Tornato volutamente online per congratularmi con Erri De Luca e il giudice del Tribunale di Torino Immacolata Iadeluca che lo ha assolto perché “il fatto non sussiste”

Spread the love

Siamo tornati online, questa notte, dopo aver migrato dal server precedente, che ci ha creato, in passato, qualche problema di visibilità e consultazione. Nuovo server e nuovo Paese. Non siamo più in Italia. Questo è Internet. Siamo tornati online per un omaggio a una grande persona e a uno scrittore vero, per esprimere tutta la mia stima nei confronti di Erri De Luca a processo per istigazione a delinquere, per il coraggio, la determinazione, l’acutezza d’ingegno e di saperi nel difendere non solo il proprio diritto, la sua parola, ma pure quella di tutti i giornalisti e gli scrittori che spesso vengono portati a processo o condannati per reati di opinione. Come è successo a Parma con un processo durato 7 anni. La sentenza di Torino del Giudice Immacolata Iadeluca ora farà giurisprudenza.
Come si sentirà, invece, il giudice Eliana Genovese (da Parma ora a Brescia), unitamente al magistrato onorario Laila Papotti (PM) che hanno condannato uno scrittore per un reato di opinione? Fu chiesto pure il sequestro di tutto il blog per ben 2 volte. Leggere la dinamica dell’ udienza di De Luca mi ha ricordato in tutto e per tutto il mio processo. Con la Genovese che ha cercato di zittirmi, nell’ultima udienza,senza riuscirci, la invito a rendere veramente spontanee dichiarazioni e non a fare una dissertazione dotta culturale. Non è la sede adatta. La faccia in altra sede”. E così fece anche con i testimoni da me chiamati che non poterono raccontare ciò che avevano vissuto alla Logos e in Arcoiris per ricostruire il contesto in cui il mio articolo si collocava. Tutti fatti riportati con critica satirica, mai smentiti, e nessun testimone fu, invece, portato dalla controparte a sostegno dell’accusa di diffamazione dalla possibile lettura del mio articolo: “Rodrigo Meershon Vergara alias Logos e Arcoiris, visto da vicino” ancora sotto sequestro.  
Voi del tribunale di Parma, passerete alla storia per ciò che non si deve fare in giurisprudenza, quando, probabilmente, il pregiudizio e l’ignoranza hanno il sopravvento anche in un Tribunale. Avevo messo volutamente off line il mio blog (LINK) oltre che per contestare l’ingiusta sentenza, anche come gesto a sostegno di De Luca. Un Processo in cui la rete si è mobilitata e ha portato il suo contributo. Si è fatta sentire. E sono contento di averlo fatto, perché era cosa giusta, riconosciuto pure dal Tribunale di Torino. E ora il cileno di Modena don Rodrigo Meershon Vergara se ne torni in Cile anziché praticare la censura attraverso diffide legali e Tribunali consenzienti.
Grazie Erri sei stato di esempio per tutti: “il testo– come scrivi-deve essere vento per aprire le tende”. Hai riportato il senso al valore della parola. (Parma, 20/10/2015)
Luigi Boschi 

Articoli correlati:

 

Lascia un commento