PASQUA E’ LIBERTA’

Spread the love

Liberazione da tutto ciò che è materiale per l’essere immateriale: lo spirituale.
Cristo con la Sua crocifissione propone l’annullamento della carne per la libertà di pensiero. Questo figlio di Dio che libera gli uomini da un Impero Romano governato da sfacelo mentale, va nel tempio, sbatte all’aria il mercato e i mercanti. Lo perseguitano per il Suo Verbo, pensano di distruggerlo crocifiggendolo e lui annienta tutto ciò che può avere di più caro materialmente -il suo corpo- per la libertà del suo credo, del proprio io.
E’ così che Gesù esprime il Suo insegnamento agli uomini, con un atto di ribellione anche contro ciò che il Padre suo aveva creato. La crocifissione è divenuta il simbolo del cristianesimo non per il concetto di sacrificio perpetuo o di colpa, proposto dalle organizzazioni religiose, ma simbolo dell’atto di vita; la morte, come disperata esigenza dell’uomo di essere l’unico che agisce per valorizzare il suo pensiero senza cadere nella miseria terrena, schiavo dell’imbecillità dei poteri. L’uomo è nato libero a somiglianza di Dio e non vi è uomo che possa pensare di governare o imporre il proprio potere su altri uomini, addirittura come scelta di vita. E chi lo fa è degno solo di miseria umana, della gogna. Penso ai politici, sì proprio loro, che hanno mandato Cristo a morire sul Golgota e oggi si ripetono in tutto il mondo compiendo massacri, brutalità, sciacallaggio, usurpazioni, guerre.
Pasqua come festa della spiritualità dell’uomo, che si libera dalle schiavitù politiche e materiali. E’ un io ritrovato dalle miserie della cosiddetta civiltà democratica. Il cristianesimo non è democratico, è libera individualità smaterializzata, coscienza delle potenzialità dell’io, riconoscimento e rispetto dell’altrui vita, libertà da organizzazioni o logiche sistemiche. Morte della carne per la vita del Verbo. Vivere nell’essenza senza cadere nell’assenza. (Parma – Pasqua – 27 marzo 1997)

Luigi Boschi

Lascia un commento