INSIEME CONTRO IL CEMENTIFICIO DI SORBOLO

Spread the love

Durante l’incontro pubblico del 29/10/2004 dei cittadini di Sorbolo che non condivono l’avvio del Cementifico si è costituito “INSIEME CONTRO IL CEMENTIFICIO”, il tavolo di concertazione aperto a tutte quelle associazioni, organizzazioni, istituzioni che si oppongono alla realizzazione e all’avvio del Cementificio di Sorbolo.
” Se la maggioranza dei cittadini non vuole il cementificio, il cementificio non si fa”. E’ questo il punto centrale politico su cui si batterà il tavolo di lavoro neocostituito, senza trascurare le possibilità di agire con tutti i mezzi disponibili sotto gli aspetti tecnico industriale, ambientale, sociale, legale, concordando le azioni, ma non precludendo comunque il sostegno a iniziative che possono essere esercitate dai singoli soggetti componenti “Insieme contro il Cementificio”.

La pertecipazione al Tavolo rimane aperta e attualmente l’adesione è stata data da: Comitato contro il cementificio, Cittadinanzattiva, Movimento dei Consumatori, Avere (ass.per i diritti dei cittadini). Coordinatore del tavolo di concertazione è stato nominato Luca Mori, responsabile della comunicazione e relazioni coi media Luigi Boschi.
L’assemblea dei partecipanti ha approvato lo sviluppo del seguente progress lavori:
a)l’accreditamento di “Insieme contro il Cementificio” presso il Comune di Sorbolo e la Provincia di Parma;
b)la raccolta firme dei cittadini contro il Cementificio presso il Municipio di Sorbolo e che attualmente conta circa 2.500 adesioni;
c) incontro in Prefettura, quale organo di rappresentanza locale del Governo Italiano, col Presidente Regione Emilia Romagna, il Ministro dell’Ambiente, per presentare le istanze dei cittadini;
d)proposta di un insieme di iniziative legali da intraprendere sotto l’aspetto penale, civile, amministrativo, non ché denuncia a Strasburgo;
e)costituzione di un consiglio tecnico scientifico;
f)raccolta fondi per le iniziative che si dovessero attivare con incarico di tesoriere a Mario Bacchi.
(Parma, 02 novembre 2004

Luigi Boschi

Lascia un commento