Niente di nuovo sotto il sole

Spread the love
Apocalisse in laguna

Problema di metodo storico: può un documento apocrifo essere veridico? O uno autentico essere mendace? La parola ai Signori Revisionisti.

Già nel 1723, sotto il dogado di Alvise III Mocenigo, il Consiglio dei Dieci tentò invano di regolare il traffico delle navi di grande tonnellaggio nella laguna di Venezia. Trascriviamo qui di seguito un documento fornitoci in fotocopia dagli eredi di un celebre musicologo defunto, assiduo frequentatore dell’Archivio di Stato veneziano.

            Con zò sia che l’è multiplicado tanto el numero de nave, et galeazze grosse de portada da botte CCmilia in suso, quali con grandissimo scandalo, et vergogna le va navegando senza leze né metro zoxo per el Chanal de la Zuecca in fin soto le fenestre del Serenissimo Doxe, dal che alla zornada ne nasse mille sconcerti, chome de submersioni de navili piccioli, pericholi de fogo apicà alla Libraria de San Marcho dove ghe xe tante carte de musica vecia che le brusarìa co fa l’ogio, scavezzamenti de ponti, e sottoporteghi, perdita de marcanzie et sconzamento de persone, biasteme de zitadini incontro del Serenissimo Rezimento che tal desordini permete, non ché — per mazor vitupero — in agravio de la Divina Maestà, de la Beata Verzene, et de tutta la Corte del Cielo =

            Et considerando che tanti mali del publicho ne nasse solum per diporto de’ Foresti, quali havendo mezo de qualche amicitia con qualche gran Maistro, vanno dalli Patroni delle galìe par scorazar a suo talento a modo de buffali drento una fabricha de vetro de Muran, o vero colombi salvadeghi de Piaza, che i magna tuto ‘l dì e i scagaza par tuto =

            Ne anderà parte in questo Eccelso Conseio che algun Patrone o vero Capitanio de ditte galeazze et altre nave grosse, nostro zitadin over habitante in questa Serenissima Cità, né manco Itagliano né Turcho né de qual si voglia Natione, non ardisca né presumi far, a nome suo over alieno, navigatione, croxera o desbarcamento de Foresti pasà le Boche de Malamoco. Ma che tutti i debia desbarcar avanti de pasar i Forti e montar par el so bisogno sovra Burchielli, Peate, e Gondolete. =

            E di detti Patroni, e Capitanii, chi contraffacesse incorrerà in pena di servire per anni iii alla Catena, al Remo, o altra pena corporale, che parrerà al Serenissimo Doxe, secondo la qualità della persona, con perdita del Navilio, et amenda de xii zechini par zaschedun Foresto imbarcà.

            3 de no / 2 de sì / 5 non sinceri [astenuti, ndr]

            Non fu presa.          
fonte: Musica, luglio-agosto 2019, p. 28
Fonte Link: http://www.rivistamusica.com/niente-di-nuovo-sotto-il-sole/?fbclid=IwAR1Iw-HAEMvdk2BwRQM85pc24vFG3eeMTod9VMpfZJk5sOt1oDxF6W7jhD4

Lascia un commento