Capodanno 2021, le regole di cosa si può fare e cosa no

Atti e Documenti, Coronavirus, Società e cronaca
Spread the love


Laura Pellegrini

Cosa posso fare e cosa è vietato per Capodanno secondo il Decreto di Natale? Ecco le regole su spostamenti, visite a parenti o amici, feste, seconde case e coprifuoco.

Cosa si potrà fare a Capodanno 2021?

Sono tre in totale i decreti da rispettare a Capodanno: si tratta del DPCM del 3 dicembre scorso, del decreto sugli spostamenti e del Decreto di Natale. Mentre il primo ha introdotto le regole generali sul coprifuoco e sulle Regioni suddivise in fasce di colore, il Decreto di Natale ha invece ristretto le attività possibili introducendo una serie di limitazioni valide fino al 6 gennaio 2021.

L’Italia è stata inserita in zona rossa il 31 dicembre e anche il 1° gennaio, con la previsione di un Capodanno con coprifuoco esteso dalle ore 22 alle ore 7 del mattino. Saranno da dimenticare i botti e le feste in discoteca, mentre i privilegiati saranno coloro che amano i film e le serie tv. Per quest’anno a Capodanno bisognerà brindare in famiglia e rispettare una serie di regole e divieti.

 

Cosa si può fare e cosa è vietato al 31 dicembre? E quali sono le regole in vigore dal 1° gennaio?

31 dicembre, Italia in zona rossa: cosa si può fare?

In base a quanto stabilito dal Decreto di Natale, l’Italia entra in zona rossa al 31 dicembre e rimane in tale fascia di colore fino al 3 gennaio 2021. Per i festeggiamenti di Capodanno, quindi, occorre rispettare una serie di regole.

Anzitutto non è possibile spostarsi tra una Regione e un’altra e nemmeno tra un Comune e un altro se non per comprovate esigenze lavorative, motivi di salute o necessità con obbligo di autocertificazione. Anche per l’ultimo giorno dell’anno, però, è possibile andare a trovare amici o parenti in massimo 2 persone (al netto dei minori di 14 anni e delle persone disabili o non autosufficienti), una sola volta al giorno dalle ore 5 alle ore 22. Ci si potrà anche fermare a dormire.

Il DPCM, comunque, specifica che: «È in ogni caso fortemente raccomandato, per la restante parte della giornata, di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi».

Non sarà possibile raggiungere le seconde case se situate fuori Regione e nemmeno effettuare degli acquisti: i negozi e i centri commerciali resteranno chiusi, così come i bar, i ristoranti e le pizzerie. L’asporto, però, sarà possibile fino alle ore 22. Vietati anche i veglioni negli hotel: l’ultimo DPCM, infatti, prevede l’effettuazione del servizio in camera dalle ore 18:00 del 31 dicembre fino alle ore 7:00 del 1° gennaio.

Si potrà svolgere attività motoria nei dintorni della propria abitazione e attività sportiva (tra cui jogging) non necessariamente nei dintorni purché in forma individuale. Si potrà sempre svolgere attività di volontariato o rientrare presso la propria residenza o domicilio. Anche andare a Messa è concesso nel rispetto degli orari di coprifuoco.

Il coprifuoco per Capodanno, infine, inizierà alle ore 22 e terminerà alle ore 7 del mattino: in questa fascia oraria saranno consentiti gli spostamenti dettati da motivi di lavoro, salute o necessità e con autocertificazione. Per i trasgressori sono previste multe da 400 euro fino a 1.000 euro. 28 Dicembre 2020 

Fonte Link: money.it

Lascia un commento