Arab Strategy Forum

Emirati Arabi, Franco Calzolari, Opinioni Interviste Inchieste
Spread the love

Arab Strategy Forum

Franco Calzolari

Ho letto con attenzione l’articolo di fondo di Marco Magnani pubblicato sulla Gazzetta di Parma di oggi 14 dicembre 2014 ( documento PDF parte1parte2). 

Condivido sino in fondo le osservazioni del Sig. Magnani  e ritengo che provengono da una visione di una persona che parametra Parma alla propria esperienza internazionale. 

Provo un po’ di nostalgia pensando ad un mio pensiero che portava il titolo “ Talenti ed idee” e risale al 2002 quando venne pubblicato da una testata di Parma. 

Ma vorrei utilizzare questa rubrica per riportare l’esempio degli Emirati Arabi Uniti. 

Mio nonno e mio padre erano ingegneri meccanici ed io ho studiato per diventare Architetto. 

Uno dei primi insegnamenti da studente,  fu quello di studiare sempre molto bene le opere di altri professionisti , cercando di cogliere il metodo con il quale avevano creato una propria opera.

Comprendere il metodo porta ad  “impossessarsi”  dell’opera e porta a comprenderne l’essenza . Quando avverti l’armonia e la completezza del pensiero tradotto in opera , devi avere l’umiltà di copiarla senza la pretesa di inventare o trasformare un pensiero tanto meditato e tanto articolato .  Non è una visione artistica , ma una visione pragmatica . 

Gli UAE sono una unione di sette Emirati , cioè sette Re che si uniscono e che mantengono privilegi e responsabilità del proprio ruolo. 

43 anni sono passati da questa unione e da un territorio prevalentemente desertico beneficiato dalla scoperta del petrolio , si è compiuto un percorso che ha portato ad un elevato standard di vita e di opportunità. 

L’errore di presunzione ed ignoranza ( o forse invidia) che spesso sento nei commenti è che si ritiene che con così tanti capitali è facile fare progressi. 

Guardate e studiate tutti i numeri e scoprirete come la vera differenza con l’Italia sta nel sapere spendere bene il denaro , con una finalità che vuole aumentare il tenore di vita di tutti coloro che qui abitano. 

Voluto e patronicinato da H.H. Sheikh Mohammed Bin Rashid Al Maktoum , Vice Presidente e Primo Ministro degli UAE e Ruler di Dubai ,  nel 2001 si è tenuto il primo Arab Strategy Forum . Oggi 14 dicembre si inaugura la  14 edizione. 

Quindi un Emiro apre un forum di confronto  annuale per discutere le strategie di sviluppo del proprio paese !!!    L’elaborazione delle idee son sempre state linee guida nelle correzioni e nella creazione di nuovi obbiettivi. 

La regione Araba è una soglia di accelerazione economica , politica e di cambiamenti sociali. 

I Governi sono chiamati a costruire politiche flessibili per assorbire tali cambiamenti ed anticipare strategicamente quelli futuri. 

Si tratta di superare le sfide economiche e si tratta di superare con saggezza quelle sociali derivanti anche dall’apertura di conflitti. 

Una equipe di élite Araba, ed internazionale, pensatori ed esperti sona parte della discussione  nel Forum  che prevede anche discussioni sul futuro del mondo oltre che a quella della regione. 

Sheikh Mohammed, chiede a tutti gli economisti e pensatori di non solo analizzare ma sempre dare risposte nei loro interventi , rendendoli quindi non degli esercizi universitari , ma autentiche idee che si possono mettere in pratica. 

Investire nel futuro significa per una parte investire nel sapere quale futuro e nell’individuare i corretti strumenti per costruirlo. 

Per un Paese trovare e consolidare un buon tenore di vita per i propri cittadini , in un quadro generale di costanti e rapidi cambiamenti, significa avere sempre una visione chiara e consolidata da attuare con piani e programmazioni flessibili e variabili in grado di tenere il passo nel breve tempo. 

Gli UAE hanno oggi un peso mondiale che sta aumentando nel tempo. 

Quest’obiettivo si è raggiunto perché molto presto hanno iniziato a studiare il futuro e la grandezza dei cambiamenti. 

Il costante studio dei cambiamenti ha permesso di prendere spesso le giuste decisioni all’interno di una visione a lungo termine che si pone come principale obiettivo la prosperità del proprio popolo. 

Oggi gli UAE sono parte di un complesso , interdipendente e globale mondo in veloce cambiamento. 

Si ritiene che sia sempre un buon investimento, la cura della conoscenza degli scenari futuri e si devono raddoppiare gli sforzi per essere preparati alle variabili. 

Torno infine al testo di Marco Magnani e penso che questo spunto possa contribuire a individuare un metodo che aiuti l’Italia a trovare strade nuove e nuovi interpreti ……a volte basta copiare …… (Dubai, 14/12/2014)

Lascia un commento