Il bilancio delle vittime del coronavirus globale potrebbe essere superiore del 60% a quanto riportato dal Finalcial Times

Spread the love
mortalità per città

Le statistiche sulla mortalità mostrano 122.000 morti in eccesso rispetto ai livelli normali in 14 paesi analizzati dalla FT

Il bilancio delle vittime del coronavirus potrebbe essere quasi il 60% più alto di quanto riportato nei conteggi ufficiali, secondo un’analisi FT dei decessi complessivi durante la pandemia in 14 paesi. Le statistiche sulla mortalità mostrano 122.000 morti in eccesso rispetto ai livelli normali in queste località, considerevolmente più alte delle 77.000 morti ufficiali di Covid-19 riportate per gli stessi luoghi e periodi. Se lo stesso livello di sottostima osservato in questi paesi si stesse verificando in tutto il mondo, il bilancio delle vittime globale di Covid-19 aumenterebbe dall’attuale totale ufficiale di 201.000 a un massimo di 318.000. Per calcolare i decessi in eccesso, FT ha confrontato i decessi per tutte le cause nelle settimane dell’epidemia di una località a marzo e aprile 2020 con la media dello stesso periodo tra il 2015 e il 2019. Il totale di 122.000 equivale a un aumento del 50% nel complesso mortalità relativa alla media storica per le località studiate. In tutti i paesi analizzati ad eccezione della Danimarca, i decessi in eccesso superano di gran lunga il numero di morti ufficiali del coronavirus. L’accuratezza delle statistiche ufficiali sulla morte del virus è limitata dall’efficacia con cui un paese sta testando le persone per confermare i casi. Alcuni paesi, tra cui la Cina, hanno rivisto retrospettivamente il bilancio delle vittime della malattia. 

Mortalità Stati

Secondo l’analisi FT, i decessi complessivi sono aumentati del 60% in Belgio, del 51% in Spagna, del 42% nei Paesi Bassi e del 34% in Francia durante la pandemia rispetto allo stesso periodo degli anni precedenti. Alcune di queste morti possono essere il risultato di cause diverse da Covid-19, poiché le persone evitano gli ospedali per altri disturbi. Ma l’eccesso di mortalità è aumentato più rapidamente nei luoghi che hanno subito i peggiori focolai di Covid-19, suggerendo che la maggior parte di questi decessi sono direttamente correlati al virus piuttosto che semplicemente agli effetti collaterali dei blocchi. David Spiegelhalter, professore della comprensione pubblica del rischio all’università di Cambridge, ha affermato che i conteggi giornalieri nel Regno Unito, ad esempio, erano “troppo bassi” perché rappresentavano solo i decessi in ospedale. “L’unico paragone imparziale che puoi fare tra paesi diversi è guardare alla mortalità per tutte le cause. . . Ci sono così tante domande sull’ascesa che abbiamo visto nella morte che non hanno ottenuto Covid sul certificato di morte, eppure ritieni che siano inevitabilmente collegati in qualche modo a questa epidemia. ” Le morti extra sono più pronunciate nelle aree urbane con i peggiori focolai di virus e in alcuni hanno completamente travolto i meccanismi di segnalazione. Ciò è particolarmente preoccupante per molte economie emergenti, in cui la mortalità in eccesso totale è ordini di grandezza superiori alle vittime ufficiali del coronavirus. Nella provincia di Guayas in Ecuador, tra il 1 ° marzo e il 15 aprile sono stati segnalati solo 245 decessi ufficiali legati a Covid, ma i dati sui decessi totali mostrano che in questo periodo sono morte circa 10.200 persone in più rispetto a un anno tipico, con un aumento del 350%. (aprile 26/2020)

Fonte Link: Financialtimes

Lascia un commento