Salta navigazione.
La vita sta cambiando pelle

Parmademocratica

  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52157 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52156 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52142 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52139 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52130 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52121 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52108 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52106 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52105 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52091 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52081 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52067 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52066 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52058 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52049 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52037 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52036 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52024 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52017 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52016 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52012 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52011 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52010 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 52009 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 51972 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.
  • user warning: Disk full (/tmp/#sql_187_2.MAI); waiting for someone to free some space... (errno: 28 "No space left on device") query: SELECT t.*,v.weight AS v_weight_unused FROM term_node r INNER JOIN term_data t ON r.tid = t.tid INNER JOIN vocabulary v ON t.vid = v.vid WHERE r.vid = 39250 ORDER BY v.weight, t.weight, t.name in /home/workspace/clients/client2/web69/web/modules/taxonomy/taxonomy.module on line 640.

Roberto Ghiretti (PU): anziana invalida multata per errata esposizione dei rifiuti

Nella città del poco invidiabile primato di oltre 95 euro pro capite di multe si colpisce un'anziana signora di 78 anni, oltretutto invalida, per errata esposizione dei rifiuti. In questa “piccola” notizia di cronaca c'è tutta la mancanza di empatia e il furore giustizialista di questa amministrazione debole coi forti e forte coi deboli.

Da anni sostengo che questa raccolta differenziata non funziona e mette in difficoltà soprattutto chi vive solo, gli anziani, i portatori di disabilità ma a fronte del proliferare di discariche abusive e di sacchetti abbandonati in ogni dove a rimetterci in prima persona sono proprio le persone più fragili, e non è la prima volta.

Il paradosso di questa situazione assurda lo si può apprezzare pienamente se si considera che il Comune che oggi multa una persona chiaramente in difficoltà nel gestire la raccolta differenziata è lo stesso che ha consentito il prosperare di una maxi discarica abusiva su una superficie di 60mila metri quadri in zona Moletolo. Una discarica che, vale la pena di ricordarlo, è stata chiusa solo grazie all'intervento della magistratura nonostante questa amministrazione avesse ricevuto segnalazioni da diversi mesi. Che multa si dovrebbe dare in questo caso? Che credibilità si ha nel far rispettare le regole in modo così inflessibile quando poi si rimane inermi rispetto a situazioni come quella di Moletolo?

In tutto questo l'unica buona notizia è che questa amministrazione è ormai giunta al capolinea; a chi verrà dopo il compito di ripensare questo sistema di raccolta dei rifiuti e ristabilire la credibilità complessiva di un Comune che ha sicuramente il compito di far rispettare le regole, ma anche quello di essere coerente, empatico e, in una parola, giusto. 

Roberto Ghiretti
Parma Unita

Referendum, le reazioni della politica a Parma

Soddisfatto il sindaco Pizzarotti: "No per l’Italia". Il senatore Pagliari: "Sconfitta netta, ma riflettere sul consenso per il Sì". Il comitato per il No festeggia in piazza. Gli interventi dalla Cgil a Forza Italia

Le prime reazioni alla vittoria del No, con le relative dimissioni del presidente del Consiglio Matteo Renzi alle dimissioni, arrivano da due dei possibili protagonisti delle elezioni Amministrative 2017:  il sindaco di Parma Federico Pizzarotti e il senatore del Pd Giorgio Pagliari.

Nei Comuni della provincia di Parma gli elettori hanno votato in maggioranza No, mentre a Parma ha vinto il Sì, seppur per pochissimi voti. Questo lo scenario politico consegnato dalle votazioni per il Referendum costituzionale.

Il primo cittadino, ex M5s, schierato contro la riforma della Costituzione, ha espresso il suo pensiero con un post telegrafico su facebook: "L'Italia si cambia con responsabilità, serietà e soprattutto con unità. Ieri ha vinto la democrazia e la partecipazione, ed è una grande soddisfazione l'esito del voto. Il no è per l'Italia e per la Costituzione".

Più articolato il commento del parlamentare favorevole alla riforma, che già nei giorni scorsi, in un’intervista a Repubblica, aveva manifestato le sue preoccupazioni in caso di vittoria del No. Da valutare, inoltre, come il risultato potrebbe impattare sul Pd locale che ha appena lanciato il percorso delle primarie per individuare il prossimo candidato sindaco.

Rainieri (Ln): "Perchè non vengono resi noti gli esiti sulla legionella a Parma?"

La mancata scoperta di fonte e causa dell'epidemia genera "preoccupazione" per la possibilità che si ripeta nella medesima area

A due mesi di distanza non sono stati resi ancora noti gli esiti delle ricerche e degli esami su fonte e causa dell’epidemia di legionella che ha colpito Parma nell’area tra le vie Montebello, Traversetolo e piazzale Maestri a Parma.
Fabio Rainieri (Ln) si è rivolto alla giunta con un’interrogazione per chiedere chiarimenti sul grave fatto che, nel settembre scorso, ha portato anche al decesso di due persone.
L’ultima comunicazione dell'assessore regionale alle Politiche per la salute risale all’11 novembre quando aveva annunciato che “entro la settimana successiva sarebbero stati comunicati ufficialmente gli esiti delle ricerche”. I cittadini dell’area interessata, secondo quanto rilevato da Rainieri, hanno dichiarato di essere “perplessi sull’efficacia dell’attività attuata anche a livello di prevenzione degli enti preposti alla salute pubblica”, nonostante nel periodo di manifestazione fosse stata “tempestiva ed esauriente”.
La mancata scoperta di fonte e causa dell’epidemia, come sottolinea il consigliere, provoca anche “preoccupazione" per la possibilità che si ripeta nella medesima area, tenuto anche conto del fatto che inchieste giornalistiche e dichiarazioni risalenti alla fine di agosto 2016 hanno rilevato che “altre persone che frequentano il mercato settimanale di piazzale Maestri hanno accusato sintomi tipici dell’infezione”.
Come ricorda Rainieri, la Procura della Repubblica di Parma ha già aperto un'inchiesta per verificare eventuali responsabilità penali e almeno un'associazione di consumatori sta procedendo a tutela di alcuni cittadini danneggiati dall'epidemia.

Elezioni 2017 Parma, Dall'Olio: "Alle primarie ci sarò"

Il capogruppo Pd ufficializza la sua partecipazione: "Ma prima ci sono importanti scadenze in Consiglio comunale"

A una settimana dall'assemblea comunale del Pd che ha varato tempi e modalità per le primarie in programma il 19 febbario 2017, Nicola Dall'Olio ufficializza che sarà della partita.

Come lui, ha già deciso che ci sarà Paolo Scarpa.

Nelle ultime ore, dopo l'intervista del senatore Giorgio Pagliari, è risalita la tensione nel Pd con le repliche al parlamentare e alle sue parole sul candidato unitario da parte del segretario citatdino Lorenzo Lavagetto e dello stesso Scarpa che ha già definito la sua posizione.

Dunque il campo si allarga, prima già prima del referndum in programma domenica 4 dicembre.

"Non sono fra quelli che pensano che sia fondamentale candidarsi alle primarie prima del referendum costituzionale. C'è tempo fino al 22 dicembre e non credo che ai nostri elettori importi molto se uno lo fa prima o dopo. Come ho già detto altre volte, io sarò in campo. Ma il mio impegno adesso è concentrato sull’attività in Consiglio comunale" afferma Dall'Olio.

I comitati per Ospedale Vecchio di Parma: “Dalla Pizzarotti spa ci aspettavamo un grazie”

I comitati: “Dalla Pizzarotti ci aspettavamo un grazie”
Siamo un po' sorpresi dalle dichiarazioni successive alla sentenza che ha visto assolti tutti gli imputati. Siamo stati dipinti, in pratica, come isolati nemici del progresso! Ma le cose sono andate davvero così?

Parma, tre liste e 26 candidati per il Consiglio provinciale

A votare saranno il 21 dicembre i sindaci e consiglieri comunali dei Comuni del Parmense.I nomi , c'è anche Vagnozzi

Rinnovo del Consiglio provinciale di Parma. Sono tre le liste presentate - una in più delle scorse elezioni del 2014 - che raccolgono 26 candidati consiglieri in tutto.

È quanto si apprende alle 12 di oggi, giovedì 1 dicembre, appena scattato il limite temporale per la presentazione delle liste all'ufficio elettorale nella sede della Provincia in piazzale della Pace, nel 20esimo giorno antecedente quello delle elezioni, che si terranno il 21 dicembre.

L’ufficio elettorale sta vagliando tutte le posizioni; il provvedimento di accettazione o ricusazione delle liste sarà comunicato entro martedì 6 dicembre ai delegati di lista ed entro il 13 dicembre le liste accolte saranno pubblicate sul sito web della Provincia

L'elezione del Consiglio Provinciale avviene sulla base di liste concorrenti composte da un numero di candidati non inferiore a sei e non superiore a 12, che devono essere sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto.

Per le elezioni del 21 dicembre - come stabilito dal presidente della Provincia Filippo Fritelli - le urne saranno aperte dalle 8 alle 20 sempre in piazzale della Pace. Si tratterà di elezioni di secondo grado: a votare saranno i sindaci e consiglieri comunali dei Comuni del Parmense.

Presidente e Consiglio sono stati eletti il 9 ottobre 2014: il presidente dura in carica quattro anni, i consiglieri durano solo due anni, pertanto è stato necessario indire nuove elezioni.

Il Consiglio provinciale di Parma è stato eletto il 9 ottobre 2014 ed è composto da 13 componenti, compreso il Presidente che lo convoca e lo presiede. È l'organo di indirizzo e controllo, e dura in carica due anni.

Consumo di suolo: Parma ai vertici in Italia

"A livello comunale, i maggiori valori di superficie consumata si riscontrano a Roma (oltre 31.000 ettari), con una crescita di ulteriori 160 ettari tra il 2012 e il 2015 (lo 0,5% in più) e in molti comuni capoluoghi di provincia: Milano (oltre 10.000 ettari), Torino (8.200), Napoli (7.300), Venezia, Ravenna, Palermo, Parma, Genova, Verona, Ferrara, Taranto, Perugia e Catania (tra i 5.000 e i 7.000 ettari di suolo
consumato)".Nello specifico Parma è ottava in Italia per i dati sul consumo di suolo. Sono 6.104 gli ettari cementificati. È quanto emerge nell’edizione 2016 di “Consumo di suolo, dinamiche territoriali e servizi ecosistemici”, il rapporto a cura dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra): un quadro aggiornato sulle conseguenze della cementificazione in Italia.

Il report 2016 di Ispra

In ettari il suolo consumato a Parma nel 2015 è di 32.060 ettari, il 9,3 del totale con un incremento dello 0,2% rispetto al 2012. 

Psc Parma, Alinovi: "Adozione entro la fine del mandato"

Il ricorso al TAR della Segalini sbarca nel CONSIGLIO COMUNALE di Parma: risposte inadeguate e scaricabarile del Sindaco

Grillo e Pizzarotti Marta Segalini Scaricabarile

Il ricorso al TAR della Segalini sbarca nel CONSIGLIO COMUNALE di Parma

Pizzarotti scaricabarile, ha la tendenza questo arrogante e insipiente Sindaco per caso[LINK], a non essere mai responsabile di ciò che avviene nella sua Amministrazione (vedi anche: Legionella, esondazione Baganza). In Consiglio Comunale di Parma il 29/11/2016 il Sindaco Federico Pizzarotti ha risposto, fuori tempo massimo, alla comunicazione del consigliere  Dall’Olio che ha ripreso l’interrogazione del 25/03/2016 [LINK] firmata dallo stesso Nicola Dall’Olio (PD), Roberto Ghiretti (PU), Giuseppe Pallacini (Unione di Centro), Maria Teresa Guarnieri (Altra Politica), sul caso Segalini che in questo socialblog e su “la Voce di Parma” è stato ampiamente sviscerato nei fatti e nel merito. Mai smentiti.
Ovviamente sia il Sindaco che il Consigliere si sono ben guardati dal citare le uniche fonti giornalistiche che in città hanno trattato la vergognosa, evitabile, vicenda che coinvolge 4 dirigenti comunali: Marta Segalini, Flora Raffa, Roberto Barani, Donatella Signifredi.

Roberto Ghiretti (PU) sulla sicurezza a Parma con primati in furti, scippi, aggressioni

Nonostante questa amministrazione continui a parlarne in termini di “percezione”, il tema della sicurezza è oggi più centrale che mai. La lettura dei quotidiani alla mattina offre ormai invariabilmente sempre lo stesso spettacolo: furti, scippi, aggressioni. Uno spettacolo fotografato impietosamente anche dalla classifica di Italia Oggi che ci ha posto sì al 6° posto per qualità complessiva della vita, ma ci ha affidato anche la maglia nera in riferimento a diversi parametri relativi appunto alla sicurezza; un risultato raggiunto per altro utilizzando dati ufficiali che sappiamo essere parziali, considerato che la sfiducia che serpeggia tra i parmigiani porta molti a non denunciare neanche più i reati di cui sono vittime.

La questione va affrontata e va affrontata con l'energia di chi intenda risolverla. Il sindaco dispone di una serie di leve fondamentali, ciascuna delle quali consente di dar vita ad azioni che, seppur non eclatanti, possono dare risultati decisivi. Penso ad esempio al commercio: impedire che intere vie centrali siano costellate di vetrine chiuse e spazi abbandonati rappresenta un obiettivo importante. Penso anche all'illuminazione: troppe zone della città vivono nella penombra in modo sistematico. Come non parlare poi dei rifiuti e del degrado in generale; avere cura della propria città è il primo fondamentale passo per trasmettere un messaggio forte, positivo e in grado di portare gente in strade che oggi sono veri e propri deserti.

Vi sono poi leve più dirette come quella della Polizia municipale. Non mi stancherò mai di ripetere che i vigili di quartiere ci vogliono sul serio, almeno una coppia per zona della città che faccia base lì e cominci ad inserirsi nel tessuto cittadino. Nessuno chiede loro di fare azioni per le quali non sono addestrati, ma esserci e sapere chi, cosa, dove, quando, rappresenta già un bel passo in avanti.

Elezioni a Parma 2017, primarie del centrosinistra il 19 febbraio 2016

Il Carnevale è proprio il periodo migliore per la scelta della maschera della politica. Quindi, non solo dopo il referendum, e dopo Natale. Ma si va oltre. Più che primarie, sembrano le ultimarie! Ormai potevate aspettare Pasqua... per una fantomatica resurrezione civica! Visto che le elezioni sono a data fissa e non variabile, ma in questi mesi che avete fatto? LB

La data del voto decisa dall'assemblea comunale del Pd. Dall'1 al 22 dicembre la presentazione delle candidature. La discussione: "Tempi troppo lunghi". Lavagetto: "Parma dev'essere la protagonista". Candidati, Rutigliano si sfila

di ALESSANDRO TRENTADUE

Si voterà domenica 19 febbraio 2017 per le primarie. Dall'1 al 22 dicembre 2016, invece, la finestra temporale decisa per raccogliere le candidature. È quanto stabilito dal documento che regolamenta le primarie di coalizione del centrosinistra parmigiano in vista delle amministrative del 2017. L'Assemblea comunale del Pd, svoltasi domenica all'Arci Zerbini, ha approvato i tempi delle consultazioni che porteranno alla scelta del candidato sindaco alle prossime comunali.

Queste le date definitive decise dall'assemblea comunale del Pd. Dall'1 al 22 dicembre la finestra per raccogliere le candidature: la disponibilità, quindi, dei candidati che vogliono partecipare alle primarie. Poi, entro un paio di giorni, i loro rappresentanti dovranno predisporre i moduli per le firme. Fino al 10 gennaio, la raccolta delle firme. Il 13 gennaio, la comunicazione ufficiale dei nomi dei candidati, per cominciare - a Sant'Ilario appunto - la campagna delle primarie che si conclude con il voto di domenica 19 febbraio.

Invito prossime iniziative a Parma del Comitato per il NO al Referendum

Siamo a pochi giorni dal referendum costituzionale, per un voto consapevole vi invitiamo a partecipare alle seguenti iniziative:

Lunedì 28 novembre Ore 21 Sala civica Bizzozero "Costituzione, guerra imperialismo con la presenza di Giulietto Chiesa". Di seguito il link alla locandina
http://www.liberacittadinanza.it/sedi/parma/volantini-e-documenti/volantino Chiesa.jpg

Martedì 29 novembre Salone Trentin, Camera del lavoro di Parma Piazzale Confalonieri 5/A

1) ore 18.30 Dibattito pubblico con Alfonso Gianni e Lucia De Cavalcanti. Di seguito il Link alla locandina
http://www.liberacittadinanza.it/sedi/parma/volantini-e-documenti/Iniziativa FIOM 29 novembre.pdf

ARTURO TOSCANINI riconosciuto all’estero, DIMENTICATO nella sua città E NEL SUO Paese

Arturo Toscanini


PER IL 150° anniversario di ARTURO TOSCANINI tutto tace. Ad oggi non esiste un programma, né un Comitato ufficiale per le celebrazioni. 

Il prossimo 25 marzo 2017 ricorre l’anniversario del 150° (1857- 2017) della nascita di Arturo Toscanini: dalla "buca" dell'orchestra al "podio": violoncello della scuola del maestro Leandro Carini al Regio Conservatorio di Parma. Toscanini cominciò a suonare al Regio nel 1881 e suonò anche sotto l'autorevolissima direzione di Cleofonte Campanini, così come di Giulio Cesare Ferrarini (anche lui insegnante del Conservatorio, violinista e poi direttore d'orchestra a Parma e non solo, molto apprezzato anche da Verdi). Questo schema artistico-formativo continua fino al 1885 quando, nel mese di luglio, Toscanini si diploma con "160/160 e la lode distinta" in violoncello e "50/50 e lode distinta" in composizione e contrappunto. Dopo una tourné all’estero, il 4 novembre 1886 è la data del debutto italiano di Toscanini al Regio di Torino con Edmea. Fu un successo travolgente e il nostro maestro non aveva ancora vent'anni!!

Roberto Ghiretti (PU) insieme alle altre forze politiche per un percorso di trasparenza e di apertura

In questi giorni in cui assistiamo al moltiplicarsi di candidature più o meno credibili alla guida della città vorrei cogliere l'occasione per annunciare invece la mia disponibilità... a non candidarmi.

Da quando ho dato il via a questa mia esperienza nella politica cittadina ho sempre sostenuto la necessità di costruire un progetto che unisse e non dividesse, che portasse le forze migliori della città a mettersi al servizio di Parma, dei suoi bisogni e delle sue necessità. Nel fare questo ho sempre precisato di essere disponibile a ricoprire il ruolo di generale o soldato semplice, nella convinzione che il primo passo necessario per un'azione così decisa e importante fosse quello di mettersi a disposizione e non certo dare libero sfogo a personalismi ed egocentrismi che sono l'esatto opposto di quanto auspicato.

Per anni ho lanciato appelli nella speranza che questo processo potesse avviarsi immediatamente e con successo ma stravolgere l'alfabeto di una politica troppo spesso fossilizzata sulle proprie posizioni e preconcetti si è rivelato compito ben più arduo di quanto preventivato. Di fatto solo negli ultimi mesi qualcosa si è mosso, e mi riferisco alla lettera appello che Paolo Scarpa e un nutrito gruppo di cittadini hanno sottoscritto chiedendo alle forze politiche esattamente quanto chiedevo io stesso: “dare vita alla costruzione di un processo politico non ancora tentato prima, che parta dal basso, in cui si risolvano conflittualità ormai arcaiche e si crei coesione tra partiti democratici, movimenti e società civile, per un futuro sostenibile da costruire insieme”.

Incontro dei sindaci Italiani a Parma

Foto Luigi Boschi: incontro dei Sindaci a Parma Foto Luigi Boschi: Flavio Tosi Foto Luigi Boschi: Giuseppe Sala foto Luigi Boschi: Giorgio Gori Foto Luigi Boschi: Ferruccio Sansa

Gianluca Angelini (Ansa)

Il filo rosso, quello che li unisce tutti, è che il tema dell’immigrazione preoccupa - e non poco - i propri concittadini. Per il resto, su come affrontare la questione migranti ognuno dei sindaci - di centrodestra o di centrosinistra - riuniti a Parma dal primo cittadino emiliano Federico Pizzarotti per il convegno 'L'Italia dei sindacì, sembra avere la propria ricetta. Diversa. Tra chi vorrebbe incentivi per spingere i comuni all’accoglienza, così da vincere la ritrosia di quelle città che non vorrebbero vedere arrivare migranti nei loro confini, e chi, invece, valuta l’idea di un blocco navale umanitario nelle acque del Mediterraneo.

Incontro con Raniero La Valle intervistato da Maurizio Chierici: La verità sul Referendum e la Costituzione italiana

Foto Luigi Boschi: Raniero La Valle a Parma per il referendum del 4 dicembre 2016 Foto Luigi Boschi: Raniero La Valle a Parma per il referendum del 4 dicembre 2016 Foto Luigi Boschi: Raniero La Valle a Parma per il referendum del 4 dicembre 2016

Rainiero La Valle, Presidente del Comitato per la Democrazia internazionale, è intervenuto a Parma alla Corare Verdi [LINK] all'incontro per il No al Referendum. "Le Costituzioni non sono fatte per dare più potere al potere, ma è un patto di convivenza democratica per tutto il Paese.
Non è vero che porterà a dei sensibili risparmi economici".
"I 4 milioni di voti all'estero potrebbero determinare una distorsione grave della nostra democrazia.
Questa tornata elettorale è una delle più cruciali, la posta in gioco è troppo importante per astenersi e grave ad oggi è la latitanza del mondo cattolico. Eppure la nostra costituzione esprime i più alti valori evangelici". (Parma, 19/11/2016)
Luigi Boschi

M5s Parma, Nuzzo: "La mia avventura politica finisce qui, un errore candidarmi"

Nel corso dell'intervento nell'ultimo Consiglio comunale il consigliere, primo a lasciare la maggioranza ex pentastellata, ha annunciato l'intenzione di non ricandidarsi

E’ stato il primo dissidente a spaccare il nome di Cinque Stelle all’interno dello stesso Consiglio comunale. Mauro Nuzzo, il consigliere espulso dalla maggioranza nell’estate 2014, andò a sedersi tra i banchi dell’opposizione pur definendosi ancora pentastellato perché nessuna scomunica era arrivata dal Movimento nazionale.

Cose accadute ben prima che si parlasse o si pensasse a "Effetto Parma", il nuovo gruppo di maggioranza a sostegno del sindaco Federico Pizzarotti. Nell’ultima seduta del Consiglio comunale, Nuzzo ha annunciato pubblicamente che non si ricandiderà alle elezioni comunale del 2017, sciogliendo i dubbi su possibili future appartenenze.

"Le mie considerazioni rispetto a un documento di programmazione triennale non possono prescindere dall’inizio di questa esperienza - ha dichiarato in aula - qualcuno mi ha chiesto se intendo candidarmi, come e con chi. Ho detto e ripeto pubblicamente che l’errore di unirmi politicamente a persone capaci di fare il contrario, non sempre ma molto spesso, di quello che era iscritto negli impegni presi con la propria cittadinanza, quell’errore io non l’ho ancora digerito e mi sento di dover riflettere. Quindi la mia avventura politica qui in Comune a Parma si concluderà con questo mandato amministrativo".

Massimo Rutigliano: Debito Parma..,. proviamo a parlarne seriamente?

Foto Luigi Boschi: Massimo Rutigliano

Intervento di Massimo Rutigliano dell'associazione Millecolori. "Aldilà delle chiacchiere sono felice di confrontarmi su questi dati"

Il Sindaco Pizzarotti si vanta di aver rimesso in bolla il bilancio del Comune di Parma dopo le devastazioni delle precedenti Giunte civico-poliste.
Fermo il fatto che ho sempre criticato le precedenti amministrazioni e che, pertanto, il mio giudizio nei loro confronti è fortemente negativo, vogliamo provare a vedere come stanno davvero le cose sui conti del Comune e delle società partecipate al di là della facile propaganda?
Io ci voglio provare.
Se poi la stampa se ne vorrà occupare seriamente, anziché limitarsi a consentire disinformate passerelle funzionali a ben precisi disegni nazionali (mi riferisco in particolare a La 7) ne sarò lieto.
Procediamo quindi con ordine al di là delle chiacchiere. Ovviamente la necessità di sintesi impone una analisi per grandi temi e qualche semplificazione:

Elezioni Parma 2017, Pizzarotti rallenta: "Non voglio campagna avvelenata..."

"Non voglio entrare in una campagna elettorale che sarà piena di veleni, di attacchi personali e penso di informazioni che vorranno fare uscire…ne mi sono arrivate all’orecchio adesso (di cui non voglio riferire) contro la mia persona e contro la mia famiglia. Non voglio entrare in questo agone se non ci sarà la voglia di portare avanti delle cose interessanti per la città".

"Penso di informazioni che vorranno fare uscire…mi sono arrivate all’orecchio adesso contro la mia persona e contro la mia famiglia". Roberto Ghiretti: "Denunci subito"

Lo ha detto lunedì sera a Teleducato il sindaco Federico Pizzarotti che dunque sembra voler rallentare in merito alla candidatura per un secondo mandato alla guida di Parma.

"Non mi sono dato una scadenza per decidere se ricandidarmi. Prima voglio capire qual è la voglia di continuar un percorso non solo da parte mia ma anche da parte della città. A me non lo fa fare nessuno di ricandidarmi, non sono un politico di professione, ho il mio lavoro, ho i miei interessi. Quando mi dicono 'tornerai a lavorare', io sorrido e rispondo 'tornerò a fare meno di quello che faccio adesso'".

Intanto il primo cittadino si appresta a fare gli onori di casa a un incontro convocato a Parma sabato 19 novembre alla presenza di diversi sindaci di città italiane

Roberto Ghiretti: "Denunci subito alla magistratura" - "Il fatto che il sindaco Pizzarotti abbia denunciato di essere venuto a conoscenza di voci infamanti sul suo conto che qualcuno sarebbe pronto ad utilizzare contro una sua eventuale ricandidatura mi spinge ad offrire immediatamente solidarietà ed essere nel contempo allarmato.

Roberto Ghiretti sulle dichiarazioni del Sindaco Pizzarotti in merito alla prorpia disponibilità ad una ricandidatura

Il fatto che il sindaco Pizzarotti abbia denunciato di essere venuto a conoscenza di voci infamanti sul suo conto che qualcuno sarebbe pronto ad utilizzare contro una sua eventuale ricandidatura mi spinge ad offrire immediatamente solidarietà ed essere nel contempo allarmato.

L'ultima cosa di cui Parma ha bisogno è di una campagna avvelenata da voci e minacce che inquinino il necessario dibattito sul futuro della nostra città. Basta vedere cosa sta accadendo in queste ore a Fidenza per capire che certe cose non devono in alcun modo essere sottovalutate o peggio ignorate.

In questo senso invito il primo cittadino a denunciare pubblicamente e alla magistratura quanto da lui scoperto, nella convinzione che debba esserci da parte di tutti l'impegno a far sì che lo scontro elettorale sia sulle idee e non sulle voci più o meno attendibili. 

Roberto Ghiretti
Parma Unita

Elezioni Parma 2017, Paolo Scarpa scalda i motori e Lavagetto stringe i tempi

Giovedì la presentazione del manifesto per la città. In vista anche l'assemblea comunale del Pd e un tentativo di  mediazione da Bologna

Una settimana molto importante nel percorso che porterà il Pd e l'intero centrosinistra di Parma alle elezioni Comunali del prossimo anno.

Nelle prossime ore partirà la convocazione dell'assemblea cittadina del Pd: all'ordine del giorno la valutazione sul rendere pubblici i nomi dei candidati alle primarie entro la fine di novembre o comunque non oltre la data del referendum costituzionale del 4 dicembre.

A questo proposito, da sottolineare che passi avanti importanti sono stati fatti sul quadro di regole della consultazione anche se resta da limare il punto del doppio incarico, ovvero sulla scelta di presentarsi alle primarie dimissionari senza avere un "paracadute" successivo alla consultazione. Divergenze permangono tra e pro e contro la misura.

Il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto ha ribadito in più di una occasione tempi e modi che adesso arriveranno sul tavolo dell'assemblea cittadina del partito, ovvero dell'organo deputato a scandagliare le questioni parmigiane del Pd.

Prima, però, la direzione regionale intende cercare una mediazione tra le due visioni che animano i democratici.

La linea del segretario provinciale Gianpaolo Serpagli, del coordinatore regionale Paolo Calvano e di altri esponenti come il senatore Giorgio Pagliari è quella di non forzare i tempi aspettando l'esito della consultazione referendaria prima di tuffarsi nella campagna elettorale parmigiana.

Roberto Ghiretti (PU) sulle Amministrative 2017 a Parma

Mancano le persone caro Ghiretti, sia nei partiti che nei movimenti civici. Le alleanze in funzione elettorale lasciano il tempo che trovano. E i civici in 4 anni non hanno saputo costruire un soggetto unico. Si sono lasciati frantumare... e ora non sono rappresentativi della città. In 4 mesi vorrebbero, ora, fare quel che non han saputo fare in 4 anni? Non sono credibili. Questa città non ha nè classe dirigente, né politica. Pizzarotti e Grillo, purtroppo, è ciò che si merita e ciò che la rappresenta. E' allo sbando senza futuro. Non va oltre cene, mercatini, street food, serate da night, privata di ogni progetto culturale. E una fondazione Bancaria che dà finanziamenti alle mogli dei suoi consiglieri (Parma 360) o a luoghi (Hospice Piccole Figlie) dove ha incarichi il suo Presidente Andrei, ridicolizza il nome di Verdi (Verdi Off), che con Meli e gli altri componenti del CDA del Regio, ha eroso il capitale fondativo, portandolo a -1.900.000 euro. Una città dove la salute dei cittadini è a rischio con avvelenamenti quotidiani da cibo e ambiente e nessuno se ne occupa, dove la povertà è in continuo aumento. Parma laboratorio politico? Semmai laboratorio di stupidità!... a margini crescenti. Si è bruciato il potenziale individuale e collettivo. Siamo al De profundis.  
L'eterno riposo dona loro, o Signore, 
e splenda ad essi la luce perpetua. 
Riposino in pace. Amen. LB

Le elezioni comunali del 2017 non potranno essere affrontate con i classici preconcetti che negli anni passati hanno diviso e separato il fronte civico; pena una pericolosa marginalizzazione che, come nel 2012, potrebbe portare non solo a non avere un ruolo nella futura amministrazione parmigiana, ma soprattutto rischierebbe di favorire altri soggetti che poco o nulla hanno a che fare con la storia  e le istanze rappresentate dal civismo.

style="display:inline-block;width:728px;height:90px"
data-ad-client="ca-pub-1148397743853804"
data-ad-slot="6534948771">

Condividi contenuti