PARMA CALCIO ALL’ASTA

Spread the love

(ANSA) PARMA – Il Parma va all’asta: domani verrà pubblicato il bando, che contiene anche clausole a garanzia dell’occupazione dei dipendenti e del proseguimento dell’ attività sportiva (i pretendenti dovranno assicurare investimenti per almeno due anni), ed entro lunedì prossimo dovrebbe essere aperta la ‘data-room’, sarà cioé garantito l’ accesso ai libri contabili. Lo ha reso noto, in un’intervista alla ‘Gazzetta di Parma’, Roberto Cappelli, consigliere delegato alla cessione della società.
Verrà poi stabilita una data limite, di tre settimane, entro la quale presentare le offerte con la formula della busta chiusa, in tempo per poter operare sul calciomercato ‘di riparazione’ ed effettuare gli acquisti necessari per rinforzare la rosa. L’asta sarà curata da Banca Profilo per gli aspetti economico-finanziari e dallo studio Grimaldi Associati per quelli legali. "Il percorso di risanamento della società è stato di fatto completato – ha spiegato Cappelli – Sul piano economico- finanziario la gestione è sostanzialmente in pareggio. Se dovessimo arrivare a fine stagione così come siamo ora ci sarebbe una minima perdita in assenza di eventuali plusvalenze. Che se dovessero esserci porterebbero invece ad un bilancio positivo".

Il commissario straordinario Enrico Bondi ha badato, ha sottolineato il consigliere, "soprattutto a mantenere il valore dell’azienda. Da qui il conferimento, il salvataggio del titolo. Il Parma è praticamente l’unica squadra che è rimasta in serie A nonostante i gravi problemi di insolvenza, evitando retrocessioni e ripartenze difficili".

Cappelli ha aggiunto che sono stati attivati meccanismi "che ci consentiranno di abbassare sensibilmente la base d’asta. Una cifra che sarà indicata al momento delle offerte vincolanti, comunque considerevolmente al di sotto dei 27,5 milioni di euro richiesti in precedenza". Cappelli ha parlato anche della trattativa con Sanz: "Prima non ha onorato il contratto, e la sua caparra è andata persa come pena compensativa. Poi ha fatto un’ultima offerta veramente troppo bassa". E sul contenzioso per la vendita di Gilardino: "La questione per noi è totalmente infondata dal punto di vista giuridico. Non la vediamo come un blocco alla cessione del Parma, ed in ogni caso potremmo valutare la possibilità di farcene carico".

Lascia un commento