Le critiche alla Toscanini

Spread the love

Signor direttore,
giovedì 3 è apparsa l’opinione di Italo Fiorani Verardi, segretario provinciale Fistel Cisl sulla Orchestra Toscanini. In particolare su quella che lui chiama "Filarmonica" che critica senza conoscerne la natura.
Si tratta di una iniziativa che fa riferimento a una vera e propria orchestra presente a Busseto negli anni in cui il Maestro Verdi si formava culturalmente , musicalmente e maturava la rotta chje avrebbe scelto nella vita.
Si chiamava "I Filarmonici di Busseto" e ha avuto e ha una rilevanza culturale enorme. Il Verardi non fa alcun cenno a Busseto, forse perché non sa. In tal caso dovrebbe astenersi dal dare sentenze su cose che non sa, oppure perché la sua opinione è stata suggerita e indotta da chi ha interesse ad affossare la Toscanini magari proprio perché fa cose egrege a Busseto.

Ciò detto Fiorani afferma:
-che la Toscanini ha debiti;
-che la causa sono i Filarmonici di Busseto;
-che usa fondi pubblici;
-che ci sono fumose critiche artistiche;
-ancor più fumosi problemi sindacali.
Se l’ipotesi da me fatta, che insinua il sospetto che l’opinione sia indotta, è vera, tutto questo è pretestuoso e, probabilmente non vero.
E’ infatti, proseguendo, l’uomo Cisl affronta un argomento che non rientra nella sua attività caratteristica: lo scontro fra la Giunta Ubaldi e la Toscanini come "Ente Lirico" mi sento sollevato dal timore che l’ingordigia del sindaco Ubaldi riesca a fermare l’attività della Toscanini. Quest’ultima è una orchestra regionale che ha tutto il diritto di svolgere la sua attività fuori e indipendentemente da Parma. Già è una fortuna che abbia sede a Parma e non, che si io, a Piacenza. Immagino che il Regio e Ubaldi debbano prima riconoscere questo e poi offrire collaborazione e accordi, ma non certo partendo dal non pagare in tempo debito la propria quota prevista dallo statuto della Fondazione Toscanini.

Desidero sottolineare che tutto questo avviene in forme estremamente scorrette se la mia ipotesi sul ruolo di Fiorani Verardi è vera (come mai l’uomo Cisl lamenta che la Toscanini spenda soldi pubblici. Crede forse che il Regio sia più virtuoso?) e in un momento in cui l’uomo Provincia di Ubaldi , Lisi, promette che, se vince, il capoluogo sarà altruista e generoso.
Credo invece che Ubaldi come sempre voglia tutto per sé. Non solo; visto l’attuale livello di basso profilo tenuto dal Regio ha anche bisogno di sottrarsi a imbarazzanti confronti. (Gazzetta di Parma 03/06/2004)

Giorgio Cavitelli 

Lascia un commento