TitanBoa, il rettile più grande della storia

Spread the love

l’esperto: «una finestra sui tempi successivi all’estinzione dei dinosauri»

Trovato il fossile di un serpente lungo 13 metri, pesante più di una tonnellata. Mangiava coccodrilli e tartarughe

Dal nostro corrispondente Fabio Cavalera

Una ricostruzione del TitanBoa (Afp)
Una ricostruzione del TitanBoa (Afp)

(corriere.it) LONDRA – Il «Titanic» boa o, più semplicemente, il TitanBoa era un mostro che viveva 60 milioni di anni fa nell’ecosistema tropicale del Sud America. Era un serpente lungo 13 metri, quanto un Tir, il doppio di un’anaconda, aveva una circonferenza di un metro, pesava una tonnellata e 250 chili. Si nutriva di coccodrilli e tartarughe. Una scoperta stupefacente (si tratta del rettile più grande mai esistito) che l’autorevole rivista «Nature» ha annunciato nella copertina dell’ultimo numero. I fossili del Titanoboa cerrejonensis – il suo nome scientifico derivato da Cerrojon, il sito nel nord della Colombia dove sono venuti alla luce – erano in una miniera di carbone a cielo aperto assieme agli scheletri di altri sette serpenti e ai resti di un loro pasto: appunto, una tartaruga di due metri e un coccodrillo.

 

 

Il fossile del boa (Afp)
Il fossile del boa (Afp)

L’ESTINZIONE DEI DINOSAURI – Quello che poteva sembrare uno scherzo ha ricevuto più conferme dai ricercatori. «Ora abbiamo una finestra sui tempi immediatamente successivi all’estinzione dei dinosauri e possiamo conoscere gli animali che li sostituirono». Parole di Jason Head, paleontologo dell’Università di Toronto. Gli scienziati hanno stimato la lunghezza del TitanBoa dalle vertebre spinali. Per farsi capire meglio sono ricorsi anche a un’immagine: «Ricordate il film "Anaconda"? Quando il serpente cerca di mangiare Jennifer Lopez? Ecco questo è molto più lungo». Insomma, un vero mostro. E pare non essere finita qui. Secondo Ian Stephens, curatore di erpetologia allo zoo di Londra, vi sono rumours di altre scoperte e in particolare di un rettile dalle dimensioni persino maggiori.
05 febbraio 2009

Lascia un commento