VIENI AVANTI PELLEGRINO !

Spread the love

Inaugurazione della mostra sulla via Francigena: espositori in cartone e tralicci di legno ospitano tavole grafiche di elaborati a computer. E’ come inventare l’auto e usarla come diligenza: Yaooh! E intanto la montagna frana, la bassa si allaga e le Terme sono desertificate… grazie alla previdenza e ai piani dei politici e dei loro tecnici.
Si dice che la mostra è una testimonianza storica. Forse, ma farla passare per arte ce ne passa e se non la è non si capisce dalla mostra. Se voleva essere uno strumento didattico potevano essere trovate altre soluzioni meno costose e più divulgative. Non è forse questo che ci si ripromette quando si studia un documento per una ampia visione e divulgazione?
Certamente non vengono fatte esposizioni di arte per presentare una grammatica o un testo di ricerche matematiche.

E questo ben lo sa il grande Assessore, professore di scuola prima che politico.
Certamente l’effetto della spettacolarizzazione è funzionale all’autoperpetuazione: senza mostra non avrebbe avuto l’effetto necessario. Ma dei costi? Nessuno ne parla. Eppure se vado a un supermarket il prezzo è obbligatorio!
No, per il politico non lo è. La Provincia, il Comune, la Regione si sono impegnati per questo progetto… e la scuola, le scuole.
I costi dell’iniziativa sono ignoti e pure il budget del più ampio "progetto francigeno" è sconosciuto. Pensate se un Presidente della Provincia avesse detto: cari cittadini per questa iniziativa avete sostenuto un investimento di lire…, ma non sarebbe politico: non rientra nel gergo aziendale.
Molto meglio il rito cerimoniale: soliti discorsi, solite strette di mano, solite intese con …intervento delle autorità, del Prefetto giunto per l’occasione con auto e autista, taglio di nastro incorporato all’applauso.
Tento di avvicinare Buttarelli che accenna ad una stretta di mano e sfugge.
Passa un anziano prelato che mi suggerisce: "largo ai giovani"; io di rimando: "speriamo prima o poi…".

Si passa dalle Province alle Regioni, ai Comuni, con un rimpallo delle informazioni che solo un esperto burocrate può conoscere.
E’ una deresponsabilizzazione totale; il solito sistema di finzioni, la gabola politica che sfrutta ogni occasione servendosi di tutto e di tutti, per autoriprodursi.
Pensiamo ad esempio se testo e immagini del "percorso del pellegrino", fossero state inserite in Internet: avremmo avuto più informazione e minori costi con una divulgazione solo in crescita e una disponibilità delle stampe immediata in qualsiasi parte del mondo.
Ma il politico quali vantaggi avrebbe avuto in una semplificazione dell’opera cosiddetta? Senza spettacolo il "Teatrino" non incassa.
"Quello che nella vita reale mi è stato sempre e dappertutto di ostacolo, sin negli anni più tardivi, è stata la mia incapacità di fornirmi di una ragione sufficiente della piccolezza e della bassezza degli uomini": Schopenhauer.

Ogni azione promossa da un politico è sempre una manifestazione di potere tolto al singolo, dietro la foglia di fico della rappresentazione democratica.
Pensate alle conseguenze dei mondiali di calcio! Ve li ricordate? Ora avremo il Giubileo e vorrebbero le Olimpiadi. Italiani preparatevi alle manovrine e… a dare…, forti dei principi economici sui rendimenti crescenti: a chi ha sarà dato, a chi non ha sarà tolto anche quel che ha. Povero pellegrino italiano divenuto inquilino di luoghi con affitto sconosciuto!
Forse da qui si capisce perché fin dalle nostre origini repubblicane i politici italiani hanno pensato bene di fondare una repubblica sul lavoro. Ma che cosa intendevano per Lavoro?
Via la politica e chiamiamo le cose col loro nome: potere.
Liberati dalla falsa rappresentanza gli uomini si troveranno per la prima volta in diretta col potere.

Leopardi: "L’impostura è anima della vita sociale" e "il mondo è una lega di birbanti contro gli uomini da bene, e di vili contro i generosi". (Parma, 03 agosto 1996)

Luigi Boschi

Lascia un commento