VECCHIGIOVANI

Spread the love

Si è vecchi perché si è tornati giovani. La vecchiaia è la gioventù che ritorna. La spensieratezza con in più un po’di esperienza. Ma l’entusiasmo non cambia. E’ l’entusiasmo mentale che conta. Lo spirito che negli occhi si rivela. Ah! Non si fanno più calcoli, non si cerca un tornaconto, non si cerca di prevalere… Si ascolta, si dice quel che si pensa, il potere non ti entusiasma e non ti affascina, cerchi di dare con gioia te stesso, la tua esperienza. Cerchi di darti tutti i giorni un nuovo mondo. Non hai voglia di spiegare…vuoi solo capire… L’intuizione sostituisce il lento, faticoso, spesso inutile processo. Fuori dalla mediocrità dell’adulto, di quando stai in mezzo alle cose… degli omini che corrono agli ordini di qualcuno e seppelliscono la gioia di vivere!… Per cosa? Per l’illusione del potere e del denaro! Disposti a tutto, a sradicare gli alberi della bellezza, dell’etica, della giustizia, della solidarietà. Il paraocchi impedisce loro altre visioni.
Guardi e provi ora pratiche nuove, per non fossilizzarti, ma così, come il bambino sperimenta nuovi giochi e scopre nuovi mondi…dove vuole solo essere contento. Non ti lasci prendere dagli incantatori di serpente, li schivi o li guardi con pietà. Ancora lì a suonare il piffero!! Ma dai! Non vuoi più responsabilità inutili. Sei distaccato dall’imposto, ripetitivo, spesso stupido fare quotidiano… Ma perché lo fanno, perché l’hai fatto? Ti chiedi. Ti ritrovi nel piacere del silenzio. Continui a guardare da una finestra il mondo…cerchi di capire cosa fanno, perché!! Ascolti l’aria, senti volentieri il sole… in casa riassapori i gusti del cibo, della cucina… che coltivi ora come i tuoi vecchi coltivavano l’orto. I libri, la musica ritmano le ore. Vivi alla giornata….Cammini. Non accetti il giogo ridicolo, se poi non lo hai mai portato!! Guardi al futuro. Ricordi il passato. Il tempo è andato e tu sei lì con i tuoi difetti, con i tuoi sbagli, le tue delusioni, i tuoi momenti di gioia, di felicità, la tua incapacità. Ti senti libero da una gabbia sempre pronta a rinchiuderti. Stai attento alle trappole che minano la libertà. Si ritorna alla dimensione del gioco, e non la vuoi perdere… l’arte è gioco e la vita è arte! Il vecchio è Dadà! Fai le cose perché ti piace farle, ami il desiderio di relazioni vere… tutti i giorni cerchi di sorprenderti… e vuoi solo amore. Ami le storie, cerchi di viverle, riviverle, raccontarle. Non guardi al compromesso, ma la verità. Dai affetto e lo cerchi. Vai a letto stanco, dormi. Gusti il letto da cui sai che un giorno non ti alzerai più. Dormire è avvicinarsi lentamente alla morte. Tutti i giorni si muore qualche ora. La morte è vita senza risveglio. Continui a dormire in terra e a vivere in un altro mondo. Un tramonto infinito, un’alba eterna…per tutti. I geni non sono mai arroganti, ma deliziosi…come i vecchi e i bambini. Buon Natale a tutti i vecchi. (Parma, 17 dicembre 2005)
Luigi Boschi

Lascia un commento