Nuovo decreto Covid firmato da Draghi: cosa prevede e novità

Atti e Documenti, Coronavirus, Sorgenti
Spread the love

Firmato il primo decreto legge del governo Draghi: spostamenti tra Regioni vietati fino al 27 marzo e stop alle visite in casa a parenti e amici in zona rossa. Ecco misure e novità in vigore.

 Isabella Policarpio

Il nuovo decreto Covid è stato approvato dal Consiglio dei ministri e firmato dal neo premier Mario Draghi, pronto ad entrare in vigore dal 26 febbraio 2021.

Nell’attesa del testo ufficiale, possiamo anticipare il contenuto del provvedimento:

Sul decreto legge in questione dovrà intervenire il Parlamento entro 60 giorni per provvedere – come stabilisce la Costituzione – alla conversione in legge.

Ecco le misure in vigore durante il prossimo mese, che si aggiungeranno alle novità del Dpcm in arrivo entro il 5 marzo.

Nuovo decreto Covid approvato: spostamenti vietati fino al 27 marzo

 

La firma al primo atto del governo Draghi è arrivata a poche ore dall’inizio del Consiglio dei ministri: la novità più importante del decreto legge è la proroga al divieto di spostarsi verso regioni diverse da quella di residenza e domicilio.

Come anticipato nei giorni scorsi, il divieto è stato prorogato di ulteriori 30 giorni e non fino al 5 marzo 2021, come alcuni pensavano.

Invece pare che sia stata esclusa definitivamente l’ipotesi di una zona arancione su scala nazionale.

Gli spostamenti interregionali potrebbero non essere vietati a partire dal 28 marzo, salvo proroghe ulteriori.

Divieto di vedere amici e parenti in zona rossa

Novità del decreto in vigore dal 26 febbraio è che non saranno più consentite le visite in casa di amici, parenti, e congiunti non conviventi nei comuni e nelle province interessati dalla zona rossa, dove preoccupa la circolazione della variante inglese.

Nessuna novità per le Regioni della zona gialla e arancione, dove si può andare a casa altrui nel limite di 2 persone, al netto di figli under 14 e persone disabili o non autosufficienti conviventi. 22 Febbraio 2021

Fonte Link: money.it

 

Lascia un commento