PREGHIERA DI FINE VITA

Spread the love



Tra i ricordi, una parte raccolti, altri dispersi, altri che vorrei ordinare, molti che non trovo più,
mi rimane il vuoto di una vita persa
nel rincorrere il futuro, pensare al passato e perdere il presente.
Amo mia madre, mio padre, i loro profumi, il loro amore, 
disperso, ora, tra le loro ceneri.
Amo le mie figlie Ursula e Jessica, le loro bimbe. I miei nipoti, quel che resta della mia famiglia, mia sorella;
amo i miei amici che trovano il modo di essermi vicino o di averlo fatto.
Ho il lieto ricordo delle mie compagne di viaggio che mi hanno amato. Amo i figli che non ho avuto che sono certo avrebbero cambiato in meglio la mia vita.
Mi prende la tristezza dell’anima ferita, da me stesso, che mi toglie il sorriso, il corpo che incespica ormai con il passare degli anni, la gioventù dispersa in fiumi di dolore e rivoli di felicità.
Una matassa di lana preziosa disfatta
senza produrre nulla.
Vorrei essere stato ciò che non sono stato,
solo talento sprecato. E’ quel che rimane di me
Gesù mia salvezza salvami. Stammi vicino… sempre.
Ogni anno sempre inutili fatiche e delusioni. Poche le gioie.
Discussioni e litigi dove l’anima si increspa nel pianto e nel risentimento.
Addio ai Natali con i nonni, con le famiglie riunite. Addio agli amori perduti.
Non c’è amore senza Dio. Non c’è preghiera senza amore.
Non c’è vita senza Dio.
Buona Domenica a tutti.  
(Parma, 29 settembre 2019)
Luigi Boschi


Un pensiero riguardo “PREGHIERA DI FINE VITA

Lascia un commento