Giosuè Carducci: San Martino

La nebbia a gl'irti collipiovigginando sale,e sotto il maestraleurla e biancheggia il mar;ma per le vie del borgodal ribollir de' tiniva l'aspro odor de i vinil'anime a rallegrar.Gira su' ceppi accesilo spiedo scoppiettando:sta il cacciator fischiandosull'uscio a rimirartra le rossastre nubistormi d'uccelli neri,com'esuli pensieri,nel vespero migrar. [caption id="attachment_66125" align="aligncenter" width="300"]…

Quando il bambino era bambino

Quando il bambino era bambino,camminava con le braccia ciondoloni,voleva che il ruscello fosse un fiume,il fiume un torrentee questa pozzanghera il mare. Quando il bambino era bambino,non sapeva di essere un bambino,per lui tutto aveva un’animae tutte le anime erano un tutt’uno. Quando il bambino era bambinonon aveva opinioni su…

Davanti a San Guido

Giosuè Carducci I cipressi che a Bólgheri alti e schiettiVan da San Guido in duplice filar,Quasi in corsa giganti giovinettiMi balzarono incontro e mi guardar.Mi riconobbero, e - ben torni omai -Bisbigliaron vèr' me co 'l capo chino -Perché non scendi ? Perché non ristai ?Fresca è la sera e a…

APPUNTI D’ETIOPIA

Francesca AvanziniQuello che colpisce soprattutto è la gente. Tanto in campagna che nelle città, sciamano ai lati della strada, diretti verso imperscrutabili mete, un flusso ininterrotto di donne, alcune col bambino assicurato alla schiena, anziani, ragazzini, uomini, troppi uomini a tutte le ore del giorno, segno che l’occupazione non è…