Coronavirus, Gruppo Barilla in campo: donazione di due milioni di euro

Spread the love
Foto Luigi Boschi: Luca Barilla, vicepresidente Barilla G&R Flli spa

L’intervento destinato alla terapia intensiva del Maggiore, Protezione Civile e Croce Rossa di Parma. “A voi che ogni giorno ci fate sentire orgogliosi di essere Italiani, grazie, siamo al vostro fianco”

Il Gruppo Barilla scende in campo per fronteggiare l’emergenza coronavirus con una donazione di due milioni di euro.

L’intervento consentirà al reparto di terapia intensiva dell’ospedale Maggiore Parma di aumentare la propria capacità a fronteggiare l’attuale emergenza causata dalla diffusione del Covid-19.

Donate anche attrezzature mediche e logistiche destinate alla Protezione Civile e Croce Rossa di Parma.

“A voi che ogni giorno ci fate sentire orgogliosi di essere Italiani, grazie, siamo al vostro fianco” è il sentito messaggio di sostegno per medici e infermieri rivolto dalla multinazionale i cui stabilimenti sono al lavoro per rifornire la filiera alimentare.

“L’Italia che resiste siamo tutti noi: sono le persone che operano anche nella filiera alimentare, sono tutti i lavoratori che con senso di responsabilità ci permettono di continuare a portare i nostri prodotti nelle case degli Italiani. E sono, soprattutto, i medici, gli infermieri e tutti gli operatori a cui siamo immensamente grati per il lavoro straordinario che stanno facendo per fronteggiare l’emergenza” afferma Luca Barilla, vicepresidente del Gruppo alimentare.

“È un momento delicato in cui è importante restare uniti e aiutarci l’un l’altro. Con questa donazione, tutte le persone Barilla vogliono esprimere la loro vicinanza ai medici e agli infermieri dando un contributo concreto a tutti coloro che lavorano giorno e notte per garantire assistenza sanitaria a quanti necessitano di cure”.

La donazione più importante riguarda l’ospedale Maggiore di Parma e permetterà un radicale miglioramento delle attrezzature e della funzionalità del reparto di terapia intensiva, alle prese con l’attuale emergenza sanitaria causata dalla diffusione del Covid-19.

Del secondo intervento, realizzato attraverso la Fondazione Alimenta, costituita da Barilla nel 2009, beneficeranno nello specifico la Protezione Civile e la Croce Rossa di Parma e riguarda una serie di attrezzature mediche e logistiche necessarie a fronteggiare il particolare momento critico che stanno vivendo i territori di Parma e Cremona.

Inoltre una ulteriore donazione riguarderà l’acquisto di ventilatori polmonari destinati alle strutture mediche regionali dell’Emilia Romagna.
 
Il Gruppo Barilla, infine, si sta adoperando anche per donare prodotti alimentari alle associazioni che sono in prima linea per fronteggiare l’emergenza.

Parma è la seconda provincia più colpita in Emilia-Romagna dopo Piacenza. I casi positivi al coronavirus hanno raggiunto quota 800 e le strutture sanitarie del territorio sono alla continua ricerca di nuovi posti letto per fare fronte all’emergenza. 17 marzo 2020

Fonte Link: parma.repubblica.it

Lascia un commento