Approvato il bilancio 2015 di Dubai.

Economia e Finanza, Emirati Arabi, Franco Calzolari, Sorgenti
Spread the love

Franco Calzolari

Il bilancio governativo negli UAE si compone sopra i bilanci dei singoli Emirati. 

Oggi 4 gennaio è stato approvato quello di Dubai. 

E’ un bilancio che prevede utili e non indebitamento ed è indirizzato alla crescita economica generale, alla creazione di nuovi posti di lavoro , alla crescita del benessere  sociale

.lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai

Sua Altezza lo Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi Uniti e Governatore di Dubai, ha approvato il bilancio di Dubai per l’anno 2015 a Dhs41 miliardi ( 9,5 miliardi di euro) , in crescita del 9 per cento a partire dal 2014. 

Il bilancio senza deficit per il 2015 avrà un risultato di gestione di Dhs3.6 miliardi ( circa 820 milioni di euro di utile ), prevede 2.530 nuovi posti di lavoro, accentuando  il settore dei servizi sociali e continuerà a stimolare la crescita economica. 

Il bilancio applica direttamente  le direttive come stabilito dallo sceicco Mohammed a concentrarsi su una politica di bilancio prudente, che fornisce gli stimoli necessari alla crescita economica dell’emirato, aumentare l’efficienza delle agenzie governative per fornire i migliori servizi sanitari e sociali per tutti i cittadini e residenti. 

Abdulrahman Saleh Al Saleh, direttore generale del governo di Dubai del Dipartimento delle finanze, ha detto: “Dubai è riuscito a superare il deficit di bilancio, ma ha continuato a aumentare la spesa del 9 per cento per l’anno fiscale 2014, che spinge la crescita macroeconomica del principato ad essere in linea con i livelli previsti”. 

“Il vantaggio del bilancio ha riflesso le direttive di Sheikh Hamdan Bin Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai e presidente del Consiglio esecutivo, che ha sottolineato la necessità di attenzione all’aspetto sociale come benessere economico, sicurezza, sanità.

Lascia un commento