La Toscanini Concerto fenomeni del 7 febbraio 2020 Auditorium Paganini

Spread the love
Francesco Ciluffo, direttore

Dall’idea di sfida sulla velocità contenuta nel pezzo di Capogrosso, a quella raccolta da Adams che in Absolute Jest riconsidera temi beethoveniani per la grande orchestra insieme a un quartetto d’archi solista.  Il secondo appuntamento di Fenomeni prevede anche due trascrizioni da Bach e Schubert rispettivamente di Elgar e Mahler

Quartetto Henao

Francesco Cilluffo dirige la filarmonica Arturo Toscanini
Partecipa di Quartetto Henao
Venerdì 7 febbraio ore 20.30 all’Auditorium Paganini. 

«Tra le tante sfide che un compositore si pone c’è sicuramente quella di riuscire ad andare oltre i propri limiti capendo come “scolpire” la materia sonora in modo sempre più profondo. È proprio da questa affascinante sfida che nasce l’idea di “Beyond the Limit”, una breve overture dedicata all’ ingegner Giampaolo Dallara e ispirata al mondo della velocità. Come un pilota vive inseguendo il delicato equilibrio tra le proprie capacità e quelle che la tecnologia gli offre l’orchestra è impegnata in più di 200 battute di musica segnate di un ritmo incessante, ma ricche di momenti densi di cantabilità. Perché inseguire la velocità significa anche seguire un’emozione fortissima che sembra a volte farci volare. Infondo, come ho scritto nella dedica della partitura regalata al visionario ingegnere che ha dato vita al suo sogno, entrambi spendiamo le nostre vite cercando di superare il limite.»  Così racconta Fabio Massimo Capogrosso, compositore in residence della stagione 2019-2020 della Toscanini a proposito del brano dedicato a all’ing. Giampaolo Dallara “Beyond the Limit” (La Dallara è main sponsor di Fenomeni) – che sarà eseguito in prima assoluta venerdì 7 dicembre dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Francesco Cilluffo: giovane musicista torinese che si sta affermando in Italia e all’estero sia in campo sinfonico che nell’opera lirica.

Il programma della serata rispecchiando la filosofia che sta dietro alla rassegna “Fenomeni” si presenta eterogeno, variopinto in quanto ogni pezzo presenta un rimando al passato. Così per Elgar autore della trascrizione per grande orchestra della Fantasia e fuga in do minore BWV537 o Mahler che ha allargato per orchestra d’archi il Quartetto in re minore “La morte e la fanciulla” di Schubert. La notorietà della composizione originale è dovuta al suo Andante con moto, movimento lento fatto di Variazioni sul tema del Lied omonimo “La morte e la fanciulla” (D.531), anche se tutti i movimenti di cui è costituito sono pagine di rara bellezza dove temi ispirati si inseriscono all’interno di una narrazione struggente e profondamente drammatica.

Domina su tutti, anche perché piuttosto articolato, Absolute Jest che John Adams compose nel 2012. Si tratta del risultato di una fusione del suono amplificato di un quartetto d’archi con quello della massa orchestrale: Si riconoscono citazioni dagli ultimi quartetti di Beethoven op.131, 133 e 135 sonorità derivate da Stravinskji, in mezzo ad atmosfere rock e jazz. Accanto alla Filarmonica Toscanini per questo pezzo è prevista la partecipazione del giovane Quartetto Henao. Composto da William Chiquito (Colombia) e Soyeon Kim (Corea del Sud) al violino, Stefano Trevisan (Italia) alla viola e Giacomo Menna (Italia) al violoncello, nasce a Roma nel 2014 in seno all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. L’ensemble si contraddistingue da subito per la grande passione e precisione che comunica al pubblico in ogni concerto, dovuta certamente alla preziosa esperienza maturata in una delle compagini più prestigiose al mondo che gli permette di essere in contatto con alcuni tra i più acclamati solisti mondiali, oltre che dalla profonda amicizia che li unisce. Il vasto repertorio del quartetto spazia dal classico e romantico al contemporaneo. La multiculturalità dei suoi membri permette una perfetta unione d’intenti che permea ogni loro performance. Il Quartetto Henao, che dalla sua fondazione si perfeziona con Gunter Pichler (Alban Berg Quartet) presso l’Accademia Chigiana di Siena e l’Escuela Superior Reina Sofia di Madrid, si è esibito in alcuni tra i più interessanti festival e stagioni cameristiche.

I biglietti del concerto sono disponibili presso la biglietteria della Toscanini che ha sede in viale Barilla 27/A, all’interno del Parco Eridania, presso il CPM Toscanini, e che osserva i consueti orari: da martedì a sabato dalle 10 alle 13, il giovedì apertura pomeridiana dalle 14 alle 17). La vendita on-line è sul sito www,biglietterialatoscanini.it sino alla mezzanotte del giorno precedente il concerto.

Il botteghino serale dell’Auditorium Paganini (0521-391379) apre alle 19 la sera del concerto. Informazioni possono essere richieste scrivendo all’email biglietteria@fondazionetoscanini.it, o telefonando allo 0521-391339. I prezzi vanno dai 40 euro del biglietto intero posti oro (33 nel settore blu) ai 10 euro della tariffa Academy destinata agli studenti delle scuole primarie e secondarie e dell’Università di Parma e valida in tutti i settori.

La rassegna Fenomeni 2019/2020 è resa possibile dal contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Emilia-Romagna, Comune di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione Monte Parma. Barilla è main sponsor de La Toscanini.  Dallara è main sponsor della rassegna Fenomeni. CePIM spa è partner istituzionale della Fondazione Arturo Toscanini. Sponsor: Gruppo Hera. Cros Consulting è sponsor tecnico.

Lascia un commento