppo misto.

Nuzzo che in queste ore ha polemizzato nuovamente contro l'assessore alla Cultura Laura Ferraris e la vicenda del Centro Cinema Lino Ventura. E che ha poi subito replicato alla nota del suo gruppo.

Si parte con Provincia Nuova la lista dei civici per le elezioni provinciali 2014

La lista dei Civici Provincia Nuova
Provincia Nuova si presenta alla stampa. Ralli: “Siamo un raggruppamento civico e moderato che mette al centro il bene comune e il riequilibrio territoriale”.

Presentata questa mattina la lista dei civici moderati che parteciperà alle elezioni per il rinnovo degli organi di governo della Provincia di Parma in programma il 9 ottobre prossimo.

Provincia Nuova – questo il nome della lista – è un raggruppamento di nove consiglieri appartenenti a diversi Comuni del territorio, che si riconoscono in un progetto moderato alternativo a quello messo in campo in questi giorni dal Partito Democratico. Ne fanno parte Laura Cavandoli (Neviano degli Arduini), Luca Pollastri (Fidenza), Gianni Guido Bellini (Traversetolo), Federico Giordani (Soragna), Marco Moreni (Sissa-Trecasali), Carlo Oppici (Fornovo), Gianluigi Matteo Registro (Palanzano), Franco Rolandi (Compiano), e Giuseppe Conti (consigliere provinciale uscente). La lista esprime anche un candidato Presidente, Fausto Ralli, Sindaco di Bore.

Elezioni Provinciali 2014, i civici presentano la loro lista: Provincia Nuova

Lista Provincia Nuova - lista civica per le elezioni provinciali di Parma 2014


Candidato Presidente:

Fausto Ralli - Sindaco di Bore

Candidati consiglieri:

1. Bellini Gianni Guido – consigliere comunale di Traversetolo
2. Cavandoli Laura – consigliere comunale di Neviano degli Arduini
3. Conti Giuseppe – consigliere provinciale uscente
4. Giordani Federico - consigliere comunale di Soragna
5. Moreni Marco  - consigliere comunale di Sissa – Trecasali
6. Oppici Carlo - consigliere comunale di Fornovo Taro
7. Pollastri Luca consigliere comunale di Fidenza
8. Registro Gianluigi Matteo – consigliere comunale di Palanzano
9. Rolandi Franco consigliere comunale di Compiano

Cardinali: "Listone tramontato solo per il no di Pizzarotti"

La lista unitaria istituzionale è tramontata solo per il «no di Pizzarotti, non per le fratture interne al Pd». Lo sostiene il segretario provinciale del Pd Alessandro Cardinali. «Nei giorni scorsi - scrive Cardinali - si sono confrontate due visioni nel Pd su come affrontare le elezioni provinciali. Da una parte una visione più larga di tipo istituzionale che intendeva includere tutte le rappresentanze del territorio, dall’altra una visione più politica. La prima opzione ha retto sino a quando si è svolta una discussione tra tutte le forze in campo compreso il sindaco di Parma, ma quando Pizzarotti, per problemi interni al suo Movimento, ha deciso di tirarsi indietro questa impostazione è venuta meno. Valutata la situazione il Pd ha deciso di scendere in campo direttamente e candidarsi a continuare l’ottimo lavoro svolto sino ad oggi».  

Fonte link: http://www.gazzettadiparma.it/news/politica/217224/Cardinali---Listone-tramontato-solo.html 

Nuova Biblioteca Civica: addio al Centro Lino Ventura

La riorganizzazione del plesso fa parte della ristrutturazione dell’Ospedale Vecchio. Previsto il rifacimento degli impianti e delle coperture. Addio al Centro Lino Ventura. Lavori al via in primavera Investimenti per  un milione di euro

I timori del Comitato Utenti Biblioteche “Leggere tra le ruspe” erano fondati: il nuovo progetto di manutenzione, ampliamento e riorganizzazione della biblioteca Civica prevede il trasferimento al pianterreno di 7mila dei 10mila dvd della collezione del Centro Cinema Lino Ventura. Di fatto un requiem per la storica sede della videoteca sotto ai portici dell’Ospedale Vecchio. Il destino di quei locali non è ancora stato definito, ma è probabile che il centro chiuda l’attività in seguito dell’avvio dei lavori alla Civica nella primavera 2015.

Il progetto è stato presentato dagli assessori alla Cultura Laura Ferraris e Giovanni Marani nel corso della commissione sul tema convocata su richiesta del consigliere Mauro Nuzzo e degli esponenti del Pd Giuseppe Bizzi e Maurizio Vescovi. Confermate le anticipazioni fatte trapelare dal Comitato mercoledì: la bozza sarà resa progetto esecutivo entro la fine dell’anno. Entro maggio dovrebbero partire i lavori, coperti dagli stanziamenti per la ristrutturazione dell’Ospedale Vecchio. Previsto un investimento di oltre un milione e 100mila euro, di cui 550mila saranno destinati alla riqualificazione della Civica (si tratta di stime previdenziali).

Elezioni Regione Emilia Romagna: 5 di Parma in lista per il M5S, la candidata presidente è la modenese Giulia Gibertoni

Giulia Gibertoni è la candidata presidente alle Regionali in Emilia-Romagna per il Movimento 5 Stelle. Fra i candidati al Consiglio ci saranno 5 parmigiani: Francesco Rossi, Andrea D'Alessandro, Renzo Minari, Chiara Maffucci e Patrizia Adorni. Per essere in regola con le norme sulle quote rosa, la Maffucci è stata inserita poiché è stata la prima a rispondere all'appello lanciato dal M5S relativo a Parma, dove scarseggiavano le candidate. La Adorni fa parte del gruppo Amici di Beppe Grillo ed è stata inserita dopo il ritiro Raffaella Iacci: è stata la seconda a rispondere all'appello pubblicato nei giorni scorsi sul blog di Grillo. 

Giulia Gibertoni (modenese, 39enne di professione ricercatrice) ha ottenuto 266 preferenze nel secondo turno delle "regionalie" online del M5S. I dati sono stati diffusi dal blog di Beppe Grillo: in totale al secondo turno della consultazione via web in Emilia-Romagna sono state espresse 2.139 preferenze, ma non viene fornito il numero degli aventi diritto. Dietro la Gibertoni, altre due donne: Elena Cipolletta con 99 voti e Ilsa Orano con 75. Staccata la favorita Silvia Piccinini con 75.

Elezioni provinciali 2014: presentate liste e candidature

I candidati a presidente sono il sindaco di Bore Fausto Ralli e il sindaco di Salsomaggiore Filippo Fritelli

Parma,19 settembre 2014 –  Oggi alle 12 sono scaduti i termini per la presentazione delle liste per l’elezione del presidente della Provincia e dei consiglieri provinciali.

Le liste presentate sono due i candidati presidenti: Fausto Ralli sindaco di Bore e Filippo Fritelli sindaco di Salsomaggiore.

Le liste per il Consiglio provinciale sono:

Provincia Nuova”, che vede candidati:
1. Bellini Gianni Guido – consigliere comunale di Traversetolo
2. Cavandoli Laura – consigliere comunale di Neviano degli Arduini
3. Conti Giuseppe – consigliere provinciale uscente
4. Giordani Federico - consigliere comunale di Soragna
5. Moreni Marco  - consigliere comunale di Sissa – Trecasali
6. Oppici Carlo - consigliere comunale di Fornovo Taro
7. Pollastri Luca consigliere comunale di Fidenza
8. Registro Gianluigi Matteo – consigliere comunale di Palanzano
9. Rolandi Franco consigliere comunale di Compiano

Partito Democratico”, che vede candidati:
1. Bianchi Paolo – sindaco di Collecchio
2. Canova Michela – sindaco di Colorno
3. Cantoni Gianpaolo - consigliere comunale di Medesano
4. Censi Andrea – sindaco di Zibello
5. Massari Andrea – sindaco di Fidenza
6. Moretti Claudio – sindaco di Monchio
7. Porcari Marco - consigliere comunale di Fornovo di Taro
8. Serpagli Gianpaolo - consigliere comunale di Bedonia
9. Vescovi Maurizio - consigliere comunale di Parma

CONTESTATO IL SINDACO FEDERICO PIZZAROTTI ALLA SUA PRESENTAZIONE DEL BILANCIO ALL'ASTRA

Federico Pizzarotti - Sindaco di Parma

Contestato il Sindaco di Parma Federico Pizzarotti alla sua Presentazione del Bilancio al cinema Astra di Parma il 18/09/2014.
Ora, forse, si renderà conto di cosa pensano di lui tanti suoi concittadini, forse inizierà a farsi un nuovo racconto della sua legislatura e dell' irrimediabile suo declino. Per certi versi molto simile alla contestazione del 2011 contro Vignali sotto i portici del Grano.
Capirà forse, le ragioni argomentate di Mauro Nuzzo (M5S), volutamente espulso da lei per aver dissentito sulla sua attività amministrativa. Era nel giusto e le dava utili suggerimenti e osservazioni inascoltate da lei e Vagnozzi. Il suo senso della visione monolitica, arrogante, senza esperienza, senza quelle sfaccettature indispensabili per capire la realtà da diversi punti di vista. Lei oggi non rappresenta Parma... e non l'ha mai rapprersentata. (Parma, 19/09/2014)

Luigi Boschi 

articoli correlati

immagini (da parma.repubblica.it)

IL PD SI RICOMPATTA E PRESENTERA' UNA UNICA LISTA ALLE ELEZIONI 2014 PER LA PROVINCIA DI PARMA

Filippo Fritelli - Sindaco PD di SalsomaggioreAlessandro Cardinali Segretario Provinciale PD

Come se niente fosse accaduto, il PD di Parma ricompone in extremis la spaccatura nel Partito Democratico sulle elezioni per la Provincia. I Democratici restano nelle redini di Cardinali che agisce indisturbato tra pavidi senza verità, incapaci di chiedere e ottenere le sue dimissioni, e si presenteranno con un'unica lista, dopo il terremoto causato dal "listone" voluto da Pizzarotti e appoggiato dalla triade PD (Cardinali, Pagliari, Ferrari).
La decisione è arrivata in serata al termine di una serie di riunioni e confronti. Il candidato presidente sarà il sindaco di Salsomaggiore Fritelli.  
Dopo questo inciucione interno del PD si capisce chi di loro non si fida più! Sono afflitti da un incurabile e insanabile alzheimer politico: Sono da TSO.
Il partito di Cardinali è contagioso ai sani di mente. L'allontanamento della gente dalla politica e da loro, è dovuto e comprensibile. Scatta una istintiva, comprensibile repulsione. Si spiega il successo alle Amministrative di Parma del M5S, così come il listone di Pizzarotti per la Provincia. La fogna del PD continua. Hanno tappato la falda, aperta da Pizzarotti, ma resta la fogna. A questo punto, il trattamento riservato da Pizzarotti e Villani, si capisce ed è giustificato. La fogna si usa per lo scarico.

STU AUTHORITY, PARTECIPATA DEL COMUNE DI PARMA, IN LIQUIDAZIONE

progetto scuola Europea di Parma

Stu Authority spa, società partecipata del Comune di Parma, attraverso STT, è in liquidazione. La società costituita il 03/02/2006 ha eroso tutto il proprio capitale 3.132.880,00 € a seguito delle perdite dell'esercizio 2013 pari a 2.969.917,00 euro, unitamente a quelle pregresse pari a 1.021.750,00. Ad oggi il patrimonio netto della società STU AUTHORITYspa risulta negativo per euro 858.780,00, determinando quindi le condizionidi cui all'articolo 2447 Codice Civile. 
La Società era nata per la progettazione e realizzazione dell''intervento di riqualificazione denominato -Comparto Via Piacenza- nell'ambito del quale era contemplata la progettazione e realizzazione della sede definitiva dell''Autorità Europea della sicurezza Alimentare; ma anche la realizzazione delle opere infrastrutturali collegate all'arrivo dell'EFSA: oltre la sede, il  Ponte Nord, la Scuola Europea... Una società totalmente finanziata dallo Stato, per la realizzazione di opere, ora in liquidazione perché senza capitale e la Scuola Europea ancora da finire. Authority S.p.A. era stata conferita in STT Holding S.p.A. il 07/10/2009

Il centro cinema "Lino Ventura" di Parma chiuderà nel maggio 2015

Lavori per 1,1 milioni fra Biblioteca Civica e Ospedale Vecchio

Il centro cinema "Lino Ventura" sarà chiuso nel maggio 2015. La chiusura rientra in un piano di riorganizzazione più ampio del sistema cinematografico cittadino. E' quanto emerso dalla seduta della commissione Cultura in Comune. 
Giornali, riviste e dvd troveranno spazio nella biblioteca Civica. In primavera, inoltre, saranno effettuati lavori di manutenzione sia nella Civica sia all'Ospedale Vecchio, per un costo di 1,1 milioni di euro circa.
In Commissione si sono presentati anche esponenti del comitato "Leggere fra le ruspe", che hanno consegnato 1.520 firme raccolte in 40 giorni per chiedere che il Centro Cinema "Ventura" resti nell'attuale sede.

Fonte Link: http://www.gazzettadiparma.it/news/parma/217007/Il--Lino-Ventura--chiudera.html 

ROBERTO GHIRETTI: CRITICA PIZZAROTTI. LA LISTA DEI MODERATI DELL'AREA CIVICA E' PRONTA

Ho vissuto con grande disagio tutta la vicenda relativa alle imminenti elezioni provinciali e per questo ho preferito non entrare nella polemica pur avendo avuto di fatto un ruolo nello sviluppo della vicenda e negli esiti a cui ha portato.

Va infatti ascritto alla lista dei moderati, alla quale ho aderito fin da subito insieme ai consiglieri comunali Pellacini e Guarnieri, il merito di aver rotto quel fronte compatto dei sindaci che fino a dieci giorni fa sembrava destinato ad avere il monopolio dell'ente provinciale.

Perché andare a rompere le uova nel paniere a quella che pretendeva di presentarsi come una lista “super partes” interessata soltanto al bene comune?

Perché di lista super partes non si trattava e questo Pizzarotti lo sa bene. Quella lista era frutto di accordi tra segreterie politiche attraverso i quali i sindaci avrebbero ottenuto un controllo totale sul nuovo Ente, Pizzarotti avrebbe avuto accesso al Consiglio provinciale pur non avendo i numeri per farlo e il Pd avrebbe spostato gli equilibri politici interni dalla città capoluogo ad un gruppetto di sindaci arrembanti. È questa la democrazia? È questo il dialogo super partes per il bene comune? È questo ciò di cui ha bisogno la nostra provincia? Non credo proprio.

Venerdì 19 settembre Roberto Balzani candidato PD alla Presidenza Regione Emilia Romagna arriverà alla Stazione di Parma

Balzani: “Partiamo dai bisogni reali” e… sale sul treno dei pendolari 

Iniziativa, venerdì 19 settembre, da Piacenza a Bologna, a stretto contatto con il “popolo del treno” 

Arriverà alla stazione di Parma alle ore 7.28  

Pendolari che “passione”. Intesa come sofferenza, ritardi, inefficienza. C’è, all’interno dell’Emilia Romagna, una zona di disagio che occorre comprendere e, soprattutto, cui fornire soluzioni al più presto.

Roberto Balzani, il professore universitario ex Sindaco di Forlì e candidato alla Presidenza della Regione Emilia Romagna, ha impostato la sua “campagna” per le Primarie del Partito Democratico (che si terranno domenica 28 settembre nei circoli Pd della Regione) dalla necessità di partire dai BISOGNI EFFETTIVI.

“Dobbiamo andare a cercare i bisogni delle persone, le loro necessità quotidiane”, sottolinea Roberto Balzani e organizza una iniziativa sulla questione dei trasporti su ferro (Ferrovia per capirci).  E lo fa nel suo modo originale. 

Venerdì 19 settembre alle 6:52 salirà sul treno dei pendolari e dialogherà con loro per approfondire quei disagi e difficoltà noti da tempo.

Ma anche per puntualizzare una diversa “politica dei trasporti”. “A fronte di una fortissima e crescente domanda verso la ferrovia sia a livello regionale che a livello metropolitano bolognese –evidenzia Balzani- il Prit 2020 (Piano regionale) destina 630 milioni di Euro di interventi programmati per la ferrovia, contro 9,6 MILIARDI per interventi stradali e non tanto –puntualizza Balzani- per la sacrosanta manutenzione e sistemazione di snodi critici, ma per nuovi tratti, tronchi e nuovi caselli”. 

LA RENDICONTAZIONE A FINE MANDATO DI GABRIELE FERRARI

Gabriele Ferrari
Ricevo oggi (18/09/2014) lettera di Gabriele Ferrari che mi comunica, a fine legislatura, la sua rendicontazione Regionale. Come mai solo ora e mai una sua comunicazione durante la legislatura? Effetto del mio articolo sulla triade che aveva portato al listone di Pizzarotti che lo ha visto coinvolto come gran tessitore insieme a Giorgio Pagliari e Alessandro Cardinali? Vi sarà anche questo nella sua rendicontazione? LB


Carissime, Carissimi,

ritengo doveroso, al termine della legislatura, inviarvi i documenti di rendicontazione del mio lavoro di Consigliere Regionale nella legislatura 2010 - 2014.  

Centro Cinema Lino Ventura, Utenti della Civica: "Un progetto da cestinare"

PETIZIONE CON LE 1500 FIRME PER IL CENTRO CINEMA LINO VENTURA PDF

Il Comitato di utenti ha anticipato la bozza di riorganizzazione, non ancora presentata dal Comune. Timore per lo smembramento del patrimonio del Centro Cinema Lino Ventura: “Chiediamo all’assessore Ferraris un incontro pubblico”

“Un progetto da cestinare”. Il Comitato Utenti Biblioteche “Leggere tra le ruspe” rende pubblica la bozza del piano di riorganizzazione della biblioteca Civica. Il testo, recapitato in forma anonima nella casella di posta del Comitato, non è ancora stato ufficialmente diramato dal Comune.

E’ possibile che approdi nella Commissione cultura prevista giovedì e che venerdì venga presentato all’incontro con l’assessore Ferraris a palazzo del Governatore “Verso un distretto cinematografico diffuso. Opportunità e linee di sviluppo strategico”. Intanto, però, arriva la bocciatura del Comitato civico che in un mese ha raccolto 1.500 firme a favore del mantenimento del Centro cinema Lino Ventura nella sua sede dell’Ospedale Vecchio.

Il progetto di riorganizzazione della Civica prevederebbe infatti il trasferimento di parte della collezione della videoteca al piano terra della biblioteca, negli spazi in fondo a sinistra rispetto all’ingresso. Una scelta che sacrificherebbe la vocazione più specialistica e professionale del Centro Cinema, a favore dell’utenza amatoriale.

Condividi contenuti