Coppa Italia 2019, Milan 0 -Lazio 1. Un Milan da vergogna, perde senza gioco e senza qualità contro la modesta Lazio

Spread the love

Un Milan da vergogna, perde senza gioco e senza qualità contro la modesta Lazio:
Una partita che la squadra di Gattuso avrebbe dovuto giocarla con il coltello tra i denti all’assalto per salvare una stagione deludente e conquistare uno degli obiettivi prefissati. Per ora ne ha fallito 2: prematura eliminazione dall’Europe League; ora eliminazione, in semifinale, dalla Coppa Italia. Ma in questa partita è risultato palese la necessità di rifondare una squadra senza qualità e senza gioco. Non so come ci riuscirà la dirigenza rossonera se dovessero fallire pure il terzo obiettivo: la qualificazione al 4° posto in classifica per la Champions. Veramente difficile da conquistare nelle ultime 5 gare di campionato, con queste performance. Decisiva sarà la prossima partita con il Torino. Speriamo, e me lo auguro, riesca a lottare fino alla fine del campionato per rimanere al 4° posto; nella peggiore delle ipotesi resti tra le prime 5/6 per poter accedere alla Europe League. 
Una gara, questa sera, di semifinale Coppa Italia, che la modesta Lazio ha meritato di vincere contro una compagine inesistente.  Uno scontro che ha mostrato il livello del calcio italiano nello scenario europeo o internazionale. Perché Milan- Lazio non è stata proprio una bella partita. Non è stato certo uno spot del calcio italiano.
Gattuso si è bruciato definitivamente la grande opportunità che ha avuto di allenare il Milan, per meriti acquisiti da calciatore del club. Sarà, forse, un motivatore (ha saputo creare un gruppo), ma, per ora, non un allenatore. La sua squadra non ha mai convinto, anche quando vinceva.
Oltre all’allenatore molti giocatori dovranno andarsene, non sono degni del Milan e della sua storia. Non sono né promesse, né campioni, solo costi. Questa sera si sono salvati solo Reina e Romagnoli. Fondamentale sarà la scelta del nuovo allenatore, prima ancora della campagna acquisti. (Parma, 24/04/2019)

Luigi Boschi  

Lascia un commento