Il virus del Parlamento italiano

Spread the love
Senato Repubblica

Il virus del Parlamento italiano. Il piano Draghi sarebbe una nuova spoliazione dell’Italia dopo quella del 1992 sul Britannia. A chi propone Mario Draghi Presidente del Consiglio rispondo che sarebbe come se Bernardo Provenzano divenisse un magistrato

Sentire le ipocrisie al Senato è disarmante anche per tutti i più volonterosi cittadini a casa con spirito di Stato e solidarietà. Il virus terminerà, ma questi ipocriti parlamentari, purtroppo rimarranno per molto tempo.  Dante: “costretti a indossare dei pesanti mantelli con cappuccio basso  simili alle cappe dei monaci cluniacensi, dorati all’esterno e di piombo all’interno, che provocano loro dolore e li costringono a camminare lentissimi; Dante segue probabilmente la pseudo-etimologia di «ipocriti» da ypo (sotto) e crisis (oro), per cui sono coloro che nascondono altro sotto un’apparenza dorata e sfavillante.
Gli usurai invece siedono sulla sabbia bollente “caldo suolo” sotto pioggia di fiammelle cadenti, “morsi da pulci, mosche o da tafani”.

Ecco questa è la classe politica eletta dell’Italia rivelata dal Covid 19. Gestita da usurai proprietari della moneta e dai loro servi. A questi devono essere aggiunti i nominati nelle diverse poltrone di comando strapagati. Sempre tutti servi degli usurai. Ma nessuno ha avuto il coraggio della verità sulla moneta a debito nella totale proprietà di questi gruppi finanziari internazionali, emessa a prestito che strangolano gli Stati con il loro cappio monetario.   
Ora riappare anche Mario Draghi il capo servi degli usurai (ex Goldman Sachs, ex governatore Bankitalia e infine a Capo della BCE una carriera di primo piano in poppa al veliero degli usurai che non dimenticano i servigi). Quello che già nel 1992 sul Britannia spolpò i gioielli del patrimonio industriale italiano, oggi suggerisce all’Italia di spingersi sul debito pubblico, così da perdere totalmente la sua sovranità, costretta poi a cedere gli ultimi gioielli rimasti e il patrimonio storico e culturale. Draghi suggerisce una politica espansiva, cioè keynesiana; gli investimenti da parte dello Stato servirebbero solo per il salvataggio del suo sistema (che vuole salvare solo se stesso), ma non rientra nell’interesse dei cittadini in quanto porterebbe a una espansione della base monetaria aumentando il volume del debito e degli interessi dovuti. Le politiche Keynesiane, infatti, sono valide se realizzate con moneta sovrana di proprietà, cosa che è l’opposto della moneta a debito come l’Euro. Come può salvarsi l’Italia con questi criminali? L’Italia può salvarsi solo con un cambiamento di paradigma monetario. Con una perdita del PIL del 10% come potrà mai pagarlo con moneta a debito? Come ho già scritto il virus ha messo il re a nudo.
Parafrasando De Luca sulle feste di laurea in questo periodo [Link], bisognerebbe mandare i Carabinieri in Parlamento con il lanciafiamme e forse anche in quello Europeo. 26/03/2020
Luigi Boschi

Articoli correlati
Coronavirus, il presidente del consiglio Conte riferisce in Senato sull’emergenza

LA SPOLIAZIONE DELL’ITALIA, LA TRUFFA DEL DEBITO PUBBLICO, IL FALLIMENTO DELL’EURO

La ipocrisia al tempo di Coronavirus Covid 19 tra usurai, moneta ed Europa inesistente

Parma 2020: progetto per un nuovo paradigma monetario Europeo

Alberto Bradanini: RIPRENDIAMOCI LA SOVRANITÀ MONETARIA –

 

Lascia un commento