IMPARIAMO IL CONCERTO giovedì 23 Novembre 2017 Gianluigi Mattietti presenterà le musiche di Strauss, Korngold e Wagner alla Sala Prove dell’Auditorium Paganini di Parma

Spread the love

Gianluigi Mattietti
IMPARIAMO IL CONCERTO

Alle 18 di giovedì 23 Novembre 2017 Gianluigi Mattietti presenterà le musiche di Strauss, Korngold e Wagner alla Sala Prove dell’Auditorium Paganini di Parma

Le conferenze del nuovo ciclo di conferenze della serie “Impariamo il concerto” ritornano nella loro sede abituale, la Sala Prove dell’Auditorium Paganini. Giovedì 23 novembre, alle ore 18, sarà ospite dell’iniziativa voluta dalla Fondazione Toscanini per presentare al pubblico storie, aneddoti e caratteristiche dei brani che saranno poi eseguiti dalla Filarmonica Toscanini durante la stagione Nuove Atmosfere.
Gianluigi Mattietti, chiamato ad illustrare il programma che sarà poi eseguito dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Lawrence Foster con la partecipazione della violinista Mihaela Costea e del soprano Stephanie Friede, è figura ben nota e apprezzata del mondo musicale italiano: nato a Roma nel 1962, si è laureato in Storia della Musica all’Università degli Studi “La Sapienza” e, parallelamente, ha compiuto i suoi studi musicali al Conservatorio di Musica di Santa Cecilia, diplomandosi in musica elettronica ed in composizione. Dottore di ricerca in “Storia e Analisi delle Culture Musicali” (la sua tesi sulla musica recente di Aldo Clementi ha vinto il Premio Latina ed è stata pubblicata dalla LIM. Ha ottenuto borse di studio dall’Istituto Goffredo Petrassi e della Paul Sacher Stiftung di Basilea, per ricerche sulla musica contemporanea. È stato docente di composizione al Conservatorio Statale di Musica “Giovanni Pierluigi da Palestrina” di Cagliari ed, attualmente, insegna Storia della Musica all’Università degli Studi di Cagliari. All’attività di ricerca nel campo della musica d’oggi e del teatro musicale, con particolare attenzione ai compositori italiani, affianca quella di critico musicale, collaborando con diverse riviste del settore.

Il programma del concerto è un viaggio nel mondo della musica austrotedesca tra Ottocento e Novecento: il brano iniziale, il valzer Sphärenklänge (Armonia delle sfere), è opera di Josef Strauss (1868) ed è senza dubbio delle più suggestive composizioni del repertorio di danze creato dalla famiglia di compositori viennesi (Josef, morto precocemente, era figlio e fratello dei due più celebri Johann). Il concerto per violino op. 35 di Erich W. Korngold è stato scritto nel 1945 (ma in uno stile che rievoca quello “lussureggiante” della Vienna fin de siècle) e segna il ritorno dell’autore al suo ruolo di compositore classico dopo gli anni come autore di straordinarie colonne sonore per il cinema di Hollywood e la fine del nazismo che lo aveva fatto fuggire da Vienna. Dedicato ad Alma Mahler, divenne celebre dopo una memorabile esecuzione radiofonica di Jascha Heifetz. Gli ultimi due brani sono di Richard Wagner: i Wesendonck-Lieder sono un ciclo di cinque Lieder composti negli anni 1857-1858 su altrettante poesie di Mathilde Wesendonck (da cui il nome). Accanto all’Idillio di Sigfrido, rappresentano l’unico lavoro non operistico wagneriano ad essere tuttora regolarmente eseguito in pubblico. La splendida e monumentale ouverture da Die Meistersinger von Nürnberg (I Maestri cantori di Norimberga), tratta dalla sua opera “medievale” (è ambientata a Norimberga a metà del Cinquecento ed ha come protagonista appunto l’omonima corporazione di poeti e scrittori dilettanti) è invece un brano di grande effetto, che sintetizza e riassume in espressione musicale, come forse mai accade in altra opera di Wagner, tutto lo spirito e i contrasti dell’azione scenica sino alla finale, solenne celebrazione a lode dell’arte tedesca.

La prova aperta avrà inizio alle ore 15. L’accesso ad essa e alla successiva conferenza mantiene anche quest’anno il simbolico prezzo di 1 euro. I biglietti sono in vendita presso la biglietteria della Fondazione Toscanini, situata presso il Centro di Produzione Musicale (CPM) Arturo Toscanini, Viale Barilla 27/A. Essa è aperta dal martedì al venerdì dalle 10.30 alle 13.00; il giovedì e venerdì anche dalle 14.00 alle 17.00. Ulteriori informazioni possono essere richieste telefonando negli orari d’ufficio al numero 0521/391339 oppure scrivendo all’indirizzo biglietteria@fondazionetoscanini.it

Lascia un commento