Una nuova stazione alta velocità a Parma ? Servono 80 milioni di euro

Spread the love
Treno Freccia Rossa Alta Velocità

Sei milioni destinati a migliorare l’accesso viario alle Fiere

Passate le elezioni Regionali si torna a parlare di una nuova stazione in linea a Parma per i treni ad alta velocità.

Lo ha fatto in Consiglio comunale l’assessore ai Lavori pubblici Michele Alinovi che ha risposto in aula al consigliere Fabrizio Pezzuto.

L’assessore, dopo aver ricordato quanto già ottenuto a livello di nuovi treni Frecciargento e quanto promesso dalla ministra Paola De Micheli in municipio a Parma poche settimane fa, ha ribadito che l’alta velocità è un “tema urgente” e che l’Amministrazione comunale, “dopo il ‘treno’ perso anni fa quando per la fermata Mediopadana è stata scelta Reggio Emilia, è oggi in grado di riprendere il filo del discorso”.

A questo proposito sono state raccolte circa duemila firme in campagna elettorale dagli ex candidati alle Regionali Nicoletta Paci e Giovanni Marani.

Alinovi ha detto che per una nuova fermata in linea servirebbero, secondo le stime, dai 70 agli 80 milioni di euro.

“Una cifra che può essere considerata altissima o bassissima” ha osservato. E facendo riferimento e confronto con i 50 milioni che occorrono per collegare la Cispadana dall’Asolana al ramo tronco della Tibre, per una “infrastruttura su ferro dal punto di vista economico si tratta di un importo assolutamente conveniente”.

I fondi ? Ministeriali e delle Ferrovia dello Stato.

Intanto, in occasione degli appuntamenti fieristici di rilievi come Cibus la fornitura di nuovi treni a servizio di Parma riguarda anche nuovi Frecciarossa.

E sempre a proposito dei collegamenti, in questo caso viari, per i padiglioni di Baganzola, ci sono sei milioni di euro per migliorare l’accesso dalla A1. Se ne parlerà nelle prossime settimane al ministero per le Infrastrutture al fine di sottoscrivere un accordo di programma per avviare la progettazione. I tempi ? Almeno tre anni per vedere i lavori realizzati. 10 febbraio 2020

Fonte Link: parma.repubblica.it

Lascia un commento