OBESITA’

Spread the love

(ANSA) ROMA – L’obesità può essere legata alla flora batterica e può essere anche ‘contagiosa’, almeno quando ci sono di mezzo i batteri che costituiscono appunto la flora intestinale. E’ quanto scoperto da due studi, entrambi pubblicati sulla rivista Nature, i quali dimostrano che a seconda della flora intestinale che alberga nel nostro intestino siamo più o meno inclini all’obesità, e che trasferendo la flora di topolini obesi nell’intestino di topolini magri questi ultimi ingrassano pur non cambiando tipo di alimentazione.
Gli studi sono stati diretti dall’equipe di Jeffrey Gordon della Washington University School of Medicine di St Louis. L’obesità ha raggiunto dimensioni epidemiche nei paesi occidentali e, oltre alle errate abitudini di vita e una dieta eccessiva, alcuni ricercatori sostengono che il sovrappeso possa essere almeno in parte imputabile anche al tipo di flora batterica presente nell’intestino.

Indispensabile per digerire certi alimenti che da soli non saremmo in grado di assimilare, la microflora che popola l’intestino è formata principalmente da due tipi di batteri, batteroidi e firmicuti. Solo di recente alcuni gruppi di ricerca Usa avevano dimostrato che la composizione della flora batterica può in qualche modo essere legata al sovrappeso. L’ipotesi ventilata è che i batteri esercitino un’influenza rilevante sulla nostra capacità di assimilare il cibo ingerito portando quindi, a parità di dieta, ad assimilare di più o di meno e quindi influendo sul peso corporeo. Questa ipotesi sembra confermata da questo studio: i ricercatori hanno visto che la proporzione dei batteroidi rispetto ai firmicuti presenti varia in funzione del peso dell’individuo. In particolare, spiega Gordon, i batteroidi sono ridotti in individui obesi e viceversa, maggiore è il peso perso con una dieta ipocalorica maggiore è l’aumento dei batteroidi rispetto ai firmicuti presenti nell’intestino.
E non é tutto: gli esperti hanno dimostrato che ‘traslocando’ la flora batterica di topolini obesi nell’intestino di topolini magri questi ultimi tendono ad ingrassare anche se la loro dieta resta immutata. Tali risultati, concludono gli esperti, suggeriscono che l’obesità ha anche una concausa nella flora batterica, cosa che potrebbe in futuro condurre a nuove opzioni diagnostiche e terapeutiche contro quello che è uno dei mali del secolo. (21/12/2006)

Lascia un commento