INTERNATIONAL ARTISTIC WITHOUT-SIGN MOVEMENT

Aware that:
All people have a particular first name and surname, often assigned by his parents; that happens now and perhaps will be in future too.
The concept that everyone has a signature belongs to us, and so the idea of considering a man without his signature, it’s strange and unusual, it doesn’t belong to us and to the current way of living the life.
Now, as it was happened in the past with different reasons, the without – sign’s concept or theory can have a right position in the World of Art.
Indeed, artists are allow to resign fixing or writing their signature on their works of art.

SICILIA: ARCHIVIO STORICO ONLINE

Progetto prevede laboratorio integrato per documenti antichi

(ANSA)SIRACUSA, 15 FEB – E’ nato a Siracusa un progetto per rendere accessibile via Internet il patrimonio storico-artistico millenario della Sicilia. Il progetto ‘Adat’, acronimo di Archivi digitali antico testo, prevede la realizzazione di un laboratorio integrato per il restauro, la conservazione, la valorizzazione e la fruizione di documenti antichi. Vede come capofila la Rit, Robotica telematica informatica, una societa’ di Siracusa a elevata specializzazione informatica.

L’ARTE E LA TARTARUGA

Omaggio a Plinio De Martiis. Da Rauschenberg a Wahrol, da Burri a Schifano” 

“L'Arte e La Tartaruga: omaggio a Plinio De Martiis.  Da Rauschenberg a Wahrol, da Burri a Schifano”
E’ questa la mostra ospitata presso la Galleria Civica d’Arte Moderna “Vittoria Colonna” di Pescara dal 3 marzo al 20 maggio 2007, omaggio ad un grande personaggio: Plinio De Martiis, fotografo, gallerista, ideatore e organizzatore di importanti eventi culturali, scomparso nel 2004.

La Mostra, a cura di Silvia Pegoraro, ripercorre le vicende della celebre Galleria “La Tartaruga” dal 1954 agli anni ’70, attraverso oltre 150 opere tra un centinaio di dipinti di oltre 50 dei maggiori artisti che lavorarono con De Martiis, alcuni mai esposti fino ad ora, una selezione di circa 12 opere su carta – i cosiddetti “cartelli della Tartaruga” – che De Martiis faceva realizzare a ogni artista che esponeva da lui, una trentina di foto realizzate dallo stesso de Martiis scelte in particolare tra i ritratti degli artisti che più hanno lavorato con lui e che più hanno legato il loro nome a quello della Galleria

VENTI ANNI FA MORIVA ANDY WARHOL

(ANSA) ROMA – Venti anni fa, in seguito a un intervento chirurgico alla cistifellea, moriva Andy Warhol. Era il 22 febbraio 1987 e il protagonista indiscusso dell’arte americana degli ultimi decenni lasciava un vuoto incolmabile.

Tanto che, ancora oggi, la sua opera è oggetto di importanti esposizioni e la sua figura, fra trasgressione e jet set, continua a ispirare film di successo. 

ASTA RECORD PER IL ‘BACON’ DI SOPHIA LOREN

(ANSA) LONDRA – Prezzo-record per il capolavoro di Francis Bacon appartenente a Sophia Loren messo all’asta da Christiés a Londra: lo "Study for Portrait II" è stato venduto per 14,02 milioni di sterline, circa 21 milioni di euro. Mai un dipinto del famoso artista anglo-irlandese, morto nel 1992 a 83 anni d’età, aveva spuntato una cifra così elevata. Il quadro venduto stasera raffigura un pontefice in poltrona.

L’artista britannico lo dipinse nel 1956 ispirandosi a Velasquez. Nel catalogo dell’asta, dedicata all’arte "post-bellica e contemporanea", non era indicato il nome del proprietario del dipinto che Christiés definisce "la più importante opera della serie papale di Bacon ad apparire sul mercato". A tirare in ballo Sophia Loren è stato a fine gennaio (e non é stato smentito) il ‘Daily Telegraph’.

DETERMINA CORTE DEI CONTI

CORTE DEI CONTI 

Determinazione n. 65/2006

nell’adunanza del 21 luglio 2006;
-visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti approvato con R.D. 12 luglio 1934, n. 1214;
-vista la legge 21 marzo 1958, n.259;
-visto l’art. 2 della legge 16 ottobre 2003, n. 291, in base al quale la Società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo – Arcus S.p.A. è stata sottoposta al controllo della Corte dei conti;
-visto il bilancio dell’Ente suddetto, relativo all’esercizio finanziario 2005, nonché le annesse relazioni del Consiglio di amministrazione e del Collegio dei sindaci, trasmessi alla Corte dei conti in adempimento dell’art. 4 della citata legge n. 259 del 1958;
-esaminati gli atti;
-udito il relatore Consigliere dottor Antonio Ferrara e, sulla sua proposta, discussa e deliberata la relazione con la quale la Corte, in base agli atti ed agli elementi acquisiti, riferisce alle Presidenze delle due Camere del Parlamento il risultato del controllo eseguito sulla gestione finanziaria della Società per lo sviluppo dell’arte, della cultura e dello spettacolo – Arcus S.p.A., per l’esercizio 2005;
-ritenuto che, assolto così ogni prescritto incombente, possa, a norma dell’art. 7 della citata legge n. 259 del 1958, darsi corso alla comunicazione alle dette Presidenze, oltre che del bilancio – corredato delle relazioni degli organi amministrativi e di revisione – della relazione come innanzi deliberata, che alla presente si unisce perché ne faccia parte integrante;

IN GIAPPONE OPERE D’ARTE ITALIANE TRAFUGATE?

(Vistidalontano.blogosfere.it) Il quotidiano giapponese Yomiuri Shimbun dà rilievo oggi a nuovi sviluppi nelle inchieste che si stanno svolgendo in Italia in merito alle antichità trafugate dal nostro paese che ora fanno bella mostra di sè nelle vetrine dei musei in giro per il mondo.
Dopo l’offensiva nei confronti dei musei americani (Metropolitan, Getty) si apre ora la pista giapponese: "Documenti legano il Giappone ai furti di antichità – Gli inquirenti italiani scoprono un legame con un mercante d’arte giapponese".
"Gli inquirenti italiani", racconta il quotidiano giapponese, "hanno ottenuto documenti e fotografie che dimostrerebbero che il capo di una banda internazionale di trafugatori di opere d’arte italiane ha fatto affari con un commerciante d’arte giapponese. Si sospetta che antichità di proprietà di alcuni musei e di collezionisti privati giapponesi possano provenire da scavi illegali".

DECIMA EDIZIONE DI OPEN

VENEZIA: ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE DI SCULTURE E INSTALLAZIONI ARTE COMMUNICATIONS

(www.agenfax.it) Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni Arte Communications è lieta di annunciare che dal 30 agosto al 14 ottobre 2007 si terrà a Venezia Lido (foto: Piazza San Marco vista cdal Lido) la decima edizione di OPEN, Esposizione Internazionale di Sculture ed Installazioni parallelamente alla Mostra del Cinema.
Per la celebrazione di questo decimo anniversario, il curatore Paolo De Grandis ha deciso di incrementare il numero degli artisti e dei paesi partecipanti, coinvolgendo le varie istituzioni operanti sul contemporaneo, nella prospettiva della creazione di una rete di scambio tra i centri radicati nelle varie aree di Venezia ed il resto del mondo.

L’ARTE DI ARTURO MARTINI

Milano: l’arte di Arturo Martini nei dialoghi sulla scultura

(Adnkronos) – Un’insolita visita all’esposizione di Arturo Martini, in mostra fino al 4 febbraio al museo della Permanente ed alla Fondazione Stelline di Milano, e’ quella offerta dal ciclo di quattro conversazioni con critici, giornalisti, storici dell’arte ed artisti che dialogheranno di fronte alle sculture di Martini, offrendo alle persone che interverranno un punto di vista ‘critico’ sulle cento opere di uno dei piu’ celebri scultori italiani del ‘900.

Sara’ Alessandro Quasimodo, con la lettura di brani tratti da ‘La scultura lingua morta e da altri scritti’, ad inaugurare il ciclo di incontri giovedi’ 18 gennaio alle ore 18.30 al quale seguiranno le conversazioni con Vincenzo Consolo e Claudia Gian Ferrari alle ore 20.00.

ICONOGRAFIA BUDDHISTA

GENOVA CELSO – ISTITUTO DI STUDI ORIENTALI

MARTEDI 16 GENNAIO GENNAIO alle ore 17,30 inizia il Seminario (6 incontri con cadenza settimanale) ”ICONOGRAFIA BUDDHISTA.
Forme e simbologia nell’arte
”.

(www.genovapress.com) In un vero e proprio viaggio attraverso le forme della scultura, della pittura e dell’architettura buddhiste dall’India alla Cina al Giappone, verranno illustrati i principali contenuti simbolici espressi attraverso le immagini, fornendo sia temi di estetica e di filosofia che gli essenziali strumenti di base per poter ‘riconoscere’ concretamente questi contenuti di fronte ad un’opera d’arte buddhista.
L’itinerario partirà dalle origini dell’arte buddhista ‘simbolica’ per arrivare alle rappresentazioni del Buddha in forma umana ed alla definizione del canone dei simboli.

AVANGUARDIA CINESE IN ITALIA

Apre oggi a San Gimignano, nel Senese

(ANSA)SIENA, 13 GEN – Per la prima volta otto tra i migliori artisti contemporanei cinesi esporranno le proprie opere in Italia in una unica mostra. La rassegna, ‘A continuous dialogue’, viene inaugurata a San Gimignano ed e’ la prima tappa di un percorso di scambi artistici fra Italia e Cina. Gli artisti presenti sono Ai Wei Wei, Cao Fei, Gu Dexin, Kan Xuan, Lu Chunsheng, Yan Lei, Zhuang Hui e Zheng Guogu. Di vario tipo le opere esposte: installazioni, video, fotografia, pittura.

EIKOH HOSOE

(Undo.Net) Eikoh Hosoe è uno dei grandi fotografi giapponesi del nostro tempo, il cui nome, insieme a quello di Nobuyoshy Araki, man and womanè noto in Europa e negli Stati Uniti, dove gli sono state dedicate numerose mostre e dove lui ha tenuto nel corso degli anni, e continua a tenere, workshop.
Nato nel 1933 a Yonezawa (prefettura di Yamagata) si avvicina alla fotografia da ragazzo, andando a scattare qualche immagine nel campo di Grant Heights, il più grande campo militare americano di Tokyo, più che altro perché così poteva conoscere da vicino gli americani e fare pratica di inglese. Poi, la decisione di iscriversi al Tokyo College of Photography ed una serie di incontri con artisti e scrittori segnarono la sua vita umana ed artistica, facendone l’artefice di alcune serie fotografiche che rappresentano dei capolavori e delle pietre miliari della storia della fotografia.

DALLA LAND ART ALLA BIO ARTE

L’Art Program del Parco d’Arte Vivente
tra radici storiche e nuove direzioni di ricerca nelle relazioni tra arte, natura, nuove tecnologie e scienze della vita

Convegno Internazionale di Studi
Sabato 20 gennaio 2007 – ore 9.00/17.30

Sala Conferenze della Gam
Corso Galileo Ferraris 28 -10128  Torino

Il Convegno è organizzato dall’Associazione ACPAV – ente culturale gestore del Parco d’Arte Vivente di Torino – in collaborazione con la Fondazione Torino Musei. Il colloquio internazionale di studi, prende in esame le esperienze artistiche fondate sul rapporto Arte/Natura per poter elaborare le basi teoriche dell’ART PROGRAM del PAV.
Le tematiche che verranno affrontate e discusse verteranno sull’analisi storica della Land Art e del movimento Art in Nature, sull’influsso dell’arte relazionale e dell’arte dei nuovi media e infine sugli odierni sviluppi della Bio Arte, nelle sue complesse direzioni di ricerca in corso.