Siamo tornati liberi: dissequestrato il socialblog luigiboschi.it

Spread the love

DOPO 304 giorni di forzato oscuramento della parola (dal 29 settembre 2015 al 29/07/2016), siamo ritornati liberi. Non ho mai smesso di aggiornare quotidianamente questa mia opera artistica e informarmativa.Date il tempo alla Polizia Postale di Parma di comunicare il provvedimento agli internet provider italiani affinché lo eseguano e tolgano l’impedimento tecnologico di inaccessibilità. Continuate a seguirci. Il tentativo da parte della Procura di Parma e del cileno Rodrigo Vergara di indurre all’oblio questo sito, è fallito. (29/07/2016). LB

Ordinanza di dissequestro del socialblog luigiboschi.it

DOCUMENTO PDF

siamo tornati liberi

Una mia interpretazione fotografica della libertà di pensiero: l’ Alpe di Siusi attraverso l’opera “The Missing Piece” dell’artista Georg Friedrich Wolf installata sul Bullaccia. LB

Foto Luigi Boschi: Alpe di Siusi attraverso l'opera "The Missing Piece" dell'artista Georg Friedrich Wolf installata sul Bullaccia. Dicembre 2015

ARTICOLI CORRELATI

E adesso che farò, non so che dire 
e ho freddo come quando stavo solo 
ho sempre scritto i versi con la penna 
non ordini precisi di lavoro. 
Ho sempre odiato i porci ed i ruffiani 
e quelli che rubavano un salario 
i falsi che si fanno una carriera 
con certe prestazioni fuori orario 
Canterò le mie canzoni per la strada 
ed affronterò la vita a muso duro 
un guerriero senza patria e senza spada 
con un piede nel passato 
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro. 
Ho speso quattro secoli di vita 
e ho fatto mille viaggi nei deserti 
perchè volevo dire ciò che penso 
volevo andare avanti ad occhi aperti 
adesso dovrei fare le canzoni 
con i dosaggi esatti degli esperti 
magari poi vestirmi come un fesso 
per fare il deficiente nei concerti. 
Canterò le mie canzoni per la strada 
ed affronterò la vita a muso duro 
un guerriero senza patria e senza spada 
con un piede nel passato 
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro. 
Non so se sono stato mai poeta 
e non mi importa niente di saperlo 
riempirò i bicchieri del mio vino 
non so com’è però vi invito a berlo 
e le masturbazioni celebrali 
le lascio a chi è maturo al punto giusto 
le mie canzoni voglio raccontarle 
a chi sa masturbarsi per il gusto. 
Canterò le mie canzoni per la strada 
ed affronterò la vita a muso duro 
un guerriero senza patria e senza spada 
con un piede nel passato 
e lo sguardo dritto e aperto nel futuro. 
E non so se avrò gli amici a farmi il coro 
o se avrò soltanto volti sconosciuti 
canterò le mie canzoni a tutti loro 
e alla fine della strada 
potrò dire che i miei giorni li ho vissuti.

31 pensieri riguardo “Siamo tornati liberi: dissequestrato il socialblog luigiboschi.it

  1. Sono felice. Complimenti ho appena letto questa mattina il tuo articolo sulla ” Voce”. Un piccolo ma grande passo verso una maggior libertà Ma bisogna non stare mai fermi. Un abbraccio Marzio

  2. Finalmente ….complimenti per la nuova vita….ma ….sei un segno della crisi nera del nostro Paese.                       
    C’è chi ruba e sta in galera un giorno…. C’è chi imbroglia ed in galera nemmeno ci va…..
    La tua informazione, ….pungente ma mai aggressiva, è stata messa in galera per 304 giorni !!!  Ancora una volta emerge come la giustizia sia uno dei grandi problemi del nostro Paese.

    Buon lavoro….con rinnovata vitalità.

    Ciao  Eugenio

  3. E’ LA TUA VITTORIA. UN’ULTERIORE PROVA TI OFFRE L’UNIVERSO.

    L’ENERGIA CHE IMPIEGHERAI SIA NUOVA ENERGIA PERCHE’ QUELLA VECCHIA NON FUNZIONA PIU’.

    NUOVO CORAGGIO, UMILE FORZA E TUTTI I SENSI COLLEGATI ALCUORE.

    TU SIA PELLEGRINO DI VERITA’ E MESSAGGERO.

    PONI IL PANE NEL CESTO , CHE CONSERVI IL PROFUMO CALDO DI QUELLO APPENA SFORNATO E LASCIA AL VIANDANTE SE ALLUNGARE LA MANO.

    CON VERA GIOIA E AUGURI  PER OGNI OGGI A VENIRE.

    Roberto Ruggerini

  4. Mi associo a quanti hanno salutato con soddisfazione l’avvenuta liberazione di questo SOCIALBLOG che ha offerto con costanza e coraggio  -al di là delle opinioni nel merito come ovvio sempre opinabili-  un accesso all’informazione altrimenti indisponibile, anzitutto alla città di Parma; ma non solo: anche occasioni di riflessioni, così necessarie nel mondo odierno. Auguro pertanto buona ripresa e miglior prosecuzione!

    Luciano Mazzoni Benoni

     

  5. Carissimo Luigi,

    sono FELICISSIMO per te e per tutti quelli che ti seguono.

    304 giorni di forzato oscuramento sono stati un’eternità.

    È giunto il momento di  dire:

    ad maiora semper 

    gsdefilippo

  6. Carissimo Luigi, ho ricevuto la tua comunicazione, che ne sei uscito da questa morsa fascista. Ho avuto piacere anche ascoltare la canzone del grande Bertoli,sulla tua pagina . Grazie di tutto Guglielmo e buon lavoro

Lascia un commento