I Concerti del Boito: Martedì 11 febbraio e mercoledì 12 febbraio  2020, alle 20.30

Spread the love
il pianista Marco Laganà

I Concerti del Boito Le tre Sonate op. 10 di Beethoven &Il flauto e la chitarra
Martedì 11 febbraio e mercoledì 12 febbraio  2020, alle 20.30, due nuovi appuntamenti de “I Concerti del Boito”. Ingresso libero.

Due nuovi appuntamenti de “I Concerti del Boito”, stagione concertistica organizzata dal Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma e inserita nella programmazione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020.

Martedì 11 febbraio alle 20.30, nell’Auditorium del Carmine (via Duse 1/a), il pianista Marco Laganà proporrà “Le tre Sonate op. 10 di Beethoven”. Queste, composte nel 1797, un anno prima della svolta decisiva rappresentata dalla «Patetica», sono piene di patos e irte di difficoltà, indicando già la strada verso una svolta decisiva. Laganà è stato premiato in diversi concorsi nazionali e internazionali (Concorso “Schumann – Young Chang” di Macugnaga, Concorso internazionale “Rachmaninov” a Morcone; “Premio Mozart” a Sulmona). Ha tenuto concerti come solista e in diverse formazioni cameristiche in Italia, Romania, Germania, Russia, Spagna, Brasile.

Il Duo Cordas et Bentu, composto da Francesca Apeddu (flauto) e Maria Giovanna Luciani (chitarra)

È realizzato in collaborazione l’Università di Parma l’appuntamento “Il flauto e la chitarra nel Novecento: tra classicismo e avanguardie” che si terrà mercoledì 12 febbraio, alle 20.30, nell’Aula Magna dell’Università (Strada dell’Università, 12). Il Duo Cordas et Bentu, composto da Francesca Apeddu (flauto) e Maria Giovanna Luciani (chitarra) interpreterà musiche di Toru Takemitsu, Mario Castelnuovo-Tedesco, Jean Francaix, Niccolò Castiglioni. Il duo ha debuttato nel 2013, scegliendo un nome sardo, “corde e vento”, come omaggio alla propria terra natale. Recentemente ha conseguito, con il massimo dei voti, un Master di Musica da Camera al Conservatorio di Parma, dove ha studiato con il Trio di Parma, Pierpaolo Maurizzi e Danusha Waskiewicz.

L’ingresso a entrambi gli appuntamenti è libero e gratuito. Per maggiori informazioni: www.conservatorio.pr.it.

Logo Parma Capitale italiana della cultura

 

Lascia un commento